"La musica dà un’anima ai nostri cuori e delle ali ai nostri pensieri.” Platon (427 -348 a.C.)

Imparare a conoscere il manico della chitarra significa memorizzare le note della musica che è possibile comporre con questo strumento dotato di 20 - 24 tasti, sui quali passano sei corde.

Lo studio della chitarra per un principiante non è molto facile, perché si deve riuscire a coordinare la mano destra con la mano sinistra, trovare le note sulla chitarra, pizzicare le corde, realizzare gli accordi di base (i principali accordi maggiori e minori, oltre ai barré), le scale (scale pentatoniche, triadi manouche per i più esperti) e il solfeggio.

Già a livello intermedio, potrai iniziare con l’improvvisazione.

Uno studio internazionale realizzato nell’ottobre del 2018 ha mostrato come la metà dei chitarristi apprendisti di Stati Uniti e Gran Bretagna sia donna; inoltre, queste aspiranti chitarriste hanno fatto della musica la loro massima aspirazione professionale. Insomma, si tratterebbe di un’indagine interessante, che mostra come la musica sia un’arte dove la parità uomo donna sembra essere perfetta!

Non importa quali siano le chitarre che vorresti suonare: elettrica, classica, acustica, folk, … Quando deciderai di imparare uno dei più affascinanti tra gli strumenti musicali, ovvero la chitarra, potrai seguir ei nostri consigli per riuscire a reperire le note sul manico del tuo strumento.

Perché devi imparare a conoscere il manico della tua chitarra?

Numerosi chitarristi si destreggiano tra una nota e l’altra del loro strumento, senza aver mai preso nessuna lezione di solfeggio. Sarebbe, infatti, sufficiente ascoltare un brano di chitarra jazz manouche per accorgersi che la teoria musicale - una specie di grammatica della musica - non è un passo strettamente necessario per ogni chitarrista.

Per i brani più complessi, ovviamente dovrai riuscire a fare scale e accordi più strutturati.
Bastano tre note - do, mi e sol - per improvvisare un piccolo concerto!

I chitarristi di jazz manouche infatti imparano molto spesso la chitarra sin da piccoli, ma senza prendere lezioni di teoria della musica.

Il professionista Angelo Debarre ne fa parte e non si può negare che il suono che produce sia superbo. Insomma, non è fondamentale conoscere le note, per suonare la chitarra.

Tuttavia, è necessario che ogni chitarrista sappia come funziona la chitarra, in particolare il manico, dove sono posizionati i tasti, grazie ai quali le note vengono prodotte.

A ben guardare, dato che non tutti potranno diventare dei Django Rheinart, Georges Brassens, Jimi Hendrix o Frank Zappa, il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di, quantomeno, memorizzare le note della chitarra.

Questo ti permetterà di avere dei punti di riferimento e di suonare degli accordi, senza aver bisogno di un dizionario per leggere gli accordi stessi sul pentagramma.

Nella chitarra per destrimani, è la mano destra che pizzicherà le corde per costruire gli accordi. Devi dunque sapere quali note siano rappresentate dai singoli tasti. Imparerai, poi, le note per ogni corda, dal tasto 1 al tasto 20 o 24.

All’inizio, imparare la chitarra è fastidioso perché, contrariamente alla tastiera di un pianoforte, un manico di chitarra non è di certo intuitivo! Le note non vi sono collocate in funzione delle alterazioni (tasti neri per un bemolle o un diesis, tasti bianchi per le note non alterate).

Il manico della chitarra contiene dei tasti, delle corde da far suonare. Non è necessario che imparare a memoria il manico, ma dovrai almeno capire il suo funzionamento, in modo da poterti orientare, una volta che lo guardi. E per riuscirci, ci sono qui di seguito dei piccoli trucchi.

Quale chitarra puoi scegliere per iniziare a suonare?

Come capire il manico della chitarra?

Capire il manico della tua chitarra significa assimilare gli intervalli che esistono da un tasto all’altro, ovvero l’altezza delle note.

La prima tappa consiste nell’imparare i nomi di ogni nota suonata a vuoto: mi (E), la (A), re (D), sol (G), si (B), mi (E).

Sembra un gioco di parole, ma devi conoscere gli accordi sulla punta delle dita!
Qualsiasi stile tu voglia suonare, devi conoscere gli accordi, prima!

Nel modo di accordare più corrente, la sesta corda a vuoto è la corda del mi basso, mentre la prima è quella del mi alto.

Nel corso di chitarra per apprendisti, imparerai che il manico è diviso in due parti:

  • Le note basse: la 6°, la 5°, la 4°e la 3° corda
  • Le note alte: la 2° e la 1° corda

Un trucco per iniziare bene: tutte le note dalla 5° casella sono identiche alla nota ottenuta suonando la corda successiva a vuoto, eccetto per la 3° corda (la corda di sol). Su quest’ultima, è la 4° casella che è simile alla 2° corda a vuoto (corda di si).

Questo trucco ti permetterà, all’inizio, di poter accordare la corda in la.

Un’altra tecnica per capire il manico, senza imparare la posizione delle note: ogni nota può essere suonata sulla corda successiva, cinque tasti più in alto sul manico. Attenzione, però, perché c’è un’eccezione che riguarda le corde 2 e 3, dove devi salire di 4 tasti per riprodurre la nota.

Per esempio, posiziona il dito sul tasto 3 della prima corda (corda di mi alto, nota di sol). Salendo di 5 tasti, otterrai un sol a livello della seconda corda, sul tasto 8. Sulla seconda corda e secondo tasto, suoni un re. Salendo di quattro tasti, ritroverai il re sulla terza corda, tasto 7.

Interrogazione a sorpresa: Data la nota la, suonata sul tasto 5, sulla corda di re (corda 4), dove si suona il re, sulla terza corda?

Se segui un corso di chitarra, imparerai che la nota di la si trova nel tasto 10 della corda 5.

Non dimenticare di pulire la tua chitarra!

Riconoscere le prime tre corde 

Imparerai, poi, a individuare ogni nota su ciascuna delle sei corde a vuoto, poi sulle corde pizzicate.

Ma prima di riuscirvi, devi capire che ogni tasto sul manico rappresenta un semitono, ovvero un intervallo tra due note.

Ecco la regola, se parti dalla croda di mi basso:

  • Tra la nota di mi (E) et il fa e tra il si e il do, c’è solo un semitono
  • Tra tutte le altre note (da do a re, da re a mi, da fa a sol, da sol a la, da la a si), c’è un tono

Questa è la ragione per la quale sul manico, un solo tasto separa il si (B) dal do (C), così come il mi (E) dal fa (F), mentre due tasti separano le altre note.

Poco alla volta, seguendo i nostri consigli, arriverai a realizzare tutti gli accordi.
Il mio maestro di musica mi parla di accordi di settima ... ma io non so nulla!

Il primo tasto della corda bassa (mi) ti dà un fa. Poi, cercherai ogni intervallo di nota per ogni tasto.

  • Quindi, cosa ottieni al terzo tasto della corda di mi? Un sol.
  • Che nota trovi sul quinto tasto? Tra i tasti 3 e 5, devi contare due semitoni, quindi un tono: la nota corrispondente è quindi il la.

Devi sapere che tutte le note delle corde a vuoto si ripetono pizzicando le corde all’altezza del tasto 12: questo rappresenta l’ottava delle corde a Il faut savoir que toutes les notes des cordes à vide se répètent en pinçant les cordes à la douzième case : la case 12 représente vuoto. Eh già, ci sono 12 intervalli in un’ottava, dai tasti 1 a 12.

Spesso, i manici di chitarra sono dotati di punti di riferimento (cerchi, quadratini, puntini, stelle … sotto forma di sticker), posizionati sul tasto o al di sopra del manico, a livello dei tasti 3, 5, 7, 9 e 12; 15, 17, 19 et 21. Questi adesivi sanno essere estremamente utili.

Se sappiamo che il quinto tasto della corda bassa corrisponde alla nota la, allora sappiano anche che il riferimento sul settimo tasto permette di suonare la nota si.

Troviamo poi la nota do sul tasto 8, il re sul tasto 10 e il mi sul tasto 12.

Alla stessa maniera, procederai per trovare i tuoi riferimenti per le corde di la e di re.

Hai già imparato a tenere in mano la chitarra?

Alcuni trucchi per trovare dei riferimenti sul manico della tua chitarra

Per poter suonare un accordo, una griglia di accordi o per trovare una dominante, la terza e la quinta di un accordo, potresti partire con l’imparare una scala semplice. Conoscere le note delle corde 5 e 6 (la e mi basse) consente di riprodurre qualsiasi altro accordo maggiore o minore.

Prendiamo, ad esempio, la scala di do maggiore. Si compone delle note seguenti: do, re, mi, fa, sol, la, si. Dovrai, dunque, ritrovare le seguenti posizioni sul manico della chitarra:

  • 1° corda: mi, fa (tasto 1), sol (tasto 3),
  • 2° corda : si, do (tasto 1), re (tasto 3),
  • 3° corda: sol, la (tasto 2),
  • 4° corda: re, mi (tasto 2), fa (tasto 3),
  • 5° corda: la, si (tasto 2), do (tasto 3),
  • 6° corda: mi, fa (tasto 1), sol (tasto 3).

Per formare l’accordo di do maggiore, ricorda che il do è la tonica, il primo grado dell’accordo.

Scale maggiori, minori, accordi di settima, ... tutto ciò non avrà più segreti per te.
Come puoi realizzare una scala pentatonica?

Il mi, terzo grado dell’accordo, è la terza. Il quinto grado dell’accordo di do maggiore, il sol, è la quinta.

La nota si è il settimo grado dell’accordo di do: è quindi una nota di settima.

Grazie al fatto che ogni tasto rappresenta un semitono, se una nota che non conosci si trova su un tasto al di sopra di fa, sappiamo che si tratta di un fa diesis. Al di :del si, c’è un si bemolle; ma attenzione, è anche un la diesis. In linea teorica, per ogni singola corda, puoi ricostruire le note dei primi tre tasti del manico. A partire da qui, sempre per ogni singola cora, le note seguenti sono:

  • 1° corda (mi alto) : mi, fa, fa diesis, sol,
  • 2° corda (si) : si, do, do diesis, re
  • 3° corda (sol) : sol, sol diesis, la, la diesis,
  • 4° corda (re) : re, mi bemolle, mi, fa,
  • 5° corda (la) : la, si bemolle, si, do,
  • 6° corda (mi basso) : mi, fa, fa diesis, sol.

Ecco, hai appena imparato la scala cromatica!

Ora, non ti resta che navigare online e cercare i diagrammi e le tablature, per progredire passo a passo.

Ripeti gli esercizi per le scale di do minore, re maggiore, re minore, mi maggiore e mi minore, sol maggiore e così via, fino all’accordo di si maggiore. In questo modo, lavorerai sul posizionamento delle dita per gli arpeggi, così da sviluppare degli automatismi per la trasposizione delle note sul manico della chitarra!

Quando avrai imparato, ricorda che online trovi più di un video musicale, da seguire mentre suoni con la tua chitarra, per realizzare una cover dei tuoi brani preferiti!

Posizione, note, pulizia e scelta della chitarra: tutto in questo articolo!

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Charlotte

Lettrice plurilingue, appassionata di entomologia e robotica.