"In matematica non si capiscono le cose. Semplicemente ci si abitua ad esse." John von Neumann (1903-1957)

Siete tentati di iscrivervi a una scuola superiore in cui matematica, scienza e tecnologia hanno grande importanza per poi diventare ingegneri o entrare alla facoltà di matematica?

Secondo le statistiche di Almalaurea, queste materie rendono possibile un inserimento professionale in breve tempo e con ottime prospettive anche a livello economico, con stipendi interessanti fin dal primo impiego.

Se volete avere le idee un po' più chiare in merito, ecco alcune informazioni essenziali sulla laurea in matematica e sulla facoltà di ingegneria!

Università matematica: tutto quello che dovete sapere!

Amanti della matematica, il vostro futuro sta per cominciare!

Laurea in matematica: una interessante prospettiva per gli studi.
Se è il vostro caso, matematica o ingegneria sono le due facoltà che fanno per voi!

La laurea in matematica di primo livello si struttura su un triennio, per un totale di 180 crediti formativi universitari (CFU).

Per accedere al corso di studi è necessario un diploma di scuola secondaria superiore oppure altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.

Se avete qualche carenza, non vi preoccupate... potrete colmarle!

Nel periodo immediatamente precedente l'inizio delle lezioni, infatti, viene organizzato un corso di adeguamento delle conoscenze di base per tutti gli studenti.

Il precorso offerto dall'Università di Torino ai futuri iscritti, ad esempio, propone un programma di ripasso su:

  • operazioni e diseguaglianze tra frazioni;
  • operazioni e diseguaglianze tra numeri reali;
  • manipolazione di semplici espressioni algebriche e risoluzione di equazioni e disequazioni algebriche di primo e di secondo grado;
  • elementi di geometria euclidea e di geometria analitica del piano;
  • elementi di trigonometria;
  • definizioni e proprietà fondamentali delle funzioni elementari (polinomi, esponenziali, logaritmi e funzioni trigonometriche) ed applicazioni ad equazioni e disequazioni.

Il ripasso permette di entrare in facoltà con solide conoscenze di base e la possibilità di affrontare gli esami del primo anno con serenità.

L'offerta formativa varia da un ateneo all'altro e non tralascia l'informatica, ormai così presente nella nostra quotidianità e l'internazionalizzzione.

Una volta conseguito il titolo triennale, lo studente potrà decidere di proseguire il suo percorso con una laurea magistrale, approfondendo alcuni aspetti della disciplina piuttosto che altri.

E per quanto riguarda il test di ammissione e il passaggio da un anno all'altro?

Per saperne di più a proposito di criteri di ammissibilità e eventuali sbarramenti, è sempre bene rivolgersi al proprio ateneo per avere notizie puntuali e approfondite!

Scoprite tutto quello che c'è da sapere sulla laurea in matematica.

Facoltà ingegneria: quale percorso scolastico scegliere per prepararsi?

Secondo l'ultimo rapporto sui laureati in ingegneria in Italia, sono sempre di più i ragazzi che scelgono di iscriversi alle Facoltà di Ingegneria. Il loro numero nel 2017 è cresciuto del 7% rispetto al 2016.

Ad occupare il primo posto in classifica è Ingegneria meccanica seguita da Ingegneria edile-Architettura.

Il tasso di occupazione degli ingegneri è tra i più elevati: a quattro anni dalla laurea è pari al 93,8%, contro una media generale pari all’83,1%.

Ci sono scuole più indicate di altre per futuri laureati in matematica e ingegneria, ma nessuna impedisce di iscriversi a queste facoltà.
Quale percorso di studi scegliere per arrivare all'Università di matematica o ingegneria?

Vi state chiedendo quali scuole secondarie siano maggiormente indicate per darvi una solida preparazione?

Un percorso scientifico nelle scuola superiore è certamente la preparazione ideale per i futuri studenti di ingegneria.

Il piano di studi del liceo scientifico comprende infatti, tra le altre materie:

Matematica:  5 ore a settimana nel biennio, 4 ore nel triennio;
Fisica:  2 ore a settimana nel biennio, 3 ore a settimana nel triennio;
Scienze naturali (parliamo quindi di Biologia, Scienze della Terra e Chimica):  2 ore a settimana nel biennio, 3 ore a settimana nel triennio.

Per gli studenti che scelgono l'indirizzo Scienze Applicate, il curriculum studiorum varierà, dando meno centralità all'aspetto umanistico (ad esempio, al latino) e dando maggiormente spazio all'informatica. L'agenda prevederà:

Matematica:  5 ore a settimana al primo anno, 4 ore a settimana per gli anni successivi;
Informatica:  2 ore a settimana per tutti e 5 gli  anni;
Fisica:  2 ore a settimana nel biennio, 3 ore a settimana nel triennio;
Scienze naturali:  3 ore a settimana al primo anno, 4 ore al secondo anno, 5 ore a settimana nel triennio.

Tuttavia, anche l'ITI (Istituto Tecnico Industriale) può essere indicato... molto dipende da quale indirizzo di ingegneria vi piacerebbe frequentare!

Avete scelto il liceo classico e compreso lungo il percorso la vostra passione per i numeri?

Poco male: il piano di studi del liceo classico, seppure ovviamente maggiormente sbilanciato sulle materie umanistiche, è completo e permette ai suoi studenti di accedere a tutte le facoltà universitarie... facoltà di ingegneria compresa!

Insomma, sebbene ci siano scuole più indicate di altre per poi diventare matematici o ingegneri, nessuna di esse preclude questa possibilità: serviranno impegno, motivazione e determinazione per mettersi al pari ma la soddisfazione sarà enorme.

Scoprite di più sul percorso scolastico ideale per prepararsi alla facoltà di Ingegneria.

Facoltà ingegneria: come entrarci?

Diciamo subito che le regole saranno diverse a seconda del luogo in cui vorrai frequentare l'università e che solo alcune facoltà hanno l'ingresso a numero chiuso.

Molte utilizzano i test per stabilire gli OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi) da assegnare ai nuovi studenti.

Come si fa a entrare a ingegneria?
Mente brillante, solide basi e forte motivazione... ecco cosa serve ai futuri ingegneri!

Molte università italiane, per le prove di ammissione, si sono affidate al CISIA, cioè il Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l'Accesso.

Il test prevede domande in Matematica, Logica, Scienze, Comprensione Verbale.

In particolare, per quanto riguarda la sezione di Matematica Aritmetica ed algebra verranno sondate:

  • Proprietà e operazioni sui numeri (interi, razionali, reali)
  • Valore assoluto
  • Potenze e radici
  • Logaritmi ed esponenziali
  • Calcolo letterale
  • Polinomi (operazioni, decomposizione in fattori)
  • Equazioni e disequazioni algebriche di primo e secondo grado o ad esse riducibili
  • Sistemi di equazioni di primo grado
  • Equazioni e disequazioni razionali fratte e con radicali
  • Geometria Segmenti ed angoli; loro misura e proprietà
  • Rette e piani
  • Luoghi geometrici notevoli
  • Proprietà delle principali figure geometriche piane (triangoli, circonferenze, cerchi, poligoni regolari, ecc.) e relative lunghezze ed aree
  • Proprietà delle principali figure geometriche solide (sfere, coni, cilindri, prismi, parallelepipedi, piramidi, ecc.) e relativi volumi ed aree della superficie.

Ma non solo: 30 quesiti sono dedicati alla lingua inglese... non tracurate dunque lo studio della lingua!

Accanto alle facoltà di ingegneria che si affidano al CISIA, ve ne sono alcune che organizzano il test di ammissione in maniera del tutto autonoma.

Per questo sarà importante, una volta scelto l'indirizzo che desiderate frequentare, farsi un'idea più approfondita dei requisiti e delle modalità di ammissione.

Importante: non scegliete una facoltà piuttosto che un'altra solo e unicamente in base al test di ingresso.

A volte la via più semplice non è quella che regala maggiori soddisfazioni... anzi, non lo è quasi mai!

Scoprite le istruzioni per l'uso per prepararvi all'ammissione alla facoltà di ingegneria.

Facoltà ingegneria: alcune scelte top!

Ogni anno il Censis rilascia la classifica dei migliori atenei italiani in cui studiare per diventare futuri ingegneri. I parametri sui quali si basa per stilare la classifica sono i rapporti internazionali stretti dalle Università e la carriera degli studenti, ma non è detto che debbano essere gli stessi parametri che userete voi per effettuare la vostra scelta!

La scelta della facoltà, un momento importante per i futuri ingegneri.
Quale facoltà scegliere? Valutate bene a seconda dell'offerta formativa e degli sbocchi professionali!

Scopriamo insieme quali sono i migliori centri di formazione in ingegneria in Italia.

Ecco alcune delle Università a cui vi consigliamo di dare un'occhiata, futuri ingegneri:

  •  LIUC Cattaneo di Varese
  • Politecnico di Torino
  • Facoltà ingegneria Pavia
  • Facoltà ingegneria Bologna
  • Facoltà ingegneria Bergamo

Queste sono solo alcune delle facoltà di ingegneria valide per i vostri studi e per gettare le basi di una carriera di successo.

Valutate quale offerta formativa fa maggiormente al caso vostro, sia secondo le vostre inclinazioni sia secondo gli obiettivi professionali che avete, senza lasciarci fuorviare da classifiche e liste.

Considerate che alcune scuole di grande qualità non figurano in nessuna classifica del web e che ogni ateneo ha dei plus e dei punti di forza che possono renderlo quello perfetto per voi, aspiranti ingegneri!

L'importante è capire dove volete arrivare, che tipo di carriera avete in mente e quali sono le vostre aspettative.

L'offerta formativa delle facoltà di ingegneria italiane è davvero vasta e siamo sicuri che ne troverete una adatta a voi, alle vostre inclinazioni e aspirazioni.

Bisogno di un insegnante di Matematica?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Alice

Ho calzini volanti, 6 buchi alle orecchie, nessun filtro, troppe parole. Nella vita Giornalista + SocialMediaManager + qualsiasi cosa comprenda il parlare, lo scrivere e il comunicare.