"Amo il tè; è una comunione senza tempo tra corpo e spirito. » Tracy Chevalier, scrittrice

L'India potrebbe benissimo occupare il primo posto dei più grandi amanti del tè al mondo, ebbene lo si beve anche in Giappone! E il tè è anche al centro di una cerimonia molto ricca di simboli che ha le sue origini nel buddismo zen e nelle feste organizzate dai samurai.

La prima cerimonia del tè risale all'VIII secolo ma si è evoluta tra l'VIII e il XVI secolo per assumere l'aspetto che ha oggi, secondo i concetti di Sen no Rikyū . Ti sei mai chiesto come si svolge una cerimonia del tè ? Ti sveliamo tutto in questo articolo!

I migliori insegnanti di Giapponese disponibili
Yuta
5
5 (11 Commenti)
Yuta
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Masafumi
4,9
4,9 (12 Commenti)
Masafumi
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Mio
5
5 (17 Commenti)
Mio
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Izumi
5
5 (17 Commenti)
Izumi
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
You
5
5 (16 Commenti)
You
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Teresa
5
5 (8 Commenti)
Teresa
17€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Yuuki
4,9
4,9 (7 Commenti)
Yuuki
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Angela
5
5 (19 Commenti)
Angela
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Yuta
5
5 (11 Commenti)
Yuta
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Masafumi
4,9
4,9 (12 Commenti)
Masafumi
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Mio
5
5 (17 Commenti)
Mio
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Izumi
5
5 (17 Commenti)
Izumi
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
You
5
5 (16 Commenti)
You
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Teresa
5
5 (8 Commenti)
Teresa
17€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Yuuki
4,9
4,9 (7 Commenti)
Yuuki
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Angela
5
5 (19 Commenti)
Angela
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Le tappe della cerimonia del tè nella terra del Sol Levante

La cerimonia del tè avviene in un giardino o in una casa
Il rituale si svolge in una casa da tè o all'aperto

La cerimonia del tè giapponese è molto ricca di simboli. Si compone di diverse tappe, che possono variare notevolmente a seconda della stagione, dell'ora del giorno o della scuola.

La preparazione per la cerimonia del tè

Il maestro del tè potrebbe dover prepararsi per la cerimonia con settimane di anticipo poiché deve inviare inviti formali agli ospiti. Spiritualmente, deve anche preparare la sua anima espellendo ogni pensiero per raggiungere armonia ed equilibrio. Ricorda che la cerimonia del tè proviene dalla religione buddista in cui la meditazione gioca un ruolo importante nel calmare il corpo e la mente.

Dal punto di vista pratico, il maestro del tè deve scegliere gli utensili in base alla stagione e all'ora del giorno. Poi avviene la pulizia del padiglione del tè in cui si svolgerà la cerimonia. Anche gli utensili devono essere puliti, i tatami cambiati. La cerimonia può includere un pasto che l'ospite deve preparare in anticipo.

L'arrivo degli ospiti

Tradizionalmente, anche gli ospiti dovrebbero prepararsi spiritualmente per la cerimonia. I problemi dovrebbero essere lasciati fuori dal padiglione del tè per ottenere il massimo dal rito e per rispetto di tutti i presenti.

Arrivati alla sala da tè, gli ospiti dovrebbero lavarsi le mani per eliminare simbolicamente lo sporco del mondo esterno. La sala da tè per la cerimonia è un luogo sacro e simboleggia la purezza. È il maestro del tè che dichiara quando è il momento di entrare nel padiglione.

Ogni ospite entrerà da una porta bassa, sarà quindi costretto a inchinarsi in segno di rispetto per l'ospitante e per i preparativi per la cerimonia. Il maestro del tè quindi saluta i suoi ospiti inclinando leggermente la testa mentre è in piedi.

Utensili per la pulizia

Il maestro del tè pulisce di nuovo gli utensili davanti ai suoi ospiti. Anche la pulizia è simbolica e viene eseguita in modo metodico con gesti lenti e aggraziati. I gesti di pulizia possono variare da una cerimonia all'altra ma è sempre un momento estetico. Sono richieste estetica, grazia e sobrietà: nessuna parola deve essere detta inutilmente dal maestro del tè, o dagli ospiti.

Prima di entrare nella sala da tè, bisogna aspettare fuori
Gli ospiti devono aspettare fuori il segnale del maestro del tè.

La preparazione del tè matcha

Il tè tradizionale per la cerimonia è il tè matcha, a base di tè gyokuro. È un tè prezioso e costoso, ottenuto macinando le foglie del tè verde gyokuro in una polvere fine. Per la cerimonia, il tè verde matcha viene presentato sotto forma di palline. Non è necessario infondere questo tè verde giapponese, né metterlo in un sacchetto. La polvere finissima si dissolve direttamente in acqua.

Il maestro del tè prende tre misurini che mette in una ciotola. Poi aggiunge un po' di acqua calda (di solito a 80°) e sbatte il composto con una frusta di bambù. Si aggiunge quindi ancora un po' d'acqua calda per ottenere un composto spumoso .

Il servizio da tè

Per tradizione, viene servita una sola tazza di tè che passa per gli ospiti. Il maestro del tè presenta la ciotola al primo ospite che deve prendersi il tempo di ammirarla e girarla prima di bere un sorso. Le ciotole possono avere incisioni o crepe riempite di polvere d'oro. Quindi l'ospite beve due sorsi e mezzo e asciuga il bordo della tazza prima di passarla all'ospite successivo che ripete gli stessi gesti. Dopo che l'ultimo ospite ha bevuto dalla tazza, la restituisce al maestro del tè. È anche possibile che il maestro del tè offra una tazza di tè per ogni ospite. In questo caso, dovresti sempre bere due sorsi e mezzo prima di mettere giù il tuo tè matcha, ma non devi darlo al tuo vicino.

La fine della cerimonia del tè

Alla fine della degustazione, il maestro del tè pulisce gli utensili che ha utilizzato e li presenta ai suoi ospiti. Può anche presentare tutte le decorazioni della stanza e spiegare chi l'ha realizzata. Gli ospiti dovrebbero esaminare gli utensili, raccogliendoli con cura con un panno. Tutto è fatto con cautela e rispetto per il lavoro del maestro del tè.

Utensili essenziali per la cerimonia del tè

La frusta è essenziale per mescolare il tè matcha
Una frusta viene utilizzata per mescolare l'acqua e la polvere di matcha.

L'attrezzatura utilizzata per la cerimonia del tè si chiama Dogu in giapponese. Ci vogliono molti utensili per svolgere la cerimonia. Possono variare a seconda dei tipi di cerimonie ma alcuni strumenti tornano sistematicamente e costituiscono l'essenziale del rituale.

La scatola del tè

Chiamata cha'ire in giapponese, è una scatola solitamente in ceramica o porcellana con un coperchio che può essere avorio. Di solito viene disegnata una foglia d'oro all'interno del coperchio.

Questa scatola viene utilizzata per preparare il tè matcha ed è di alta qualità. In segno di rispetto, l'ospite principale chiederà di ammirarl.

La frusta da tè

Chiamata chasen in giapponese, la frusta è composta da un unico pezzo di legno di bambù. È usata per mescolare acqua e tè matcha per formare la bevanda. L'aspetto del chasen può variare a seconda della consistenza del matcha preparato, sottile o spesso.

Il cucchiaino

Se il matcha non si presenta sotto forma di palline verdi, il cucchiaio di legno, chiamato chashaku, viene utilizzato per misurare la polvere. È realizzato in un unico pezzo di bambù ed è nascosto agli occhi degli invitati durante la cerimonia. I cucchiai possono avere colori e forme differenti a seconda della cerimonia.

La scodella del tè

Sostituisce le tazze utilizzate invece per il tè in infuso. Chiamata chawan, è essenziale per qualsiasi cerimonia, perché senza di essa è impossibile bere il tè. È disponibile in diverse dimensioni e colori a seconda del tipo di cerimonia ma anche dello spessore del matcha. In inverno, le ciotole saranno più profonde per mantenere il calore più a lungo. Le ciotole con imperfezioni sono più apprezzate in quanto si ritiene che abbiano vissuto una lunga storia e quindi meritano il rispetto e la riverenza degli ospiti.

Il tessuto di seta

Viene utilizzato per maneggiare recipienti caldi. È generalmente un quadrato di seta semplice, a tinta unita. È rosso o arancione per le donne e viola per gli uomini.

La pentola di ferro

Per la cerimonia del tè non c'è teiera o bollitore, è la pentola di ferro, chiamata kama in giapponese, che serve per riscaldare l'acqua. Sono generalmente rotonde e vengono tramandate di generazione in generazione. Il loro nome varia a seconda della storia della famiglia da cui proviene.

I diversi tipi di cerimonie del tè in Giappone

Il luogo in cui si svolge la cerimonia del tè può essere in una sala apposita o all'aperto
La cerimonia si svolge in una sala da tè o in giardino in estate.

La cerimonia del tè è sempre fatta con tè matcha e non con il tè nero, il tè bianco o il tè freddo. Questo è un dato di fatto! Ma il rito può variare a seconda della stagione. Ecco i diversi tipi di cerimonie durante l'anno:

  • Cerimonia Hatsugama: letteralmente il primo bollitore! Questa è la prima cerimonia dell'anno, a gennaio. È una cerimonia durante la quale il maestro del tè guida i suoi allievi, rendendo il momento unico per gli invitati,
  • Cerimonia Akatsuki-no-chaji: letteralmente la cerimonia del tè dell'alba, in inverno. Si svolge la mattina presto, all'inizio dell'inverno per approfittare dei primi raggi di sole che entrano nella sala da tè,
  • Cerimonia Yuuzari-no-chaji: letteralmente cerimonia del tè in prima serata. Il tè giapponese, in questo caso, viene servito al tramonto per assaporarne l'aroma nelle calde serate estive,
  • Cerimonia Kuchikiri-no-chaji: si svolge a novembre e serve per inaugurare una nuova teiera. Le foglie dei tè verdi vengono raccolte in primavera prima di essere ridotte in polvere. Il tè viene quindi conservato in una scatola chiusa e lasciato al fresco. Questa cerimonia è solitamente accompagnata da un pasto,
  • Cerimonia Yobanashi: viene eseguita durante l'inverno ed è illuminata solo da candele e incenso.

Ti abbiamo fatto venire la curiosità di partecipare a una cerimonia del tè

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (1 voto(i))
Loading...

Alice

Colleziono quaderni e penne da scrivere, amo i fogli bianchi ma ancora di più amo riempirli con le mie parole. Copywriter di professione, da sempre innamorata della lettura e della scrittura.