Durante l'anno scolastico gli alunni delle scuole medie o superiori, devono svolgere un lavoro personale che non li rallegra: i compiti a casa. Spesso sotto forma di compiti scritti, il lavoro a casa può assumere diverse forme, valutato o meno dall'insegnante.

Gli insegnanti hanno tutto l'interesse nel chiedere agli studenti di fare i compiti, in modo che possano migliorare l'apprendimento, che siano invitati a ripassare, e che imparino ad assumersi responsabilità attraverso la pedagogia, in modo da pensare da soli, inoltre è anche un’occasione per dare un voto senza invadere il tempo - a volte brevissimo - delle lezioni.

Superprof ti invita a scoprire che tipo di scadenza un insegnante può fissare per rendere o compiti a casa, che siano valutati o meno, in modo da lasciare agli studenti il tempo ottimale per svolgere il loro lavoro senza che questo compito scolastico sia troppo a raro e neanche troppo frequente nella scuola!

I migliori insegnanti di Aiuto compiti disponibili
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
1a lezione offerta>

Il termine di consegna per i compiti a casa senza voto

Svolgere compiti a casa è un modo per avere voti migliori
I compiti sono una parte normale delle abitudini degli studenti

Al rientro a casa la sera, l'alunno deve spesso fare i compiti: si tratta di un passaggio necessario nel processo educativo che continua ad essere perpetrato dal sistema scolastico in Italia. Pensiamola come vogliamo, questo lavoro scolastico è comunque obbligatorio nella maggior parte dei casi e la posta in gioco è il successo accademico dello studente.

Tuttavia, va ricordato che i compiti a casa non sono gli stessi quando si tratta di elementari, medie o scuole superiori. Nella scuola primaria ad esempio sono frequenti la memorizzazione (lezioni da imparare) o il lavoro orale elementare (lettura ad esempio), ma anche compiti scritti.

Andando verso la quinta, i compiti possono aumentare, che siano o meno valutati. Più il livello aumenta, più i compiti possono essere complessi, lunghi e più questo lavoro scolastico può essere valutato.

I compiti scolastici non valutati sono i più frequenti: si tratta di svolgere uno o più esercizi, leggere un testo, preparare un esame orale, iniziare a ripassare, ecc. Basti pensare che l'insegnante ha solo l'imbarazzo della scelta per i compiti e le lezioni.

I compiti degli studenti, che possono essere descritti come compiti serali, dovrebbero aiutare gli studenti a progredire e memorizzare la lezione per migliorare i risultati accademici. Ovviamente tutto dipende dalla mole di lavoro personale dello studente, perché alcuni studenti possono affermare di non aver mai fatto i compiti. La loro media rifletterà il loro impegno!

Allora, qual è la scadenza perfetta per consegnare i compiti dopo la scuola? La risposta varia a seconda della quantità di lavoro che gli insegnanti chiedono ai loro studenti. Se pensiamo ad esempio che un compito personale di matematica corrisponde a 2 o 3 esercizi ogni volta, occorrono dai 30 minuti a 1 ora di lavoro per ogni studente.

In questo caso, e nei compiti dello stesso tipo al di fuori dell'orario di lezione, puoi impostare la consegna 2 o 3 giorni dopo aver assegnato il compito. Non sognare troppo e chiedi agli studenti di dedicare 1 ora ai compiti il giorno prima per il giorno successivo (giusto, insegnanti di matematica?).

Per altri tipi di esercizi, il limite di tempo cambia. Per prepararsi a un orale, è meglio lasciare diverse settimane, proprio come per la revisione di un compito in classe. Allo stesso modo, se chiedi di leggere un libro, dovrai essere molto paziente, tranne nel caso in cui tu decida di fare delle verifiche graduali.

Infine, nota che gli studenti sono spesso aiutati dai genitori degli studenti quando fanno i compiti, ma non sempre!

La disuguaglianza di opportunità nasce dall'aiuto che alcuni ricevono, contro il totale “abbandono” di altri. Anche gli studenti meno fortunati avrebbero bisogno di aiuto, quindi non sovraccaricarli di lavoro e dai loro il tempo per farlo!

Insegnanti: concedete più tempo per i compiti a casa con voto

Consegnare i compiti in tempo è importante per la valutazione
Uno studente che produce un compito di qualità e lo restituisce in tempo può essere orgoglioso di se stesso quando riceve un buon voto!

"Le radici dell'educazione sono amare, ma i suoi frutti sono dolci" - Aristotele

Se gli studenti devono svolgere i compiti con diligenza, questo è particolarmente vero per i compiti che saranno valutati. La citazione di Aristotele ci insegna che l'educazione che passa attraverso il lavoro personale porta molto di più di quanto ci costi e questo trasmette valori sulla responsabilità e la ricompensa per un lavoro ben fatto.

I compiti a casa che saranno valutati dall'insegnante richiedono necessariamente un tempo leggermente più lungo rispetto agli esercizi che restano senza voto. L'obiettivo è non penalizzare gli studenti delle scuole medie e superiori, sapendo che è importante anche il tempo dedicato ad altre materie.

Differenziamo approssimativamente un breve compito a casa (esercizi, scrittura non troppo lunga, ecc.) da un lungo compito a casa (saggio, dissertazione sostanziale, ampio lavoro di ricerca, ecc.). Le relazioni di lettura possono essere inserite anche tra i compiti a casa lunghi, poiché leggere un libro è un lavoro piuttosto lungo per un allievo, soprattutto se non è abituato a leggere.

Se l'insegnante vuole assegnare dei compiti brevi, ne può distribuire di più durante l'anno, ponendo delle scadenze per il completamento e la consegna dei compiti. Può essere necessaria circa una settimana o meno affinché gli studenti siano in grado di svolgere correttamente i compiti e, naturalmente, a seconda della ricorrenza delle lezioni.

compiti lunghi richiedono più tempo. Uno studente fa i compiti per la settimana se sono abbastanza brevi, ma in questo caso ci vorrà più tempo per ottenere un voto migliore. Fare compiti a casa, consente agli studenti con difficoltà accademiche di massimizzare il proprio potenziale.

Si consiglia una scadenza che va da una settimana a diversi mesi a seconda del lavoro richiesto. Dipende dall'insegnante. Bisogna contare sul fatto che gli alunni hanno l'aiuto dei genitori, i loro quaderni di corso, Internet e anche le lezioni private a casa per i più fortunati.

In conclusione, ecco quello che potete fare per non sovraccaricare né essere troppo teneri con i vostri studenti:

  • Per compiti a casa brevi: da 3 giorni per i più semplici a 2 settimane per i più difficili,
  • Per compiti a casa lunghi: da poche settimane a pochi mesi a seconda della dose di ricerca.

Per stabilire la scadenza perfetta, usa la tua esperienza sui compiti che ti venivano assegnati quando eri tu uno studente, ma pensa anche agli alunni in difficoltà. Questi compiti possono anche non essere svolti durante l'orario scolastico ma invece durante le vacanze!

Adattare la scadenza in base al tipo di compiti e al periodo

Per alcuni alunni, fare i compiti a casa aiuta ad alzare la media dei voti
Gli studenti possono lavorare da casa, il che può essere un vero vantaggio nel produrre un compito di migliore qualità!

Il termine per la consegna dei compiti ovviamente non sarà lo stesso per ogni compito a casa né può essere uguale per ogni materia insegnata. Non stiamo più parlando dei tanti piccoli compiti assegnati durante l’anno che non vengono valutati ma parliamo dei compiti ai quali lo studente dovrà dedicare maggior tempo tempo.

Esistono diversi tipi di compiti a casa che possono essere valutati. Ad esempio:

  • Compiti a casa basati su esercizi (Matematica, Fisica, Chimica, Scienze, Lingue),
  • Compiti di ricerca (storia, geografia, italiano, filosofia, lingue),
  • Compiti legati all’inventiva (italiano, filosofia, lingue),
  • Compiti tipo saggio (italiano, lingue, filosofia, storia-geografia, scienze),
  • Compiti a casa per recuperare un voto

Gli esercizi e i compiti che consistono in un ripasso, possono essere completati in un periodo di tempo relativamente breve (solo pochi giorni): una o due serate saranno sufficienti. L'insegnante può scegliere la quantità di lavoro e dei voti per la sua classe, bisogna approfittarne!

Per i compiti di ricerca e invenzione, lo studente dovrà svolgere un lavoro più approfondito e più lungo. Questo tipo di compito scritto può motivare gli studenti che si sentono in difficoltà con i compiti in classe perché non è basato solo su quello che si è appreso durante le lezioni. In questo caso si consiglia una durata massima di una o due settimane.

Infine, gli studenti dovranno preparare saggi o testi su diversi temi, che vanno dalla letteratura alla storia passando per le scienze. Anche se gli studenti hanno risorse digitali e aiuto per i compiti, si dovrebbe tenere conto del fatto che dovranno fare molte integrazioni in questo lavoro.

Inoltre, è possibile prevedere una scadenza dai 1 ai 2 mesi per la realizzazione di questo saggio. Svolgere un lavoro di questo tipo non è facile, anche per uno studente e i giovani dovranno organizzare il più possibile le informazioni e presentare un ragionamento valido. Ovviamente, se concediamo più tempo, ci aspettiamo una migliore qualità del lavoro.

Ricorda anche di evitare di dare compiti a casa durante il periodo delle vacanze (alla fine del trimestre o semestre): è preferibile dare questo tipo di compiti aggiuntivi quando gli studenti sono abbastanza liberi. Infine, pensa al coefficiente, che non deve essere uguale per tutti i tipi di compiti, soprattutto se la scadenza è più lunga!

Quali provvedimenti prendere in caso di mancata consegna dei compiti a casa?

Se gli studenti non rispettano i tempi di consegna dei compiti, le cose si metteranno male!
Gli studenti che non consegnano in tempo i compiti a casa, dovranno recuperare!

Anche se fare i compiti è la base del lavoro personale di uno studente, non tutti lo fanno. Qualunque sia la ragione, non consegnare un compito a casa è inaccettabile per uno studente, tranne in casi di forza maggiore come una malattia grave o un grave problema personale che può essere preso in considerazione.

La maggior parte degli studenti a volte si scorda dei compiti e quindi la consegna non viene rispettata, che fare in questi casa? Il voto deve essere modificato di conseguenza!

Hai diverse opzioni su come comportarti:

  • Consentire agli studenti di avere più tempo (ma non troppo a lungo),
  • Stabilire una penalità progressiva con il passare dei giorni,
  • Non dare un voto allo studente (sarà quindi “nullo”),
  • Mettere uno 0 allo studente.

Quando sei un giovane insegnante, potresti esitare a dare uno 0/10 a uno studente o essere troppo lento sulle scadenze. Tuttavia, devi abituare gli studenti a fare i compiti (letteralmente) e ad assumersi la responsabilità. Le regole e la filosofia della scuola devono essere rispettate.

Nel lavoro di gruppo puoi essere più indulgente perché a volte uno degli studenti fa tutto il lavoro e gli altri niente! Uno studente lavoratore non dovrebbe essere penalizzato inutilmente per una questione di ritardo, conoscendo come si comporta di solito…

Infine, ecco una tabella riassuntiva delle scadenze che puoi concedere per i tuoi compiti:

Tipo di compitoValutazioneTempo concesso
Esercizio a casa Non valutato Tra i 2 e i 3 giorni
Lettura di un libro Non valutato Molte settimane
Revisione di un compitoNon valutato Tra 1 e 3 settimane (promemoria: gli studenti possono iniziare la revisione alla fine del corso)
Preparazione di un orale Non valutato Tra 1 e 3 settimane
Breve compito a casa (esercizi, scrittura, ecc.) ValutatoTra i 3 giorni e le 2 settimane
Compito a casa lungo (tema, saggio lungo, ecc.) ValutatoDalle poche settimane a qualche mese (a seconda della quantità di lavoro)
Bisogno di un insegnante di Aiuto compiti?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Alice

Colleziono quaderni e penne da scrivere, amo i fogli bianchi ma ancora di più amo riempirli con le mie parole. Copywriter di professione, da sempre innamorata della lettura e della scrittura.