Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Che strumento acquistare per un corso di batteria per tuo figlio?

Di Igor, pubblicato il 11/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Come Scegliere lo Strumento per la Lezione di Batteria?

Un bambino faticherà a trasmettere da grande quello che non ha ricevuto dai propri genitori

P.D James

E se gli trasmettessi il gusto per gli strumenti musicali e soprattutto della batteria jazz?

Perché non comprare per tuo figlio una batteria adatta alla sua età e consentirgli di vivere appieno la sua passione, magari facendolo accompagnare da un insegnante privato che gli dia lezioni di batteria?

Ecco alcuni consigli da leggere attentamente, prima di lanciarti nell’acquisto della tua prossima batteria!

Lezioni di batteria per bambini: meglio un giocattolo o uno strumento per adulti?

Il rischio è quello di dover comprare un’altra batteria dopo poco tempo. Meglio optare per un modello di qualità!

Il primo aspetto da prendere in considerazione nella scelta della batteria per un bambino è proprio l’età del bambino.

Se ha meno di sei anni, un set per bambini sarà più che sufficiente. Al di sotto di quest’età sarà difficile per lui e per te, genitore, saper valutare se si tratti di una reale passione o di semplice voglia di divertirsi.

Fino alla prima elementare, dunque, non sarà necessario spendere una fortuna in una batteria di alta gamma, anche perché tuo figlio non ha ancora, a quest’età, la possibilità di leggere e scrivere e, dunque, non potrà imparare il solfeggio.

Modelli giocattolo sono disposti sugli scaffali dei negozi per bambini e si possono acquistare per poco meno di un centinaio di Euro e saranno l’ideale se, veramente, il bambino vuole solo divertirsi e, nel giro di pochi mesi, abbandonerà completamente piatti, bacchette e tutto il resto.

Al contrario, alcuni bambini di questa età potrebbero già essere sufficientemente motivati, soprattutto se uno dei parenti (genitori, fratelli, zii, cugini, …) ha già suonato la batteria.

Ancora meglio, un bambino di 7 o 8 anni è già in grado di sapere se la batteria sia per lui uno strumento accattivante e interessante.

Lo saprai abbastanza rapidamente: se ha già testato tutto il possibile con il suo giocattolo e da settimane o mesi ti supplica di effettuare l’upgrade al livello di batteria superiore, allora la motivazione c’è tutta!

Certo, la tecnica di lasciarlo supplicare per settimane e settimane potrebbe sembrare crudele nei confronti del bambino, però è un buon modo per vedere se la batteria lo tenti davvero o se si tratti di un semplice capriccio.

Allo stesso tempo, tuo figlio potrebbe essere dello stile che utilizza la sua batteria giocattolo fino allo sfinimento, fino alla distruzione dell’oggetto, e, allora, la tua scelta inequivocabile sarà quella di passare al livello superiore.

Magari, con l’occasione, perché non lo iscrivi ad un corso di chitarra?

I criteri da valutare nella scelta dello strumento per il corso batteria per tuo figlio

Potrà accompagnare tuo figlio per diversi anni, anche quando crescerà. Scegli un kit regolabile in altezza!

Il primo criterio da prendere in conto nella scelta di una batteria per bambini è sicuramente la sua misura!

Per suonare la batteria, bisogna che i due piedi tocchino a terra; il piede sinistro ti servirà per appoggiare sul pedale del charleston, mentre il destro suonerà la gran cassa.

Dovrai, allora, privilegiare una batteria adatta alla morfologia del bambino e, allo stesso tempo, evolutiva.

Tutto, nella nuova batteria, dovrà essere regolabile in altezza:

  • Lo sgabello: dovrà scendere più in basso dello sgabello per adulti;
  • Il piede per il charleston
  • Il rullante
  • La gran cassa (non dovrà essere troppo grossa, per evitare che i tom fissati al di sopra siano troppo in alto per il bambino).

Il diametro della gran cassa non dovrebbe superare i 20”; meglio ancora se è di 18”.

La batteria rock ha, solitamente, una gran cassa di 22” e i tom rischiano di essere troppo alti perché tuo figlio riesca a colpirli correttamente con le bacchette.

Corsi batteria e batterie d’occasione per tuo figlio

Con i bambini, non si è mai troppo sicuri!

Così, anche se è più di un anno che tuo figlio reclama una nuova batteria, di un livello superiore, rispetto al modello giocattolo che gli hai regalato per il compleanno, potrebbe sempre accadere che, all’improvviso o nel giro di pochi mesi, perda amore e passione per la musica da suonare, in genere, e per la batteria, in particolare.

A questo punto, quella di optare per il mercato dell’usato e dell’occasione potrebbe essere la scelta vincente: uno strumento di qualità a buon prezzo. E, nella peggiore delle ipotesi, potrai rivendere ulteriormente la batteria, in un secondo momento.

Puoi stare certo che già altri genitori, prima di te, hanno ceduto ai capricci e ai gesti di tirannia dei loro rispettivi figli e si sono fatti trascinare nell’acquisto di una batteria di buon livello … per deviare, ora, verso il violino, il sassofono o altro.

Con un budget di 300-400€, il mercato dell’occasione è ricco di batterie di qualità, che offriranno a te e, soprattutto, a tuo figlio, la meravigliosa opportunità di continuare alla grande l’apprendimento della batteria.

Con la stessa cifra, restando sui modelli nuovi, porteresti a casa un modello di basso livello, che non reggerebbe le numerose ore di allenamento e di studio di tuo figlio (che seguirà lezioni di batteria, ovviamente); e saresti costretto ad effettuare un altro acquisto.

Si tratta di una scelta le cui conseguenze ti accompagneranno per anni. Dovrai scegliere tra batteria acustica e batteria elettronica!

Lezioni batteria con strumenti acustici o elettrici?

Una batteria, per definizione, è rumorosa: lo sanno tutti.

L’altro criterio da prendere in considerazione al momento di scegliere la tipologia di strumento musicale da acquistare, è quindi la configurazione della casa.

  • Abiti in appartamento?
  • Abiti in campagna, in una casa isolata?
  • Hai una stanza da dedicare esclusivamente alla musica?
  • Il tuo livello di sopportazione del rumore è basso o alto?

Lo scopo è quello di mettere nelle migliori condizioni possibili il bambino, in modo che sia motivato a continuare con lo studio e non frustrato da continui rimproveri per il baccano che produce …!

Dovrà poter prendere in mano le bacchette ogni volta che vorrà. Non gli si dovranno dire frasi del tipo tua sorella dorme, sto guardando la TV, papa sta lavorando, …!

L’ideale sarebbe, ovviamente, abitare in campagna e avere una stanza separata dalla casa, per poter studiare lo strumento e seguire il corso di batteria tranquillamente. Ma non tutti hanno questa fortuna.

Ecco, allora, che in appartamento si potrà optare per una batteria elettronica.

Questi strumenti hanno il vantaggio di essere più polivalenti e regolabili in altezza e disposizione dei pezzi. Sono, ovviamente, più silenziose e più ludiche per i bambini, poiché il suono può esserne modulato.

Attenzione, però, perché una batteria elettronica non costa di meno di una batteria acustica. Anche in questo caso, è meglio optare per il mercato dell’occasione per ottenere uno strumento di qualità, a minor prezzo.

Tutti i grandi marchi di batterie andranno bene, purché il modello scelgo sia regolabile in altezza: Pearl, DW, Yamaha, Ludwig, Tama, Gretsh, …

Alcuni modelli adatti alla lezione batteria per bambini

Prima di acquistare uno strumento di musica per bambini, che si tratti di una chitarra acustica, di un flauto, di una tromba o di una batteria, sarà necessario farlo testare al bambino.

Appuntamento, allora, al negozio di musica, per testare direttamente sul posto una batteria e verificare che il kit che si sta per comprare sia veramente adatto alla sua taglia.

Non effettuare acquisti incauti o precipitati. Meglio attendere che il bambino prenda la sua prima lezione di batteria, che si tratti di un corso individuale o collettivo. Potrai, allora, sapere se tuo figlio desideri continuare; potrai chiedere consiglio al professore di lezioni di batteria, allo stesso tempo.

Il rumore prodotto dalla batteria alla lunga potrebbe danneggiare l’apparato uditivo dei più piccoli. Le orecchie di tuo figlio vanno protette!

Pearl Forum Fusion 20″

Per circa 200€ in occasione, ecco un kit be fatto. Dovrai solo cambiare i piatti, dato che quelli di origine sono troppo leggeri e, quindi, poco solidi.

Si tratta del modello ideale per iniziare a suonare del rock; i tom suonano bene, anche se la pelle originale è troppo fragile.

PDP Mainstage en 20″

Sotto marca della DW, PDP propone delle buone batterie per 600€ nuove e per 300-400€ usate. La gran cassa è di qualità e rilascia molta potenza di suono (attenzione alle orecchie del bambino, a proposito).

Il montaggio è ben solido e la batteria nella sua globalità presenta un ottimo rapporto qualità prezzo.

Yamaha Stage Custom 20″

Con questo strumento e un buon corso di batteria, tuo figlio diventerà uno strumentista d’eccezione.

Il montaggio e i fissaggi sono di ottima qualità e anche se di impostazione piuttosto classica, la batteria fa bene il lavoro. Normale, verrebbe da dire, dato che è più cara delle altre: le occasioni partono da 700€.

Tama Rythm Mate Fusion 20″

Per solo 600€, è possibile acquistare un modello nuovo di questa batteria, che presenta delle sonorità potenti e calorose; il materiale con cui è realizzata è buono e questo ne garantisce una durata nel tempo.

Come spesso accade, dovrai cambiare i piatti e sceglierne di più pesanti e di qualità. Anche le pelli dovranno essere sostituite, per ottenere un migliore suono, ma, nell’insieme, si tratta di un ottimo modello per iniziare, molto lontano dal gioco per bambini!

Altri elementi cui pensare prima della lezione di batteria

Non dimenticare di verificare che vi siano dei piatti nel kit che comprerai. Spesso i kit non ne contengono e dovrai, dunque, acquistarli a parte. Stesso discorso va fatto per lo sgabellino e le bacchette da usare durante le lezioni di batteria. Cerca di scegliere delle bacchette lunghe e sottili, l’ideale per le mani di tuo figlio.

Ti consiglio, anche, di cambiare le pelli. Se si tratta di una batteria d’occasione, rischiano di essere consunte mentre, se si tratta di un modello nuovo, saranno sicuramente di qualità bassa o infima.

Suonare su pelli di qualità può cambiare completamente il suono dello strumento e la sensazione che se ne ricava. Meglio delle pelli di qualità buona, anche se usate, piuttosto che delle pelli nuove ma di bassa qualità.

Non dimenticare, infine, le cuffie per proteggere le delicate orecchie di tuo figlio dai rumori della batteria acustica. Non ci si pensa spesso, ma l’udito dei bambini è ancora in crescita e, quindi, particolarmente sensibile.

Investi, dunque, in una protezione uditiva. Per una decina di Euro, troverai quello che cerchi.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar