Pagina iniziale
Dare lezioni

Ripetizioni e lezioni private di batteria

528 insegnanti straordinari in tutta Italia!

Dove cerchi le lezioni?

Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti
di batteria

Visualizza più insegnanti

5.0 /5

Tanti insegnanti Star con un punteggio medio di 5.0 stelle e più di 124 commenti positivi.

20 €/ora

Le migliori tariffe: il 95% degli insegnanti offre la prima lezione e un'ora di lezione costa in media 20€.

2 h

Rapidi come saette, gli insegnanti ti rispondono in media in 2h.

01

Trova
l'insegnante ideale

Consulta tutti i profili in piena libertà e contatta l'insegnante che avrai scelto in base ai tuoi criteri (tariffa, commenti, certificati, modalità di svolgimento delle lezioni).

02

Organizza
i corsi e le lezioni

Scrivi all'insegnante selezionato per comunicargli le tue necessità e le tue disponibilità. Organizza le lezioni e pagale in tutta sicurezza direttamente dalla tua chat.

03

Vivi
nuove esperienze

Il Pass Alunno ti permette un accesso illimitato alla banca dati di tutti gli insegnanti, maestri e coach per 12 mesi. Un anno intero per poter scoprire nuove passioni con degli insegnanti straordinari!

I nostri allievi
esprimono un giudizio sui loro insegnanti di batteria

323044
5.0
Matteo Insegnante di batteria
314579
5.0
Matteo Insegnante di batteria
307718
5.0
Gabriele Insegnante di batteria
306139
5.0
Antonio Insegnante di batteria
274532
5.0
Matteo Insegnante di batteria
256305
5.0
Francesco Insegnante di batteria

Scopri tutte le nostre lezioni di batteria

Essere seguiti dai migliori insegnanti per le tue lezioni di batteria

Imparare a suonare grazie ad un corso di batteria e vincendo i cliché!


Sono in molti a credere che la batteria sia esclusivamente uno strumento per duri rockettari incalliti e spesso tatuati!

Per non parlare dei pregiudizi che associano anche droga, alcool ed eccessi vari alla pratica di questo strumento musicale, in grado di far ribellare un intero condominio e quartiere.

È vero che, a partire dagli anni Cinquanta, la batteria è stata oggetto di diverse rivisitazioni, nell’uso effettivo e, di conseguenza, nell’immaginario collettivo.

Ma fermarsi a questo, sarebbe come ignorare l’esistenza delle orchestre blues, jazz…che ben prima si sono avvalse dello strumento a percussione! No?


Cosa hanno in comune tutti i corsi di batteria

L’unica cosa che accomuna l’uso della batteria attraverso i generi musicali è la centralità del ritmo e del tempo. Ecco cosa dovremmo sempre associare a questo strumento, anche senza mai avere preso lezioni di batteria, del resto.

La batteria è uno strumento che, generalmente, accompagna gli altri, dalla funzione melodica ed armonia. Ecco un primo punto da trattenere bene a mente.

In secondo luogo, la batteria costituisce la base cronologica del susseguirei delle battute. In altri termini, segna il tempo correttamente, scandendo le misure ed esaltando il ritmo di un determinato brano.

Infine, è vero: la batteria, specialmente grazie all’avvento del rock, può anche diventare, per un attimo, protagonista. Assoli celebri, lunghi, intrisi di pathos e preparatori di un gran finale ci hanno abituati a questa possibilità. Naturalmente, si tratta di un essere protagonista sempre in sola chiave ritmica e sempre a latere o in attesa di un’evoluzione melodica (se non addirittura armonica).

Insomma, la batteria è uno strumento di supporto, ma rari usi geniali e sui generis dello strumento possono metterla al centro delle scienza, per un lasso di tempo comunque circoscritto.

Esistono, d’altra parte, delle competizioni di sola batteria … (si salvi chi può!).


Ingaggiare un insegnante privato che dia lezioni di batteria a domicilio

I genitori che si oppongono a che i loro figli prendano lezioni di batteria a pagamento sono probabilmente vittime di preconcetti come quello esposto inizialmente.

La batteria è uno strumento dalle molte potenzialità.

In tenera età è di certo il più adatto da apprendere. Partecipa al corretto sviluppo psicomotorio di un bambino, posto che questi sia seguito da un buon insenante di batteria, esperto pedagogo. Occorre che i bambini si divertano, che giochino con lo strumento, appropriandosi senso e nozione del ritmo.

Naturalmente, non è escluso che poi, crescendo, i ragazzini si interessino sempre più a questo stesso strumento, facendone anche oggetto di studio serio e appassionatissimo. In altri casi, l’iniziazione al ritmo sarà poi seguita dal cambio di strumento: i giovani preferiranno uno strumento che emetta melodia e consenta di partecipare ad armonie con altri strumenti. Ma il gran dono fornito dall’insegnante di batteria sarà quello di aver infuso il senso del ritmo ai piccini. E questo non sarà mai dimenticato.

Le lezioni di batteria sono una sorta di moda, in particolare tra i preadolescenti. La cosa scoraggia un po’ certi genitori. Temono che la cosa venga lasciata cadere nel giro di poche lezioni e di aver speso soldi per niente … È un rischio, certo. Tuttavia, chi non risica non rosica!

Sono molti i giovani che restano incollati a questo strumento senza stufarsene. Altri, scoprono il ritmo con queste prime lezioni di batteria, per poi restare nell’ambito delle percussioni, ma variando strumento. Oppure, scoprendo dapprima la sola lettura del ritmo, scelgono in seguito, di associare al corso di batteria qualche lezione di solfeggio cantato, e scivolano verso strumenti come il pianoforte, la chitarra elettrica.

Il ritmo appreso con un insegnante di batteria è di certo qualcosa che mai verrà meno, dall’animo, dalla mente e dal corpo dell’allievo. Si tratta un po’ come andare in bicicletta: se riesci a capire il meccanismo, questo si impossessa di te per sempre.


Corsi di batteria per tutti i gusti: a chi giova cosa?

In Italia esistono celebri batteristi, come Tullio de Piscopo. Intere generazioni di genitori e figli sono rimaste estasiate dallo spettacolo del suo modo di suonare. Molti si sono poi detti che, se il piccolissimo figlio del batterista, era a sua volta in grado di dare spettacolo, il concetto di full immersion, e di inizio precoce della pratica di uno strumento, erano provati nella loro efficacia.

In effetti, qualsiasi insegnante di batteria ed altri strumenti musicali, non solo a percussione, ti dirà che l’età di inizio è cruciale. Prima è, meglio è! Tieni presente, tuttavia, che questo principio, oggi, è rimesso in discussione, per quanto riguarda la pratica di altri strumenti musicali. Si tende, oggi, a far sì che i piccolissimi vengano subito esposti al ritmo, alla percussione, al movimento corporeo che il “battere il tempo” domanda. Questo perché si privilegia lo sviluppo psicomotorio e non più un’acquisizione troppo precoce di nozioni e gesti che, comunque, sarebbero ancora troppo artificiali.

In breve, sebbene esistano pianisti e violinisti precoci, che già a 4 e 5 anni suonano benissimo determinati brani di musica, non è detto che la cosa sia auspicabile per tutti. Salvo rari doni di natura, infatti, i bambini hanno davvero bisogno di appropriarsi del ritmo, e poi della musica, in maniera intuitiva, continuando a giocare, a muoversi come viene loro naturale. E la batteria è certamente lo strumento migliore, da questo punto di vista.

È ben possibile “inchiodare” un bambino alla panchetta di un pianoforte. E in molti riescono ad imparare in fretta, con un certo margine di successo. Tuttavia, si tratta di forzare la natura umana, di precorre troppo i tempi, di imporre una scolarità “seduta” e forzosa, già prima dell’obbligo scolastico!

Lasciando da parte la fretta e la rincorsa verso la performance, allora, sarebbe bene assecondare le richieste dei piccini, avendo la pazienza di attendere che poi, gradualmente, essi facciano i loro exploit, a tempo debito e nei settori che più li divertono e coinvolgono.

Il fatto di percuotere una superficie per ottenere un suono è insito nel gusto dei più piccini. Ecco perché far prendere loro qualche lezione di batteria già in tenera età non sarà mai una forzatura (salvo eccezionali casi di disagio di fronte al tipo di suono che così scaturisce).

Se hai un bambino in tenera età, ti consigliamo di cercare un insegnante di batteria e strumenti a percussione specializzato nella didattica prescolare. Su Superprof trovi i dettagli relativi al profilo di ogni professore di musica.

Se, invece, tuo figlio è più grandicello, probabilmente, avrà egli stesso, da solo, già iniziato a guardare un po’ in rete qualche tutorial su come imparare a suonare la batteria. Si tratta di strumenti ugualmente utili, in potenza. Naturalmente, la qualità va sempre verificata. E, se la passione e l’interesse sussistono, si potrebbe anche pensare di affiancare, a questo studio da autodidatta, qualche lezione privata di batteria a domicilio – se si possiede la batteria – o presso il docente.

L’altra possibilità per riuscire ad imparare a suonare la batteria, è quella di cercare un corso di batteria tenuto in una scuola, a piccoli gruppi. Anche le associazioni e i gruppi parrocchiali o cittadini propongono, periodicamente, qualche lezione di batteria a costo modico o nullo.


I risvolti socializzanti di una lezione di batteria

La possibilità di scambiare qualche chiacchiera e qualche consiglio con altri coetanei appassionati allo strumento oltre che con gli insegnanti di musica, rappresenta davvero qualcosa in più, rispetto ad un corso di batteria online, seguito fra le mura domestiche, restando sempre in solitudine.

La musica, il ritmo, le percussioni, sono una forma di linguaggio, un modo per comunicare le proprie emozioni e farle defluire all’esterno del proprio organismo. Per definizione, allora, la pratica e lo studio di uno strumento – si tratti di scoprire il violino o di imparare a suonare la batteria – avranno più correttamente luogo al di fuori di casa propria e in presenza di almeno un altro essere umano con cui comunicare, sperimentare e condividere sensazioni.


I nostri migliori articoli
di batteria