Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quali strumenti sono indispensabili per poter cucire?

Di Alice, pubblicato il 03/06/2019 Blog > Arte e Svago > Cucito > Tutti i Materiali Indispensabili per i Corsi di Cucito

La storia del cucito risale all’Era Paleolitica, epoca in cui – 21000 anni fa – gli uomini hanno cominciato a legare tra loro delle pelli di animali per confezionare abiti o ripari, proteggendosi così dagli inverni rigidi.

Fu nel Medio Oriente che nacquero le opere di cucito con fibre naturali – fili di cotone, fili di lino e di iuta – circa 4000 anni a.C.

Nel corso dei secoli, il mestiere del sarto e della sarta si è a poco a poco professionalizzato ed è entrato nel tessuto economico o divenuto parte delle attività di piacere, come altre attività manuali.

Il compito di un sarto consiste nel ricamare o creare, confezionare abiti femminili e maschili, cucire tessuti decorativi o tessuti di arredamento.

Per riuscirci è necessario un certo numero di strumenti per costruire un vero e proprio kit da sarti.

Ma quando si è all’inizio, alle prime lezioni di cucito, è difficile sapere di cosa si avrà bisogno per cucire l’orlo di un pantalone, confezionare il rivestimento di un cuscino oppure realizzare una borsa.

E trovare le informazioni per sapere cosa mettere nella borsa del cucito, richiede tempo!

Ecco perché Superprof farà per voi l’inventario degli accessori di cucito indispensabili da acquistare per realizzare i propri lavori di sartoria e, perché no, seguire corsi cucito online.

Gli strumenti per misurare

Per imparare a cucire si pensa spesso che basti soltanto disporre di una macchina da cucire, di un po’ di tessuto e di filo e che per i lavori di base che si avranno da fare ciò sarà sufficiente.

La cosa è certamente falsa perché sono moltissimi gli altri materiali che facilitano la vita di un sarto.

Prima di tutto si deve poter prendere le misure – per sapere quanto si dovrà tagliare e quale lunghezza di tessuto comprare – con quattro strumenti principali.

Il metro a nastro

Indispensabile per qualsiasi corso di cucito, questo tipo di metro serve a misurare le curve e a prendere le misure dell’altezza, larghezza, di un tessuto da orlare, ricamare, cucire.

Il lavoro della sarta inizia ben prima di iniziare a cucire: è infatti importante che tutte le misure siano prese nel modo corretto. Per confezionare il proprio girocollo fatto a mano, bisogna prendere bene le misure prima di cucire!

Si tratta di uno strumento di base senza il quale non si può lavorare in nessun atelier e quindi di uno dei regali davvero preziosi per un sarto. Il metro a nastro può misurare da uno a tre metri, ma la lunghezza media è di 150 cm. Ne esistono di diversi materiali: tessuto, plastica, nastro.

Generalmente è uno strumento economico che non supera mai i 10 € di costo.

Il righello da sarto

Quando si lavora in piano, un righello permette di avere maggiore precisione nel misurare piccole distanze.

Il righello è spesso in metallo ma si può trovare anche in alluminio e in legno e misura 20 cm. Ne esistono di diversi tipi:

  • Il righello incurvato a forma di pappagallo,
  • Il righello multifunzionale (con la squadra),
  • Il righello per orlo.

Il righello giapponese

Un righello trasparente, ideale per tracciare linee parallele e equidistanti le une dalle altre.

La sua finalità?

Rendere l’opera di cucito più semplice, anche se siete alla prima lezione del vostro corso di cucito!

Misura 50 centimetri.

Il calibro

Il calibro si rivela pratico per segnare una piccola misura ripetuta, come ad esempio la distanza tra i bottoni di una camicia.

Può essere un righello metallico oppure avere la forma di un righello bucato con un cursore mobile al centro che si può spostare per fissare una lunghezza precisa (1 cm, 1,5 cm, 2,2 cm, etc.).

Come si usa?

Se seguite lezioni di cucito, ve lo spiegheranno certamente.

Gli strumenti per segnare la stoffa

Anche se si utilizza una macchina da cucire industriale e si è principianti nell’arte del cucito, bisogna saper segnare la stoffa per avere dei riferimenti tra cui muoversi.

Ogni dettaglio va curato nei minimi particolari se si vogliono creare capi senza imperfezioni. Per cucire un jeans è importante fare dei segni sul tessuto per sapere, ad esempio, dove cucire le tasche!

Per farlo, si utilizzeranno due tipi di strumenti: il gesso da sarto e la matita per tessuti.

Servono a segnare i contorni di una forma o a segnare dei riferimenti sulla stoffa da cucire.

Consigli da sarto: meglio utilizzare una matita bianca su tessuti scuri e un gessetto per stoffe di colore chiaro.

Il gesso da sarto è utilissimo per pinces, la posizione delle tasche di un pantalone o dei volants…

I segni fatti da questi strumenti sono temporanei, si cancellano facilmente. Matite e gessetti sono indispensabili in un kit da cucito perché permettono di delimitare le aree di taglio e le pieghe.

Rettangolare, triangolare o a cono, i gessi sono di diversi materiali.

Le matite, che permettono un lavoro di precisione, utilizzano una soluzione solubile in acqua.

Per liberare le proprie idee creative, alcuni sarti apprezzeranno anche l’utilizzo di carta modelli.

Si trovano tra gli articoli più diffusi di merceria e fanno parte dei “must have” per tutti i sarti che frequentano uno dei corsi di cucito di Milano, Roma, Torino… o qualunque sia la città!

Sono riutilizzabili a volontà – e dunque durano nel tempo – precisi e facili da utilizzare.

Ora che c’è tutto ciò che serve per tracciare, segnare e misurare, serve il materiale per tagliare tutti i tessuti. ,

Gli attrezzi da taglio

Non è certamente difficile da immaginare: il cucito implica il taglio di tessuti al metro (sapete come procurarvi tessuti a piccoli prezzi?)

Da qui deriva l’importanza di prendere al meglio le misure prima di comprare un tessuto d’abbigliamento e di scegliere cosa farne.

Le forbici sono uno dei must have di ogni sarto che si rispetti. Senza, è impossibile tagliare la stoffa. Le forbici da cucito: elemento davvero indispensabile del kit di ogni sarto!

Per personalizzare un vecchio abito, realizzare una sciarpa a mano o qualsiasi altro accessorio, serve uno strumento fondamentale: un paio di forbici!

Le forbici devono essere nuove e servire unicamente a tagliare i tessuti.

Ma vi servirà avere anche un tappetino e un cutter per non incidere il vostro tavolo e per tagliare con precisione.

No  tutte le forbici sono uguali: dipende se volete effettuare punti zig zag, se avete tessuti spessi o più leggeri… per ogni esigenza c’è un paio di forbici adatto e… su misura!

Infine, nessuno può esimersi dall’incappare in un errore… anche il più bravo dei maestri di un corso di cucito può trovarsi a dover scucire qualcosa che ha fatto erroneamente.

Per rimediare bisognerà tagliare il filo senza danneggiare il tessuto. In tal caso uno scucino può essere ciò che serve se per esempio dovete recuperare un punto fatto male!

Cos’è? Si tratta di una lama in metallo a forma di Y da utilizzare con alcune precauzioni.

Mettete anche questo strumento nel vostro kit e sarete subito sulla strada giusta per fare successo nell’haute couture!

Gli strumenti per puntare gli spilli e cucire

Prima di arrivare a scegliere e acquistare una macchina da cucire bisognerà comprare degli aghi per cucire a mano.

Cos'altro non deve mancare nella borsa di un sarto? Certamente ditali, spilli e spille da balia. Spille da balia e spilli possono facilitare il lavoro!

Il livello di un sarto principiante richiede infatti di partire con il cucito a mano.

Si raccomanda pertanto l’acquisto di un piccolo assortimento di aghi di diversa misura e varia lunghezza. Questo servirà molto per lavorare con precisione.

Bisognerà poi procedere anche all’acquisto di spille da balia: permetteranno di tenere insieme più strati di tessuto durante il taglio.

Vi siete mai chiesti cosa facesse vostra nonna con quel piccolo oggetto di metallo infilato sul dito mentre lavorava a maglia?

Si tratta del ditale, molto utile quando si cure per spingere gli aghi nel tessuto senza ferirsi e farsi male.

Altri strumenti che non possono mancare? Le spolette.

Superprof raccomanda di comprarne diverse, in modo da evitare di confondersi e trovarsi poi con fili di diverso colore sulla stessa spoletta.

Solitamente ce ne sono già diverse in dotazione con la macchina da cucire.

Ultimo elemento indispensabile, non in ordine di importanza, sono proprio i fili da cucito. Meglio privilegiare la qualità e non mirare sistematicamente al risparmio!

Un filo di scarsa qualità può velocemente sfilacciarsi o rompersi, rendendo certamente meno facile il lavoro (e creando anche qualche malumore, soprattutto in coloro che sono alle prime armi!)

Vi consigliamo di cucire con fili dello stesso colore della stoffa per avere un risultato che sia davvero soddisfacente

Per perfezionare il livello di conoscenza nell’arte del cucito e imparare a cucire come un livello pro, non attaccatevi ai tutorial di YouTube: gli insegnanti di cucito disponibili sulla piattaforma di Superprof non aspettano altro che proporvi le loro lezioni di cucito per insegnarvi tutti i trucchi del mestiere.

Siete pronti a dare forma a tutte le vostre idee, rifarvi il guardaroba o dare un tocco di personalità alla vostra casa?

Procuratevi la scatola degli attrezzi di un vero sarto e iscrivetevi subito a un corso di cucito!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar