Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Che trucchi usare per inspirare ed espirare correttamente ai corsi di yoga?

Di Igor, pubblicato il 05/06/2019 Blog > Sport > Yoga > Come Respirare Correttamente Durante una Lezione di Yoga?

La respirazione è la culla del ritmo.

Rainer Maria Rilke

Il nostro corpo è un vero strumento, capace del peggio e del meglio, per la nostra salute. Molte persone riescono a servirsene, in modo da aumentare il capitale di benessere, grazie, ad esempio, a degli esercizi di respirazione, ad un rilassamento della gabbia toracica o, semplicemente, a degli esercizi specifici, magari dopo aver seguito un corso di yoga. Questo permette, in effetti, di mettere assieme sport e respiro, senza dimenticare la meditazione, in modo che la circolazione dell’ossigeno nel nostro corpo sia la più efficace possibile.

Effettivamente, non tutti sappiamo gestire bene il respiro. Solo a titolo di esempio, secondo degli studi sembrerebbe che tra il 30% e il 45% degli adulti russi regolarmente durante la notte; e questo proviene da una pessima gestione della respirazione durante il giorno! Tra polmoni indeboliti dalle sostanze inquinanti che respiriamo tutti i giorni in città, e non solo, fumo di sigaretta, inspirazione effettuata dalla bocca anziché dal naso, contrazione del plesso solare, come possiamo fare per stare il meglio possibile?

Sarà sufficiente seguire questa nostra lezione di yoga!

Lezioni di yoga: perché il legame tra yoga e respirazione è imprescindibile?

Se non respiriamo correttamente, non possiamo praticare nessuno sport in maniera efficace. L’importanza del respiro trascende lo yoga!

Anche se lo yoga si sta diffondendo sempre più tra gli italiani (anche grazie a discipline trasversali, come il Pilates, ad esempio), prima di entrare in perfetta sintonia con lo spirito yogi sono necessari un po’ di tempo e qualche spiegazione in più.

Innanzitutto, la respirazione deve essere perfettamente controllata da chi pratica lo yoga (ma non solo): solo così sarà possibile essere massimamente efficaci nei propri movimenti ed essere prestanti nelle posture yogi. Cassa toracica, muscoli addominali, ritmo respiratorio, colonna vertebrale, ecc… sono altrettanti elementi che dovranno essere perfettamente impiegati per poter respirare bene.

Respirare “bene” necessita di essere attenti e all’ascolto del proprio corpo, delle proprie sensazioni, dei propri dolori (addominali o meno) e per calmarsi e respirare profondamente, bisogna essere consapevoli del potenziale del proprio respiro.

Perché non bisogna dimenticare che il respiro può essere uno strumento in nostro aiuto, in quanto può fungere da arma contro l’ansia e lo stress: un respiro cosciente può consentirti di calmarti, di rilassare il sistema nervoso, grazie “solo” all’aiuto delle nostre narici.

Essere meno stressati, effettuare delle posture nel miglior modo possibile, rendere le posture stesse ancora più efficaci,… questi e altri sono gli obiettivi di un buon controllo del respiro nello yoga. In piena coscienza, dopo un buon corso yoga saprai rilassare lo sterno, inspirare dalle narici, espirare dalla bocca, gestire lo stress, imparare “di nuovo” la respirazione toracica per rilassare le tensioni muscolari.

Sta solo in te!

Sai allineare correttamente il tuo corpo durante le lezioni di yoga?

Un corso di yoga per imparare a respirare meglio, ascoltando il proprio corpo

Con una respirazione corretta, ci avvantaggiamo in qualsiasi postura yogi e in qualsiasi disciplina. Il corpo deve diventare il nostro miglior amico, quando pratichiamo yoga!

Imparare a respirare bene è l’occasione di ascoltare il proprio corpo e di fare quello che si vuole dell’inspirazione e dell’espirazione! Perché sì, lo si dimentica troppo spesso, ma il nostro corpo e il nostro metabolismo sono degli ottimi indicatori della nostra salute globale e del modo in cui ce ne prendiamo cura. Per sentire meno stress, meno ansia o per essere circondati solo di pensieri positivi, dobbiamo pensare prima di tutto al respiro!

Quando abbiamo un dolore da qualche parte, alla clavicola, alla schiena, ai piedi o in qualsiasi altra parte del corpo, la cosa migliore è quella di attenuare e calmare questi dolori grazie al solo respiro. Ascoltare il nostro corpo e sentire che ci dice che, “no, così proprio non va!”, che dobbiamo trovare del tempo per occuparci di lui, questo passa anche per un’ottimizzazione delle fasi della respirazione: inspirazione ed espirazione devono essere efficaci, perché possiamo sentirci meglio. E, nonostante tutto quello che si possa pensare, saper respirare comincia a lezione di yoga!

Tra fare stiramenti, meditare, concentrarsi, stare in posizione seduta o in piedi, sono davvero numerose le azioni quotidiane che il nostro corpo effettua e che necessitano di una respirazione adattata. Sta a noi capirlo, osservare il nostro corpo che ci dice che tutto va bene o che, al contrario, ha un dolore da qualche parte. Una respirazione attraverso le narici, un po’ come Dart Fener, per capirci, favorirà la calma e il rilassamento, allontanerà lo stress dei periodi peggiori.

Durante i corsi yoga: le posture per respirare correttamente

Espellendo consapevolmente attraverso le narici tutta l’aria dei polmoni, si riesce a raggiungere una comprensione della gestione della respirazione e, allo stesso modo, si riusciranno a svolgere meglio tutte le posture di yoga. Tuttavia, alcune posture necessitano, per essere svolte correttamente, di un soffio particolare; ed è proprio qui che sarà necessario dimostra una capacità di osservazione e di adattamento senza pari.

Un susseguirsi di posture a lezione yoga può essere estremamente faticoso; ma se sapremo respirare correttamente, allora sarà l’energia stessa della respirazione a guidarci nell’esecuzione delle posture stesse. La maggior parte delle posture di yoga sono studiate per far lavorare una parte specifica della nostra respirazione: sarà sufficiente imboccare la strada giusta e approfondire la relazione tra postura e respiro.

Un buon maestro di yoga, come prima cosa, ti insegnerà come respirare nel migliore dei modi possibili. Alcune posture sono studiate appositamente per controllare al meglio la respirazione!

Approfondire perché, effettivamente, non c’è niente di meglio di una serie di posture di yoga, per lavorare e rinforzare quello che è e che è sempre stato un vero supporto alla vita, allo sport e all’energia: la respirazione. Controllare la respirazione significa controllare la propria concezione del mondo, il proprio modo di vita: le posture di yoga sono un ottimo modo per raggiungere questi obiettivi. Tra il saluto al sole, la posizione del cane e quella di nidra, tutto è studiato per lavorare in modo completo sulla respirazione.

Partendo dal principio che ogni postura è benefica per il nostro respiro e che o benefici dello yoga non sono più da dimostrare oramai, possiamo imparare a rilassarci, a dare il nostro corpo per interno alla realizzazione degli esercizi di yoga. Una filosofia del lascia andare che ti darà un corpo più leggero, più fluido e, di conseguenza, una respirazione meno affannata, dato che gli esercizi sono fatti proprio per rilassarci e “darci fiato”.

Quello che lo yoga fa, dunque, è insegnarci a respirare; grazie ad esercizi diversi, lo yoga sembra essere una disciplina in grado di contrastare molti dolori e “mali”. Inarcando la schiena, si farà un certo tipo di respirazione; da seduti, un’altra; in piedi, un’altra ancora. Il tutto per giungere, alla fine, ad un dominio completo del proprio corpo e della propria respirazione.

Il maestro a lezione yoga e i suoi consigli per controllare la respirazione

Tutti questi elementi ci consentono dunque di controllare il più possibile la nostra respirazione, ma se pratichiamo la disciplina e seguiamo delle lezioni yoga, allora, vi sono ottime probabilità che sia il professore stesso a guidarci nell’ottimo utilizzo del respiro durante lo yoga.

In effetti, il tuo insegnante di yoga, ha sicuramente incontrato i tuoi stessi problemi, all’inizio della sua pratica: al momento di rilassarsi, di controllare il corpo o la respirazione nel miglior modo possibile. Dovrai, allora, riporre in lui la massima fiducia, in modo che i tuoi esercizi siano bene realizzati e che, in più, tu possa progredire il più possibile. Insomma, un sapiente mix di insegnamento e di benessere !

Lo facciamo talmente tante volte in un giorno che non pensiamo più al modo in cui respiriamo. E se il tuo maestro fosse la tua guida di eccezione per imparare a respirare?

Qualsiasi sia la tua ambizione, imparare a dominare il tuo respiro nello yoga non sarà una cosa estremamente difficile; in ogni caso, il maestro sarà al tuo fianco per indicarti il cammino da seguire, per essere in sintonia con il tuo corpo. Perché la nostra energia vitale passa necessariamente dal respiro, anche se noi lo dimentichiamo troppo spesso.

Ma tutto l’interesse di un rafforzamento muscolare, di un riscaldamento, di una pratica di meditazione o della sofrologia sta proprio in questo: evitare che le crisi di panico prendano il sopravvento, farci gestire lo stress e prendere coscienza del fatto che abbiamo un respiro dal momento della nostra nascita e che ci serve proprio per rimanere in vita. Ce ne possiamo servire, dunque, per praticare yoga e, quindi, per imparare a vivere meglio, senza dolori, né ansie.

Così, anche se lo yoga sembra essere diventato una disciplina semplice e accessibile, si tratta in realtà di molto di più. Questo “sport” ci consente di pensare il nostro corpo in modo diverso, come un insieme di elementi costitutivi del nostro essere, a cominciare dalla respirazione. Impareremo, allora, grazie a questi diversi elementi costitutivi, a controllare il respiro, per essere più performanti, ma anche e soprattutto per saper meglio comportarci ogni giorno.

Meglio comportarci di fronte agli altri, di fronte agli eventi, alle situazioni di crisi, allo stress, ma anche di fronte a noi stessi. Dirci che siamo degli esseri dotati di intelligenza e in grado di saperci servire del nostro respiro come di un punto di forza e non come un elemento di debolezza. Tutto questo e molto altro ancora, ci viene insegnato dallo yoga!

Uno, due, tre: respira!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar