Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corso arabo: quali i mezzi per scoprire la cultura araba?

Di Martina, pubblicato il 06/03/2019 Blog > Lingue straniere > Arabo > A Lezione di Arabo: Scopri i 10 Monumenti più Belli del Mondo Arabo!

Il viaggio, l’evasione, la scoperta, parole e soggetti che ci parlano.

Come la lingua araba, il patrimonio arabo pullula di ricchezze inimmaginabili, da visitare il prima possibile. Ci permettono di capire meglio un universo, una cultura, un popolo, una lingua, e fanno risplendere il mondo arabo musulmano in tutto il mondo.

I monumenti sono questi semplici e accessibili mezzi che permettono di toccare con mano questa cultura. Disponiamo spesso di un numero sufficiente di informazioni necessarie alla corretta comprensione del mondo arabo, e alla scoperta più totale.

Un mondo che ci interessa, che ci tocca, e che impareremo a conoscere meglio insieme attraverso 10 monumenti che illustrano i paesi arabi, iniziamo!

Le piramidi d’Egitto, monumento simbolo del mondo arabo

Le piramidi sono le costruzioni facenti parte di un più ampio complesso funerario per sovrani dell'antico Egitto. Un simbolo imponente di questa cultura!

Le piramidi egiziane sono le tombe costruite dai faraoni dell’Antico Impero egiziano, la cui costruzione era spesso destinata al Re.

Le piramidi di Giza sono le più famose, per la semplice ragione che sono le più grandi.  Di dimensioni monumentali, non sono necessariamente le più antiche, ma sono quelle che hanno resistito meglio alla prova del tempo nella storia del mondo.

Fanno parte delle sette meraviglie del mondo, e sono state dichiarate patrimonio mondiale dell’umanità. Un museo d’arte da sole, che competono con gli istituti di arte moderna e contemporanea!

Potremmo anche citare le piramidi di Meidum, di Saqqara o di Dahshur, che costituiscono il patrimonio arabo, e che fanno del mondo musulmano il sagrato della cultura araba.

Il museo egizio del Cairo, la cultura araba a portata di mano

Il museo è un'emanazione del servizio egiziano delle antichità costituito dal governo nel 1835 nel tentativo di fermare l'esportazione selvaggia di reperti e manufatti. Una selezione non esaustiva delle costruzioni arabe da visitare!

Il museo del Cairo è uno dei più grandi musei del mondo consacrato all’Antichità egiziana.

Anche se le sue collezioni sono state create dal XIX secolo, questo edificio ha ricevuto più di un milione di visitatori nel corso del XX secolo.

Situato in Piazza Tahrir, nel cuore del Cairo moderno, è costruito su due piani ed è un gioiello della cultura araba.

Un museo ricco di tesori, interessante anche da osservare da un punto di vista architettonico, in piena transizione tra moderno e contemporaneo, ma lontano dallo stile rinascimentale nonostante tutto!

Conosci le parole di origine araba?

La città di Petra: la civiltà araba ai tempi d’oro

Situata in Giordania, questa meraviglia della Natura è spesso descritta come l’ottava meraviglia del mondo, che irraggia il mondo arabo musulmano attraverso il pianeta.

Questa località, la più visitata del paese, è costituita da immense rocce rosse e santuari, a più di 100 kilometri da ciò che siamo abituati a vedere. Un vero e proprio invito al viaggio tipico della storia del mondo.

Costruita con pietre tagliate dai Nabatei, Petra è un superbo esempio della ricchezza del mondo arabo, stabilita oltre 2000 anni fa, e dal carattere conquistatore di quest’ultima.

È opportuno ricordare che parallelamente esiste un parco archeologico, in cui è possibile godere del passaggio mozzafiato.

Non compreresti subito un biglietto aereo?

La Grande Moschea Sheikh Zayed, monumento arabo storico

Questa moschea è la nona più grande moschea del mondo, e la più grande degli Emirati Arabi Uniti.

La troviamo a Abu Dhabi, e il suo nome deriva dal primo Presidente degli Emirati Arabi Uniti, che chiese esplicitamente la costruzione di questo monumento.

Qui, tutto è grande, tutto è magistrale! Il lampadario è il più grande del mondo, ritroviamo il più grande tappeto artigianale del mondo, la struttura in marmo è la più grande del mondo, in breve, tutto è gigantesco, tutto è monumentale!

I lavori sono durati 12 anni (dal 1995 al 2007), per, infine, poter aprire al pubblico, contrariamente alle altre 200 moschee di Abu Dhabi.

Un simbolo orientalista diventato nazionale, ma anche un sinonimo di tolleranza e di apertura mentale, che mostra alla perfezione lo spirito dei paesi arabi e del mondo musulmano.

La città di Tiro, gioiello della cultura araba 

Le origini di Tiro risalgono all'età del bronzo Alla scoperta del Medio Oriente!

A 70km a sud di Beirut, nel Libano, si trova la città di Tiro. Una vera e propria fortezza, aveva un forte potere marittimo, in ragione della sua localizzazione sulla costa.

La città è stata dichiarata patrimonio dell’Unesco, in particolare per il suo porto fenicio, le sue mura e la sua necropoli.  Una ricerca del viaggio e della scoperta del mondo arabo? Tiro è ciò che fa per te!

Tale porto è inoltre famoso per la sua produzione di porpora. Sostanza colorata, era ricavata da una conchiglia e serviva per tingere i tessuti. Aggiunta all’eccellenza dei tessitori fenici, è anche diventata il simbolo della città.

Ti tatueresti un simbolo arabo?

La Moschea Blu di Istanbul, monumento arabo da non perdere

In Turchia, in piazza Sultanahmet, di fronte alla Basilica di Santa-Sofia, si trova la moschea più famosa di Istanbul da mille e una notte.

La Moschea Blu è chiamata così per le sue 20 000 piastrelle di maiolica blu utilizzate in occasione della sua costruzione, mostrando l’arte islamica al suo apice, molto simili agli azulejos!

Moschea a sei minareti, fu costruita all’inizio del XVII secolo per ordine del sultano Ahmet I, e fu il punto di partenza per i pellegrinaggi dell’Impero musulmano verso la Mecca.

Aneddoto: è l’unica moschea che si compone di sei minareti, dopo la moschea della Mecca. Per tale motivo, quest’ultima aggiunse un settimo minareto, per conservare il suo splendore e la sua superiorità nel mondo arabo musulmano, un piccolo segno di rivolta!

L’Istituto del mondo arabo: quando l’arte fa rima con la cultura

Questo monumento, che è anche e soprattutto un centro culturale parigino, ha un’architettura interessante, che gli conferisce la particolarità di creare un legame tra più mondi.

In effetti, è stato concepito da un gruppo di architetti (come Jean Nouvel), il cui obiettivo era di conciliare la cultura araba e la cultura occidentale. Un’ambizione lontana dal museo del Louvre o da molti altri musei a Parigi!

Simbolo della diversità, dell’arte islamica, suddiviso su quattro livelli, l’Istituto del mondo arabo è rapidamente diventato un simbolo parigino, nel cuore della Parigi storica. Emblema della lingua araba dei paesi arabi, del mondo musulmano, ma anche, più in generale, della storia del mondo.

Attraverso le esposizioni temporanee o un’esposizione permanente, si ha accesso all’arte moderna e contemporanea che può rappresentare il mondo arabo, a volte a tariffa ridotta. Situato sulla rive gauche, vicino al quartiere Mouffetard, è la via maestra per una visita a Parigi!

Situato nel 5° arrondissement parigino, nel quartiere latino, non lontano dal Jussieu e dal Panthéon, permette di girare Parigi circondati da un capolavoro della cultura. Un monumento da non perdere a due passi dal Giardino delle Piante!

La città dell’Alhambra: monumento spagnolo del mondo arabo!

Secondo alcune versioni il nome deriva dal colore rosato delle mura che circondavano l'Alhambra La natura in ciò che ha di meglio!

Anche conosciuta come la Città palaziale di Granada, l’Alhambra di Granada si situa in Andalusia, in cui l’arte islamica e il mondo arabo musulmano occidentale assumono pieno significato. Un viaggio nella Spagna andalusa è necessario, ad alcuni chilometri dalla Sierra Nevada!

Senza dubbio uno dei più bei monumenti spagnoli, questa città è il meglio dell’architettura islamica, lontano dai cliché del flamenco o dalla semplice voglia di visitare l’Andalusia!

Inclusa nel Patrimonio mondiale dell’Unesco, l’Alhambra di Granada fu edificata dalla dinastia araba dei Nasridi, che sono riusciti a conciliare l’arte islamica e la Spagna musulmana con successo.

Chiamata così grazie alle sue mura rosse (qa’lat al-Hamra’ significa Castello rosso), è stata costruita circondata da muraglie, e sovrasta tutta la regione spagnola. Ecco come avere le vertigini, di fronte a questa età d’oro dell’islamizzazione, simbolo dello splendore del mondo, a due passi dalla città andalusa di Granada.

Si parlava dell’Alhambra nel IX secolo, prima della costruzione del palazzo, o delle mura di cinta della città. Veri tesori architettonici nel sud della Spagna, immagine dell’età d’oro del mondo arabo occidentale e della dominazione della cultura araba.

Lontano da Toledo, Saragozza o Siviglia, un breve viaggio in Andalusia ti alletta! E perché non visitare la città di Granada nella stessa occasione?

Conosci altre città del mondo arabo?

La Medina di Marrakech, il mondo arabo in subbuglio

Come molte città del Marocco, Marrakech comprende una vecchia cittadina fortificata brulicante di venditori con le loro bancarelle (medina) Simbolo dell’effervescenza della cultura araba!

Nel quartiere storico della vecchia città araba di Marrakech, troviamo la famosa Medina. Quartiere quasi millenario, al quale si oppone spesso la vecchia città (Guéliz), si tratta di una parte essenziale della città, del Marocco, persino del Nord-Africa!

La Medina di Marrakech è anche la parte più turistica della città. Un vero e proprio labirinto, in cui convivono stradine, vicoli ciechi, bazar, riads. Ci si perde, ma l’atmosfera tipica di questi paesi arabi ci cattura rapidamente.

Questa parte della città, se è rappresentativa della cultura araba, è un vero e proprio centro nevralgico, fondato attorno alla Piazza Jemaa El Fna, in cui si trovano tutti i monumenti, tra moderno e contemporaneo.

Quartiere molto popolare, come una fortezza, ritroviamo luoghi più ricchi, segnati dalle attività turistiche e dai monumenti. Stabilisce la riconquista del mondo arabo musulmano, essendo diventato il simbolo della diversità e della cultura!

Un incredibile viaggio nel cuore di questa città così particolare, la cui atmosfera ci arricchirà di questa così bella cultura, conquistata da bei valori.

Ispahan, città monumentale dell’Iran

Questa antica capitale fortificata della Persia si situa al centro dell’Iran, nel sud di Teheran. Il suo nome significa Metà del mondo, questo la dice lunga!

Oggi, vi si sono istallate le industrie tessili, le acciaierie, che contrastano con il ritmo calmo della città iraniana. Ricca di alberi, quest’ultima è semplicemente un invito alla delicata scoperta del mondo arabo, del Vicino Oriente, e della penisola arabica in generale.

Edificata all’inizio del XVII secolo, Ispahan fa parte dei gioielli orientali del patrimonio iraniano che l’Impero musulmano ha come eredità!

Questi 10 monumenti emblematici dei paesi arabi ci mostrano quindi che la storia del mondo possiede una collezione monumentale di simboli, tra volte, arabeschi e altre muraglie.

Emblemi, simboli dell’apertura al mondo, in cui l’universo arabo musulmano si combina alla nostra epoca, e in cui la lingua araba è un acceleratore della scoperta, quasi come un museo d’arte, in cui si producono i più bei scambi culturali!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar