Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Potenziare l’ambitus nel canto lirico con un insegnante di canto

Di Martina, pubblicato il 23/07/2018 Blog > Musica > Canto > Imparare ad estendere la tessitura vocale con un corso di canto

Il vocabolario usato dai musicologi e dai melomani  può a volte sorprendere e disorientare…

I termini utilizzati dagli appassionati dell’opera italiana o francese sembrano di un ermetismo impenetrabile ai giovani fanatici della musica moderna, e viceversa.

Tuttavia, basterà solo qualche sforzo per allenare la propria voce e cogliere le principali nozioni dell’arte del canto.

Valore, potenza, volume, calore, coloratura, chiarezza: sono tutti termini, insieme ad altri, perfettamente familiari ai coristi di un coro o di un corale.

Oggi, soffermiamoci prevalentemente sulla nozione importante di tessitura vocale– possiamo anche parlare di ambitus.

In particolar modo, proviamo a rispondere a due domande poste da tutte le aspiranti dive dell’opera: si può espandere il campo della propria tessitura e, se è si, come?

Interrogativi particolarmente importanti anche in ambito della varietà o della musica moderna.

Cos’è la tessitura vocale?

Nell’universo armonico, i suoni prodotti dalle corde vocali umane sono matematicamente classificati in base alla loro frequenza.

Naturalmente, ogni voce umana è limitata e risponde in gran parte a dei criteri innati: la chirurgia non può produrre in nessun neofita, con uno schiocco di dita, una fonazione degna di un Luciano Pavarotti.

La tessitura rimanda semplicemente all’ampiezza delle ottave o, più precisamente, delle note che si possono emettere cantando.

Prima di acquisire virtuosità o agilità vocale, occorre dunque conoscere le tecniche di base del solfeggio, come se si volesse fare violoncello, oboe, corno, contrabasso, fisarmonica, clarinetto basso, tromba, chitarra elettrica, trombone o sassofono contralto.

Una lettura rapida vi sarà utile in più occasioni per sapere come cantare una determinata canzone.

Sarebbe perfetto essere impeccabili, in questo arco di tempo, prima di cantare come Kaufmann in I racconti di Hoffmann…

Prima di acquisire virtuosità o agilità vocale, occorre conoscere le tecniche di base del solfeggio Tecnica vocale | Prima di improvvisare bisogna sempre allenare regolarmente la propria tecnica| fonte : visualhunt.com

Partendo da tale presupposto, l’esperienza melodica ci mostra che una voce cambia nel corso della vita, specialmente in alcuni momenti importanti dell’esistenza come: la pubertà che è all’origine della voce grave, la menopausa che blocca il vibrato del sopracuto (questa potrebbe essere la ragione per la quale Natalie Dessay ha rinunciato a più di un ruolo da protagonista), ecc.

All’apice di una carriera (spesso tra i 25 e i 45 anni), trovare la propria voce e poi allenarla sono due aspetti che permettono di affermarsinel mondo dell’opera comica ampliando il proprio ambitus per interpretare dei ruoli inediti.

La regina della notte nel Il Flauto magico esige una piena padronanza della chiave di fa, come solo i tenori famosi possono brillare nel Trovatore di Giuseppe Verdi o nelle Nozze di Figaro di Mozart.

Perché non scoprire in un corso di canto online così tante nozioni importanti?

I principali tipi di tessitura

Logicamente, il genere umano essendo in modo complementare diviso tra Signore e Signori, la musicologia distingue le voci femminili dalle voci rauche maschili.

Distinguiamo diverse categorie tra queste due voci.

Dal più grave al più acuto, i maschi si differenziano per il loro timbro di voce e per la loro tessitura (l’estensione data è quella di base, ammettendo un’infinità di eccezioni):

  • la voce bassa, dal do1 al mi3 circa, essenziale per la polifonia, illustrata dal Don Pasqualedi Gaetano Donizetti;
  • il baritono, dal la1 al la3, come Marcello nella Bohèmedi Puccini;
  • il tenore, dal do2 al re4, al centro dei ruoli principali della ritmica sinfonica (cfr. Almaviva nel Il Barbiere di Siviglia di Rossini);
  • il controtenore, all’apice, come in più di un oratorio di Handel e nella musica barocca di Purcell (c’è qualcosa delle voci castrate).

la musicologia distingue le voci femminili dalle voci rauche maschili. Risonanza | Il canarino, soprano innato la cui voce di testa ci fa invidia| fonte: visualhunt.com

Ognuno di questi gruppi si suddivide in sottofamiglie specifiche (baritono-basso, contralto, ecc.), mentre Roberto Alagna e altri sono capaci di giocare con la voce senza emettere nessuna nota falsa.

Nello stesso ordine, troviamo nelle donne (nei castrati o nei bambini):

  • l’alto o contralto, una voce che va dal fa2 al fa4, sull’esempio di Erda nell’Oro del Reno di Wagner;
  • il mezzo-soprano, leggio sol2-si4, come Carmen di Bizet;
  • il soprano, dal do3 al do5, come Brunilde nel ciclo di Wagner.

Alcuni requisiti per cantare

Musicalmente, per avere successo, anche solo come cantante moderno, sarebbe meglio avere una bella voce– ciò difficilmente si impara.

Quindi, prendere dei corsi di solfeggio per imparare la musica o corsi di canto per bambini è consigliato: prima tra gli strumentisti, poi nel canto corale, con un vocal coach.

Il suo orecchio musicale deve essere super allenato, parallelamente allo studio dei grandi compositori di musica: Beethoven, Britten, Gluck, Gounod, Rameau, Vivaldi…

Potete accendere la vostra radio, o bussare alla porta delle cattedrali se amate la musica religiosa!

Imparare a cantare le note gravi Plácido Domingo a Salisburgo | Caruso e Bartoli cantanti di fama mondiale da conoscere | fonte: Christian Michelides (commons.wikimedia.org)

Essere intonati è una condizione indispensabile da rispettareprima di pensare di cambiare la propria voce.

Ciò richiede anche una dizione, una declamazione,un’elocuzione impeccabile, adatta a far vibrare, e di associare una respirazione addominale acusticamente e fisiologicamente padroneggiata da una voce di petto in buona e giusta forma.

Allenarsi a ben articolare, senza forzare, è altrettanto importante per la tragedia lirica come un’espirazione perfetta per l’impostazione della voce.

La muscolatura degli addominali e le apposite cavità nasali (curando la cartilagine) valgono l’aspetto fisiologico come l’orecchio assoluto per il maestro del sassofono soprano.

Inoltre, bisogna imparare ad avere una presenza scenica degna di nome e una tonalità musicale della stessa qualità.

Partendo da queste premesse, potreste lasciare lo studio di un cantante per intonare pubblicamente diversi motetti sotto la direzione di un direttore d’orchestra rinomato al Teatro alla Scala di Milano o all’Opéra national di Parigi.

C’è una bella differenza tra cantare do, re, mi in un’operetta in cui il recitativo occupa un posto di primo piano e lanciarsi nel Requiem o Lohengrin.In mezzo, troveremo l’opera buffa, come Orfeo.

Scoprite i nostri corsi di canto Clermont Ferrand!

Saper cantare le note più basse

In ogni arte, bisogna poter procedere con ordine.

Prima di cercare di raggiungere le note alte, bisogna consolidare i bassi:i gravi e i medi. Senza questi, sarebbe una catastrofe: avviso per gli impazienti, poiché non bisogna confondere la progressione con la precipitazione!

Andando troppo veloci, gli acuti saranno più brutti e fragili, e la vostra voce continuerà a cambiare, in peggio e non in meglio…

Bisogna infatti partire dalle «note-madri» per estendere la propria gamma vocale di ogni lato e diventare progressivamente capaci di prendere parte a una rappresentazione di una celebre Tetralogia.

Questi risultati progressivi sono complementari agli esercizi più classici.Un corso di canto può essere utile per mostrarveli.

La premessa, prima di una performance, resta il riscaldamento vocale: riscaldare la faringe, la cavità orale e tutto il resto vi eviterà molti inconvenienti, la modulazione della glottide e la tendenza a diventare afoni.

È opportuno bere molta acqua ed evitare i latticini, per non mettere in pericolo la glottide.

Esercizi per raggiungere l’acuto

Metronomo, corsi di canto, conoscenza della chiave di fa e di sol: sono tutti prerequisiti da assimilare tra tanti altri per correggere le cattive abitudini e vincere il premio di un concorso di canto.

L’estensione vocale è controllata dalla laringe, che deve sempre restare bassa; ciò è reso possibile grazie a delle decontrazioni.

Soprattutto, non portate in avanti la mascella, ciò equivale a forzare. Cantate restando rilassati, in particolare in chiave di sol!

Contemporaneamente, la respirazione intercostale bassa e un corpo ben dritto sono garanzia di sonorità acute riuscite, senza bemolle.

Allenare l’universo delle vocali è necessario, attorno ai fonemi dell’acronimo imperiale degli Asburgo: A.E.I.O.U. (“Austria est imperare orbi universo”).

In realtà sono le corde vocali ad allungarsi e tendersi senza separarsi; bisogna quindi allenarle e renderle più flessibili.

L’esercizio principale è di imitare una vocale “u” o “o” partendo dal vostro registro grave e risalendo di semi-tono in semi-tono, riproducendo sempre una volta la nota precedente – aiutatevi eventualmente con una tastiera, alla maniera di un pianista.

È importante cercare di sentire meglio le proprie corde vocali, il fenomeno vibratorio dei noduli è il cuore dell’intonazione tipica delle voci delle star.

Una variante, particolarmente raccomandata da Inga Cvetinskay, è “l’esercizio dell’ascensore”: qui, il suono trattenuto è quello di una r arrotata, e si sale in gamma in un solo colpo in modo continuo, prima di riscendere, per restare sintonizzati al diapason.

Questo esercizio vocale contribuisce ad alleggerire il vostro insieme vocale e permette di impostare la voce senza ricorrere a un ortofonista.

In tutti i casi, non esitate a farvi accompagnare da un esperto di risonatori vocali che sono le corde vocali e la testa per non perdere il vostro tempo e aspettare il do che voi desiderate…!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar