Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come migliorare la tua tecnica vocale con delle lezioni di canto?

Di Martina, pubblicato il 18/07/2018 Blog > Musica > Canto > Come Allenare la tua Voce con un Insegnante di Canto
  • « Rien n’est beau comme la voix humaine, quand elle est belle. »

[“ Niente è più bello di una voce umana, quando è bella”]

Laure Conan, À l’œuvre et à l’épreuve, 1891.

Avere una bella voce è in sé un’ottima cosa. È un dono innato che non tutti hanno, quindi tanto vale approfittarne e mostrarsene degno!

Sarebbe inoltre insensato e irresponsabile nascondere i tuoi talenti e non coltivarli… Hai bisogno, al contrario, di migliorare la tua voce grazie a un allenamento adeguato.

Arricchire il repertorio musicale, ampliare l’ambitus, migliorare la voce di testa e di petto, assimilare i diversi esercizi di respirazione, sono tutti suggerimenti che si riveleranno vincenti per chiunque speri di diventare un cantante lirico di rilievo. 

Facciamo qualche lezione di canto e vediamo ciò che potresti fare per acquisire una maggiore virtuosità e agilità

Tecnica vocale: top 10 degli esercizi

Anche con un talento d’oratore e di fonazione senza pari, non bisogna dormire sugli allori!

Esercitarsi sarà sempre necessario, in una scuola di musica o supervisionati da un insegnante di canto a domicilio, per perfezionare la tua tecnica vocale.

Chiunque dispone di una buona tecnica ha le proprie preferenze per imparare a cantare, ma è possibile stabilire una top 10 degli esercizi pratici per allenare la tua voce.

Nello studio di un cantante, la parola d’ordine deve essere: ripetere. E in tal senso, l’improvvisazione può essere pagata cara – per esempio con un abbassamento della voce…

Vediamo un modo efficace di procedere, elencando alcuni consigli  che ti faranno padroneggiare senza stonature il velopendulo giorno dopo giorno…

Per diventare un vero cantante devi allenarti ogni giorno. Per imparare a cantare bene non puoi tralasciare il solfeggio!

  1. Il riscaldamento non deve mai essere trascurato, poiché si rischia spesso di essere afoni o di avere una contrazione della glottide durante l’esibizione in pubblico. Il riscaldamento riguarda prima di tutto le corde vocali, parte propriamente strumentale dell’essere umano: fai i gorgheggi, a bocca chiusa in modo da evitare qualsiasi forzatura, dal grave all’acuto aiutandoti eventualmente con una tastiera. Non bisogna dimenticare di permettere il rilascio di tutti i risonatori e i muscoli annessi: glottide, laringe, faringe, diaframma, l’intero corpo… Picchietta le guance e le labbra, stimola le articolazioni.
  1. La respirazione e gli addominali vanno di pari passo. Impara a controllare la tua respirazione toracica abituale per privilegiare una respirazione ventrale. La cosa migliore, per sentirsi bene, è di stendersi appoggiando un libro sul petto: quest’ultimo non deve cadere quando si gonfia con forza il settore addominale dei polmoni.
  1. Far sentire la propria voce, non significa gridare. Ciò è essenziale in tutti i generi musicali, principalmente nella musica lirica. L’attività del perineo e degli addominali contribuisce ad accompagnare le sonorità più alte: è una pressione respiratoria constante che consente un tale volume, la “voce potente” – secondo la parola che si impiega spesso per indicare un basso-baritono o un tenore. Il rilascio dei muscoli stimolati dopo i vocalizzi causa inconsciamente e automaticamente un riflesso di recupero da parte del corpo umano di tutta l’aria utilizzata finora.
  1. Prendere consapevolezza della cavità nasale e capire dove passa il respiro. Canta alcune vocali tappandoti il naso: non c’è niente di meglio per testare la capacità e la recettività dei risonatori in un momento t.
  1. L’inizio di una canzone è parte essenziale della qualità complessiva della performance. Sono questi dettagli che fanno la differenza tra i giganti e i mediocri. Bisogna prendersi il tempo per analizzare musicalmente e fisiologicamente gli attacchi, ripetendo l’inizio della canzone tutte le volte che ci sono degli elementi da sottolineare – l’azione di un muscolo, lo studio di una posizione… Un professore (corsi di canto Napoli) ti aiuterà a correggere tutti gli eventuali difetti.
  1. La gestione dello stress permette di liberare la voce mista. È prima di tutto un lavoro muscolare per sciogliere e rendere flessibile la cosiddetta zona “OAA”, intorno alla cervicale. Ruotando la testa e portandola in avanti, il tuo inconscio provvederà a rilassare i numerosi piccoli muscoli coinvolti…
  1. Per avare una corretta intonazione, prenditi il tempo di pensare all’aria prima di cantare: le corde vocali si armonizzeranno con la tua mente.
  1. Molti cantanti moderni tendono a trascurare gli esercizi di articolazione, che sono parte integrante di tutta l’arte oratoria. Lavora questa qualità, se non altro per aumentare la tua autostima.
  1. La vocale è il cuore di tutta la modulazione della voce: ecco perché sono importanti i vocalizzi che attivano la faringe, la laringe e permettono una precisione vocale, senza compiere degli sforzi.
  1. 10.Assicurati di posizionare in modo corretto la lingua, spesso posizionata in alto. Sonorità come gno, gne e gni permettono di ritrovare una posizione ottimale.

Come aumentare la tua estensione vocale?

La parola estensione vocale non ti suona familiare?

Eppure indica una realtà musicale semplice e di importanza cruciale…

La tessitura è semplicemente l’ambitus, ovvero l’estensione delle note facilmente raggiunta da un singolo cantante, generalmente attraverso la voce di petto. 

Da qui la differenza tra la voce femminile di un mezzo-soprano e un contralto, e così via.

Gran parte di questa tessitura è innata, a seconda del sesso e dell’età – la menopausa è, ad esempio, terribile essendo la causa di blocco sugli acuti; mentre i castrati di Haendel erano più inclini al ruolo di controtenore …

Nel periodo natalizio numerose corali di tutte le età animeranno l'inverno nella tua città! Non è mai troppo tardi per imparare a cantare!

Allenandosi costantemente, è tuttavia possibile ampliare lo spettro vocale.

La cosa più importante è iniziare a padroneggiare i toni più gravi e medi per poi passare a quelli più alti.

Di norma, una nuova nota acuta è controllata in falsetto prima di essere convertita, attraverso una pratica regolare, in voce di petto.

Prima di essere un progresso mentale, è un miglioramento fisico: in qualche modo sono le tue corde vocali che sviluppano la muscolatura e possono contrarsi in un nuovo modo per emettere delle frequenze di suono inedite per te!

è uno dei tentativi più delicati, per questo non smetteremo mai di consigliarti di ricorrere a un insegnante professionale (corso canto Milanocorsi di canto Roma) per evitare di fare la cosa sbagliata.

Non mancano le eccezioni, timbri fuori dal comune: di Stefano, Callas, Pavarotti, Alagna e Natalie Dessay…

Scopri e allena il tuo timbro vocale

Il timbro vocale è un concetto più ampio della tessitura, che svolge una determinata funzione.

Il timbro vocale permette di distinguere la voce di un cantante fra tutte le altre   questo vale anche per gli strumenti musicali: il flauto dolce usato a scuola non è lo stesso usato dai professionisti, mentre uno Stradivari sarà sempre riconoscibile rispetto ai violini del supermercato…

Hai mai pensato di tentare la fortuna in un programma musicale? Essere intonati è il primo step di un cantante, ma non dimenticare l’espressività gestuale! Fonte: Wikimedia Commons

Scoprire il tuo timbro, ti permette prima di tutto di essere te stesso e dare libero sfogo alla tua personalità – mentre il gioco scenico deve favorire gli elementi strettamente musicali.

Puoi allenare Il timbro di voce anche attraverso l’estensione del tuo ambitus e migliorarlo attraverso un allenamento assiduo e quotidiano: l’appetito vien mangiando, e una bella voce si forgia cantando!

Spesso lo dimentichiamo, ma la respirazione gioca il suo ruolo per mettere in risalto un timbro di voce: lo rende più chiaro, costante e vibrante…

Una volta che tutti gli aspetti di questo prisma, che è la voce umana, sono stati presi in considerazione e migliorati, le tue corde vocali potranno rivelare la loro ricchezza difronte al tuo pubblico… ma anche per il tuo grande piacere, e una soddisfazione senza eguali!

I nostri consigli per impostare la voce!

Una voce ben impostata è un’arma indispensabile per un futuro cantante!

L’impostazione della voce permette in effetti di evitare di affaticare le corde vocali, di poter destreggiarsi in tutta tranquillità tra i suoni acuti e gravi e di dimostrare la propria ricchezza vocale, soprattutto in occasione di un concorso o un’audizione di canto. Con un’impostazione corretta della voce, sarai sicuro di impressionare la giuria di una scuola di canto!

Tuttavia, per quanto indispensabile all’apprendista cantante, l’impostazione della voce è ancora poco controllata dai principianti. Per quest’ultimi, il cantante Prince resta un maestro da seguire, un’artista internazionale che è stato capace di passare dai toni acuti a quelli più gravi senza nessuna difficoltà né trilli durante i suoi concerti live.

Per cantare come un futuro Prince, l’allievo può ricorrere a diversi consigli:

  • Allenarsi regolarmente con o senza un professore di canto,
  • Restare idratato durante tutto il riscaldamento,
  • Rilassare i muscoli del viso,
  • Prendersi il tempo di respirare tranquillamente,
  • Allenare petto, spalle e diaframma oltre alla voce,
  • Acquistare materiale per il canto adatto ai propri obbiettivi canori.

Negli accessori da considerare, si può in particolare tener presente il vocoder, ideale per imparare ad essere intonati. Ma nessun accessorio sostituirà l’allenamento: l’impostazione della voce si acquisisce principalmente attraverso la motivazione e la regolarità delle lezioni. 

Solamente con qualche lezione di canto con un professionista, sarai in grado di impostare la voce senza battere ciglio!

Come allenare la tua voce ogni giorno?

Non è cantando sotto la doccia che si diventa una pop star, finendo in prima pagina su Closer

Per esempio, puoi migliorare prendendo dei corsi di canto online

Allenare la voce è un esercizio quotidiano, per perferzionarsi senza mai regredire o fermarsi.

Bisogna però tener presente diverse regole per non compromettere la tua faringe.

Cantare può aiutarti a farti ascoltare quando parlerai in pubblico. Sapevi che il canto gregoriano nasce nell’VIII secolo? Fonte: i.vimeocdn.com

Sappi che le corde vocali hanno bisogno di almeno 7 ore di riposo assoluto per recuperare tutte le loro capacità.

Inoltre, sollecitarle troppo può danneggiarle più o meno a lungo termine, con molti inconvenienti per una carriera – la chirurgia ha fatto dei progressi (un esempio sono molti cantanti famosi e imitatori), ma è costosa e c’è sempre la possibilità di qualche rischio, sottili come sono….

Per prendersi cura della gola, bisogna inoltre evitare tutti quegli alimenti che la possono irritare: bibite gassate, latticini, tabacco, alcool…

Per il resto e per avere un vantaggio, non c’è niente di meglio di mettere in pratica tutto o una parte dei 10 esercizi vocali che abbiamo brevemente presentato all’inizio del nostro articolo e di prendere lezioni di canto con un prof.

Quest’ultimo vi aiuterà a prestare attenzione sia alla forma fisica che alla personalità strettamente musicale dell’arte del canto.

Bisogna curare i minimi dettagli se si vuole lanciare la propria carriera – anche la comunicazione sui media e sui social network ha la sua importanza, ma questo potrebbe essere l’argomento di un intero articolo, persino di una tesi di dottorato!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 3,75 su 5 per 4 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar