Quando si è malati, niente è più forte della voglia di guarire

Jean Giono (1895 - 1970)

I cantanti lo sanno bene: la perdita della voce, la voce bassa, l’infiammazione della gola o della laringe, la laringite cronica, l’affaticamento delle corde vocali, la tossa e il più banale mal di gola sono ciò che di peggio può succedere

Quanti cantanti tra gli insegnanti? I professori di canto e i cantanti sono, come tutti gli insegnanti impegnati a parlare per ore tutti i giorni, molto sensibili ai problemi di voce.

Ecco una mini guida per prenderti cura della tua voce.

Marcella
Marcella
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (14) 25€/h
Prima lezione offerta!
Annachiara
Annachiara
Insegnante di Canto
4.92 4.92 (13) 30€/h
Prima lezione offerta!
Selena
Selena
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (9) 35€/h
Prima lezione offerta!
Bruno
Bruno
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (6) 15€/h
Prima lezione offerta!
Aria
Aria
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (2) 20€/h
Prima lezione offerta!
Kristýna
Kristýna
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (8) 19€/h
Prima lezione offerta!
Valentina
Valentina
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (26) 20€/h
Prima lezione offerta!
Hannah
Hannah
Insegnante di Canto
5.00 5.00 (4) 40€/h
Prima lezione offerta!

Esistono i rimedi all’abbassamento di voce?

In qualsiasi stagione, è fortemente consigliato scaldare ogni corda vocale prima di iniziare a cantare.
Forse avrei dovuto scaldare meglio la mia voce!

Utilizzare la tua voce in modo eccessivo può causarti dei gravi problemi, permanenti o meno, alle corde vocali, alla regione della faringe e della laringe.

Eh già, la voce è uno strumento di musica a corde che deve essere curato nel dettaglio, perché cantare senza tecnica vocale è un rischio per la voce.

L’affaticamento vocale ha come conseguenza, spesso, la perdita della voce o l’acquisizione di un timbro roco; accade, in particolare, quando il cantante non ha una tecnica vocale corretta.

L’affaticamento è uno dei rischi maggiori di modifica della voce per il cantante principiante, perché egli addotta un cattivo atteggiamento fonatorio, sforza sulla propria voce e provoca un affaticamento vocale, senza accorgersene.

La vibrazione delle corde vocali è resa allora più difficile e se non fai riposare la voce, dei noduli e dei polipi possono apparire sulla corda vocale destra o sinistra.

Questo è il primo sintomo della laringite cronica, che deriva da un’infiammazione delle corde vocali stesse. Anziché continuare a cantare, sarà allora necessario adottare una rieducazione ortofonica, dei corsi di canto e /o una visita presso un foniatra o uno specialista in otorinolaringoiatria.

Una lesione non trattata può provocare quello che si chiama disfonia: un’irritazione generalizzate delle mucose, inizialmente benigna, che potrebbe dare dei problemi di fonazione molto più gravi.

L’alterazione della voce può essere causata da molteplici fattori:

  • Lo stile di vita: tabagismo, consumo elevato di caffè, alcol, droghe, mancanza di sonno, stress, cattiva respirazione, cattiva postura corporale, mancanza di idratazione, …;
  • Gli scarti di temperatura: proteggiti dai colpi di freddo con una sciarpa, consuma del miele, delle caramelle all’eucalipto e profuma l’ambiente in cui vivi con olio essenziale di timo, durante l’inverno; nella mezza stagione usa regolarmente un foulard;
  • Un consumo eccessivo di antibiotici o di medicinali, che possono avere l’infiammazione come effetto indesiderato;
  • Le allergie legate all’inquinamento o al polline;
  • Le crisi di asma;
  • I problemi di respirazione (infezioni polmonari, bronchite, infezioni batteriche o virali dei polmoni, …);
  • Reflusso gastro esofageo;
  • Gonfiamento della gola, …

A volte, lo stesso ritmo di vita sfrenato dei cantanti può essere all’origine di problemi alla voce, di afonia o disfonia: le tournée, le interviste, la mancanza di riposo mettono l’artista in un circolo vizioso, che aggrava la salute dei muscoli vocali.

La top 10 dei consigli per chi è a rischio raucedine

Attenzione a non esagerare con le quantità, tuttavia: si tratta di un alimento estremamente dolce e potrebbe dare effetti indesiderati.
Il miele è uno dei rimedi naturali per le infiammazioni delle corde vocali!

Allora, come puoi fare per prenderti cura della tua voce, se sei un cantante? Ecco dieci consigli pensati appositamente per te.

Prima di apprestarti ad interpretare qualsiasi brano, scalda la tua voce con dei piccoli esercizi vocali, in modo da scaldare ogni singola corda.

Questo preparerà la voce ad uno sforzo più intenso, come un concerto, ad esempio!

Secondo consiglio: un buon sonno!

Un individuo affaticato è una persona che esercita uno sforzo eccessivo sulle proprie corde vocali.

Devi dormire bene, per permettere alle corde vocali di riposarsi prima di ogni sforzo. Un sonno di brutta qualità o insufficiente può portare alla raucedine o alla spiacevole sensazione di avere una voce spenta.

Terzo consiglio, devi adottare un buon schema posturale del corpo, per liberare i polmoni, la respirazione con la pancia e gli addominali. Devi, dunque, tenerti ben dritto, con i piedi alla larghezza del bacino, il bacino nell’asse della colonna vertebrale, le mani aperte e le spalle rilassate.

Devi cercare di ridurre al minimo le tensioni muscolari del corpo, per avere una voce potente e fluida.

Dovresti fare sport in modo regolare: questo ti aiuterà a sviluppare il fiato, fondamentale per il cantante e la sua durata vocale.

Durante l’attività fisica, il corpo consuma un surplus di ossigeno, per fornire ai muscoli l’energia necessaria alla produzione dello sforzo e per limitare la produzione dell’acido lattico nei tessuti muscolari.

Più migliori il fiato, migliore sarà l’impatto sul canto.

Altri consigli? Ecco una piccola lista:

  • Smetti di fumare: i fumatori rischiano malattie mortali (cancro al polmone, cancro alla laringe, cancro alla gola);
  • Riposa la voce per ridurre la tensione dei muscoli dell’apparato respiratorio e della laringe;
  • Proteggiti dai colpi di freddo;
  • Smetti di parlare: il silenzio è uno dei rimedi migliori per riposare e prendersi cura della propria voce;
  • Smetti di cantare in caso di dolori infiammatori persistenti: mal di gola, irritazione delle vie respiratorie, infezioni virali, allergia, …
  • Consulta un otorinolaringoiatra o un foniatra, se i problemi alla voce persistono per oltre 7 giorni.

Il foniatra è abilitato a praticare un piccolo intervento chirurgico in caso di infiammazione benigna. Se sono, invece, diagnosticati dei problemi ben più gravi, dovrai forse passare da un altro tipo di intervento e da una cura specifica.

L’afono e la rieducazione della voce per il canto

I cantanti, professori di canto e anche gli insegnanti possono avere bisogno di fare degli esercizi di rieducazione vocale, soprattutto in caso di affaticamento delle corde vocali.

Soffiando aria dentro la cannuccia ed emettendo dei suoni, potrai attenuare dolori e fastidi alla gola e alle corde vocali.
La tecnica della cannuccia, una ginnastica vocale piuttosto facile!

Se il riposo vocale non è stato sufficiente per ritrovare la voce, potresti provare con altri esercizi, fondamentali per rieducare lo strumento del tuo lavoro o della tua passione.

Non ti prescrivere da solo i farmaci: potrebbe essere pericoloso!

Puoi, invece, ingerire delle caramelle alla liquirizia o all’eucalipto, puoi bere delle tisane, del succo di limone per agire contro la tosse, puoi aggiungere un cucchiaino di miele nelle tazze di latte o nelle tazzine di caffè, …

Fai sempre attenzione ai prodotti farmaceutici a base di cortisone e a tutti i corticoidi, che possono avere degli effetti secondari, se la posologia dovesse essere inadatta al tuo specifico problema di voce.

Per ritrovare la voce, potresti provare l’esercizio della cannuccia. Consiste nel far passare la propria voce dall’alto verso il basso e viceversa, emettendo il suono all’interno di una cannuccia. Le note dovranno essere emesse ad un volume piuttosto alto.

In questo modo, dovresti riuscire a recuperare la voce, senza aumentare l’infiammazione della gola.

Ecco altri due esercizi da fare in caso di disfonia e di  difficoltà a cantare:

  • La fricativa labiodentale sonora: pronunciala lettera “V” con energia, fai dei su e giù sulla tessitura della voce, contrai gli addominali durante l’espirazione, rilassa la tensione durante l’inspirazione;
  • L’esercizio delle “M”: tieni la nota, ascoltando le vibrazioni attorno al naso, poi pronuncia la “i” (con vibrazione dietro i denti), poi ancora “u” (vibrazione sulle labbra).

Sfortunatamente, gli esercizi per rilassare la pressione sull’epiglottide non funzionano sempre: forse c’è qualcosa di più profondo.

Chi rimane senza voce dovrebbe consultare un foniatra?

Se gli uomini sapessero cautelarsi come gli animali, il mal di gola non colpirebbe così spesso i cantanti e non solo.
Ma lui non ha mai mal di gola?

Se il tuo problema alla voce dura più di una settimana, devi assolutamente contattare un foniatra. Chi è un foniatra? Si tratta di uno specialista, competente nel trattamento dei problemi della parola, del linguaggio della comunicazione.

Si occupa della voce, della parola, del linguaggio, dei problemi di deglutizione e di udito. In quanto medico, può stabilire una diagnosi, emettere delle ricette, proporre un trattamento individualizzato. Spesso è specializzato in otorinolaringoiatria, il che gli consente di trattare anche i problemi legati alle vie respiratorie superiori (naso, bocca, gola).

Ecco i casi in cui è consigliabile consultare questo specialista:

  • Affaticamento vocale
  • Afonia
  • Alterazione delle corde vocali
  • Paralisi della curva vocale,
  • Tosse cronica
  • Voce bassa
  • Reazioni allergiche
  • Perdita della voce
  • Difficoltà a riprodurre suoni acuti
  • Rigonfiamenti nella gola
  • Prurito e dolori alla laringe.

Il medico potrà effettuare – a seconda dei casi – una laringoscopia, per osservare le condizioni delle corde vocali.

Per fare questo, posiziona una luce sulla fronte e introduce uno specchietto in fondo alla gola.

Se il problema non è grave, prescriverà un semplice periodo di riposo delle corde vocali.

Il foniatra consiglierà allora al paziente quali rimedi naturali utilizzare per curarsi: tisane, decotti, inalazioni, umidificazione dell’aria con un vaporizzatore, ecc.

Nel caso in cui il problema abbia invece delle origini più gravi, potrebbe essere il caso di intervenire con un’ablazione di un polipo o di un nodulo.

Ovvio, poi, che non è necessario attendere di essere malati per cercare un rimedio ad un fastidio, più o meno intenso, più o meno piccolo. Se fai parte degli studenti di canto, dovresti sottoporti ad una visita di tanto in tanto, per tenere monitorate le condizioni delle tue corde vocali e della tua gola, in generale.

Ora che hai intrapreso il percorso di cantante – per passione o per professione – prenderti cura di te stesso e delle tue corde vocali è fondamentale.

Bisogno di un insegnante di Canto?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura