“Esistere, è osare gettarsi nel mondo.” Simone de Beauvoir (1908-1986)

Ti è già capitato di essere su di giri prima di una serata in discoteca, immaginando che avresti infiammato la pista da ballo col tuo senso del ritmo e con le tue mosse uniche, per poi ritrovarti seduto/a in un angolo, paralizzato/a dalla paura di ballare in pubblico?

Non è facile lasciarsi andare quando non si sa ballare bene, quando i nostri complessi o la nostra timidezza ci prendono il sopravvento. 

Un tempo clandestine e illegali, le discoteche sono diventate popolari con l’avvento dello stile disco negli anni 70’. Oggigiorno il numero delle discoteche è aumentato in tutta Italia, ed è pratica comune per tutti i ragazzi e le ragazze concedersi qualche ora di svago ogni tanto sulle piste da ballo.

Conoscere qualche passo di danza può anche rivelarsi utile durante i numerosi festival musicali estivi, nelle sagre in cui si suona musica dal vivo e ai concerti.

Con le vacanze e l’estate, le occasioni di ballare in un club, ma anche durante un concerto sono molte. È giunta l'ora di superare la propria timidezza e guadagnare fiducia in sé stessi, imparando a muoversi al ritmo di musica sulla pista da ballo.

Ecco a te una lista di consigli e dei migliori stili di danza da ballare quando cala la notte, perché tutti meritiamo di liberare il ballerino o la ballerina che c'è in noi scatenandoci fino all'alba! 

Come ballare bene in discoteca con le lezioni di danza

Non è necessario essere ballerini professionisti per ballare, basta semplicemente avere la voglia e la motivazione necessaria per imparare i movimenti di base per infiammare la pista nelle discoteche e nei nightclub, muovendo il proprio corpo senza vergogna!

La danza non è solo uno sport, ma una pratica artistica a tutti gli effetti.
Ballare è un'ottima attività per il corpo e la mente, e ci permette inoltre di esprimere le nostre emozioni.

Ballare tutta la notte a ritmo di musica latina, valzer, tango argentino, swing, salsa portoricana e cubana, boogie woogie, musica di bollywood, ecc., è per molte persone un ottimo modo per sfogare lo stress, per sbarazzarsi dell'ansia accumulata durante la settimana, bruciare un po' di calorie e divertirsi con gli amici.

Per imparare a ballare a un certo livello, è necessario frequentare lezioni di danza in una scuola di danza o trovare un insegnante privato di ballo che potrà darti consigli preziosi per migliorare la tua tecnica, la coordinazione del tuo corpo e il tuo senso del ritmo.

Qualunque sia lo stile di danza che desideri imparare (danza hip-hop, danza contemporanea, salsa, bachata, paso doble, rock n’roll, slow, ecc.), un corso di danza avrà effetti positivi sul tuo modo di muoverti in serata.

Sentirsi a proprio agio quando si balla è un fattore davvero importante se si vuole approfittare al 100% del momento, senza provare imbarazzo o disagio. Quanto più riuscirai ad avanzare nelle lezioni di danza, tanto più potrai scatenarti sulla pista senza preoccuparti di fare brutta figura, utilizzando la danza come vera e proprio valvola di sfogo contro lo stress.

Ti piacerebbe capire come ballare in discoteca? Non esiste ovviamente una soluzione universale, tutto dipende dal tipo di locale che frequenti e dal genere di musica che ascolti. Online puoi trovare tantissimi tutorial video che ti spiegano i passi di base per ogni stile di danza, ma se vuoi raggiungere un livello più avanzato, ti consigliamo davvero le lezioni di danza private o in piccoli gruppi.

La prima cosa che si impara in una lezione di danza, è sentire la musica e concentrarsi sul ritmo. Si tratta di un primo passo fondamentale per ballare senza pensieri in pubblico.

Non andare fuori tempo e conoscere le leggi più basilari del movimento, questi sono gli ingredienti base per sentirsi a proprio agio sulla pista da ballo. Non è necessario imparare passi complicati o acrobazie, movimenti semplici ma ben seguiti sono più che sufficienti. In fondo, il tuo obiettivo è divertirti, non certo vincere una medaglia!

È anche possibile imparare a ballare da autodidatta a casa propria o mettere in pratica quanto appreso in una lezione privata a domicilio.

Di fronte allo specchio, possiamo ascoltare le nostre canzoni preferite e ispirarci ai video tutorial disponibili online per ripetere alcuni passi semplici.

Non esitare a organizzare delle lezioni per imparare a ballare insieme ai tuoi amici. Ad esempio, il sabato sera, puoi trasformare il salotto in una pista da ballo, o allenarti in vista dell’addio al celibato o al nubilato di un amico o un'amica.

Ricorda di effettuare sempre un po' di riscaldamento prima di ballare: la danza è a tutti gli effetti una pratica sportiva, ed effettuare uno sforzo troppo grande troppo in fretta può comportare seri problemi. Se sei in discoteca, inizia a muoverti poco a poco e a sciogliere i muscoli prima di scatenarti a tutti gli effetti.

Non sei tipo/a da discoteca? Prendi lezioni di danza classica con un superprofessore!

Preparare il corpo e la mente per ballare bene in discoteca

La danza è spesso un mezzo di espressione corporeo per esprimere la propria sensualità e il proprio stato d'animo. Oltre alla preparazione fisica dei muscoli, un buon ballerino o ballerina è una persona dalla spiccata sensibilità, capace di trasformare le proprie emozioni in movimenti, rispettando al contempo la cadenza della musica.

Mantieniti in forma con la danza!
Ballare per tutta la notte può essere stancante: ricorda di concederti il dovuto riposo prima e dopo!

Non occorre però inventare nuovi modi di muoversi: basta saper far propri i movimenti codificati di una danza esistente per appropriarsene e dare loro un significato e una forma estremamente personali.

Puoi imparare un ballo da sala sensuale, ad esempio, per utilizzare i movimenti in occasione di una serata in discoteca. Stiamo parlando ad esempio del tango, della samba e della salsa, danze latinoamericane che richiedono un buon livello di coordinazione e di sintonia con il proprio corpo. Oppure la danza del ventre, la celebre danza mediorientale capace di sfruttare a pieno la sensualità del corpo.

Per poter ballare bene in discoteca, puoi allenarti a casa creando una playlist delle canzoni che più ti piacciono. Pensa a canzoni con un ritmo forte che incitano a scuotere la testa e i fianchi e a tenere il tempo con il piede. Assicurati anche di trovare lo spazio giusto: sarebbe un peccato rinunciare alla serata perché ti sei fatto/a male sbattendo il piede contro un mobile.

Quando balliamo in un night club al centro della folla, tutti gli occhi sono puntati su di noi. Nella frenesia del momento, possiamo sopravvalutare le nostre capacità fisiche e accorgerci all'improvviso che non abbiamo più energie, trovandoci obbligati a lasciare la pista da ballo e tornare a casa.

Per evitare questo inconveniente, ti consigliamo prima di tutto di fare pause frequenti, anche se non avverti del tutto la stanchezza, e in secondo luogo di esercitarti, poiché solo una pratica regolare aiuta ad aumentare la propria resistenza.

In fondo, stiamo pur sempre parlando di prestazione sportiva, con tutte le conseguenze negative che può generare: gambe pesanti, formicolio ai polpacci, mal di schiena... Questi dolori non si manifestano, o comunque si manifestano molto più di rado, in chi pratica la danza regolarmente.

Integrare la danza nella tua agenda ti aiuterà a stimolare i muscoli del corpo e a rinforzarli.

E se trasformassi la danza in una componente fondamentale della tua routine?

Cerca di ballare il più possibile, che sia durante le serate a tema, ai concerti o in casa da solo. 

A casa, puoi rivisitare i movimenti di un ballo per un intervallo di tempo di 20-30 minuti al giorno.

Contrariamente a ciò che potremmo credere, ballare è un’attività fisica eccellente per il cuore e il sistema respiratorio. Alcuni stili di danza tendono però ad essere meno benefici per i muscoli lombari e dorsali, motivo per cui è consigliato indossare una guaina.

La sensazione di benessere è un vettore della sensualità: chiunque si senta bene nel proprio corpo, indipendentemente dall'aspetto di quest'ultimo, diventa più sicuro/a di sé, più grazioso/a, e queste caratteristiche si trasmettono facilmente a chi lo/la circonda.

Ti piacerebbe scoprire nuove culture? Prova le lezioni danza del ventre!

Come ballare in discoteca: quali sono gli stili di danza migliori per scatenarsi nei nightclub?

Non esiste una risposta semplice a questa domanda, poiché tutti gli stili hanno oggigiorno i propri spazi. A seconda delle discoteche che frequentiamo, potremmo trovarci a ballare su diversi stili musicali: house, rock, electro, techno, musiche latine, africane, rap, raggaeton, ecc. Viceversa, lo stile di danza che ci interessa di più potrebbe determinare il genere di club in cui andiamo a ballare.

Tuttavia, è innegabile che tra gli stili di danza più in voga tra i giovani, la maggior parte rientri nella categoria delle urban dance.

Sulla pista da ballo potrai mettere in pratica ciò che avrai imparato a lezione.
Impara le basi della danza nei corsi di hip hop e sfoggia le tue mosse in discoteca!

Le danze urbane sono stili di danza nati per strada in diverse parti del mondo. Sebbene molti di questi, come l'hip hop o la break dance siano ormai entrati a far parte degli insegnamenti accademici delle scuole di danza, tutti conservano uno spirito ribelle.

Ne troviamo molti che seguono le correnti musicali di ogni epoca. Gli stili di danza praticati nei locali seguono tali evoluzioni, e non è raro che vecchi stili che si credevano dimenticati ritornino di moda all'improvviso.

Se hai già un buon senso del ritmo e ami ballare, ecco alcuni tipi di danza urbana che possono ispirarti per scatenarti nei tuoi nightclub preferiti e trovare il tuo stile.

Ricorda che non devi necessariamente imparare un’intera coreografia, alcuni passi sono più che sufficienti per arricchire il tuo stile di danza!

Come ballare bene in discoteca: l’hip-hop

L’hip hop è considerato la street dance per eccellenza. Amato da ragazzi e ragazze in tutto il mondo, l'hip hop ha sviluppato negli anni una lunga serie di sottostili e movimenti che potrai facilmente inserire nelle tue coreografie:

  • Il popping: caratterizzato da movimenti a scatti molto atipici, il popping è nato negli anni 70’ negli Stati Uniti e ha continuato ad evolversi fino agli anni 80’. Tra i movimenti di questo stile di danza, troviamo il robotting, il boogaloo, o il floating,
  • Il locking: danza caratterizzata da movimenti molto rapidi e precisi, e anche da posizioni comiche,
  • La Hype: attualmente molto di tendenza, la hype è una danza ritmata che ha fatto la sua comparsa negli anni 80’ e 90’. È stata resa popolare da MC Hammer e il suo famoso successo “Can’t touch this”.
  • Il Krump: apparso alla fine degli anni 90’ a Los Angeles, questo stile di danza è caratterizzato da movimenti aggressivi, come una reazione pacifica alla violenza attraverso la danza. Resa popolare nel 2005 da Rize, il documentario di David Lachapelle, ritroviamo il krump anche nei videoclip dei Prodigy o di Christina Aguilera.

Anche i più piccoli possono imparare passi di danza, grazie ai corsi di danza per bambini!

Come ballare la techno: lo shuffle

Danza da rave e discoteca creata alla fine degli anni 80’, lo shuffle si balla generalmente sulla musica elettronica ed è caratterizzato da movimenti rapidi e oscillazioni tallone-punta.

Nel 2009, il videoclip "Party Rock Anthem" di LMFAO segna la rinascita dello shuffle.

I due passi principali da padroneggiare per imparare a ballare lo shuffle sono:

  • Il T Step: spostamento laterale ottenuto coordinando i piedi mentre effettuano movimenti distinti,
  • Il running man: un passo che sembra sfidare le leggi della fisica dando l’impressone che la persona che lo effettua stia correndo sul posto.

Ballo da discoteca: il voguing

Nato nei celebri "ball" della comunità lgbt+ newyorkese alla fine degli anni 70’, il voguing consiste nell’assumere delle pose ballando. La danza si ispirata alle posizione assunte dalle modelle nella fotografia di moda, e prende il suo nome dalla celebre rivista Vogue.

Il voguing è ancora oggi di moda nel mondo queer ma non solo, con in particolare alcuni artisti emblematici come Little Dragons o Kiddy Smile. Questo stile di danza è stato ripreso negli anni da numerosi artisti internazionale, tra cui Madonna, che ne fece una celebre hit negli anni '90.

Come si balla in discoteca: altri esempi di danze urbane

Nel corso dei decenni, gli stili di danza sviluppatisi in ogni dove sono diventati talmente numerosi che sarebbe impossibile per noi elencarli tutti. Senza pretendere di essere esaustivi, abbiamo comunque deciso di presentare alcune delle danze più popolari sulle piste da ballo negli ultimi anni. Vediamole assieme!

La danza è un linguaggio universale.
Quando balli in discoteca assicurati di avere lo spazio necessario intorno a te prima di scatenarti!

Il videostyle

Questa danza è strettamente legata all’hip-hop, ma si distinge per l’utilizzo di uno stile più sexy e "femminile", che consiste nel valorizzare il corpo della donna per conferirle più sensualità rispetto alla danza rap.

Il videostyle è stato creato per le future semi-professioniste e professioniste della danza, e non è certo tra gli stili più facili da ballare, ma con un po' di pratica riuscirai a padroneggiarlo.

Il waacking

Ballo tipico dei club omosessuali della costa ovest degli Stati Uniti, il waacking si compone di movimenti di braccia e mani complessi che creano una combinazione di sensualità e forza, utilizzando il corpo come strumento che definisce la musica.

Questo stile si situa tra la danza urbana – street dance in inglese – e l’hip-hop.

Il waacking è nato negli anni 70’ sotto l’impulso della cultura afro-americana, ispirandosi alla musica funk e disco. Inizialmente è stata concepita come una danza praticata dagli uomini che cercavano di imitare la sensualità delle danze tradizionalmente considerate femminili.

La Break dance

Talvolta chiamata anche breakdancing, questa danza è nata da un'idea del DJ newyorkese Cool Herc.

Si tratta di una danza è caratterizzata dall’aspetto acrobatico delle sue figure a terra. 

La pratica dei b-boys et delle b-girls – nome attribuito ai praticanti della breakdance – si organizza sulla base di gare sportive, con dimostrazioni di giochi di piedi e movimenti di potenza, di combattimento per affermare il proprio stile. Si tratta di uno stile che può mettere a dura prova il corpo e richiede un certo livello di preparazione. Se sei un principiante assoluto, di consigliamo di iniziare da qualcosa di più semplice.

I nostri consigli per ballare bene in discoteca

Se per molte persone si tratta semplicemente di luoghi in cui divertirsi senza pensare ad altro, le discoteche rappresentano anche un luogo di incontro, in cui molti e molte di noi cercano di mettere alla prova la propria abilità di seduzione.

Ricorda che l'obiettivo principale di una serata in discoteca è quello di divertirsi!
Non è necessario essere dancing queen/king per scatenarsi in discoteca!

Ma le discoteche possono anche rivelarsi uno spazio unico per guadagnare fiducia in se stessi/e e scoprire il proprio potenziale e l'amore per il proprio corpo.

Ecco per i nostri lettori alcune chiavi per sopravvivere in discoteca rispettando le leggi implicite del luogo e traendo il meglio dal tempo trascorso sulla pista a ballare!

  • L’outfit: privilegiare una tenuta comoda, in cui ci si sente a proprio agio, ma che abbia un minimo di stile. L’accesso sarà vietato a chiuque usi una tenuta da jogging, ma ballare tutta sera in tacchi alti o con pantaloni slim che non lasciano spazio alla pelle per respirare può rivelarsi davvero sgradevole,
  • Il deodorante: una questione di amor proprio e di rispetto per gli altri. Scatenandosi sulla pista da ballo è probabile che si sudi, e la vicinanza con le altre persone in discoteca potrebbe trasformarsi in un incubo se l'odore del tuo sudore o di quello di chi balla vicino a te dovesse farsi troppo forte. E per ritornare al punto precedente: evita i materiali sintetici!
  • Il consenso non è un optional: hai puntato una ragazza che ti affascina e vorresti provare a sedurla? Nulla ti impedisce di rivolgerle la parola, ma se si dovesse mostrare disinteressata o dovesse respingerti in modo implicito o esplicito, non diventare insistente e lasciala in pace,
  • Rispettare lo spazio altrui: sei li per ballare, ma attenzione, la pista non ti appartiene. Impara a controllare i tuoi movimenti e spostamenti tenendo conto delle altre persone,
  • Essere ragionevole sulle bevande alcoliche: hai bisogno di bere un piccolo bicchiere per rilassarti? Non abusare. Se pensi di ballare meglio dopo qualche drink, rischi di essere sorpreso dal risultato. Basta osservare i ballerini ubriachi sulla pista per renderti conto che non è una buona idea,
  • Sorridere e divertirsi: è l’ultimo ma il miglior consiglio. Approfitta delle serate, divertiti e dimentica gli sguardi altrui. In ogni modo, è scuro in discoteca, quindi se non balli perfettamente, non si noterà. Al contrario se sorridi, farà la differenza!

Non dimenticare, in discoteca, è il primo passo più difficile. Una volta che ti sarai lanciato/a, non potrai più fermarti! La danza è anche uno stato d’animo… Guadagna fiducia in te stesso/a e goditi il momento.

Bisogno di un insegnante di Danza?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Martina

Amo viaggiare e studiare le lingue, sono sempre alla ricerca di nuove esperienze che possano arricchire il mio bagaglio culturale.