Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di danza: quali stili ballare in discoteca?

Di Martina, pubblicato il 28/01/2019 Blog > Arte e Svago > Danza > Corso Danza: Imparare a Ballare gli Stili di Danza Urbana nei Club!

 “Esistere, è osare gettarsi nel mondo.” Simone de Beauvoir (1908-1986)

In discoteca, sognando di accendere la pista durante una serata danzante travolgente, ci si ritrova seduti, come paralizzati per paura di ballare?

Non è facile lanciarsi quando non si sa ballare bene, quando i nostri complessi o la nostra timidezza ci paralizzano.

Un tempo clandestine e illegali, le discoteche sono diventate più popolari con l’avvento dello stile disco negli anni 70’. Oggigiorno il numero delle discoteche è aumentato in tutta Italia.

Senza contare i numerosi festival di musica, le sale di musica o i bar con musica dal vivo nelle grandi città italiane.

Con le vacanze e l’estate, le occasioni di ballare in un club, ma anche in un concerto sono molte. È ora di imparare a muoversi a ritmo sulla pista!

Ecco gli stili di danza da ballare quando cala la notte!

I buoni motivi per prendere lezioni di danza

Non è necessario essere un ballerino professionista per ballare, basta semplicemente voler imparare i movimenti di base per ballare in un club e muovere il proprio corpo senza vergogna!

Imparare nuovi passi e coreografie ci permette di allenare la memoria Ballare rinforza i muscoli e aiuta ad essere tonici!

Ballare tutta la notte sulla musica latina, valzer, tango argentino, swing, salsa portoricana e cubana, boogie woogie, bollywood, ecc., è a volte un modo per sfogarsi, bruciare le calorie divertendosi con gli amici.

Per imparare a ballare facilmente, è necessario frequentare lezioni di danza in una scuola di danza o trovare un insegnante privato di ballo che darà consigli preziosi per migliorare la propria tecnica.

Qualunque sia lo stile di danza che l’apprendista desidera imparare (danza hip-hop, danza contemporanea, salsa, bachata, paso doble, rock n’roll, slow, ecc.), avrà effetti positivi sul modo di muoversi in serata.

È un grande vantaggio se si cerca in particolare di incontrare nuove persone, o semplicemente sfogarsi sulla pista e rilassarsi.

Come ballare in discoteca?

È anche una questione di feeling…

La prima cosa, che si imparare a lezione di danza, è sentire la musica e concentrarsi sul ritmo.

È un primo passo per sapere come ballare in un club.

Essere nel tempo di base, anche senza effettuare passi di danza straordinari, aiuta a sentirsi a proprio agio sulla pista e acquisire fiducia in sé stessi.

È anche possibile imparare a ballare da autodidatta a casa propria o mettere in pratica quanto appreso in una lezione privata a domicilio.

Di fronte allo specchio, possiamo ascoltare le nostre canzoni preferite e ispirarci ai tutorial disponibili su internet per ripetere alcuni passi semplici.

Non esitare a organizzare delle lezioni per imparare a ballare tra amici.

Ad esempio, il sabato sera, puoi trasformare il salotto in una pista da ballo, o allenarti in occasione dell’addio al celibato o al nobilitato.

Oltre ad avere il ritmo nelle vene, anche il corpo deve prepararsi al movimento con un riscaldamento prima di un allenamento sportivo per perfezionare la propria condizione fisica.

Preparare il corpo e la mente per ballare in discoteca

La danza è spesso un mezzo di espressione corporeo per esprimere la propria sensualità. Oltre alla preparazione fisica dei muscoli, un buon ballerino o ballerina è una persona innovativa, in qualque modo.

Le sfumature della danza sono infinite Riposare e respirare bene prima di una serata: ballare tutta la notte, ti sfinisce!

Ovvero far propri i movimenti codificati di una danza esistente per appropriarsene e combinarli con altri.

Puoi imparare un ballo da sala sensuale, ad esempio, per utilizzare i movimenti in occasione di una serata in discoteca.

Sono, naturalmente, il tango, la samba e la salsa latino-americana o la danza del ventre originaria del Medio Oriente.

Per poter ballare bene, o muoversi, in discoteca, puoi allenarti a casa creando una playlist delle canzoni che più ti piacciono. Pensa a canzoni con un ritmo forte che incitano a scuotere la testa e a tenere il tempo con il piede.

Quando balliamo in un night club al centro della folla, tutti gli occhi sono puntati su di noi. E quando balliamo, possiamo provare una sensazione di stanchezza che ci impedisce di ballare fino a tarda notte.

Per evitare questo inconveniente – dover sedersi nel bel mezzo di una canzone non è una sensazione piacevole –, solo una pratica regolare aiuta ad aumentare la propria resistenza.

Ci troviamo di fronte alla prestazione sportiva: gambe pesanti, formicolio ai polpacci, mal di schiena… Questi dolori non si manifestano con una pratica regolare della danza.

Integrare la danza nella tua agenda ti aiuterà a stimolare i muscoli del corpo e a rinforzarli.

E se la danza diventasse una routine divertente?

Raccomandiamo di praticare la danza in occasione di serate a tema, ma anche nei concerti o spettacoli ogni weekend.

A casa, puoi rivisitare i movimenti di un ballo per un intervallo di tempo di 20-30 minuti al giorno.

Contrariamente a ciò che potremmo credere, ballare è un’attività fisica eccellente per il cuore e il sistema respiratorio. Alcune, sono meno benefiche per i muscoli lombari e dorsali, quindi è consigliato applicare una guaina.

La sensazione di benessere è un vettore della sensualità: chiunque si senta bene diventa più grazioso, fluido e acquisisce un’abilità motoria.

Ballare in un club: quali gli stili di danze urbane?

A seconda della discoteca, potremmo ballare su diversi stili musicali: house, rock, electro, techno, musiche latine, africane, rap, raggae…

Possiamo facilmente constatare che ogni persona mostra uno stile di danza diverso, spesso ispirato dai ballerini di strada.

 Il ballo è divertimento, allegria, ma anche una vera attività sportiva completa da praticare a tutte le età. Le lezioni di danza urbana ti permetteranno di imparare passi utili per ballare in un club.

Le danze urbane sono stili di danza nati per strada, in tutto il mondo.

Ne troviamo molti che seguono le correnti musicali di ogni epoca. Gli stili di danza praticati nei locali seguono tali evoluzioni. A volte, vecchi stili ritornano di moda.

Se hai già un buon senso del ritmo e ami ballare, ecco alcuni tipi di danza urbana che possono ispirarti per ballare in un club e trovare il tuo stile.

Senza ballare necessariamente un’intera coreografia, alcuni passi possono essere interessanti da inserire nel tuo stile di danza:

L’hip-hop

L’hip hop, street dance per eccellenza, conta diversi stili di danza e movimenti, che possono facilmente essere integrati alle tue coreografie:

  • Il popping: caratterizzato da movimenti a scatti molto atipici, il popping è nato negli anni 70’ negli Stati Uniti e ha continuato ad evolversi fino agli anni 80’. Tra i passi di danza di questo movimento, troviamo il robotting, il boogaloo, o il floating,
  • Il locking: danza caratterizzata da movimenti molto rapidi e precisi, e anche da posizioni comiche,
  • La Hype: attualmente molto di tendenza, la hype appare negli anni 80’ e 90’, è una danza ritmata. È stata resa popolare da MC Hammer e il famoso “Can’t touch this”.
  • Il Krump: apparso alla fine degli anni 90’ a Los Angeles, questo stile di danza è caratterizzato da movimenti aggressivi, come una reazione pacifica alla violenza attraverso la danza. Resa popolare nel 2005 da Rize, il documentario di David Lachapelle, ritroviamo il krump anche nei videoclip di Prodigy o Christina Aguilera.

Lo shuffle

Danza da rave e discoteca creata alla fine degli anni 80’, lo shuffle si balla generalmente sulla musica elettronica ed è caratterizzato da effetti rapidi e movimenti tallone-punta.

Nel2009, il videoclip Party Rock Anthem di LMFAO segna la rinascita dello shuffle.

I due passi principali da padroneggiare per imparare a ballare lo shuffle sono:

  • Il T Step: spostamento laterale facendo effetti con i piedi,
  • Il running man: non dare l’impressone di correre sul posto.

Il voguing

Apparso nei club gay alla fine degli anni 70’, il voguing consiste nell’assumere delle pose ballando. Una danza ispirata alle pose dei modelli, che prende il suo nome dalla famosta rivista Vogue.

Il voguing è ancora oggi di moda nel Queer, con in particolare alcuni artisti emblematici come Little Dragons o Kiddy Smile. Questo stile di danza è stato ripreso da altri artisti, come Madonna negli anni 90’.

Altri esempi di danze urbane

Non possiamo elencarle tutte, ma esistono una moltitudine di danze da praticare in discoteca.

L’esercizio aerobico ossigena il sangue, migliora l’elasticità e il tono muscolare Se balliamo in questo modo ogni giovedì, è perché non ci sono molte persone sulla pista da ballo…

Citiamone alcune.

Il videostyle

Questa danza è strettamente legata all’hip-hop, ma si distinge per l’utilizzo di uno stile più sexy e femminile, che consiste nel valorizzare il corpo della donna per conferirle più sensualità rispetto alla danza rap.

Il videostyle è stato creato per le future semi-professioniste e professioniste.

Il waacking

Ballo tipico dei club omosessuali della costa ovest degli Stati Uniti, il Waacking si compone di movimenti di braccia e mani complessi che creano una combinazione di sensualità e forza, utilizzando il corpo come strumento che definisce la musica.

Ci si situa tra la danza urbana – street dance in inglese – e l’hip-hop.

Il waacking è nato negli anni 70’ sotto l’impulso della cultura afro-americana, ispirandosi alla musica funk e disco. Inizialmente è stata concepita come una danza praticata dagli uomini, che imitavano la sensualità delle donne.

Nel 2018 il waacking è apparso nella musica, nel videoclip Apeshit di

La Break dance

Denominata anche breakdancing, questa danza è stata creata sotto il suggerimento del DJ newyorkese Cool Herc.

Questa danza è caratterizzata dall’aspetto acrobatico delle sue figure a terra.

La pratica dei b-boys et delle b-girls – nome attribuito ai praticanti della breakdance – si organizza sulla base di gare sportive, con dimostrazioni di giochi di piedi e movimenti di potenza, di combattimento per affermare il proprio stile.

I consigli per ballare in discoteca

Bene, non lo nasconderemo, le discoteche sono prima di tutto un’occasione per incontrare nuove persone, flirtare e testare il proprio potenziale di seduzione!

Nelle persone anziane (ma non solo), l’esercizio di memoria necessario per ricordare passi e sequenze, mantiene il cervello attivo, Sulla pista da ballo, possiamo facilmente divertirci anche senza essere un ballerino esperto.

Anche se una persona sa ballare bene, non basta per raggiungere i propri obiettivi e conquistare una ragazza (o un ragazzo).

Ecco per i nostri lettori alcune chiavi per sopravvivre in discoteca, un luogo dove tutto è codificato:

  • L’outfit: privilegiare una tenuta in cui ci si sente a proprio agio, ma che abbia un minimo di stile. L’accesso sarà vietato a chiuque usi una tenuta da jogging,
  • Il deodorante: è un grande problema nel locale. Fa caldo. Se non ci si vuole ritrovare con l’alone sotto le braccia, non dimenticare di mettere una buona dose di deodorante. E per ritornare al punto precedente: evita i materiali sintetici!
  • Le tecniche di approccio: è il punto da lavorare. Come rimorchiare una ragazza senza farsi respingere? Ad ognuno il suo metodo, ma non dimenticare mai che la prima impressione è fondamentale.
  • Rispettare lo spazio altrui: sei li per ballare, ma attenzione, la pista non ti appartiene. Impara a controllare i tuoi movimenti e spostamenti tenendo conto degli altri ballerini. Perché no, spintonare una ragazza o calpestarle i piedi non è la migliore tecnica per rimorchiare,
  • Essere ragionevole sulle bevande alcoliche: hai bisogno di bere un piccolo bicchiere per rilassarti? Non abusare. Se pensi di ballare meglio dopo qualche drink, rischi di essere sorpreso dal risultato. Basta osservare i ballerini ubriachi sulla pista per renderti conto che non è una buona idea,
  • Sorridere e divertirsi: è l’ultimo ma il miglior consiglio. Approfitta delle serate, divertiti e dimentica gli sguardi altrui. In ogni modo, è scuro in discoteca, quindi se non balli perfettamente, non si noterà. Al contrario se sorridi, farà la differenza!

Non dimenticare, in discoteca, è il primo passo più difficile. Una volta lanciatoti, non potrai più fermarti! La danza è anche uno stato d’animo… Prendi fiducia in te stesso e approfitta del momento.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar