Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Maestri fotografia: chi sono i primi della storia?

Di Martina, pubblicato il 20/08/2018 Blog > Arte e Svago > Fotografia > Imparare la fotografia: i veri Padri dell’ottava Arte

La fotografia vi affascina?

Amate immortalare i momenti della vita quotidiana mettendoci il vostro tocco artistico?

Per sperare, un giorno, di far parte dei più grandi fotografi del mondo, bisogna ancora conoscere da cima a fondo la storia e le evoluzioni dell’arte fotografica.

Con un intenso lavoro e determinazione, questi grandi nomi della fotografia sono riusciti a rendere quest’arte accessibile a tutti, contribuendo così allo sviluppo delle formazioni professionali nella fotografia.

Superprof vi spiega chi sono queste figure importanti che hanno dato vita alla fotografia!

Thomas Wedgwood: il primo sperimentatore della fotografia

Nato nel 1771 in Inghilterra e deceduto nel 1805, Thomas Wedgwood è ancora oggi uno dei primi grandi nomi della storia della fotografia.

Anche se non è mai stato in grado di fissare definitivamente un’immagine su un supporto, Thomas Wedgwood ha modestamente contribuito a sviluppare la tecnica fotografica!

Thomas Wedgwood è ancora oggi uno dei primi grandi nomi della storia della fotografia L’arte di fissare un’immagine su un supporto non è stata una passeggiata!

Thomas Wedgwood si basa su un metodo chimico che consiste nel fissare uno strato di nitrato d’argento su carta, esponendolo di fronte a un oggetto dato e a conservarlo in una camera oscura al fine che l’oggetto si posi sull’immagine.

Spesso soprannominato “primo fotografo” dagli storici d’arte, Wedgwood ha moltiplicato gli esperimenti per riuscire finalmente a fissare l’immagine su carta…quasi! Nonostante i suoi tentativi, Wedgwood non è riuscito a trattenere l’immagine per più di qualche giorno sulla carta.

Il motivo? Gli effetti nefasti della luce esterna che danneggiavano la fotografia. Thomas Wedgwood è stato quindi obbligato a conservare i suoi risultati in una camera perfettamente oscura, con il rischio di vederla distruggersi poco a poco.

Ancora oggi, il fotografo inglese fa parlare di lui!

Nel 2008, delle voci hanno raccontato che è stata ritrovata una fotografia scattata dall’inventore datata 1790. Essendo inizialmente messa all’asta, l’immagine è stata finalmente ritirata dalla vendita a causa delle numerose controversie sull’autenticità delle fotografie.

Scoprite le 20 migliori citazioni sulla fotografia!

Nicéphore Niepce: l’inventore dell’eliografia

Nato nel 1765 a Chalon sur Saône e deceduto nel 1833, Nicéphore Niepce è spesso considerato come il pioniere dell’arte fotografica. Nel 1822 inventa l’eliografia, un processo che consiste nel trasferire un positivo fotografico su una vernice fotosensibile a base di bitume di Giudea (un pigmento organico).

È a questo grande fotografo francese che dobbiamo la prima fotografia conservata nella storia: “Le Point de Vue du Gras”!

Scattata dalla sua casa di campagna, l’immagine ha comportato un tempo di esposizione lunga diversi giorni, al termine dei quali l’inventore è riuscito a ottenere un livello di nitidezza mai ottenuto prima. Nel 2003, la rivista prestigiosa Life ha elencato questa immagine come facente parte delle 100 fotografie che hanno cambiato il mondo.

Prima di questa invenzione rivoluzionaria, il fotografo si è confrontato con alcuni esperimenti più o meno proficui. Dopo la camera oscura, Nicéphore Niepce utilizza il cloruro d’argento che spalma su un foglio di carta bianco: questo esperimento è un fallimento, Niepce non è in grado di fissare definitivamente l’immagine della sua camera oscura.

Grazie alla sua invenzione dell’eliografia, Niepce comincia a farsi un nome nel campo della fotografia, ma è deceduto prima di poter terminare i suoi lavori in corso. I suoi studi resteranno ugualmente impressi nella memoria collettiva: esiste ancora oggi il premio Niepce che premia ogni anno il miglior fotografo francese al di sotto dei 50 anni.

Louis Daguerre: il padre del dagherrotipo

Nato nel 1787 e deceduto nel 1851, Louis Daguerre è stato un artista e fotografo francese. Amico di lunga data del precursore Nicéphore Niepce, Louis Daguerre riprende le ricerche di quest’ultimo dopo la sua morte.

Daguerre scenografo parigino ossessionato dalla riproduzione meccanica della realtà. “Boulevard du Temple” di Louis Daguerre sarà la prima immagine in cui appare un uomo.

Nel XIX secolo Louis Daguerre inventa un concetto che porta il suo nome, il dagherrotipo. Il principio? Usare una lastra d’argento esposta al vapore di iodo per formare uno ioduro d’argento,poi esporre questo risultato a vapori di mercurio per rivelare e fissare l’immagine sulla lastra.

Essendo molto veloce per l’epoca (solamente una ventina di minuti di esposizione), questo concetto è stato rivoluzionario. Tuttavia, il dagherrotipo era per un uso singolo, la stampa era ancora limitata a una sola fotografia ad esposizione.

È proprio grazie a questo inventore francese che la pratica della fotografia è stata rivelata a tutto il mondo!

L’entusiasmo non si fa attendere: il processo si esporta in tutta la Francia, ma anche ai quattro angoli del mondo, principalmente in Europa e in America. Avendo conosciuto un immenso successo grazie alla commercializzazione del dagherrotipo, Daguerre si rivendica lui stesso come l’inventore della fotografia: esige inoltre che questa menzione sia fatta alla sua morte sulla lapide.

Se desiderate proseguire gli studi nella fotografia (diploma professionale in fotografia, brevetto tecnico superiore in fotografia o studi in una scuola d’arte), dovrete obbligatoriamente studiare minuziosamente il lavoro del fotografo francese.

Imparerete qualcosa in più sull’antenato della fotografia analogica, una pratica ancora oggi apprezzata dai fanatici degli scatti!

Thomas Sutton: l’inventore della fotografia a colori

Nato nel 1819 e deceduto nel 1875, Thomas Sutton è stato un fotografo inglese, ma anche un inventore e autore riconosciuto.

È nel 1859, che Sutton inizia il suo primo grande progetto di invenzione: la macchina fotografica reflex mono-obiettivo con una lente panoramica. Bisognerà aspettare il 1861 per vedere per la prima volta questo oggetto rivoluzionario finito.

Ma i progressi tecnologici di Thomas Sutton continuano!

Con l’aiuto del suo amico scienziato James Clerk Maxwell, Thomas Sutton organizza nello stesso anno una dimostrazione della fotografia a colori. Per fare ciò, Sutton aggiunge un filtro blu, uno verde e uno rosso a una fotografia in bianco e nero e la appone a un proiettore composta da filtri simili.

L’esperimento ha un successo parziale: i materiali sono sensibili alla luce blu, poco sensibili alla luce verde e insensibili alla luce rossa.

Si tratta comunque di un progresso significativo nella ricerca fotografica e la sua scoperta ha aperto la strada a molteplici invenzioni importanti qualche anno dopo!

Oltre alle sue attività di fotografo, Thomas Sutton era uno scrittore prolifico scrivendo sia romanzi sia manuali di apprendimento della fotografia, come il Dizionario della Fotografia nel 1858. Perché non immergersi in un antico manuale di fotografia per scoprire le origini di quest’arte così particolare?

Scegliete la miglior scuola di fotografia al mondo!

Steven Sasson: l’inventore della macchina fotografia digitale

Sapete realmente quando e come è apparsa la prima macchina fotografica digitale della storia?

Steven Sasson è un ricercatore in pensione di Kodak ed è ritenuto il primo inventore di una fotocamera digitale. La macchina digitale è oggi un “must-have” !

Nato nel 1950 a New York, Steven Sasson è uno dei più grandi inventori della fotografia moderna, come la si pratica oggi. Ingegnere elettrico di formazione, Steven Sasson inizia i suoi lavori sotto la direzione del gruppo Kodak nel 1970.

È nel 1975 che Sasson crea il prototipo che farà la sua fama: la macchina fotografica digitale!

Con un peso superiore ai 3 Kg e con una risoluzione di soli 0,01 megapixel, l’obiettivo era inedito nel mercato della fotografia. L’apparecchio memorizzaval’immagine su un nastro in un tempo medio di 23 secondi e unicamente in bianco e nero. L’invenzione ha contribuito notevolmente alla notorietà del marchio Kodak, che è dagli anni 70 il riferimento nel settore della fotografia!

Lavorando oggi per proteggere la capitale intellettuale di Kodak, Steven Sasson ha ricevuto nel 2009 la Medaglia nazionale della Tecnologia e dell’Innovazione da parte del presidente americano Barack Obama, questo riconoscimento è stato riservato solo a pochi inventori illustri.

Infine, nel 2011, Steven Sasson ha l’onore di entrare nel National Inventor Hall of Fame, facendo parte dei 313 eletti!

È quindi all’inventore americano che dobbiamo uno degli apparecchi più utilizzati dai neofiti della fotografia, ma anche dai fotografi professionisti. Pensateci la prossima volta che comprerete un’attrezzatura fotografica prima di un corso di introduzione alla fotografia!

Invenzione della fotografia: altri grandi nomi della storia!

Desiderate seguire una formazione fotografica per scoprire la professione del fotografo e, chi sa, un giorno forse diventare un fotografo o una fotografa professionista?

Immergetevi quindi nella storia dell’arte fotografica!

Tutti dovrebbero trasformare la propria passione in professione. Senza tutti questi grandi fotografi, la foto non sarebbe ciò che è oggi!

Tutti i più grandi inventori della fotografia si sono ispirati ad altri creatori, a volte meno famosi, che hanno contribuito a perfezionare lo scatto, migliorare il trattamento delle immagini in post elaborazione o scattare delle foto di notte, ad esempio.

Breve lista non esaustiva dei diversi inventori della tecnica fotografica:

  • Sir Hershcel, inventore della cianotipia,
  • William Henry Fox Talbot, inventore della calotipia,
  • Jean Marie Taupenot, inventore del processo all’albumina e al collodio secco,
  • Scott Archer, inventore del processo al collodio umido,
  • BJ Sayce et WB Bolton, inventori del processo al collodio e al bromuro d’argento,
  • Robert L Maddox, inventore del processo delle lastre secche,
  • George Eastman, inventore dei negativi flessibili.

Che sia per scattare la foto di matrimonio, naturalistica o di studio, studiare le diverse invenzioni create negli anni è un eccellente modo per scoprire ciò che si nasconde nella nostra macchina fotografia reflex digitale (focale, diaframma…).

Il miglior modo per migliorare nella fotografia? Prendere lezioni di fotografia con un fotografo professionista!

Su Superprof, la lezione privata di fotografia costa in media 26,27€. Allora, prendete il vostro treppiedi e imparate a scattare belle foto in compagnia di un professionista!

Il vostro obiettivo? Essere pubblicati in una delle numerose riviste fotografiche in voga!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar