Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corsi di Spagnolo: la storia della Spagna 

Di Nicolò, pubblicato il 30/08/2019 Blog > Lingue straniere > Spagnolo > Scoprire La Storia Spagnola Con Le Ripetizioni Spagnolo

La storia spagnola si compone di grandi eventi e grandi protagonisti, dalla monarchia cattolica alla guerra civile, che fanno di questo paese europeo uno dei più ricchi al mondo, storicamente parlando. Dall’Andalusia alla Cantabria, il paese iberica ha conosciuto fasi storiche molto diverse tra loro, che l’hanno reso quello che è oggi.

Non si può studiare la storia europea senza prendere in considerazione quella della terra di Cervantes, che ha giocato un ruolo estremamente importante durante il periodo del Santo Impero Romano Germanico, nella scoperta delle Americhe e nella cultura europea del XX secolo.

Superprof ti presenta un riassunto degli eventi più significativi della storia spagnola, dall’arrivo dei fenici nell’antichità fino alla caduta del Generale Franco e la restaurazione della democrazia, mettendo l’accento sulle date più importanti da ricordare! 

La Spagna durante l’antichità: le origini romane

Già i romani occuparono la penisola iberica. La storia spagnola inizia nell’antichità!

Vuoi trasferirti in Spagna e trovare lavoro facilmente? Trova un corso di traduzione in spagnolo sulla nostra piattaforma!

Fin dal paleolitico inferiore, la Spagna fu popolata dagli uomini di Neanderthal, ma è soltanto a partire dal II millennio a.C. che la storia della civilizzazione spagnola ha realmente inizio: i Fenici e i Greci, in cerca di nuove terre da conquistare, arrivano infatti sulla penisola iberica. Più o meno alla stessa epoca, i Celti entrano nel territorio spagnolo dalla Gallia. 

Andiamo un po’ avanti nel tempo e arriviamo alla metà del III secolo a.C.: i Cartaginesi, indeboliti dalla prima Guerra Punica contro Roma, iniziarono la conquista della Spagna per espandere il loro regno. Il padre del celebre Annibale, il cui nome era Amiltare Barca, fondò così Barcellona! 

In seguito fu sconfitto dai Romani, ma suo figlio Annibale riprese le redini della conquista riappropriandosi Sargunto nel 219 a.C., e dando così inizio alla Seconda Guerra Punica. Roma vince questa guerra e si diventa padrona incontestata delle possessioni cartaginesi. Viene fondata allora la città d’Italica in Spagna nel 206 a.C.

Sfidare Roma all’epoca era un’impresa incosciente! Vuoi saperne di più sulla storia della Spagna? Trova un corso di spagnolo a Roma!

La Spagna, chiamata allora Hispania, era prevalentemente romana (esistevano poche comunità indigene) e di conseguenza governata dalle grandi figure che fecero la storia di Roma: nel 77 a.C., Pompeo ricevette l’imperium proconsolare maius sulla penisola iberica, mentre nel 61 a.C., Cesare fu nominato propretore di Spagna. 

È però solo nel 19 a.C. che la Spagna viene annessa all’impero di Augusto e diventa a tutti gli effetti una provincia Romana. Questo grande territorio fu amministrato senza troppi problemi durante i secoli che seguirono (malgrado la crisi del terzo secolo) fu studiato e cartografiato dagli storici: 

“La dimensione dell’Iberia, chiamata anche Hispania o Iberia da alcuni, è grande e incredibile per un solo paese, e la sua vastità è di dieci mila stadi e la lunghezza uguale alla larghezza” — Appiano d’Alexandria

Nel V secolo, l’Impero Romano era in preda a una minaccia senza precedenti: i popoli Goti. I Visigoti penetrarono per primi in Spagna nel 415. Queste popolazioni erano perenne conflitto con Roma. 

Nel 475, il re Visigoto Eurico dei Balti riceve in dono la Spagna e una parte della Gallia dai romani che cercano un accordo di pace. Gli storici considerano l’anno successivo, il 476, come la data ufficiale della caduta dell’Impero Romano d’Occidente! 

Così, alla fine del periodo classico, la penisola iberica non era più sotto il dominio romano, ma era invece controllata dai visigoti. I barbari sembravano aver conquistato il controllo sul territorio ispanico! 

Trova qui tutti i nostri corsi spagnolo e gli insegnanti per delle lezioni di spagnolo private.

La storia non è la tua più grande passione? Impara lo spagnolo grazie alle canzoni in spagnolo più amate di tutti i tempi.

Il periodo medievale spagnolo e i conflitti tra musulmani e cristiani 

il 1492 è un anno fondamentale per la storia spagnola. Durante il Medioevo, la penisola iberica diventa un vero e proprio campo di battaglia.

Scopri la storia spagnolo con un corso di spagnolo online!

Nel 477, i visigoti conquistarono il controllo su tutta la Spagna. Se i loro metodi di conquista erano chiaramente basati sulla guerra, riuscirono comunque ad assicurare una certa stabilità alla penisola durante tutto il periodo in cui lo occuparono. 

All’inizio del VI secolo, i visigoti vengono cacciati dal sud della Gallia da Clodoveo I, che limita quindi il loro regno al territorio spagnolo. In seguito, per mantenere buone relazioni diplomatiche con l’Impero Romano d’Oriente (o Impero Bizantino), cedettero il sud della Spagna nel 554. 

Inizialmente la maggioranza dei Goti erano seguiva la corrente religiosa e ideologica dell’Arianesimo. La principale differenza tra Cristianesimo e Arianesimo riguardava la natura divina di Gesù: per gli Ariani, Gesù era un umano che possedeva una parte divina, un semidio in qualche modo. Fu nel 587 che il sovrano Recaredo si convertì al cristianesimo abbandonando l’Arianesimo. 

Una data importante del regno dei Visigoti in Spagna è quella pubblicazione di Liber Ludiciorum, la legge dei Visigoti, nel 654: un corpus legislativo che prendeva in considerazione diverse fonti come il Codice d’Eurico e il Breviario di Alarico. 

La fine dell’impero visigoto avvenne nel 711, in seguito a une grande sconfitta di fronte ai Saraceni (i Musulmani). iniziò allora il periodo detto dei Regni Indipendenti di Spagna, che durò fino al 1474! L’espansione araba in Europa fu fermata da Carlo Martello a Poitiers nel 732.

Uno dei primi regni musulmani creati nella penisola fu quello di Cordoba, città in cui si installò Abd Al-Rahman I nel 756. Inoltre, il Regno di Pamplona, che era retto dai Visigoti nel 476, fu conquistato dai Mori nel VIII secolo, e questo fino al 778, data in cui i Saraceni furono cacciati da Carlo Magno. 

Il IX secolo segnò l’inizio della riconquista del territorio per i discendenti degli antichi visigoti, sotto la guida di Alfonso III (conquista di Porto nel 868 e di Coimbra nell’878) e dei suoi discendenti come il conte di Castiglia Diego Porcelos. 

Tuttavia, le vittorie arabe non cessarono, e nel 929 fu fondato il califfato arabo di Cordoba da Abd al-Rahman III. Se Salamanca fu ripresa dalle mani dei Saraceni nel 941, questi riuscirono comunque a saccheggiare Barcellona (985) e Santiago di Compostela (997), e persino a distruggere quest’ultima città nel 1022 sotto la guida di Al-Mansur. 

Nel 1031, Ferdinando I di Leon e di Castiglia riuscì ad annettere al regno la regione di Léon e nel 1055 inizio la Reconquista dei regni musulmani. Nel 1072, Alfonso VI fu nominato re di Castilla e di Leon. Divenne in seguito re di Toledo e di Galizia dopo aver conquistato o ereditato queste regioni. Inizia così a formarsi un regno spagnolo unificato.

Tra le vittorie musulmane del XII secolo si conta in particolare Uclès (1108), Saragoza (1111) e Barcellona (1114). 

A partire dal 1118, i cristiani ripresero terreno. Il XIII secolo è ricco di battaglie tra i cristiani e il regno musulmano. Ecco una lista non esaustiva delle conquiste dei regni di Castilla e d’Aragon: 

  • 1229 : Maiorca,
  • 1235 : Ibiza,
  • 1236 : Cordoba,
  • 1238 : Valenzia,
  • 1246 : Jaén,
  • 1248 : Siviglia,
  • 1265 : Murcia,
  • 1282 : Sicilia.

Infine, ecco qualche data importante di quest’epoca: 

  • 1257: Alfonso X di Castiglia accede al trono del Santo Impero Romano Germanico 
  • 1275: Alfonso X di Castiglia rinuncia al trono del Santo Impero Romano Germanico
  • 1348: Grande epidemia di peste 
  • 1391: Massacro delle popolazioni ebraiche
  • 1478: Creazione dell’Inquisizione Spagnola
  • 1492: Conquista di Granada per mano di Isabella di Castilla e Ferdinando d’Aragona, fine della Reconquista. 

L’epoca medievale spagnola si conclude con una vittoria totale dei cattolici, guidati dai sovrani Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona, figure maggiori della storia moderna della Spagna! 

Vuoi scoprire altre personalità che hanno dato un contributo importante alla cultura e alla società spagnola? Dai un’occhiata al nostro articolo!

Studia in dettaglio quest’epoca affascinante con un corso di spagnolo privato!

Storia della Spagna moderna: colonialismo e decadenza 

Pur essendo una figura controversa, Isabella è stata una monarca fondamentale per la Spagna. Isabella di Spagna è una delle donne di potere più celebri di tutti i tempi.

Il 1492 non fu solo l’anno della fine della Reconquista! Fu infatti anche l’anno nel quale i sovrani di Castiglia e di Aragon accettarono di finanziare la spedizione di Cristoforo Colombo. Dopo mesi di navigazione, quest’ultimo arrivò fino alle Americhe, sull’isola di Hispaniola (Santo Domingo) alla fine dell’anno. 

L’impero coloniale spagnolo cominciò quindi ad espandersi, dando inizio a quello che passò alla storia come il Siglo de oro! Nel 1494, la Spagna e il Portogallo firmarono il trattato di Torsedillas per dividersi il nuovo mondo. 

Lo stesso anno, in seguito agli sforzi per cristianizzare tutta la penisola iberica, Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona ottennero il titolo di Re cattolici da Papa Alessandro VI. Isabella morí nel 1504 dopo un lungo e fruttuoso regno (se vuoi scoprire di più su questa figura storica, dai un’occhiata alla sua biografia sul sito biografieonline!). Il trono fu ereditato da Giovanna la Pazza, che, come indica il nome, era incapace di governare. Ferdinando prese allora le redini del regno. 

Dopo la morte di quest’ultimo, avvenuta nel 1516, Carlo I di Asburgo salì sul trono di Castiglia e di Aragon. Nel 1519, mentre Cortès sbarcava a Chalchiuhcuecan in Messico, l’imperatore del Santo Impero morì, lasciando il suo posto a Carlo, che divenne così l’imperatore Carlo V!

L’anno successivo, gli spagnoli lasciarono la capitale azteca, Tenochtitlan, in seguito a una rivolta degli indigeni: questo evento passò alla storia come la Noche Triste.

L’epoca moderna fu segnata da numerosi conflitti con la Francia, l’Inghilterra, le Province Unite e l’Impero Ottomano. 

L’XVII secolo fu un’epoca di declino per la Spagna, malgrado una certa resistenza  delle arti (basti pensare a Cervantes e il suo celebre Don Chisciotte). 

Sai quali sono le canzoni più adatte per imparare spagnolo? Scoprilo con una lezione di spagnolo, o leggendo il nostro articolo sulle hit ispanofone più amate di sempre!

Il XX secolo: dalla dittatura franchista alla democrazia 

Il franchismo è stata una delle pagine più nere della storia spagnola. Da sinistra a destra: Karl Wolff (SS), Joachim Peiper (SS), Heinrich Himmler, Fransisco Franco e Ramón Serrano Suñer (ministro di Franco).

L’epoca contemporanea inizia con una guerra controrivoluzionaria degli Spagnoli contro i francesi che hanno decapitato il loro re Luigi XVI. Tuttavia, l’armata spagnola fu rapidamente sconfitta da Napoleone Bonaparte, che conquistò la penisola iberica dal 1808 al 1814. 

Come per l’Italia, anche per la Spagna il XIX e il XX secolo furono sinonimo d’instabilità politica: gli scontri tra liberalismo e monarchia, tra progressisti e conservatori diede vita a numerosi tentativi di golpe. Un primo timido tentativo repubblicano ha luogo tra il 1873 al 1875, ma senza successo: viene presto restaurata una monarchia parlamentare che dura fino al 1923, anno del colpo di stato di Primo de Rivera.   

Fu questo stesso anno che il generale Franco fu nominato comandante della legione straniera spagnola! 

La dittatura di Primo de Rivera dura dal 1923 al 1930. Segue una fragile II repubblica nel 1931, che sopravvive però soltanto fino al 1936, quando tra il campo repubblicano e il campo nazionalista agli ordini del generale Franco si scatena una guerra civile.

A colpi di propaganda nazionalista e cristiana, ma anche grazie al sostegno della Germania nazista e dell’Italia fascista, Franco vinse questa guerra nel 1939. 

La dittatura franchista durò 36 anni, fino alla morte del dittatore fascista nel 1975. Iniziò allora per la Spagna una fase di transizione verso la democrazia. 

Sai ormai molte cose sulla storia di questo grande paese e gli eventi che hanno segnato il suo territorio da nord a sud, da est a ovest. Ma rimane ancora molto da scoprire!

Per approfondire il soggetto, Superprof ti invita a prendere corsi di spagnolo al fine di padroneggiare la lingua e la cultura spagnola!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar