Col fumetto posso fare di tutto, perché non è un'arte minore. E perché se l'arte è comunicazione, cosa c'è di più comunicativo del fumetto?
Hugo Pratt

L'arte narrativa non è una prerogativa della letteratura: essa nasce inizialmente come tradizione orale, poiché fin dagli esordi della civiltà, l'umanità ha sviluppato una prerogativa fondamentale che l'ha resa unica nel mondo naturale: la capacità di raccontare storie.

Nel corso del Novecento, si è assistito a un'esplosione di questa abilità, che si è estesa a una grande quantità di espressioni artistiche: dal cinema alla fotografia, il XX secolo ci ha offerto una quantità inimmaginabile di storie. Ma c'è un altro campo artistico che, sebbene considerato tutt'oggi da alcuni un'arte minore, ha prodotto innumerevoli capolavori nel corso del secolo scorso: il fumetto.

Da divertissement per le fasce più giovani, l'arte del fumetto ha saputo evolvere a vero e proprio campo di esplorazione narrativa, unendo alla forza delle parole quella delle immagini, e riempiendo le proprie pagine con riferimenti filosofici e letterari in grado di renderlo a tutti gli effetti un'arte a 360° gradi.

Corto Maltese è forse il fumetto italiano novecentesco che più incarna questo spirito: le avventure di un marinaio dalla mente brillante che naviga i mari del mondo, incontrando personaggi iconici e affrontando mille peripezie, hanno saputo avvicinare una grande fetta di pubblico a un mezzo di espressione artistica spesso sottovalutato.

Ma chi era esattamente Hugo Pratt — autore di Corto Maltese — e qual è stato il suo contributo alla storia del fumetto? Cerchiamo di rispondere insieme a questi quesiti.

I migliori insegnanti di Disegno disponibili
Katia
5
5 (16 Commenti)
Katia
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lidia
5
5 (14 Commenti)
Lidia
24€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Chiara
5
5 (12 Commenti)
Chiara
7€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (119 Commenti)
Nath
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Katrina
5
5 (11 Commenti)
Katrina
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Emanuela
5
5 (16 Commenti)
Emanuela
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Ahmed
5
5 (7 Commenti)
Ahmed
12€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Katia
5
5 (16 Commenti)
Katia
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lidia
5
5 (14 Commenti)
Lidia
24€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Chiara
5
5 (12 Commenti)
Chiara
7€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (119 Commenti)
Nath
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Katrina
5
5 (11 Commenti)
Katrina
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Emanuela
5
5 (16 Commenti)
Emanuela
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Ahmed
5
5 (7 Commenti)
Ahmed
12€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Hugo Pratt: una vita nomade

Pratt è considerato uno degli inventori del romanzo a fumetti all'italiana.
Fin da giovane, Hugo Pratt aveva il dono di saper raccontare storie in grado di appassionare chi le ascoltava.

Hugo Pratt, il cui vero nome era Ugo Eugenio Prat, nasce a Rimini il 15 giugno 1927. Figlio di Rolando Prat e di Evelina Genero e nipote del poeta dialettale Eugenio Genero, nelle vene di Pratt scorre sangue veneziano, provenzale, francese, inglese, turco... Insomma, possiamo affermare senza troppe riserve che il viaggio e l'esplorazione facevano parte del suo patrimonio genetico!

La carriera di Prat inizia alla fine della seconda guerra mondiale — a cui lo stesso aveva preso parte prima tra i ranghi fascisti, poi tra le file alleate — con la fondazione, insieme agli amici e colleghi a Mario Faustinelli e Alberto Ongaro, della rivista Albo Uragano, rinominata nel 1947 Asso di Picche - Comics, in omaggio al personaggio più famoso del disegnatore (ça va sans dire prima della creazione di Corto Maltese).

La rivista attira negli anni diversi grandi talenti, tra cui il celebre Dino Battaglia, altro grande nome del fumetto italiano del '900, e Prat comincia a godere di una certa notorietà in Italia e all'estero, in particolare in Argentina, dove decide di trasferirsi e dove rimarrà per ben tredici anni.

Durante il soggiorno argentino Pratt collabora con diverse riviste, dando vita ad alcune tra le serie più importanti della sua carriera: Junglemen, Sgt. Kirk, Ernie Pike e Ticonderoga. Il successo di Pratt in Sudamerica lo porta addirittura a tenere corsi di disegno presso la Escuela Panamericana de Arte.

Nel frattempo, il giovane Pratt non rinuncia all'avventura e all'esplorazione partecipando a diverse escursioni nella foresta Amazzonica, nel Mato Grosso e in molti altri luoghi esotici e suggestivi che sarebbero poi diventati una grande ispirazione per le sue opere a venire.

All'Argentina seguono anni di vagabondaggio: tra il 1959 e il '62, Pratt si trasferisce prima a Londra, poi negli Stati Uniti, poi di nuovo in Sudamerica, per tornare infine in Italia nel 1962. Nel Belpaese, Pratt inizia a collaborare con il Corriere dei Piccoli e adatta a fumetti alcuni classici della letteratura per ragazzi, in particolare alcuni racconti dello scrittore scozzese Robert Louis Stevenson.

Ma la vera svolta nella sua carriera arriva nel 1967, quando con l'imprenditore Florenzo Ivaldi decide di fondare una rivista intitolata Sgt. Kirk (il nome è tratto da una delle saghe già pubblicate in Argentina). Ed è sul primo numero di questa rivista che appare il primo capitolo di "Una ballata del mare salato", vicenda che vede come protagonista un antieroe destinato a fare la storia: Corto Maltese.

Corto Maltese, un pirata dall'animo romantico

La prima storia con protagonista Corto Maltese fu pubblicata nell'ormai lontano 1967.
L'orecchino e il cappello da marinaio sono solo alcuni dei tratti distintivi che hanno reso celebre Corto Maltese in Italia e all'estero.

Corto fa parte di quei personaggi facilmente riconoscibili da chiunque abbia un minimo di familiarità con il mondo del fumetto, e le sue avventure hanno accompagnato diverse generazioni tra i mari estremi del mondo.

Per dare vita a questo personaggio, Pratt trae ispirazione dalle storie e dagli autori che più amava, tra cui possiamo citare Joseph Conrad,  Herman Melville, C.S. Lewis, James Fenimore Cooper, Alexandre Dumas padre e molti altri. La prima avventura del personaggio, "Una ballata del mare salato",  è inoltre particolarmente ispirata dal romanzo Laguna Blu di Henry de Vere Stacpoole, scrittore irlandese meno conosciuto rispetto a quelli precedentemente citati, ma altrettanto importante per la nascita di Corto Maltese.

Ciò che ha permesso a Corto di entrare fin da subito nel cuore del pubblico è di certo la sua peculiarità rispetto ai protagonisti dei fumetti dell'epoca: egli è infatti un personaggio complesso, dalle mille sfaccettature. Avventuroso e carismatico, Corto è anche un personaggio meditativo: le sue avventure sono colme di riferimenti letterari e filosofici colti, e sono inoltre costruite tramite una meticolosa documentazione geografica e storica.

Le contraddizioni del personaggio si trovano già nelle sue origini: Corto Maltese, come suggerisce il nome, nasce a Malta, al centro del Mar Mediterraneo, in un luogo dove si incontrano diverse culture. La madre è una prostituta di Gibilterra di origini gitane, mentre il padre è un marinaio della Cornovaglia. In questo modo, Pratt riesce a rendere Corto una sintesi della tradizione narrativa del viaggio dell'eroe che risale a Omero, e al contempo un omaggio alla tradizione anglosassone in cui, secondo le parole dello stesso autore, "c'è più fiaba, più leggenda".

Corto diventa così un ossimoro vivente, un antieroe positivo, caratterizzato da un senso di giustizia proprio che lo spinge ad allearsi con i più deboli, ma che al contempo non gli impedisce di collaborare con spietati criminali o agire in maniere eticamente biasimabili. Al suo apparente cinismo fa da contrappeso un indole romantica che lo rende sognatore e lo spinge a cercare sempre nuove avventure, durante le quali incontrerà personaggi misteriosi e unici quali Rasputin, il Monaco, Jeremiah Steiner, Venexiana Stevenson, Cush e molti altri. 

Se vuoi scoprire tutto quello che c'è da sapere sul pirata di Malta, recati sul sito ufficiale (url in link) e esplora il mondo di Pratt in tutte le sue sfaccettature!

Storia del fumetto: Corto Maltese e Venezia

Sapevi che il nonno materno di Pratt era il poeta dialettale veneziano Eugenio Genero?
Hugo Pratt e Corto Maltese sono indissolubilmente legati alla città di Venezia e alle sue meraviglie!

Nonostante le sue origini che abbiamo visto nel paragrafo precedente, la storia di Corto Maltese (nonché quella del suo autore) è profondamente legata a Venezia. La città della mostra dei film più importante d'Italia e della biennale d'arte è stata infatti protagonista in più di una storia del pirata maltese, fatto che non deve stupire, considerato che è in questa città che Pratt ha imparato il mestiere, e che Venezia non ha mai smesso di essere per lui una fonte di ispirazione.

Favola a Venezia (Sirat Al Bunduqiyyah), venticinquesimo album delle avventure di Corto Maltese, si chiude con queste parole, particolarmente significative per capire l'incanto che Venezia esercitava su Pratt:

Ci sono a Venezia tre luoghi magici e nascosti: uno in calle dell’amor degli amici; un secondo vicino al ponte delle Meravegie; un terzo in calle dei marrani a San Geremia in Ghetto. Quando i veneziani sono stanchi delle autorità costituite, si recano in questi tre luoghi segreti e, aprendo le porte che stanno nel fondo di quelle corti, se ne vanno per sempre in posti bellissimi e in altre storie…”.

Nelle avventure di Corto ambientate a Venezia, Pratt nasconde sotto falso nome alcuni dei luoghi che più amava della città lagunare, celando nel nero dell'inchiostro una vera e propria mappa segreta della sua Venezia, che il lettore attento può divertirsi a ricostruire.

Fumetti italiani: cosa riserva il futuro a Corto Maltese

Il 2021 ha portato una buona notizia per i fan della saga: Corto Maltese sarà il protagonista di una serie live-action firmata Studiocanal!

Hugo Pratt scompare nel 1995, lasciando Corto Maltese orfano di padre e i fan della saga orfani di nuove storie. Per fortuna, Pratt non aveva mai escluso la possibilità che altri autori portassero avanti la sua opera e, sebbene ci siano voluti vent'anni, nel 2015 è stato finalmente pubblicato il trentesimo volume delle avventure di Corto Maltese, per mano dello sceneggiatore Juan Díaz Canales e del disegnatore Rubén Pellejero. 

Gli stessi autori pubblicato per l'editore Rizzoli altri due album, nel 2017 e nel 2019, mentre il trentatreesimo album della saga è stato annunciato il 21 luglio 2021 e avrà come sceneggiatore Martin Quenehen e come illustratore Bastien Vivès. Nella stessa occasione, è stata inoltre annunciata la futura pubblicazione di un trentaquattresimo album firmato Canales e Pellejero.

Ma la pubblicazione di nuovi album non è l'unica eccitante novità del 2021 per gli appassionati di Corto Maltese: durante il festival di Cannes 2021, l'azienda francese Studiocanal ha annunciato di avere in cantiere una serie live-action dedicata al pirata maltese! Per il momento non sono stati resi pubblici ulteriori dettagli, ma ti consigliamo di tenere d'occhio le news nei prossimi mesi, sperando che il progetto sia realizzato a breve termine.

Settembre è appena arrivato e tutti/e, studenti/esse o lavoratori/trici abbiamo ripreso la nostra routine. Le avventure di Corto Maltese sono tra le migliori cure per sfuggire un po' dal trantran quotidiano rifugiandosi su un'isola in mezzo all'oceano e lasciando che l'inchiostro nero sulla pagina bianca ci trasporti nell'arcipelago della nostra fantasia. Cosa aspetti? Corri in libreria a comprare ogni album disponibile di Corto Maltese, o in alternativa ordinalo su Amazon, e parti alla scoperta di una nuova eccitante avventura!

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (1 voto(i))
Loading...

Nicolò Superprof

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.