Meglio essere una brava cantante pop che una cattiva cantante lirica - Maria Callas

Il canto e la tecnica vocale sono discipline molto specifiche, che combinano l’uso delle corde vocali e del respiro, associati a un insegnante di canto che dirige tutto. Uomini e donne non hanno gli stessi tipi di voci e, in questo caso, è utile sottolineare questa differenza.

In effetti, le dimensioni delle corde vocali o della cavità risonante (come la bocca, ad esempio) sono elementi importanti, che ci consentono di affermare che ci sono tipi di voce spesso specifici di ciascun sesso. La donna, ad esempio, ha gamme diverse che variano naturalmente a seconda delle persone.

Questo è il motivo per cui troviamo qualcuno che canta con tonalità più acute e altri che hanno un tono molto più baritonale. È così che, in un ambiente aperto a tutti, il numero di artisti musicali in Italia è triplicato dagli anni ‘70.

Ma allora quali sono i diversi tipi di voci femminili? Questo è quello che vedremo subito!

Ecco come trovare le migliori lezioni di canto!

Tre categorie di voci femminili

Qual è la differenza tra una tessitura e una voce femminile?
Esistono tre tipi principali di voce femminile, dal più grave al più acuto: in quale inseriresti Mariah Carey?

Come vedremo più avanti, le cose non sono così semplici, ma in sintesi, ci sono tre tipi principali di voci femminili. Dal più grave al più acuto: queste tipologie ti permetteranno di dedicarti all’arte lirica, tanto quanto cantare con un violino o persino riprodurre suoni barocchi. Ma allora quali sono queste tre voci?

Sei curioso di scoprire come usare al meglio la voce?

Le voci profonde della donna

Innanzitutto, in fondo alla scala, troviamo il contralto, che, bisogna dire, è piuttosto raro. Presente anche nei bambini ancora più raramente, questa scala indica una voce profonda, molto profonda. Un timbro pieno di calore, che ci avvolge e ci scuote, come Maurane.

E tra i famosi contralti, che ti fanno venire voglia di avvolgerti nelle loro voci, troviamo:

  • Marian Anderson,
  • Jocelyne Taillon,
  • Marie-Nicole Lemieux,
  • Delphine Galou,
  • Nathalie Stutzmann,

E molti altri!

Troviamo ovviamente sia nelle donne (e talvolta nei bambini), la voce da contralto. Di cosa si tratta? Molto semplicemente, una voce di una donna, che è assimilata alla voce del controtenore negli uomini. Dal 19 ° secolo, questo tipo di voce si estendeva da un sol 2 a mi 4.

Resta il fatto che la voce da contralto è spesso assimilata alla cosiddetta voce "naturale", ossia quella che utilizza al meglio i codici sonori, la dizione e il timbro vocale nel modo più facile da comprendere per noi.

Ma che dire delle voci femminili acute? Come li riconosciamo?

Come funziona il timbro?

Le voci femminili più alte

Perché classificare le voci femminili?
I bambini possono anche essere classificati nelle voci gravi delle donne, eh già!

Le voci più gravi e armoniche sono spesso - a volte erroneamente – messe a confronto con le voci alte. Eppure, queste voci sono tra le più comuni nelle donne e sono divise in due categorie principali.

In primo luogo troviamo i mezzosoprani, che potrebbero essere qualificati come voce intermedia, sia leggera che musicalmente ricca. In effetti, una donna con una voce da mezzo soprano sarà in grado di applicare un buon numero di tecniche vocali, la sua gamma le permette di far parte di un coro e di cantare musica contemporanea.

Questo tipo di voce è abbastanza diffuso tra le donne, per cui una grande parte del repertorio musicale italiana e internazionale è dedicata ad esso. È rappresentata da cantanti come Cecilia Bartoli, Marilyn Horne, Brigitte Fassbaender, Cathy Berberian, Anne-Sofie von Otter, Maria Malibran e molti altri!

Poi arriva una voce più alta, la voce soprano. Molto diffuso tra donne e bambini, ti permette di cantare un immenso numero di canzoni e melodie, con un virtuosismo che la cantante Maria Callas incarna molto bene, per esempio!

Ma non è l'unico! E tra i soprani più famosi troviamo:

  • Montserrat Caballe,
  • Régine Crespin,
  • Elisabeth Schwarzkopf,
  • Patricia Petibon,
  • Barbara Hendricks,
  • Ninon Vallin,
  • Renata Tebaldi
  • E molti altri!

E se non fosse tutto? E se il mondo vocale fosse ancora più ricco ed eccitante di così? Bene! Ecco un bel coup de theatre: lo è!

Perché sì, troviamo sottocategorie di voci femminili, che ci consentiranno di posizionarci al meglio sulla curva delle voci esistenti e, quindi, di cantare canzoni molto più adatte, più piacevoli per gli altri, ma anche per noi!

Sottocategorie di voci femminili

Come classificare la tua voce quando sei una donna?
Puoi avere un tesoro nascosto nella tua voce e non sapere cosa farne.

Puoi avere un tesoro nascosto nella tua voce e non sapere cosa farne. Bene, la classificazione ci permetterà di capire che possiamo cantare questa o quella canzone!

E sì, mentre distinguiamo le voci femminili in tre grandi categorie, a volte è necessario sapere come classificarle in modo ancora più preciso, in modo da disporle in categorie e dedicargli tecniche musicali diverse. Diaframma, laringe, fonazione, udito… sono altrettanti criteri che rendono la voce e la vocalizzazione più o meno specifica.

Esistono tre sottofamiglie principali di voci: voci leggere, voci liriche e voci drammatiche. Dal più leggero al più scuro, riuniscono una ampia di possibilità di dedicarsi a un genere piuttosto che a un altro, all'interno di un solo tipo di voce. Una volta che avrai scoperto qual è la tua voce sei pronta a cantare ciò che fa per te!

Quelli leggeri saranno i più adatti a concatenare i suoni con agilità, privilegiando le note alte rispetto alle altre. Le voci liriche, d'altra parte, rappresentano la categoria intermedia tra le donne, mentre le voci drammatiche sono le meno agili, le più armoniche ma le più comode nel registro più basso.

Mai sentito parlare di come funziona davvero la voce maschile?

Un esempio di una voce femminile

Prendi l'esempio della voce soprano! All'inizio della sua carriera, Nathalie Dessay era una soprano leggera e poteva quindi cantare con una voce molto alta, accompagnata da vocalizzazioni e ritmo molto precisi.

Spesso tendiamo ad aggiungere una sottocategoria aggiuntiva oltre a quelle leggere: i soprano di coloratura, che sono ancora un’altra categoria. In breve, un mondo si apre a noi: il mondo della tecnica vocale!

Il soprano lirico è quello che tendiamo a chiamare un breve "soprano"! Più potente di un soprano leggero, è in grado di sostenere anche esercizi vocali più estesi, in definitiva più espressione! Nell'opera di Giacomo Puccini, Madame Butterly, viene usato questo tipo di voce!

Infine, c'è anche il soprano drammatico, incarnato meravigliosamente dalla famosa cantante Maria Callas, di cui stavamo parlando in precedenza. Questa è la sottocategoria vocale più profonda, in cui il tono diventa più scuro, ma anche più potente. Ha una o due note più basse della voce del soprano lirico.

Il vantaggio di classificare le voci delle donne

Possiamo cambiare il tipo di voce quando siamo donne?
Non sai che tipo di voce hai e canti come un usignolo? Sarebbe un peccato privarti di un tale strumento!

La magia del colore della voce non cesserà mai di impressionarci! Comunque, classificarsi consentirà alle donne di mettere le loro voci sulla scala vocale più adatta a loro e sarà più probabile che vengano offerte loro canzoni adatte, a seconda del repertorio e dei compositori.

La cosa più importante è sapere come posizionarsi sulla scala delle voci, in modo da non definire la tua carriera di cantante basandoti su un errore di classificazione. Perché, cosa molto logica, voce bassa o voce alta, ad ogni gamma verranno offerti tipi di musica molto diversi.

Immaginate la situazione? Pensi di avere una voce profonda, decidi di cantare hard rock, anche quando sei un soprano leggero! Sarebbe il colmo! Questo è un esempio piuttosto estremo che indica, tuttavia, che è importante conoscere le tue abilità.

Non esitare ad avvicinarti a un insegnante di canto (ad esempio su Superprof) per aiutarti a trovare la tua voce (sembra un brutto gioco di parole, ovviamente, ma non lo è!), sotto la direzione del suo orecchio esperto. Perché una canzone poco adatta alla tua voce, è la garanzia di un possibile errore e può danneggiare le tue corde vocali.

Per fare un piccolo appunto storico, fu solo all'inizio del XIX secolo che apparvero le sottocategorie di voci per donne. Prima della metà del XVIII secolo, si distinguevano le voci maschili e femminili, con la semplice distinzione di voci basse e alte.

I tipi di voci sono stati gradualmente perfezionati, fino a raggiungere le colorazioni drammatiche o liriche che abbiamo appena visto, all'inizio del XIX secolo. Queste categorie hanno permesso ai cantanti di esibirsi usando suoni molto più adatti al loro timbro e di essere in grado di sublimare questi stessi suoni.

Sono stati quindi perfezionati vibrato, voce solista, riscaldamento, solisti, un sacco di termini e universi, dando voce al gesto vocale non più come un atto sconsiderato, ma come una vera tecnica che non distingue più solo voci femminili e voci maschili, ma le relative sottocategorie.

Più ti senti a tuo agio con la tua voce, più progressi farai rapidamente e senza sforzo, o quasi! Quindi, pronto a fare il grande passo e far testare la tua voce?

Vuoi scoprire se hai un voce acuta o grave?

Bisogno di un insegnante di Canto?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 2 votes
Loading...

Igor

Traduttore e insegnante, mi occupo anche di montaggio video e recitazione. Amo la musica, dal pop italiano alla classica. Curiosità è l'anagramma del mio nome.