Se vuoi lavorare come tecnico nell'ambito della fisica può iscriverti a un istituto tecnico dopo le medie e prepararti a entrare nel mondo del lavoro dopo 4 o 5 anni di studio. Gli istituti tecnici insegnano diverse materie connesse alla fisica, dalla meccanica all'elettronica.

Alla fine delle superiori, puoi avere accesso all'università, e prepararti a lavorare come tecnico di laboratorio, specializzandoti non solo in una branca della fisica ma anche in medicina.

Qual è la differenza tra un fisico, un tecnico di laboratorio e un collaboratore tecnico? Tra quali indirizzi è possibile scegliere e quali sono gli sbocchi lavorativi?

Cerchiamo di capire chi sono queste tre figure professionali e qual è il percorso di studi più adatto a ognuno.

Che cosa fa il fisico?

Scopri cosa fa esattamente il fisico.
Il lavoro del fisico include calcoli, analisi ed esperimenti!

Il fisico è uno scienziato che si occupa di diversi fenomeni naturali, a seconda della branca della fisica che ha studiato. Questa figura professionale è molto variegata, visto che la fisica è una materia altrettanto ampia. Possiamo, però, classificare il lavoro del fisico in tre grandi aree:

  • Insegnamento
  • Ricerca e università
  • Imprese

L'elemento comune di queste aree di lavoro è la passione per la fisica!

Insegnare fisica a scuola

In genere, l'insegnamento è la strada scelta da chi si laurea in fisica, supera il concorso per insegnare nella scuola pubblica e fa un periodo di pratica prima di avere la cattedra a titolo indeterminato, o almeno, in teoria dovrebbe funzionare così nei prossimi anni.

Le materie che si possono insegnare sono:

  • Scienze naturali, nei licei
  • Scienze integrate, nell'istituto tecnico tecnologico ed economico
  • Fisica in tutti i licei

Attenzione alle classi di concorso! La laurea in fisica corrisponde alla A 20.

Fare ricerca all'università e presso gli enti di ricerca nazionali

Con un dottorato, il laureato in fisica può continuare il proprio percorso accademico e fare ricerca all'interno delle università o degli enti di ricerca pubblici, come l'Istituto nazionale di astrofisica o l'Istituto nazionale di fisica nucleare.

Cosa fare dopo il dottorato di ricerca in fisica?

La carriera accademica può continuare diventando Professori Associati, sempre tramite un concorso, oppure Professore di prima fascia, dopo concorso o a chiamata, dopo un percorso di eccellenza nell'ambito della fisica.

Lavorare come fisico per le aziende private

I fisici non sono solo insegnanti e non si occupano solo di fisica sperimentale per gli enti pubblici, ma lavorano anche per le imprese. A seconda della branca della fisica in cui è specializzato, un fisico può lavorare per aziende che si occupano di:

  • materie prime
  • ambiente
  • energia
  • informatica
  • salute

Cerchi informazioni sulla fisica alle elementari e alle medie?

Che differenza c'è tra un fisico e un tecnico di laboratorio?

Una volta chiarita, la funzione del fisico, che è un laureato specializzato in una delle branche della fisica, vediamo cosa fa un tecnico di laboratorio.

I tecnici, hanno una laurea triennale in una branca delle scienze biomediche: biomedicina, radiologia... La fisica fa parte del loro percorso di studi, ma non sono specializzati in questa area. Per lo più, i tecnici sono liberi professionisti che lavorano nei laboratori pubblici e privati e si occupano:

  • Manipolazione di soluzioni
  • Procedure di laboratorio
  • Analisi e interpretazione dei risultati
  • Esami di laboratorio
  • Raccolta e preparazione del materiale

Oltre alla laurea, un'altra grande differenza tra il fisico e il tecnico è che alcuni tecnici hanno degli albi professionali a cui si devono iscrivere per poter esercitare la libera professione.

Attualmente per i fisici non esiste un albo!

I corsi universitari per diventare tecnici in ambito fisico

Uno dei modi per studiare fisica all'università è iscriversi a un corso per tecnici.
Ci sono diversi percorsi per studiare fisica all'università!

Vediamo nel dettaglio quali sono i percorsi di studio per chi intende lavorare come tecnico di laboratorio e affini. La materia genera un po' di confusione perché la dicitura di "tecnico" si riferisce sia a chi possiede una laurea, sia a chi possiede un diploma di un istituto tecnico.

In entrambi i percorsi di studio è presente la fisica, anche se all'università gli studi sono più approfonditi, ovviamente. Cominciamo dalle università.

Corsi di laurea per tecnico di laboratorio

Se ami la fisica il corso per tecnico di laboratorio è il corso più adatto per poter lavorare concretamente nella ricerca.

Il tecnico di laboratorio, infatti, dà supporto a fisici, ingegneri, chimici o biologici che devono fare esperimenti in laboratorio. Si occupa sia della misurazione, dell'analisi e dei test di laboratorio, sia della preparazione e manutenzione degli strumenti.

Un tecnico di laboratorio può lavorare per aziende e istituti di ricerca pubblici e privati. Per esempio, alcune multinazionali cercano tecnici di laboratorio in ambito fisico-meccanico per fare degli esperimenti sui propri prodotti per vedere se rispettano le leggi.

Puoi trovare un corso di laurea in tecniche di laboratorio biomedico in diversi atenei italiani, come l'Università di Pisa.

Corsi per tecnico audiometrista

All'Università degli Studi di Milano trovi un corso di laurea in Tecniche audiometriche. Un audiometrista è un tecnico che lavora per prevenire, valutare e riabilitare il sistema uditivo e vestibolare.

Per fare il suo lavoro il tecnico audiometrista fa degli esperimenti, testa macchinari e lavora in collaborazione con i medici in qualità di libero professionista.

Tra le materie studiate ci sono:

  • Anatomia e istologia
  • Biologia
  • Fisica e statistica
  • Fisica applicata
  • Misure elettriche ed elettroniche
  • Audiologia
  • Genetica
  • Informatica
  • Patologia
  • Psicologia

Questa figura sanitaria ha quindi un'ampia formazione scientifica.

Corso per tecnico di radiologia e tecnico di fisica sanitaria

Sempre in ambito medico, ci sono altre due figure professionali legati alla fisica. Il primo è il tecnico di radiologia, un libero professionista si occupa di fare le radiografie e altre indagini termiche o magnetiche prescritte da un medico.

Il secondo è il tecnico fisico, un professionista che ha il compito di verificare che gli strumenti dei laboratori e delle industrie che usano la radiologia rispettino le norme in materia. Questa figura è molto importante perché funge da anello di congiunzione tra la medicina e la fisica con materie di studio come fisica biologica, biomedicina ecc.

Puoi trovare questo diploma all'Università degli studi di Parma.

Quali sono le migliori facoltà di fisica?

Due modi per diventare tecnici della fisica

Puoi diventare tecnico di laboratorio con un corso a distanza e online.
Ci sono due modi per imparare la fisica durante un corso per tecnici di laboratorio!

Per poter seguire un corso universitario di tecnico di laboratorio si possono scegliere dei corsi in aula e dei corsi a distanza, basati su videolezioni. Un corso online sembra la soluzione ideale per chi ha difficoltà di movimento, oppure chi vive in una città diversa da quella della sede universitaria.

L'importante è scegliere un corso offerto da un'università telematica riconosciuta dal Miur e con un piano di studi adatto a prepararti a diventare un tecnico di laboratorio. Ricorda anche che un corso di questo tipo difficilmente sarà solo teorico. In realtà, sono sempre previste delle formule miste con alcune lezioni in aula e un periodo di tirocinio in un laboratorio.

Se hai studiato fisica alle superiori, sarà più facile seguire questa materia a distanza!

Questi sono alcuni dei vantaggi di un corso universitario per tecnico di laboratorio in aula:

  • E' un corso che ti abilita alla professione di tecnico di laboratorio biomedico
  • Ti permette di entrare in contatto diretto con i professori e con gli altri studenti per scambiarvi informazioni, condividere le conoscenze e le buone pratiche
  • Ottieni un titolo di studio riconosciuto

L'inconveniente dei corsi in aula è che sono a numero chiuso e non è sempre facile entrarci, a meno che non conosci tutto sulla fisica e sulle materie biomediche richieste!

I vantaggi di un corso a distanza per tecnico di laboratorio:

  • Hai accesso ai materiali formativi in qualunque momento, visto che sono online
  • Paghi una retta universitaria più bassa rispetto a quella di un corso in aula
  • Trovi anche simulazioni e giochi per poter imparare in un modo più interattivo

Lo svantaggio di un corso online è che comunque devi prevedere delle lezioni in laboratorio, quindi scegli bene l'università anche in base alla distanza da percorrere!

I requisiti per diventare collaboratore tecnico

Con una laurea in fisica puoi lavorare come tecnico per enti pubblici e privati.
Il mercato del lavoro nell'ambito della fisica prevede diverse posizioni, nel pubblico e nel privato!

Il mercato del lavoro nell'ambito della fisica è molto ampio e comprende:

  • professionisti con una laurea in fisica, che  possono lavorare nell'ambito della ricerca e dell'insegnamento e nelle imprese,
  • tecnici di laboratorio, radiologi e affini che lavorano in ambito sanitario, ecco perché oltre ad avere delle solide basi in fisica hanno anche una formazione biomedica,
  • diplomati presso un istituto tecnico professionale che possono lavorare con mansioni tecniche accanto a fisici e tecnici di laboratorio in qualità di collaboratori tecnici.

Il collaboratore tecnico, a differenza di fisici e tecnici di laboratorio, non ha una laurea in fisica, né biomedicina, ma una volta terminato l'Istituto tecnico superiore può fare dei concorsi per lavorare la fianco di questi professionisti.

Per capire meglio le competenze richieste al collaboratore tecnico puoi cercare i concorsi o le offerte di lavoro da parte di enti pubblici e istituti privati.

Ad esempio, per lavorare come collaboratore tecnico presso il Laboratorio di tecniche chimico fisiche dell'INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, occorrono questi requisiti:

  • esperienza in impianti e preparazione di rivestimenti per attività di ricerca scientifica
  • diploma di perito tecnico industriale con specializzazione in chimica, meccanica, elettronica, automazione, informatica a seconda del reparto.

Come vedi, le figure che possono lavorare per importanti enti di fisica o presso laboratori di aziende private hanno una preparazione diversa a seconda del ruolo che vogliono ricoprire: più operativo, come il collaboratore tecnico, legato alla salute, come il tecnico di laboratorio e di ricerca e sviluppo come il fisico tecnologo.

E tu, chi vorresti diventare?

Bisogno di un insegnante di Fisica?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue