Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Paesaggio, ritratto, colori: quale artista o maestro disegno diventerai?

Di Martina, pubblicato il 28/09/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > Quali Sono le Diverse Tecniche che si Possono Imparare in un Corso di Disegno?

Un artista completo è un artista che può utilizzare tutti i tipi di tecniche. Purché questo avvenga, sono necessarie molte ore di lavoro dietro il proprio cavalletto o sul foglio bianco.

Carboncino, sanguina, grafite, matite colorate, pietra nera, penne, pittura a olio, ecc. I disegnatori hanno l’imbarazzo della scelta quando si tratta di scegliere il materiale giusto o la tipologia di disegno da applicare!

Se alcuni preferiscono disegnare un ritratto con il carboncino, altri si divertono a riprodurlo con matite colorate.

Dipende solo da te.

Sei più penna o grafite?

Il carboncino per le bozze

Nel disegno a carboncino, si può cancellare o sfumare con le dita, ottenendo una gamma completa di grigi. I giochi di luce di e di ombre sono parte integrante del disegno

Hai appena iniziato un corso di disegno online?

Il tuo professore comincerà sicuramente presentando le numerose tecniche che un’artista pittore può utilizzare per iniziare il proprio disegno.

Tra queste tecniche, ritroviamo il carboncino. È un bastoncino di carbone di legna, che deriva dall’albero che porta lo stesso nome.

Si tratta di uno dei primi strumenti utilizzati dall’uomo per rappresentare la realtà su una superficie piana. È utilizzato da molto tempo come una matita a tutti gli effetti per tracciare i contorni di un disegno e colorarlo.

Con il carboncino, puoi divertirvi a realizzare dei tratti fini o più spessi in base all’inclinazione che dai al tuo strumento. È in effetti un compagno di disegno straordinario! Non c’è bisogno di usare una serie di matite: un solo carboncino può essere più che sufficiente per realizzare un disegno.

Solo, alcune varianti del carboncino possono essere utilizzate per piacere. Ti aiuteranno a migliorare il tuo stile mentre impari a disegnare.

Il carboncino può essere morbido e quindi friabile o più secco quindi più duro.

Qualora il carboncino è secco, è più facile utilizzarlo per tracciare tratti leggeri come per realizzare ad esempio una bozza.

In occasione dei miei corsi di disegno, alcuni miei compagni utilizzavano questo tipo di carboncino per disegnare i primi tratti del loro disegno su tela. È un modo di tracciare le prime linee senza che siano definite.

Poiché in effetti, il carboncino è facile da sfumare e quindi da cancellare!

Ma soprattutto non utilizzare la gomma che usi tutti i giorni. Per cancellare il carboncino, è preferibile la gomma pane. Questo impasto elastico permette di cancellare picchiettando sul disegno per evitare sbavature.

Il carbonico che è morbido e quindi molto friabile è spesso utilizzato per contrastare il disegno e scurirlo. Permette di realizzare variazioni e aggiungere ombre e luci.

Con il carboncino, è molto più facile ottenere delle sfumature gradevoli che con una matita in grafite. Si sfuma fino a creare delle zone d’ombra al tuo disegno. Ma permette di realizzare tratti marcati e sottili qualora ne hai bisogno.

Attenzione, tuttavia è fragile e difficile da fissare nel tempo. Ricorda quindi di proteggere i tuoi disegni sotto vetro affinché non svaniscano.

Con il carboncino è inoltre facile sporcarsi: è carbone! Fai attenzione ai tuoi vestiti ma soprattutto alle tue dita e mani quando lavori per non rovinare e macchiare il tuo disegno.

Per imparare a disegnare, non è per forza lo strumento più facile, ma dopo alcune ore di disegno con la matita, puoi procedere con il carboncino che permette di disegnare un viso, dei personaggi, un corpo umano, per realizzare un disegno realista e aggiungere profondità.

Si tratta quindi di uno strumento che tutti i disegnatori devono avere!

Scopri anche cos’è la vignetta

La sanguina per i ritratti

La tua costanza sarà ripagata! Frequenta delle lezioni e corsi per imparare a disegnare con originalità!

Dal disegno di osservazione alle illustrazioni per bambini, le tecniche del disegno possono svolgere un ruolo importante nella resa finale.

Anche se tutte le tecniche possono essere utilizzate per ogni tipo di disegno, sarà ad esempio più facile realizzare un ritratto con alcuni materiali come il carboncino, la pietra nera e la sanguina.

Ti starai chiedendo cos’è la sanguina?

Conosciuta fin dall’antichità, è nel XV secolo a Firenze che gli artisti iniziano a utilizzare la sanguina come unico strumento per i loro disegni. È costituita da argilla ferruginosa, che va dal rosso chiaro al violaceo.

Permette di definire il disegno, ma anche di riempirlo con ombre e luce, dando così rilievo al disegno.

I più bei esempi sono i disegni di Leonardo da Vinci. Dei veri capolavori in cui il pittore ha studiato l’anatomia umana disegnando il corpo umano su carta. Ancora oggi, ritroviamo le tracce dei suoi disegni un po’ ovunque.

Fanno irrevocabilmente parte della storia dell’arte.

La sanguina ha avuto molto successo nel XVI, XVII e XVIII secolo, prima di essere a poco a poco dimenticata.

I più grandi disegnatori e pittori l’hanno preferita alla pittura a olio!

Oggi, questa tecnica è ritornata di moda nei corsi di disegno proposti dagli atelier. Permette di perfezionarsi con i propri tempi ed esprimere uno stile un po’ più eccentrico rispetto alla grafite.

La grafite per il contrasto 

Ombreggiare un disegno ti permette di aggiungere profondità, contrasto, carattere e persino movimento. Come far emergere i contrasti e i giochi d’ombra e luce su un foglio di carta?

Desideri realizzare un fumetto o libretto di viaggio?

Ma quale materiale da disegno utilizzare?

Il primo strumento a cui si pensa quando si tratta di realizzare un disegno è senza dubbio la matita di legno, la matita grigia, o la matita a carboncino. È carbone naturale o artificiale cristallizzato, quasi puro. Ha un colore grigio-nero, morbido e friabile.

Ricordati, che già dall’asilo, le maestre ti mettevano le matite in mano per imparare ad esprimerti. Passo dopo passo, hai realizzato disegni più belli.

Siamo sempre stati abituati a questa matita, chiamata anche grafite. Alcuni appassionati di arti plastiche e di disegno utilizzano solo questo materiale per realizzare i loro disegni. A volte può portare a delle rese fantastiche.

Questo materiale è stato già utilizzato dai nostri cari antenati, gli uomini preistorici!

Quest’ultimi utilizzavano dei pigmenti e del legno carbonizzato per lasciare le tracce sulle pareti delle grotte.

Oggi, le matite in grafite, possono essere classificate. Le categorie vanno dal:

  • 9H al 9B,
  • La lettera H indica le matite più dure,
  • La lettera B indica che le matite sono più grasse,
  • HB è tra una matita secca e una grassa.

La cosa migliore è di procurarsi una serie intera di matite per poter variare gli effetti di contrasto, d’ombra e luce.

Puoi anche sviluppare le tue competenze artistiche passando dal disegno geometrico (disegno di architettura…) alle realizzazioni di ritratti.

La penna per l’originalità

Chi non ha mai scarabocchiato nell’angolo del foglio del corso per noia o per passione per il disegno?

Se è il tuo caso, e dubito del contrario, forse è il momento di utilizzare il tuo talento per una carriera artistica? Grafico, illustratore, disegnatore, professore d’arte, architetto… Molte professioni richiedono delle buone qualità artistiche.

E se tutto è incominciato con la tua penna ai tempi della scuola?

Anche se tendiamo ad associare la penna alla scrittura, può aiutarti nelle tue realizzazioni. Alcuni disegni sono fatti interamente a penna.

Questi disegni sono realizzati con l’aiuto di cerchi.

Più i cerchi sono piccoli e intensi, più il disegno sembrerà scuro. Al contrario, più lasci spazio tra i cerchi, più il disegno sarà arioso e chiaro.

Quelle che a prima vista sembrerebbero foto monocromatiche di volti, sono in realtà accurati disegni realizzati con una penna biro Un gorilla realizzato unicamente con una bic nera, stupefacente no?

Poiché saper disegnare non vuol dire sempre seguire le regole dell’arte. Bisogna a volte saperle aggirare per inventare il tuo stile ed essere creativo.

Sta a te far lavorare la tua immaginazione!

E a distinguerti per entrare in una scuola d’arte.

Le tecniche di pittura per colorare

Le tecniche di pittura inglobano tutte le tecniche relative alla pittura.

Queste tecniche non sono tecniche di disegno, ma più di “colorazione”.

Tuttavia, alcuni artisti cominciano direttamente con la pittura. Può essere il caso dell’acquerello.

I libretti di viaggio soni spesso realizzati con questo tipo di pittura. Ma è fuori questione perdere tempo con la penna o la grafite. È a volte preferibile usare subito il pennello.

Questo può essere anche il caso della pittura a olio, acrilica, tempere, inchiostro di china…

Tutto dipenderà da ciò che desideri fare e dalla tua disinvoltura con i pennelli o i pastelli. Se sei un principiante, disegnerai più facilmente cominciando dai pastelli, mentre i più esperti affronteranno la tela direttamente con il pennello.

Ognuno deve trovare il proprio ritmo e il proprio stile. E potresti diventare il più grande artiste d’Italia.

Scopri cos’è il disegno industriale

I consigli per migliorare la tecnica del disegno

  • Esercitati: poco importa quale strumento scegli, bisogna che lo hai sempre a portata di mano. Abbi sempre fogli un po’ ovunque, a casa, nella borsa, nell’auto…è meglio fare degli schizzi regolarmente piuttosto che abbozzare una volta a settimana, è in questo modo che progredirai,
  • Osserva: provare a capire il soggetto del proprio schizzo è la parte più importante del disegno. Concentrati sull’essenziale e non sugli elementi sgradevoli da vedere. Conserva solo ciò che ti interessa,
  • Fai un passo indietro: Non buttarti con la testa nel disegno. Fermati, fai un passo indietro e osserva l’insieme per essere sicuro di andare nella giusta direzione,
  • Mischia le tecniche: per conoscere il proprio elemento di predilezione, è essenziale provare diverse tecniche e di mischiarle in modo da ottenere dei risultati diversi e originali,
  • Analizza: prova a capire cosa potresti migliorare. Non esitare a mostrare i tuoi schizzi a dei professionisti per avere una visione nuova e capire cosa migliorare.

In sintesi: 

  • Comincia con le matite, certamente lo strumento più facile da padroneggiare e il più conosciuto. Successivamente dirigiti verso il carboncino. Questi strumenti sono consigliati per i ritratti, i giochi d’ombra e la luce.
  • Se preferisci il colore, indirizzati sulla sanguina per l’originalità, le matite colorate o i pastelli per avvicinarti alla pittura.
  • Infine, la penna può essere un modo per distinguerti.
  • Non arrenderti, persevera, noterai che man mano la tua tecnica e il tuo stile si affineranno, qualunque sia lo strumento scelto.
Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar