Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corso di disegno: le tecniche, le professioni e i molteplici percorsi dell’arte del disegno!

Di Martina, pubblicato il 27/09/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > Lezioni di Disegno: le Diverse Forme di Disegno

Il disegno è un’attività universale praticata da tutti.

Dalla più tenera età, disegniamo prima di imparare a parlare. Mezzo di espressione e comunicazione, il disegno possiede molte vocazioni.

Può assume diverse forme, ma la base rimane la stessa: la padronanza delle forme, delle tecniche di base, dei colori, della composizione… Il disegno non è un talento innato che lo si possiede o no. Ad ogni età, è possibile imparare a disegnare. E può essere la cosa più importante. Il disegno è universale e tutti possono imparare a disegnare.

Come affermava Auguste Rodin:

“Non esiste davvero uno stile bello, un bel disegno, dei bei colori: c’è solo una bellezza, quella della verità che si rivela.”

Quali sono i diversi tipi di disegno? Quali sono le loro caratteristiche?

Disegnare per piacere, per far ridere, per lavoro. Le prospettive sono molte quando si comincia a disegnare!

Cos’è il disegno di osservazione?

Cominciamo prima di tutto dal disegno di osservazione.

Perché?

Perché fa parte delle basi indispensabili del disegno!

Il tuo professore di disegno comincerà certamente per insegnarti le tecniche basi del disegno attraverso esercizi e modelli semplici.

Il disegno di osservazione è osservare senza giudicare. Non è così semplice disegnare una mano realistica…

Quando si incomincia ad avere interesse per il disegno di osservazione?

  • per imparare a padroneggiare le sue tracce,
  • per sviluppare il proprio senso di osservazione,
  • per riprodurre ciò che vedi con accuratezza,
  • per conoscere le tecniche: prospettiva, proporzioni, ombre e luce, corsi di disegno online….

Il disegno di osservazione necessita molto pratica. In effetti il suo obiettivo è di riprodurre un modello identico. Per questo, bisogna saper “disconnettere” il proprio cervello per restare concentrati sull’osservazione pura. Non ragionare, non interpretare.

Semplicemente considerare la propria mano come l’estensione degli occhi.

Disegnare un corpo, un volto, una natura morta… Esercizi difficili all’inizio, ma fondamentali per diventare un disegnatore versatile.

Una volta acquisita la capacità di rappresentare tratto per tratto ciò che vediamo, il mondo e la sua vasta diversità diventa accessibile.

È chiaro che acquisire la capacità di riprodurre perfettamente un ritratto, un paesaggio o un oggetto, permette di esprimersi più facilmente attraverso il disegno. Possiamo allora distaccarci da questa realtà per lasciare spazio alla creatività e all’immaginazione.

Avere delle idee è una cosa, saperle materializzare sul foglio bianco è un’altra. Grazie al disegno di osservazione, imparerai le tecniche indispensabili.

Cos’è la caricatura?

Quando si sa disegnare un ritratto alla perfezione, si può facilmente divertirsi realizzando delle caricature. Esagerare i tratti, forzare le caratteristiche fisiche per far ridere…un esercizio ludico molto apprezzato!

La caricatura ha una storia lunga più di un secolo

Dall’antichità, ritroviamo delle tracce su vasi greci ad esempio. La sua pratica è nel complesso diffusa, ma si sviluppa attraverso i secoli.

Se all’inizio la caricatura prende la forma di stampa e illustrazioni, lo sviluppo della stampa a partire dal Rinascimento facilita la diffusione dei disegni di parodie. La vera nascita del disegno satirico è legata a un evento essenziale della storia francese: la Rivoluzione.

I disegni diventano un mezzo per criticare la società e denunciare gli abusi politici. I giornali satirici si sviluppano e la caricatura diventa il mezzo di espressione universale. È il suo interesse: tutti possono capire un disegno. Un’immagine shock che ridicolizza una personalità ha più impatto delle parole per danneggiare l’immagine di qualcuno!

Ti piacerebbe l’idea di realizzare dei ritratti umoristici?

Bisognerà avere delle buone basi nel disegno. Disegnare un ritratto sotto forma di caricatura necessita di un buon senso di osservazione per individuare le caratteristiche che possono essere esagerate nella rappresentazione.

Come per il ritratto, comincia a tracciare i tratti principali del volto facendo attenzione a ben preservare la somiglianza evidente con il soggetto. Successivamente, elabora i dettagli che diventeranno il centro della tua caricatura.

  • Due occhi cadenti?
  • Una grande bocca? 
  • Una fronte sproporzionata?

Tutto dipende dal tuo soggetto.

È il momento di piacere, esagerare i dettagli giusti, preservando l’armonia generale del ritratto. Realizzare una caricatura non vuole dire fare qualunque cosa. Si deve identificare la persona rappresentata al primo sguardo.

Per esercitarti, prova a fare degli schizzi delle personalità famose partendo dalle fotografie. Ciò ti permetterà di trovare automatismi e di migliorare il tuo tratto di matita.

La caricatura è un disegno di solito a carattere umoristico o satirico che rappresenta una persona La caricatura si impara e richiede pratica!

Cos’è la vignetta?

Dalla caricatura alla vignetta, il passaggio è breve.

Hai tutti i numeri di Linus o di Corto MalteseApprezzi il loro lato sarcastico e provocatorio?

I vignettisti sono specialisti della caricatura.

Il loro lavoro? Prendere spunto dall’attualità per metterla in luce attraverso i disegni umoristici, e generalmente denunciare e criticare i fatti della società, la religione, o l’attualità politica. Guardano il mondo attraverso i loro disegni.

L’attentato del 2015 alla redazione di Charlie Hebdo ha messo sono i riflettori i vignettisti. Esercitano una professione a rischio in un contesto attuale teso.

La vignetta ha come obiettivo di far reagire, di incitare il lettore a porsi delle domande. Per questo, il disegnatore non esita a usare la provocazione, l’umorismo nero, i pregiudizi, l’ironia…

La vignetta non è analizzata al primo grado. Ciò che dovrebbe scioccare i lettori non è un disegno, ma piuttosto la notizia che l’ha ispirata. I disegnatori non inventano l’orrore, lo ritrovano nella nostra società. Non fanno che reagire a ciò che li circonda.

Non bisogna dimenticare che un disegnatore è prima di tutto un giornalista che fa un lavoro di analisi. Invece di scrivere un articolo, trasmette un messaggio attraverso il disegno di una breve storia. Per essere efficace, deve colpire facendo ridere!

Tante cose da imparare in un corso di disegno…

Cos’è il disegno tecnico?

Hai uno spirito più cartesiano?

Un’anima scientifica?

Il disegno tecnico, anche definito disegno industriale è l’opposto del disegno creativo. Questa disciplina indispensabile nell’ingegneria consiste nel rappresentare attraverso il disegno dei prodotti, prototipi e progetti di ogni genere.

Il disegno tecnico usa un linguaggio grafico codificato che fa capo a una serie di normative e convenzioni Il disegno tecnico è un campo in cui la precisione e il rigore sono indispensabili.

È particolarmente importante poiché è un mezzo di comunicazione e trasmissione di informazioni essenziali per elaborare e sviluppare nuovi concetti e prodotti.

Esempi?

  • I disegni di montaggio dei tuoi nuovi mobili,
  • I progetti architettonici,
  • I prodotti industriali (automobile, areonautico…),
  • L’elettronica e i suoi modelli.

La parola d’ordine del disegno tecnico? La precisione.

Prima di lanciare la produzione di un pezzo specifico, bisogna averne una rappresentazione concreata sotto ogni angolazione. È la che interviene il disegnatore progettista. I suoi disegni, i diversi punti di vista, le inquadrature, le classificazioni…presentano il prodotto in modo esaustivo. Raggruppa tutte le informazioni utili.

Il disegno industriale deve essere compreso dai tutti i professionisti che lavorano su un progetto. È per questo motivo che è un campo molto standardizzato.

Ogni disegnatore rispetta le numerose norme in vigore che dettano ad esempio:

  • Il formato dei disegni,
  • I tratti utilizzati,
  • Gli elementi da menzionare sul disegno,
  • La disposizione delle viste.

Abbiamo l’immagine del disegnatore tecnico davanti alla sua tavola da disegno, lavorando con il suo compasso e la squadra. Oggi, la professione è cambiata e i professionisti del disegno industriale lavorano sul computer grazie a dei software di disegno. È una professione in cui la precisione è indispensabile, ma che permette di lavorare in diversi settori di attività.

Quali sono le diverse tecniche del disegno?

Abbiamo trattato globalmente le principali tipologie di disegno. Prima di trovare il tuo stile, è necessario ancora imparare varie tecniche…

Gli strumenti e i materiali per disegnare che si possono trovare in commercio sono molto numerosi e si differenziano sia per le loro caratteristiche tecniche che per la loro qualità. Pennello, matita, pastello, carboncino, pietra nera…Tanti strumenti da imparare a utilizzare.

In occasione di un corso di disegno, il professore ti introdurrà ai diversi strumenti utilizzati dai disegnatori. Secondo il tipo di disegno che desideri realizzare, dispone in effetti di diversi mezzi più o meno adatti.

Hai senza dubbio realizzato il tuo primo schizzo a matita o con i pastelli. Non esitare a variare le tecniche per scoprire nuove possibilità e ottenere una resa diversa.

Nel disegno, ritroviamo:

  • Il carboncino: inevitabile per il disegnatore. È un ramo di un arbusto trasformato per effetto della combustione, secondo un processo affine alla fabbricazione del carbone. Il carboncino conviene particolarmente per realizzare dei ritratti,
  • La pietra nera: contrariamente al suo nome, può essere nera ma anche bianca. È simile al carboncino, ma sporca meno. La pietra bianca permette di disegnare su carta colorata, apportando un tocco di originalità,
  • La sanguina: come indica il suo nome, sono dei pigmenti di colore rosso terra, ma anche ocra, marrone e arancione. È ideale per disegnare volumi e modellati,
  • La grafite: anche detta matita! È senza dubbio il tuo primo strumento per disegnare. È utile per creare il contrasto ed è disponibile in diverse versioni più o meno grasse secondo le necessità.

Per i tuoi disegni, puoi anche facilmente modificare lo stile cambiando la tecnica di disegno. Penna a sfera, inchiostro di china, pastelli… Tutto è permesso per esprimerti!

Alle tue matite!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar