Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quanto bisogna esercitarsi per diventare bravi batteristi senza fare un corso di batteria?

Di Nicolò, pubblicato il 13/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Esercitarsi Senza Prendere Lezioni Di Batteria

“Sono andato a New York e ho fatto la fame per cinque mesi […] stando seduto a casa con le mani in mano e suonando la batteria.” Keith Jarrett

Secondo uno studio di Malcolm Gladwell nel suo libro Outliners: the Story of Success, sarebbero necessarie 10.000 ore di pratica deliberata con lo strumento per diventare un batteristi professionisti. 

Ma non tutti ambiscono a diventare batteristi di fama internazionale, e per un principiante è assolutamente ragionevole dividere questo numero d’ore per due o per tre (talvolta addirittura di più). Sarà comunque possibile raggiungere un livello avanzato, soprattutto se si prendono anche lezioni batteria.

Imparare a suonare la batteria o qualsiasi altro strumento musicale richiede tempo, pazienza e rigore. 

È quindi normale chiedersi quante ore di pratica ci vogliono per diventare batteristi di buon livello.

Quante ore al giorno esercitarsi con la batteria? 

Esercitati almeno 20 minuti al giorno! Per diventare batteristi professionisti ci vuole molto rigore!

Per progredire rapidamente con la batteria, bisogna esercitarsi quotidianamente. Nelle scuole di musica, con un corso batteria privato o da autodidatta, l’importante è essere costanti e fare esercizi tutti i giorni, anche se solo per 10 minuti al giorno.

Imparare a suonare le percussioni richiede un po’ di tempo, non si diventa bravi con uno schiocco di dita.

In molti credono che la batteria sia uno strumento più facile da suonare rispetto ad altri, ma è falso.

Per ottenere un buon livello di batteria ti ci vorrà molto tempo, e di certo non meno che per altri strumenti come la chitarra elettrica, il basso, il sassofono, il djembé…

Secondo lo stile di musica prediletto, il groove sarà diverso e, dovrai imparare nuovi ritmi di volta in volta.

Il batterista è il guardiano del tempo: senza di lui, gli altri musicisti del gruppo avranno tendenza ad accelerare o a rallentare. Avrai quindi un ruolo primordiale e di grande responsabilità

Quanto tempo va idealmente dedicato alla pratica quotidiana? 

Per progredire rapidamente con la batteria, l’ideale sarebbe di esercitarsi 1:30 al giorno. 

Suonare la batteria richiede in effetti molto tempo. 

Ed è meglio praticare tutti i giorni, anche solo per 15 minuti, che una volta a settimana per tre ore. 

Sappiamo bene che in molti hanno giornata piene, tra lavoro e impegni. Può essere trovare un’ora e mezza al giorno per la batteria se si vuole avere il tempo di mangiare, vedere i propri amici, trascorrere del tempo con la famiglia e dormire correttamente! 

Ma anche solo un quarto d’ora è meglio di niente. E non sempre hai bisogno di avere la batteria a portata di mano: batti il ritmo sulle tue cosce, su una sedia o su dei cuscini durante la tua pausa pranzo. Insomma, dai un senso ai momenti morti della giornata!

La pausa attiva permette di cambiarsi le idee per qualche minuto, concentrandosi su qualcosa di diverso dal lavoro (strumento di musica, disegno, foto, danza, sport…). La pausa passiva, al contrario, viene invece trascorsa di fronte allo schermo del proprio computer o del proprio telefono, e rappresenta spesso una grande perdita di tempo!

Se senti di non essere in grado di organizzare i tuoi esercizi da solo/a, puoi sempre ricorre a una lezione di batteria o ai corsi di batteria online! 

Quali sono i migliori esercizi per batteria? 

La batteria è uno strumento fondamentale nelle band. Diversifica gli esercizi e impara qualcosa di nuovo ogni giorno!

Se ti eserciti per un’ora, potrai suddividere la tua pratica in 4 tappe chiare: 

  • Un riscaldamento corporeo per 10 minuti, 
  • Un riscaldamento mentale per 10 minuti, 
  • Esercizi tecnici per 20-25 minuti, 
  • Improvvisazione e pratica leggera per 10-15 minuti. 

Durante i primi 10 minuti, moltiplica i rulli, i colpi sui tom, il tempo col charleston, i battiti sui piatti… L’importante è concentrarti sulla postura, la presa delle bacchette e la nitidezza del suono. 

Dopo aver riscaldato il corpo, dovresti passare al riscaldamento mentale, svolgendo esercizi un po’ più complessi. 

Per esempio, suona tutte le note semplici col rullante (con la mano sinistra per i destrimani), mentre l’altra mano (mano destra per i destrimani) suona i contrattempi. Aggiungi i pedali quando ti sembra opportuno. 

L’esercizio sembra semplice ma non lo è! È importante eseguirlo per almeno 10 minuti per migliorare la tua capacità di concentrazione. 

La parte più lunga della pratica dovrà invece essere consacrata alla pratica deliberata. Per 20 o 25 minuti, focalizzati su un elemento tecnico della tua performance: 

  • Paradiddle o altri rudimenti, 
  • Un brano che vuoi imparare, 
  • Un nuovo ritmo rock, jazz, funk o bossa nova, 
  • Un esercizio di rapidità con i pedali, ecc…

L’importante è restare molto concentrato durante tutta la durata dell’esercizio. Inizia col suonare molto lentamente seguendo il ritmo del metronomo e a scomporre tutti i tuoi gesti per memorizzarli prima singolarmente, poi insieme.

Aumenta la velocità finche riesci, ma fa attenzione a far durare l’esercizio almeno 25 minuti, anche se ti sembra di padroneggiarlo alla perfezione dopo soli 10 minuti.

La cosa più importante è essere regolari e costanti. E la regolarità e la costanza si acquisiscono con la pratica!

Infine, concediti 10 minuti di pratica libera: prova un nuovo brano, o in alternativa suona come se stessi facendo un’audizione musicale. Lascia andare liberamente la tua fantasia. L’obiettivo è imparare divertendoti!

E se non riesci ad essere regolare da solo, trova i corsi batteria più adatti a te.

Pratica deliberata o esercizi liberi? 

Scopri i segreti del ritmo rock, funk, blues, ecc... Come combinare esercizi tecnici e divertimento?

Con o senza un corso di batteria, imparare a suonare questo strumento e padroneggiare i ritmi rock, blues e funk non è semplice e richiede molto impegno.

Per divertirsi suonando, bisogna acquisire un minimo di tecnica.

Ma non preoccuparti: potrai iniziare a giocare con la tua batteria dopo appena qualche ora di pratica. 

Il tutto sta nel cominciare dalle basi: inizia studiando il ritmo rock e in particolare il classico “poum-tchak”. 

La pratica deliberata è ovviamente fondamentale. Questo metodo consiste nel concentrarsi su delle tecniche che non si padroneggiano del tutto per progredire più rapidamente. 

In questo modo non ci limita a ripete le tecniche che già si conoscono, ma si impara qualcosa di nuovo ogni giorno. 

Tuttavia, la pratica deliberata richiede tempo. Dovresti consacrarle come minimo 20 minuti ogni due giorni.

In men che non si dica vedrai che otterrai dei risultati impressionanti!

Se disponi soltanto di 10 minuti al giorno, approfittane per provare un nuovo brano o un nuovo rudimento. 

In realtà, non si deve scegliere tra pratica deliberata ed esercizi liberi, poiché le due cose sono complementari. Non ci si può divertire con la batteria senza conoscere le basi della tecnica. La concentrazione e il superamento di sé sono valori essenziali della pratica musicale! 

I veri appassionati potranno passare 8 ore davanti alla batteria senza batter ciglio. 

Ma attenzione: la pratica non deve diventare un lavoro pesante. Non devi sentirti obbligato a fare sempre esercizi ripetitivi, o rischi di perdere il piacere di suonare e la motivazione, con conseguenze drammatica per la tua progressione.

Cerca di alternare esercizi tecnici e noiosi, che sono fondamentali, con esercizi più liberi, dinamici e fantasiosi, al fine di stimolare sia la tua tecnica che la tua creatività.

Come trasformare la pratica in abitudine? 

Ritaglia almeno 20 minuti al giorno per esercitarti con la batteria! Esercitandoti tutti i giorni, la batteria entrerà a far parte del tuo quotidiano!

I migliori mezzi per progredire con la batteria senza rendersene conto è rendere l’esercizio un’abitudine.

Cos’è un’abitudine? 

È qualcosa che si fa di frequente senza nemmeno rendersene conto.

Per esempio, qual è la prima cosa che fai il mattino? 

C’è ad esempio chi prende in mano lo smartphone e guarda le mail prima di alzarsi e fare colazione. 

Pensiamo spesso di non avere abbastanza tempo. 

Ma la verità è che nella maggior parte dei casi il tempo non manca (salvo se sei il primo ministro di un paese, e ancora in quel caso…), ma spesso lo si organizza male. Non è la stessa cosa!

Per trovare tempo, bisogna crearsi una tabella di marcia! 

Apri l’agenda di Google e inizia a scrivere tutto quello che fai in una giornata, in particolare le attività di cui non puoi fare a meno.  

Ad esempio: 

  • 7:30 = sveglia, 
  • 7:30-8 = colazione e preparazione, 
  • 8 – 8:30 = tragitto per il lavoro, 
  • 8:30 – 12:30 = lavoro, 
  • 12:30-13:30 = pausa pranzo,
  • 13:30-17:30 = lavoro,
  • 17:30-18 = tragitto verso casa,
  • 18-18:30 = aiutare i bambini a fare i compiti,
  • 18:30-19 = preparare la cena
  • 19 – 19:30 = cena

Chiediti poi come potresti impiegare il tempo che ti rimane:

  • Vai a lavoro in macchina o con i mezzi pubblici? Nel secondo caso potresti approfittarne per ascoltare brani prestando particolare attenzione al suono della batteria (più facile nei traporti comuni, soprattutto se si ha la possibilità di scrivere,
  • Ci metti un’ora per fare colazione? Consacra 15 minuti alla pratica dei rudimenti (sí, anche senza batteria!)
  • Fai una pausa caffè il mattino e il pomeriggio? Approfittane anche 5 minuti per leggere un articolo sulla batteria, per imparare un nuovo ritmo, per ascoltare un brano mai sentito prima, guarda un video tutorial su YouTube, ecc…
  • Cosa fai dopo le 19:30? Riesci a esercitarti un’ora alla batteria un paio di volte a settimana?
  • Cosa fai il weekend? Potresti ritagliarti una finestra di un’ora e mezza/due ore al giorno per fare esercizi e migliorare la tua tecnica con le bacchette?

Ponendoti questo genere di domande, riuscirai in men che non si dica a organizzare la tua settimana e progredire a buon ritmo!

È facile liberare un po’ di tempo per creare una nuova routine nel proprio quotidiano. Affinché una certa attività diventi un’abitudine, dovresti praticarla per almeno 20 minuti al giorno, almeno in una prima fase.

Vedrai che in un batter d’occhio essere seduto alla batteria ti sembrerà la cosa più normale del mondo!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (Vota per primo)
Loading...
avatar