Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

La guida per padroneggiare le percussioni senza lezioni di batteria! 

Di Nicolò, pubblicato il 17/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Come Diventare Batteristi Senza Corsi Batteria

“La musica è un vero soffio di vita. Si mangia per non morire di fame. Si canta per sentirsi vivi.” Yasmina Khadra

Secondo i dati FIMI, il mercato musicale fisico italiano si piazza al settimo posto su scala mondiale. La passione degli italiani per la musica è quindi confermata dai dati.

Ma anche per gli appassionati di musica, imparare a suonare uno strumento da autodidatti non è un’impresa semplice. Se non vuoi iscriverti a un corso di batteria con un professore privato a prendere qualche lezione batteria in una scuola di musica, dovrai armarti di tanta pazienza! 

Motivazione, rigore e pazienza sono infatti le parole d’ordine per diventare esperti col rullante e maneggiare il pedale della grancassa. 

Imparare da soli richiede molto lavoro e costanza: tieni bene a mente i tuoi obiettivi per non perdere la motivazione. Avrai sempre tempo in futuro per cercare un corso batteria se non ti senti in grado di imparare da solo.

Ecco qualche piccolo consiglio per imparare a suonare la batteria da autodidatti! 

Imparare a suonare la batteria: i manuali e i metodi più efficaci! 

Impara la lingua inglese con i manuali per batteria! Esistono diversi strumenti per i batteristi autodidatti!

Che tu voglia imparare a suonare la batteria elettrica o acustica, esistono numerosi libri e manuali per aiutarti ad acquisire le basi, ad apprendere facilmente i rudimenti e a divertirti suonando.

Molti batteristi imparano semplicemente grazie all’ascolto, ma questo non toglie che sia comunque meglio apprendere le basi del solfeggio ritmico: sarai così in grado di leggere e scrivere la musica, abilità che ti saranno utili per comporre o fare la cover di un brano.

Tieni presente però che molti manuali sono in lingua inglese o francese: dovrai imparare il vocabolario di base della batteria nella lingua di Shakespeare (o in quella di Molière) per leggerli.

Inoltre, la musicalità e il ritmo sono difficili da rendere allo scritto. Ti consigliamo quindi di moltiplicare i supporti per progredire più rapidamente. 

Ecco i migliori manuali per batteria: 

  • Débuter à la batterie di Jean-Philippe Fanfant : adatto per i principianti per i principianti, 
  • Time Functioning Patterns di Gary Chaffee : ottimo per creare ritmi “cool”, 
  • Premiers pas di Marc de Douvan : un metodo molto pedagogico, 
  • The Language of Drumming di Benny Greb : per avere il groove del batterista che ha scritto il libro, 
  • African Rythms and Independence for Drumset di Mokhtar Samba : per scoprire le percussioni africane,
  • Control for the Snare Drummer di George Lawrence Stone,
  • Master Studies di Joe Morello
  • The New Breed di Gary Chester,
  • Advanced Funk Studies di Rick Latham,
  • Realistic Rock di Carmine Appice,
  • Groove Alchemy di Stanton Moore,
  • The Commandments of R&B Drumming di Zoro,
  • Future Sounds di David Garibaldi,
  • Advanced Techniques for the Modern Drummer di Jim Chapin,
  • The Art of Bop Drumming di John Riley,
  • Modern Rudimental Swing Solos di Charley Wilcoxon,
  • Buddy Rich’s Modern Interpretation of Snare Drum Rudiments di Buddy Rich et Henry Adler.

Esistono tanti mezzi per progredire con la batteria. Per esempio, puoi leggere un libro sulla storia della batteria o le autobiografie dei grandi batteristi per trovare ispirazione.

Come organizzare la pratica quando si è autodidatti? 

Cerca di fare un po' di pratica tutti i giorni. Ricorda che esercitarsi con regolarità è la chiave del successo!

Gli esercizi di batteria sono un po’ come un allenamento sportivo: bisogna scaldare i muscoli prima di passare alla pratica vera e propria.  

Per suonare la batteria, si suda come durante un allenamento sportivo, si prova a superarsi per andare sempre più lontano e ci si procurano calli e lividi a forza di battere sui piatti, di provare un ritmo ternario o di aumentare il tempo sul proprio charleston. 

La sola differenza sta nel fatto che per suonare la batteria ci vuole anche una gran dose di creatività.

Prima di iniziare, assicurati di avere tutto ciò che di cui hai bisogno a portata di mano, per evitare di interrompere l’esercizio e perdere tempo. Spegni il telefono e inizia la tua pratica di un’ora con:

  • 10 minuti di riscaldamento corporale: colpisci i diversi elementi come ti pare, suona un brano che ti piace, prova nuovi stili di musica. L’obiettivo è di sciogliere i polsi e di scaldare i muscoli per prepararsi alla pratica vera e propria,
  • 10 minuti di riscaldamento del cervello: con una mano, scandisci un ritmo regolare sul rullante, mentre con l’altra aggiungi altri elementi, improvvisa e dai sfumature al suono; serviti anche dei pedali,
  • Da 20 a 30 minuti di pratica deliberata: esegui un esercizio o un brano in particolare rimanendo perfettamente concentrato. C’è un’unica regola da seguire: fare ogni volta qualcosa di nuovo,
  • 10/20 minuti di esercizio libero: esegui un nuovo brano o improvvisa un ritmo frenetico — hai carta bianca!  In questa fase l’essenziale è lasciare libero sfogo alla tua creatività e soprattutto divertirti!

Se non riesci a ritagliare un’ora al giorno per fare pratica, ricorda che è meglio esercitarsi tutti i giorni, anche se solo per 20 minuti, che fare un’unico esercizio di due ore una volta a settimana.

Ire hai poco tempo, riduci la fase di riscaldamento e fai pratica deliberata per 10 o 15 minuti. 

Quanto tempo ci vuole per diventare bravi batteristi?

Sogni di diventare un batterista celebre? Impegnati molto e ci riuscirai! Non esiste una formula magica, ma esistono le dritte giuste!

Se fai soltanto una lezione di batteria di un’ora a settimana, non progredirai molto velocemente.  Iniziare a suonare la batteria significa prendere un impegno che richiede tempo e dedizione

Ci vogliono 10.000 ore di pratica deliberata per diventare batteristi esperti, capaci di avere una carriera internazionale. 

Ciò significa che bisognerebbe esercitarsi con la pratica deliberata 2:30 tutti i giorni, 365 giorni all’anno durante 10 anni. Anche con tutta la buona volontà del mondo, è quasi impossibile essere così costanti (chi ha voglia la forza di mettersi alla batteria dopo il cenone natalizio o il picnic di ferragosto?). 

Ma non c’è bisogno di puntare così in alto!

Fai 20 minuti di pratica deliberata due o tre volte a settimana, è già un ottimo buon inizio! 

Si pensa spesso (a torto) che la batteria sia uno strumento musicale facile da suonare. Niente di più falso. La mano sinistra e la mano destra devono essere in grado di muoversi in maniera indipendente una dall’altra, e lo stesso vale per i piedi. Per essere buoni batteristi, bisogna avere un’ottima coordinazione e al contempo saper dissociare i movimenti. 

Inoltre, la batteria non è uno strumento armonico, ma uno strumento a percussione basato sul ritmo, e il ritmo non è facile da padroneggiare.

Il tempo cambia in funzione degli stili musicali. Il batterista deve sempre adattarsi e ha spesso il compito di guidare gli altri strumenti.

Ricorda che, durante la giornata, puoi riempire i tempi mordi facendo esercizi per batteria anche senza avere lo strumento sotto mano. Battere un ritmo sulle cosce, su una sedia o su un tavolo durante la tua pausa pranzo, ad esempio.  

I minuti che trascorri a scrollare la home di Facebook sul tuo smartphone possono essere impiegati per ripassare un rudimento o un ritmo particolare. Hai un tragitto di mezzora per arrivare al alveo coi mezzi pubblici?  Impiegali per scomporre i diversi movimenti che riprodurrai poi la sera a casa, davanti al tuo strumento.

Tutto sta nel crearsi un’abitudine: a tale o tale ora della giornata, obbligati a dedicare un certo lasso di tempo agli esercizi per batteria. Dopo qualche settimana sarai talmente abituato che non lo vivrai più come uno sforzo, e nel giro di qualche mese progredirai a vista d’occhio, anche senza corsi di batteria.

I migliori consigli per progredire  nel maneggiamento delle bacchette per batteria! 

Chi ama la musica non può vivere senza! Segui i consigli dei professionisti e condividi la tua passione con altri musicisti!

Sono molte le dritte che possono aiutarti a imparare a suonare diversi stili di musica alla batteria:

  • Adotta una buona posizione: verifica la posizione che adotti sullo sgabello suonando davanti a uno specchio, e correggiti aiutandoti con i tutorial su Youtube,
  • Tieni bene le bacchette: esistono più maniere di tenere le bacchette, quattro in totale, divise in due categorie, la “presa tamburi” e “la presa piatti”, 
  • Registrati e filmati: è il miglior modo per correggere i tuoi errori, 
  • Suona con un metronomo: è un po’ ripetitivo, ma permette di seguire correttamente il tempo,
  • Sii paziente: non bruciare le tappe, altrimenti rischi di non progredire ma, al contrario, di bloccarti o di regredire. Bisogna imparare a suonare lentamente prima di provare a farlo rapidamente, 
  • Esercitati molto regolarmente: meglio esercitarsi 3 volte a settimana per mezzora che una sola volta per due ore,
  • Sciogliere le tensioni: sbarazzati delle preoccupazioni, o rischi di esitare e di sbagliare! Quando ti eserciti alla batteria, non pensare ad altro,
  • Impara i rudimenti: sono essenziali per effettuare i breaks! 
  • Impara le basi del solfeggio ritmico: certo, puoi imparare a suonare fidandoti solo del tuo orecchio, ma imparando le basi del solfeggio ritmico le possibilità aumenteranno in maniera esponenziale,
  • Suona sempre e ovunque: non si può sempre avere una batteria con sé, ma non dimenticare che non hai sempre bisogno dello strumento per fare esercizio: talvolta bastano una superficie piana o il proprio corpo!
  • Divertirsi: non dimenticare che la cosa più importante è divertirti e sviluppare la tua creatività! 
  • Trova un gruppo musicale: si progredisce più rapidamente in compagnia di altri musicisti, es suonare sarà anche molto più divertente!

Non dimenticare che non è facile mantenere alta la motivazione: ricorda quindi di essere regolare e di non perdere mai di vista i tuoi obiettivi. 

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar