Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di batteria: impara a comporre brani e suonare i tuoi stili musicali preferiti!

Di Nicolò, pubblicato il 30/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Corsi di Batteria: Impara le Differenze tra gli Stili Musicali e Componi Brani Originali

“C’è ritmo in ogni arte, non importa che tu sia un pittore, un musicista o un regista: il ritmo c’è, e la gente ne sente il richiamo.” F. Gary Gray

Secondo un’inchiesta Ipsos, circa la metà dei giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni ascoltano musica hip hop, seguita dai generi pop e r’n’b, poi dal reggae e dalla musica elettronica, e infine dal rock e dalla musica italiana.

Da questi dati risulta chiaro che i gusti dei giovani siano estremamente eterogenei, e la stessa cosa si può dire per le fasce d’età più avanzate.

Sogni di imparare a suonare la batteria? Vorresti scoprire i segreti e le tecniche del tuo stile musicale preferito? Superprof ti spiega tutto quello che c’è da sapere su questo meraviglioso strumento!

Suonare brani rock alla batteria

Scopri le differenze tra i diversi generi musicali. Il ritmo rock di base è uno dei più semplici da imparare.

Anche se la tua vera passione sono i brani funk dal ritmo scatenato, prima di raggiungere un livello avanzato bisogna cominciare dalle basi.

I ritmi più facili per iniziare a suonare questo strumento sono indubbiamente quelli rock, e in particolare il classico pum-ciak. 

Di cosa si tratta? 

Il pum-ciak è un ritmo binario suonato su 4 tempi: il pum corrisponde al suono della grancassa, mentre il ciak indica un colpo di rullante. 

Non conosci le diverse componenti della batteria? Scoprile con un corso batteria privato o con delle lezioni batteria a domicilio!

Il pum-ciak è il ritmo di base da padroneggiare prima di lanciarsi in qualcosa di più complesso. Perché sì, la batteria è uno strumento difficile da suonare, anche se spesso si sente dire i contrario.

Suonare la batteria, significa essere multi-task, poiché la mano destra e la mano sinistra eseguono due azioni diverse al contempo — e lo stesso vale per i piedi. Per un destrimane: 

  • La mano sinistra serve a battere il ritmo sul rullante, 
  • La mano destra gestisce il tempo col charleston, 
  • Il piede destro si occupa del pedale della grancassa, 
  • Il piede sinistro apre e chiude il charley. 

Inoltre, prima di riuscire a suonare un brano musicale per intero, bisogna imparare a essere regolari nell’esercizio, a essere sincronizzati, a gestire la potenza e la presa delle bacchette, ecc…

Ecco come fare il pum-ciak: 

  • Tempo 1 : charleston + grancassa,
  • “e”: charleston da solo,
  • 2: charleston + rullante,
  • “e”: charleston solo,
  • 3 : charleston + grancassa,
  • “e”: charleston da solo,
  • 4: charleston + rullante,
  • “e”: charleston da solo.

Per riuscire a realizzare il pum-ciak, bisogna seguire tre tappe: 

  • Imparare a mantenere un tempo regolare, tenendo il charleston sempre chiuso. Aiutati con un metronomo! 
  • Aggiungere colpi di rullante, forti e decisi, 
  • Inserire colpi di grancassa, precisi e potenti. 

Con qualche lezione batteria privata, potrai imparare a essere regolare, potente e sincronizzato. 

Dopo qualche settimana di pratica, vedrai che sarai capace di passare ad altri ritmi rock per progredire nei corsi di batteria o da autodidatta. 

Suonare il jazz con la batteria 

Il jazz non è lo stile più semplice da imparare, poiché prevede una buona parte di improvvisazione. La batteria ricopre un ruolo fondamentale nella musica jazz!

Il jazz non è lo stile più adatto per iniziare a suonare la batteria. Anche se niente è impossibile con una buona dose di motivazione, questo stile musicale richiede di padroneggiare il ritmo ternario, la tripletta e l’indipendenza dei movimenti delle mani e dei piedi. Tutto questo può rivelarsi difficile e quindi scoraggiate per un principiante. 

Al contrario, il jazz è un’eccellente maniera per allargare il proprio orizzonte musicale e sviluppare la propria creatività e coordinazione. 

Basato prima di tutto sull’ascolto e sull’accompagnamento degli altri strumenti musicali, il jazz richiede a chi lo suona di essere in grado di improvvisare.

“La storia del jazz è ricca e in costante evoluzione, ma una cosa non cambia mai: il ruolo fondamentale della batteria in tutti i sottogeneri del jazz”. 

È il batterista a guidare il gruppo dettando il ritmo, fatto che comporta una grande responsabilità sulle spalle del percussionista.

Per iniziare, ti consigliamo di imparare il chabada, una serie di movimenti in ritmo ternario. Si tratta della base del jazz alla batteria ed è questo ritmo che utilizzerete la maggior parte del tempo.

Nel jazz, non si conta come nel rock (1 e 2 e 3 e 4 e), ma in maniera ternaria: il conteggio diventa quindi “1, 2, 3, 2, 2, 3, 3, 2, 3, 4, 2, 3″. 

Prima di iniziare a suonare la chabada, è meglio scoprire nel dettaglio i ritmi jazz ascoltando i grandi classici del genere. 

In seguito, bisogna padroneggiare prima di tutto il ritmo, non col charleston come nel rock, ma col piatto ride. Ride significa condurre in inglese — questo piatto serve infatti a dettare il ritmo agli altri strumenti.

Quando avrai imparato a padroneggiare il ritmo ternario sul piatto ride, potrai aggiungere sfumature aprendo e chiudendo il charleston col piede. Ecco un esempio di ritmo da seguire:

  • 1: piatto ride,
  • 2: piatto ride e charleston al piede,
  • “e”: piatto ride,
  • 3: piatto ride,
  • 4: piatto ride et charleston al piede,
  • “e”: piatto ride,
  • E si ricomincia. 

Seguire questo ritmo può essere difficile per un principiante, ma con un po’ di impegno riuscirai a padroneggiare perfettamente il jazz alla batteria.

Quando ti sentirai a tuo agio con la chabada, aggiungi piatti, la grancassa (da battere in maniera leggera), il rullante e gli altri fusti e impara a improvvisare per diventare un vero batterista jazz!

Hai paura di non farcela da solo? Trova un corso di batteria con un insegnante privato!

Fare metal alla batteria 

Il metal dev'essere suonato in maniera aggressiva. Esercitandoti con regolarità, un giorno potrai forse esibirti in uno dei grandi festival di metal in giro per il mondo!

Per suonare brani metal, non hai bisogno di essere un batterista professionista e di possedere numerose batterie acustiche o elettroniche! 

Tuttavia, ti consigliamo prima di imparare i ritmi rock di base. In effetti, il metal e l’hard rock utilizzano un ritmo binario. Dobbiamo quindi riprendere il mano il classico pum-ciak citato più in alto nell’articolo.

Ricorda che si tratta pur sempre DEL ritmo da conoscere assolutamente se si suona la batteria! È inoltre utilizzato per numerose hits, non soltanto nel rock.

Per dare un suono metal al vostro pum-ciak di base, impara ad alzare leggermente il piede sinistro per aprire i piatti charleston. 

Il suono metal deve risultare più aggressivo di quello rock. Non esitare a mettere forza nei colpi sul rullante e sulla grancassa. 

Anche prendendo lezioni di batteria, ci sono poche possibilità di trovare un professore di batteria esperto nell’uso del pedale. Ma non preccuparti, puoi anche imparare a suonare un ritmo metal utilizzando un pedale semplice.

Il rullante dovrà sempre essere suonato sui tempi 2 e 4. Tuttavia, la grancassa sarà ancor più presente nei tempi e nei contrattempi. 

Ecco un esempio di come andrebbe suonato un ritmo metal di base: 

  • Tempo 1: 
    • 1: charleston + grancassa,
    • “i”: grancassa da sola,
    • “e”: charleston + grancassa,
    • “e”: niente,
  • Tempo 2: 
    • 2 : charleston + rullante,
    • “i”: grancassa da sola,
    • “e”: charleston + grancassa,
    • “e”: grancassa sola,
  • Tempo 3 : 
    • 3: charleston da solo,
    • “i”: grancassa da sola,
    • “e”: charleston + grancassa,
    • “e”: niente,
  • Tempo 4: 
    • 4 : charleston + rullante + grancassa,
    • “i”: grancassa da sola,
    • “e”: charleston da solo,
    • “e”: niente.

Vedrai che nel metal ogni tempo si divide in 4, e non in 2 come nel rock. 

Attenzione a scomporre ogni parte a una velocità moderata per capire bene come si realizza un ritmo metal. 

Ovvio, se il metal è un ritmo che ti piace, ti converrà investire in un doppio pedale Pearl o Ludwig e imparare a servirtene. 

Ma il metal prevede anche dei fills e dei breaks energici e potenti che dovrai imparare a riprodurre. 

Comporre brani alla batteria

Sogni di diventare batterista? La regolarità ti permetterà di realizzare i tuoi sogni. Componi brani originali e preparati a suonarli davanti a un pubblico!

Come potrai immaginare, comporre brani richiede una conoscenza approfondita delle basi e dei rudimenti tecnici, e ti ci vorrà un bel po’ di pratica prima di poter dar vita a pezzi originali e completi.

Prima di dedicartici, ti consiglio di ascoltare attentamente la struttura dei brani musicali. Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, la musica è piuttosto semplice e segue una struttura definita: 

  • Un intro con un groove speciale, 
  • Una strofa con un ritmo principale, 
  • Un pre-coro,
  • Una strofa con un ritmo principale, 
  • Un pre-coro,
  • Un ritornello con una variazione ritmica, 
  • Un ponte musicale con un nuovo groove, 
  • Un pre-coro, 
  • Un ritornello con una variazione del groove principale, 
  • Un finale. 

Ogni parte si suddivide generalmente in 8 misure, anche di più per i ponti musicali e il finale. I pezzi durano in media quattro minuti e seguono un ritmo in 4/4. 

Pronto a iniziare?

Secondo la struttura di base presentata più in alto, un brano per batteria avrà un groove principale e delle strofe, una variazione di groove nei ritornelli, dei fills per le transizioni e dei breaks musicali, talvolta anche delle parti da solista per i batteristi!

Non esitare a segnare i momenti forti del testo con dei colpi di piatto crash. 

Anche se non conosci il solfeggio e non sai leggere una spartito per batteria, ti consigliamo di scrivere le tue composizioni per non dimenticarli. Inventa il tuo sistema di notazione personalizzato!

Infine, una volta terminato il brano, sarà meglio farlo ascoltare per prima cosa a un pubblico esperto che ti aiuterà a perfezionare le parti più deboli, poi a un pubblico lamba durante un concerto per capire la reazione dei non esperti!

Pronto a diventare un batterista professionista?

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar