Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di batteria: imparare il ritmo rock! 

Di Nicolò, pubblicato il 18/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Corsi di Batteria Per Scoprire Le Basi Del Rock

“Per tutta la vita sono stato un air drummer. Casa mia era troppo piccola per farci stare un batteria, così facevo solo finta di suonare.” Dave Grohl, Foo Fighters

Sebbene non esistano dati ufficiali, sono molti gli italiani che ogni anno vanno a vedere almeno un concerto, nelle grandi sale o nei numerosi festival musicali della penisola.

Il rock permette a numerosi musicisti di esprimersi attraverso il loro strumento, che si tratti di una chitarra elettrica, di un basso o di una batteria.

Per i batteristi, il rock è un ottimo stile da praticare per imparare i rudimenti e migliorare la presa delle bacchette.

Ma come si suona il rock alla batteria? Superprof ti aiuta a scoprire le basi di questo stile musicale e a trovare un corso batteria adatto alle tue esigenza.

L’errore da non commettere quando si suonano brani rock alla batteria

Ricorda che l'importante è la costanza, non la rapidità! Non bruciare le tappe!

Quando si inizia a studiare la batteria, un errore comune da non commettere è quello di voler bruciare le tappe. 

Spinti dalla voglia di suonare i propri brani preferiti, molti aspiranti batteristi iniziano con pezzi dal ritmo troppo rapido, per nulla adatti al livello dei principianti.

Qualsiasi sia il tuo stile di musica prediletto (jazz, funk, groove, folk, hard rock…), dovrai darti tempo e iniziare dalle basi. 

Se inizi con brani troppo complessi non riuscirai a progredire, ti scoraggerai, e rischierai di perdere la motivazione e abbandonare.

Suonare la batteria è richiede molta concentrazione.

Si tratta infatti di un’attività multi task, che permette di sviluppare la coordinazione. Ma se cerchiamo di imparare tutto subito e di colpo, il cervello non riuscirà a tenere il ritmo e non sarà in grado di seguire un ritmo con una mano e un altro con il piede. 

La soluzione? Aumentare il livello di difficoltà poco a poco e imparare le diverse parti di un brano in maniera scomposta, per poi assemblarle poco a poco. 

Non si direbbe a un primo sguardo, ma una canzone completa richiede diverse competenze. Dovrai infatti:

  • Essere a tuo agio con uno, due o tre ritmi diversi, 
  • Essere capace di eseguire diverse decine di battute allo stesso ritmo, senza mai sbagliare,
  • Essere in grado di cambiare ritmo al momento giusto e nella maniera più adatta,
  • Contare le battute mentre suoni per sapere a che punto della canzone sei,
  • Seguire il tempo giusto…

Tutto queste competenze si sviluppano con tempo e bisogna essere pazienti e conquistare una tappa dopo l’altra.

Il rock è uno stile completo, che permette di sviluppare delle fondamenta solide e una buona coordinazione in maniera progressiva. 

Se preferisci, puoi anche studiare il ritmo jazz alla batteria. Come? Con i corsi di batteria Superprof! 

La base del ritmo rock alla batteria: il pum-ciak

Questo suono costituisce la base del ritmo per la batteria. Gli anglofoni lo chiamano il “million Dollar beat”, poiché è stato utilizzato in passato ed è utilizzato ancora oggi in moltissimi brani di successo.

Lo troviamo ad esempio nel brano “Billie Jean” di Micheal Jackson, è tantissime altre hits:

Impara a leggere gli spartiti con il solfeggio ritmico. Ecco come appare il ritmo di base del rock alla batteria sul pentagramma!

Il pum corrisponde alla grancassa e il ciak al rullante. 

Tre elementi principali devono essere padroneggiati per riuscire a eseguire correttamente questo ritmo di base, così come i ritmi più complessi: 

  • I colpi di charleston, 
  • I colpi di rullante, 
  • I colpi di grancassa. 

Che tu utilizzi una batteria elettronica o una batteria acustica Pearl o Ludwig, dovrai premere con fermezza il pedale del charleston con il piede sinistro, così da chiudere i piatti. Otterrai in questo modo un suono molto secco quando li colpirai con la bacchetta utilizzando la mano destra. 

Per suonare un colpo di grancassa, dovrai servirti del pedale apposito con il piede destro. Alzando il tallone e suonando solamente con la punta del piede, otterrai un suono più potente.

Presta però attenzione a mantenere sempre la punta del piede a contatto con il pedale e a non scivolare. Rischi altrimenti ti perdere tempo prezioso e precisione e, nel peggiore dei casi, di uscire dal ritmo giusto.

Con la mano sinistra, dovrai colpire il centro del rullante servendoti della bacchetta. Fai attenzione a tenere la bacchetta con una presa allentata. Stringendola troppo rischieresti infatti di procurarti dei calli.

I colpi di charleston devono essere molto regolari. Ricorda di battere un colpo di charleston tra ogni colpo di grancassa o di rullante. Il risultato dovrebbe essere il seguente: 

  • 1: grancassa, 
  • “e”: charleston da solo, 
  • 2: rullante, 
  • “e”: charleston da solo,
  • 3: grancassa, 
  • “e”: charleston da solo,
  • 4: rullante, 
  • “e”: charleston da solo. 

Con molta pratica, potrai addirittura imparare a comporre brani alla batteria!

Scopri i brani che hanno segnato la storia del rock! Riconosci questa celebre rock band?

Come imparare a suonare un ritmo rock tappa per tappa? 

Per iniziare, regola il metronomo su un tempo di 50 bpm (battiti per minuto). 

Comincia provando a battere colpi di charleston a ritmo regolare, contando “1 e 2 e 3 e 4 e” (le cifre rappresentano i tempi, mentre le “e” i contrattempi. 

Aggiungi in seguito i colpi di grancassa quando conti 1 e 3, mantenendo il tempo con il charleston. 

Assicurati di mettere la giusta forza quando suoni la grancassa: il suono deve essere forte e preciso. I colpi di grancassa devono risonare contemporaneamente ai colpi di charleston, non prima né dopo.

L’ultima tappa consiste nell’aggiungere il rullante, suonandolo con la mano sinistra nei tempi 2 e 4, mantenendo ovviamente il charleston su tutti i tempi e la grancassa sui tempi 1 e 3. I colpi di rullante devono essere forti e precisi. Non esitare, sii deciso!

Le bacchette si incrociano: la mano destra passa sopra alla mano sinistra. Attenzione però a non farle scontrare quando colpirai con le bacchette il rullante.

Esercitati, esercitati ed esercitati ancora!  

Non scoraggiarti e ricorda che, soprattutto nei primi tempi, è assolutamente normale non avere una coordinazione perfetta e sbagliare i tempi. Tutti gli strumenti di musica richiedono pazienza, rigore ed esercizio! Potrà quindi capitarti di: 

  • Dimenticare di battere un colpo di grancassa o un colpo di rullante, 
  • Non riuscire a tenere perfettamente il tempo con il charleston, 
  • Confonderti e colpire al contempo il rullante e la grancassa, 
  • Far sbattere le bacchette una contro l’altra, 
  • Sbagliare posizione, restare troppo teso, farti male, ecc…

Tutto ciò è perfettamente normale quando si inizia a suonare la batteria. Tutti sono passati da questa tappa, ed è solo a forza di praticare e di fare esercizi durante le lezioni di batteria e da soli a casa che si progredisce. 

Più tempo dedicherai alla pratica, più in fretta migliorerai. Ma ricordati di rallentare ogni tanto per lasciare al tuo cervello il tempo di consolidare le conoscenze acquisite.

Vedrai che in breve acquisirai degli automatismi, non avrai più bisogno di contare e potrai  concentrarti sulla regolarità, la coordinazione e l’intensità del battito. 

Una volta che sei perfettamente a tuo agio su un tempo di 50 bpm, passa a 60, poi 90 e infine 120 bpm, sempre in maniera progressiva. 

Non passare alla velocità superiore fino a che non senti di padroneggiare perfettamente quella su cui stai lavorando. E non avere fretta: ci vorranno giorni, talvolta addirittura settimane!

Scopri anche come suonare ritmi più duri alla batteria, come l’hard rock e il metal.

Batteria: altri ritmi rock

Impara sempre ritmi diversi con le lezioni di batteria. Esiste un’infinità di ritmi da imparare con la batteria!

Prima di passare a ritmi più complessi, assicurati di padroneggiare il ritmo di base. 

Il ritmo che abbiamo studiato fino ad ora non prevede l’uso dei piatti (piatti ride e piatti crash), fatta eccezione per il charleston.

Sappi che è più facile provare nuovi ritmi se prima hai imparato a leggere uno spartito per batteria o se hai fatto un po’ di solfeggio ritmico. 

Tuttavia, non è essenziale imparare a leggeri gli spartiti: potrai imparare semplicemente servendoti di tablature o ascoltando e cantando il ritmo mentre lo suoni.

Con le lezioni batteria potrai scoprire molti nuovi ritmi!

La grancassa a contrattempo 

Con questo ritmo, vediamo per la prima volta i contrattempi alla grancassa. 

Il colpo di grancassa viene direttamente dopo il rullante, tra il 2 e le 3. Ecco il risultato: 

  • 1: grancassa,
  • “e”: charleston da solo,
  • 2: rullante,
  • “e”: grancassa,
  • 3: grancassa,
  • “e”: charleston da solo,
  • 4: rullante.

Se dovessimo cantare questo ritmo, otterremmo: “pum-ciak-pum-pum-ciak-pum-ciak-pum-ciak”. 

I tre colpi di charleston

In questo ritmo, si suonano tre colpi di charleston di seguito e da soli, senza altri suoni, né grancassa, né rullante. 

Dal momento che ci saranno spazi vuoti nel bel mezzo del pentagramma, potresti avere l’impressione di aver dimenticato qualcosa anche se non è così.

Riassumendo, il ritmo è questo:

  • 1: grancassa, 
  • 2: rullante, 
  • “e”: charleston da solo solo (un contrattempo), 
  • “3”: charleston solo (un tempo)
  • “e”: charleston da solo (un contrattempo), 
  • 4: rullante, 
  • “e”: grancassa.

Cantandolo otterrai: “pum-ciak-silenzio-ciak-ciak-ciak-silenzio-ciak-pum

La grancassa sfasata 

Come fare per dar vita a dei drum set sorprendenti dalla sonorità insolite? Prova a sfasare il suono della grancassa!

Questo ritmo può essere un po’ complicato per i principianti all’inizio, ma se ami le sfide riuscirai a padroneggiarlo in men che non si dica! Ecco il ritmo che devi ottenere:

  • 1: grancassa,
  • “e”: charleston da solo,
  • 2: rullante,
  • “e”: grancassa,
  • 3: charleston da solo,
  • “e”: grancassa,
  • 4: rullante.

Ovvero : pum-ciakpoum-silenzio-pumciak-pum-ciakpum-silenzio-pumciak.

Cosa aspetti, prenota la tue lezioni di batteria oggi stesso e scopri tutti i segreti dei diversi generi musicali alla batteria!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar