Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

In che senso il piano è uno strumento completo?

Blog > Musica > Piano > Il Pianoforte: un Cordofono di Pregio!

Quando si comincia a studiare musica, ognuno tende a scegliere uno strumento per motivi molto diversi. La scelta può essere dettata da un amore sfrenato per lo strumento in questione che da tempo si desiderava. In questo caso si sceglie più velocemente.

Può anche essere che la scelta sia fatta per imitare genitori, fratelli e sorelle, amici. In altri casi ancora si tratta di una moda, come il fatto di imparare a suonare la chitarra negli anni ’70.

E’ inutile negarlo, uno strumento non viene mai scelto a caso. Ma è anche vero che raramente lo si sceglie in base alla abilità tecniche richieste per suonarlo.

Mettiamo subito da parte idee del tipo:

  • Il violino è lo strumento più difficile del mondo della musica
  • La batteria è lo strumento più completo perché mette in moto i quatto arti.

Ogni strumento ha delle caratteristiche proprie e delle esigenze diverse.

Molti scelgono il pianoforte semplicemente per piacere. Alcuni trovano questo strumento bello esteticamente e molto gradevole dal punto di vista sonoro. Per questo raccomandano il pianoforte a quelli che vogliono introdursi nel mondo della musica.

Perché comprare un pianoforte? Ci sono molte ragioni da esplorare…

Il piano: uno strumento con una tecnica completa

Il piano richiede delle conoscenze tecniche complete. Imparare a suonare il piano richiede un lavoro che coinvolge diverse parti del corpo, sia quelle visibili sia quelle invisibili.

Con la pratica, ci si rende conto che alcune parti del corpo sono davvero utili, anche se all’inizio non lo si sospettava neanche lontanamente.

Il pianoforte si suona solo con le mani?

La domanda è molto semplice, eppure la risposta è più complessa di quello che sembra. Ovviamente le mani sono alla base del pianoforte. Tuttavia, le nostre mani non lavorano da sole. Quello che rende il piano uno strumento completo è il fatto che mette in moto anche gli occhi, la memoria e i piedi. Quindi la risposta è no, non si suona il piano solo con le mani.

Il pianoforte non si suona solo con le mani. La destrezza delle mani al pianoforte!

Entriamo più nel dettaglio per capire il ruolo di ogni parte menzionata. Alcune considerazioni di base sono comuni all’apprendimento di ogni tipo di strumento, mentre altre riguardano il pianoforte in maniera specifica. Ed è proprio in questo che si ritrova l’aspetto della completezza del piano, a partire dal rapporto occhio-cervello.

Gli occhi registrano le immagini, gli spartiti, la tastiera così come tutti gli accessori indispensabili per un pianista. Tutte queste informazioni vengono poi elaborate dal cervello. Il pianoforte si suona con la mente che coordina ogni movimento.

Esercitarsi non significa solo aumentare la destrezza con il pianoforte, il senso del ritmo o la lettura musicale. Significa anche allenare il proprio cervello a elaborare un gran numero di informazioni in pochissimo tempo.

Alcuni pianisti consigliano di allenare prima la mente delle mani usando delle tecniche ben precise. Ma questo è un altro argomento.

Passiamo alle mani. Qui rientriamo nell’esercizio della tecnica nuda e cruda. La destrezza, la velocità, la precisione sono elementi essenziali per un pianista. Lavorarci sopra consente di migliorare tecnicamente. Nel momento in cui un pianista crea un’interazione tra le mani, gli occhi e il cervello, il grosso è fatto. Il resto del lavoro consiste nel tenere in allenamento le proprie capacità esercitandosi regolarmente.

Sono tutte cose che imparerai rapidamente con un corso di pianoforte!

Cosa fanno i piedi in tutto questo?

E’ abbastanza scontato parlare dell’utilità dei piedi a livello dei pedali. Si tratta infatti della più classica funzione svolta dai piedi nella pratica del pianoforte. Bisogna comunque precisare che per dare un effetto piacevole all’ascolto, è necessario seguire un allenamento specifico per i piedi.

La coordinazione mani-piedi è la tappa più difficile da raggiungere. E’ questo che rende complesso lo studio della batteria, per esempio.

Imparare a usare i pedali di un pianoforte è una delle ultime tappe nello studio di questo strumento a corde percosse. Servono i piedi quando si suona il pianoforte?

Per quanto riguarda il pianoforte, è il piede destro che lavora di più, visto che è quello della risonanza. La coordinazione si acquisisce nel lungo periodo. Non per niente il pedale è l’ultima tappa nello studio del pianoforte.

Quello che non si immagina è che i piedi possano avere un altro ruolo. Servirsi dei piedi come una base del ritmo quando non si ha il metronomo, può essere una buona ancora di salvezza, soprattutto quando si è principianti.

Molti maestri incoraggiano gli allievi a battere il ritmo con il piede. Da una parte, questo consente di concentrarsi sul ritmo in sé e, dall’altra, si prende l’abitudine di tenere il piede in movimento. Il che ti farà guadagnare tempo e imparare a usare i pedali nel modo giusto.

Il piano: uno strumento che richiede una totale concentrazione

Spesso si dice che la scelta del pianoforte, così come la scelta di una disciplina sportiva, inculchi dei valori molti importanti nell’allievo e nel suonatore.

In questa disciplina l’aspetto mentale è estremamente importante.

Quali sono i vantaggi mentali nello studio del pianoforte?

Imparando a suonare il piano si sviluppa una notevole capacità di concentrazione.

Focalizzarsi sulle proprie mani, sugli spartiti, sui pedali richiede delle capacità di astrazione e isolamento dai fattori esterni. Solo in questo modo ci si concentra su quello che si fa alla tastiera.

Si migliorano anche le capacità di problem solving quando si presentano le prime difficoltà. E questo è una competenza fondamentale, in ogni ambito della vita.

Infine, si sviluppa una certa capacità di ascolto e s’impara a lasciare andare il superfluo. Per esempio, dopo una dura giornata di lavoro, il piano è un mezzo straordinario per rilasciare la pressione accumulata e pensare a qualcos’altro.

Il pianoforte quindi, ti aiuta a liberare la mente.

Il pianoforte aiuta a guadagnare fiducia in se stessi?

Assolutamente sì. Suonare il piano e fare passi avanti aiuta a risollevare il morale. Il piacere di far ascoltare quello che suoniamo ai nostri amici e il fatto di sentirsi fieri quando raggiungiamo un obiettivo, arrivando alla fine di un prezzo, è una fonte di grande soddisfazione.

Riuscendo in quest’impresa si guadagna fiducia in se stessi. E i sentimenti positivi non servono solo nella pratica della musica o del pianoforte, ma anche nella vita di tutti i giorni.

Tutto questo accade quando decidi di comprare il tuo primo pianoforte

Il piano è così completo da farne un mestiere?

Lo scopo di alcuni musicisti è quello di rendere il pianoforte la propria fonte di lavoro. Alcuni si prefiggono questo obiettivo fin dall’inizio oppure quando percepiscono di avere un certo talento.

Un pianista può suonare in un gruppo, in un’orchestra oppure da solo.

Per altri diventare compositori è una via d’uscita per il proprio futuro professionale quando la strada in altri ambiti è incerta.

Se il tuo sogno è quello di fare il pianista comincia a prendere lezioni di pianoforte! Il pianista, una professione fuori dal comune!

Ci sono pianisti che decidono di trasmettere quello che hanno imparato diventando insegnanti privati. Questa voglia di condividere la passione per la musica è una strada fattibile solo se si hanno delle qualità ben precise.

Il piano: uno strumento completo che migliora ascolto e destrezza

E’ evidente che il pianoforte è uno strumento che porta molti benefici. Sarebbe ingiusto, però, dire che è lo strumento più completo in assoluto. Ogni strumento musicale è diverso e ha i propri vantaggi. I paragoni non hanno molto senso.

Ma visto che stiamo parlando di pianoforte, è chiaro che è uno strumento molto completo, è per questo che è fortemente raccomandato per i bambini.

Studiare pianoforte è un bene tanto sul piano tecnico tanto sui piani fisico e mentale. Significa avere l’opportunità di sviluppare le proprie capacità di ascolto, concentrazione e apertura che questa pratica comporta.

Le qualità che si acquisiscono sono utili in ogni ambito di studi.

In questo senso il pianoforte è uno strumento completo, da suonare da soli o in gruppo, per fini professionali o per puro piacere. E questo concetto di piacere è fondamentale, qualunque sia l’obiettivo da raggiungere.

Imparare a suonare il pianoforte grazie alle lezioni private

I corsi di pianoforte sono essenziali nello studio di questo strumento. L’insegnante di piano ti guiderà non solo alla ricerca dei migliori prezzi per un pianoforte, ma anche verso il modo migliore per imparare a suonare questo strumento.

Un insegnante di pianoforte è fondamentale per imparare a suonare questo strumento. L’aiuto di un insegnante di pianoforte è cruciale!

Conoscendo l’aspetto completo e ricco dello studio del pianoforte è normale farsi delle domande sulle qualità trasversali che aiuta a sviluppare.

Qual è l’impatto del pianoforte nella nostra vita quotidiana?

Si possono vedere le cose anche da una prospettiva più ampia, proprio perché abbiamo detto che il piano è uno strumento completo. Quali sono i valori che porta il pianoforte? Come incide sulla competenze che ci servono nella vita di tutti i giorni?

Si dice spesso che la musica sia una scuola di vita. Il piano illustra chiaramente questo concetto. Per un insegnante, il pianoforte è una responsabilità da assumersi in pieno.

Scopri anche quali sono le dimensioni di un piano verticale

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar