Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Gli studi dopo i licei umanistici e l’Esabac

Di Catia, pubblicato il 28/08/2017 Blog > Lingue straniere > Francese > Cosa Fare dopo un Diploma Umanistico?

La scelta degli studi umanistici alle scuole superiori spesso si gioca sulla contrapposizione italiano-matematica e si definisce, quando ovviamente prevale l’italiano.

In realtà la tua scelta per un liceo classico, un liceo linguistico o l’internazionale viene per la voglia di approfondire lo studio della lingua e della cultura italiana e straniera.

In particolare, per gli indirizzi incentrati sullo studio delle lingue straniere o per i licei dove è attivo l’Esabac, la possibilità di avere un doppio diploma italiano e francese, ti apre anche più prospettive per studiare e lavorare in Francia; cosa aspetti a preparare il tuo diploma francese facendoti aiutare da un insegnante nella tua città, ad esempio cercando un corso francese milano?

Quali sono le opzioni in ambito letterario dopo un diploma in materie umanistiche o l’Esabac?

Eccone alcune che potrebbero far volare la tua immaginazione.

Studiare lettere, lingue e letterature straniere all’università

L’Esabac è una novità introdotta nell’anno scolastico 2010-2011 che consente ai ragazzi di alcuni licei umanistici e scientifico di integrare alcune materie in lingua francese e prepararsi a dare contemporaneamente l’esame di stato e il Baccalauréat francese.

Ami la lingua e la letteratura francese e non ai ancora cosa fare dopo le scuole superiori? Cosa fare dopo un diploma umanistico?

Allo stesso tempo, alcuni istituti francesi preparano delle materie in italiano per permettere ai ragazzi d’oltralpe di conseguire il doppio diploma.

Una volta usciti da liceo classico, dal linguistico o dopo aver conseguito il doppio diploma la strada più ovvia sembra continuare a studiare letteratura.

Con un diploma in studi umanistici puoi accedere a una delle università francesi o italiane che offrono sempre un corso di francese all’interno dei percorsi di laurea di lettere, lingua e letterature straniere.

Potresti diventare un insegnante della scuola primaria o secondaria, dopo aver superato il periodo di formazione iniziale e tirocinio (FIT). Potresti anche continuare gli studi con la ricerca in letteratura oppure diversificare la specialistica con altri ambiti di studi come la comunicazione e il giornalismo.

Studiare in una scuola di giornalismo

In Francia ci sono delle scuole apposite dopo il Bac L, ovvero il diploma in studi umanistici, per chi vuole usare la lingua di Molière per raccontare gli avvenimenti di politica, economia, società.

Tra le scuole da segnalare ci sono: Celsa, CUEJ, EJT, EFJ, Science Po, IFJ. Le selezioni per entrare in queste scuole sono molto dure, e i candidati hanno spesso l’equivalente di una laurea triennale o specialistica.

In Italia, le scuole riconosciute dall’ordine dei Giornalisti sono dei corsi di studio post laurea. Devi prima laurearti per poter accedere all’Istituto per la formazione al Giornalismo di Urbino, per esempio.

Le migliori scuole di giornalismo ti danno quella formazione sul campo che ti serve per poter diventare un giornalista professionista. Per scrivere in francese l’ortografia conta eccome! Ecco perché dovresti prendere delle lezioni di francese!

Alla fine di questo percorso di studi non ci sono solo i giornali cartacei con cui lavorare, potresti anche rivolgerti a uno dei tanti media online. Ti piace la moda? Prova a contattare una delle riviste femminili come Elle.fr o femmeactuelle.fr! Anche in lingua italiana hai l’imbarazzo della scelta con Donna Moderna o Grazia, per esempio.

Dopo l'esabac o un diploma umanistico puoi tentare la strada del giornalismo in una scuola francese o italiana. Prova la strada del giornalismo bilingue!

Molti siti hanno sviluppato anche dei contenuti video. Per fare dei filmati servono dei giornalisti che scrivano il pezzo e facciano delle interviste, allora fai domanda!

Se hai una laurea in temi economici, diritto o fiscalità puoi candidarsi al Moniteur.fr oppure al Sole 24 Ore. Il giornalismo ambientale è di casa a consoglobe.com.

Non dimenticare la televisione!

Potresti fare un tirocinio universitario o post-laurea per una produzione televisiva e le emittenti di tuo interesse.

NB: se vuoi scrivere per il web comincia fin da ora a tenere un blog o scrivere per alcuni siti a titolo gratuito e non. Se ti piace scrivere dovrai essere in grado di dimostrare le tue doti. Il tuo blog sarà come il tuo CV o il tuo book online.

Studiare comunicazione e marketing

Nella pubblicità non è raro incontrare dei profili umanistici.

Dopo i tuoi corsi di francese online o a domicilio potresti anche lanciarti nella pubblicità!

Non dimenticare che insieme a quelli che definiscono le linee strategiche, quelli che studiano il pubblico target e il mercato, o il direttore artistico, ci sono anche dei redattori.

Il redattore, in collaborazione con la direzione artistica, si occupa delle parole con testi e slogan di varia natura. Attenzione, però, la strada per arrivare a questo traguardo è lunga e molto accidentata.

Qualche nome francese che si occupa di pubblicità: Sup de Pub, Sup de créa, Créapole, ISCPA, CELSA.

In Italia ci sono le corrispondenti lauree in scienze della comunicazione come quello dell’Università di Roma La Sapienza, e molti studi post-laurea per approfondire un aspetto di questo campo molto vasto.

Fare una scuola di cinema dopo il diploma o l’Esabac

Se ami le arti, l’idea di occuparti della sceneggiatura o del montaggio di un film può essere molto allettante per te.

Visto che la fortuna è degli audaci, puoi cercare di realizzare il tuo sogno seguendo una formazione apposita per il cinema e la scrittura.

Ecco come studiare cinema all'università in Francia e in Italia. Hai una passione per il cinema francese?

Quali sono le opzioni in francese?

  • Puoi iscriverti all’università per conoscere gli aspetti teorici e pratici della cinematografia, e tentare di realizzare un cortometraggio o un documentario. All’Università di Parigi Nanterre e alla Sorbona ci sono master per preparare i futuri sceneggiatori. Per entrarci hai bisogno di una laurea magistrale e un alto livello di francese!
  • In alternativa ci sono delle strutture prestigiose come il Fémis, Louis Lumières e il CEEA, il conservatorio europeo per la scrittura audio-visiva. I test d’ingresso sono molto difficili, ma conta anche il colloquio motivazionale.
  • C’è anche l’INA, l’istituto nazionale francese per gli audiovisivi, varie scuole per i documentari e il suono, master in produzione, gestione del patrimonio audio-visivo, marketing e distribuzione.

In Italia puoi studiare cinema al DAMS, il corso di laurea in discipline delle arti della musica e dello spettacolo, come quello offerto dall’Università di Bologna.

La capitale d’Italia ospita la Scuola Nazionale di Cinema, con sedi distaccate in Piemonte, Abruzzo, Lombardia e Sicilia dove approfondire lo studio sulla sceneggiatura, la scenografia e il suono, tra le altre cose.

Seguire un corso sull’editoria dopo gli studi in lettere

J’ai lu e Gallimard per la Francia, Mondadori e il Gruppo Gedi per l’Italia sono solo alcune delle grandi case editrici per cui molti giovani sognano di lavorare.

Un corso per lavorare nell'editoria ti aiuta a mantenere vivo l'amore per la letteratura francese. Il mondo dell’editoria è la tua passione?

Uno dei modi migliori per approcciare queste grandi maison sembrano gli stage, anche quelli non retribuiti che ti danno l’esperienza con cui cominciare a farti largo in questo campo.

Per cominciare, prendi la laurea in lettere o lingue e letterature straniere all’università (scopri subito quali sono i programmi in francese!) e poi segui uno dei master di specializzazione per i professionisti dei libri.

Solo una buona conoscenza della lingua ti può portare a essere assistente, poi correttore di bozze, redattore o traduttore.

Passare un concorso per diventare bibliotecario

Rimanendo in tema di libri, la professione del bibliotecario è quella che ti dà soddisfazione anche dal punto di visto tattile!

Il bibliotecario, infatti, è un funzionario pubblico che organizza, classifica e cataloga libri e altri testi.

Ai tempi di internet, un bravo bibliotecario, deve avere anche una certa familiarità con gli strumenti digitali.

Dopo gli studi in lettere si possono seguire dei corsi specifici e cominciare a preparare il concorso pubblico per lavorare nella biblioteca universitaria, comunale o di un ente di ricerca, oltre, alla biblioteca nazionale.

Entrare in un’accademia d’arte

Tra gli studi umanistici che si possono scegliere al liceo, ci sono anche i licei artistico, coreutico e musicale.

Dopo un Esabac, un linguistico o l’internazionale, spesso ci si orienta verso le arti per dare libero sfogo alla propria vena creativa.

Dopo il liceo puoi sempre approfondire gli studi artistici. Puoi sempre assecondare la tua creatività con gli studi artistici!

In Francia ci sono gli studi post Bac L con delle scuole specifiche come ad esempio:

  • la scuola Boule, per il disegno
  • l’Ateleir Chardon Savard per diventare stilisti, direttori artistici ecc…

Nel Bel Paese ci sono molte scuole di moda tra cui, lo IADD, l’Istituto d’Arte applicata e design di Torino e lo IED, l’istituto europeo di Design che ha delle sedi nelle maggiori città italiane.

L’Accademia di Belle Arti ti offre una vasta offerta formativa in ogni città, dall’anatomia, all’estetica, alla fotografia, all’architettura, alla calcografia.

Lanciarsi nel diritto dopo un diploma umanistico

Il segreto per riuscire a laurearsi in diritto dopo aver fatto gli studi umanistici è continuare a studiare con metodo e costanza.

E’ possibile studiare diritto ovunque in Italia e in Francia. Dopo la laurea occorre una formazione pratica presso uno studio legale e sostenere un duro esame per entrare nell’albo regionale degli avvocati.

Se la tua passione è la magistratura sappi che solo per preparare il concorso avrai bisogno di molti anni di studio!

Contrariamente a quello che si pensa, ci sono un gran numero di studi possibili dopo un diploma di tipo umanistico e l’Esabac.

Non devi necessariamente diventare insegnante di italiano o di francese, a meno che non sia il tuo obiettivo.

Puoi invece inseguire il tuo sogno in ogni altro ambito dove le tue competenze possono essere valorizzate, incluse le competenze linguistiche!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar