È il basso che li fa ballare – Darcy Wright

Far ballare le persone è un valido motivo per scegliere il basso come strumento. Pensa a quanti bassisti fanno ballare i fan sotto il palco: Flea dei Red Hot Chili Peppers con il suo 1961 Fender Jazz, Dusty Hill dei ZZ Top con il suo Gibson Explorer Bass foderato di lana di pecora, Cliff Williams degli AC DC, con il suo marchio feticcio StingRay, …

Non c’è che dire, no?

Imparare a suonare il basso significa tuffarsi in un universo musicale unico e completo. Sei pronto per la grande avventura?

Suonare il basso da autodidatta è più facile che la chitarra

La chitarra acustica, la chitarra elettrica o la chitarra folk hanno sei corde ciascuna, mentre il basso ne ha solo quattro. La presenza del basso è indispensabile in un qualsiasi brano, che si voglia degno di questo nome. Il suo suono è più grave, più basso, per l’appunto, e consente di suonare un’ottava più bassa della chitarra.

Assieme a Billy Gibbons e al batterista Franck Beard, Hill è un componente storico del gruppo.
Cosa sarebbero gli ZZ Top senza il basso di Dusty Hill?

Accordare un basso è più semplice che accordare una chitarra: le corde del basso sono a distanza uguale le une dalle altre e sono accordate in quarti (vi sono, cioè, quattro note di distanza tra ogni corda). Si tratta, cioè, di uno strumento perfettamente simmetrico, quindi, per le dita è molto più semplice trovare il posizionamento corretto per suonare le scale. La tecnica da apprendere è più semplice rispetto a quella necessaria per suonare una chitarra classica.

Allo stesso tempo, dovrai imparare a suonare con il metronomo, per riuscire a sviluppare la sensibilità del tuo orecchio e del tempo.

Sai già quale basso scegliere per imparare a suonare?

Suonare il basso perché ti piace l’aspetto ritmico della musica …

Nel blues rock, nel jazz manouche, nella bossa nova o in qualsiasi brano di musica R'n'B, sentirai sempre il basso.

Il basso sta nel cuore della musica, permette di dare profondità agli altri strumenti e alla voce.

La difficoltà maggiore nell’apprendimento della tecnica per suonare il basso è stare dietro al ritmo imposto dal brano, diversamente dal ruolo della chitarra, che è quello di costruire la melodia. Non avrai bisogno di imparare la scala maggiore, la scala pentatonica, gli accordi di base, gli accordi barrati e tutte le altre scale per chitarra.

Un bassista si concentra sul ritmo. Certo, quando diciamo che è più facile, è tutto relativo. Infatti, se non hai alcun senso del ritmo, lo puoi imparare, ma dovrai lavorare molto di più e il rischio è che il basso ti possa sembrare uno strumento complicato.

Al contrario, potresti riuscire a suonare un ritmo, anche male, in due o tre giorni, quando per suonare degli accordi di un brano con chitarra avresti bisogno di molto più tempo. E, per non trascurare nulla, il basso è più facile da suonare anche rispetto alla batteria. Non hai bisogno di dividere il tuo cervello in due per acquisire una certa indipendenza tra un braccio e l’altro e tra le braccia e le gambe.

Con il basso, suonerai solo con la mano sinistra e con la mano destra.

... ma non ti interessa l’ingombro della batteria

La batteria è cool. Dalla prospettiva del ritmo, ti piacerebbe tenere in mano le bacchette e percuotere tom e cassa.

Ma, allo stesso tempo, non hai per niente voglia di passare delle ore in palestra per farti i muscoli e riuscire così a trasportare tutti i pezzi della batteria, nelle loro pesanti casse. Sapendo che, dopo averli trasportati, dovrai anche assembrarli …

Allo stesso tempo, però, la sua presenza sul palco può apparentemente essere oscurata dagli altri componenti.
Il bassista deve essere sempre pronto ad intervenire in prima fila!

Insomma, il batterista deve arrivare sempre in anticipo, mentre il bassista può presentarsi anche all’ultimo minuto delle prove o del concerto … Non dovrai fare altro che connettere il basso con l’amplificatore, prendere in mano il plettro e sarai pronto.

Imparare a suonare il basso perché fa meno rumore della batteria

Se abiti in un appartamento o se i tuoi compagni di appartamento o i tuoi genitori non amano troppo il rumore sordo di una batteria, il basso sarà il tuo migliore alleato. Dato che è uno strumento elettrico, ti sarà sufficiente collegare il basso al jack audio delle tue cuffie.

Chi è attorno a te non sentirà nessun suono, nessun rumore, se non un leggero suono metallico derivante dalle corde.

Meglio, così potrai sempre mantenere delle relazioni amichevoli con vicini e famiglia!

Qui puoi leggere la nostra guida completa per diventare un bassista!

Vuoi suonare il basso perché hai dita grosse

Dato che la chitarra ha sei corde, queste ultime saranno molto ravvicinate le une alle altre. Il basso ha solo quattro corde e, quindi, anche le tue grosse dita troveranno posto facilmente.

Per suonare con le diverse tecniche di basso, molto meglio avere potenza nelle dita:

  • Lo slap consiste nel colpire le corde gravi con il pollice
  • Il tapping consiste nel pizzicare le corde con le punte delle dita della mano destra.

Con delle grosse dita, vi sono più probabilità di riuscire a sviluppare la potenza necessaria a suonare correttamente.

Ami l’idea di suonare il basso per avere un ruolo centrale nel gruppo

Il basso, quando suona, vibra nelle pance del pubblico del concerto.

Se un chitarrista può permettersi di inserire qui e là una nota sbagliata, un bassista che sbaglia può creare uno squilibrio reale nell’esecuzione del brano. Tutta l’armonia viene a mancare e pubblico e musicisti si accorgono che c’è un problema.

Immagina uno qualsiasi dei tuoi pezzi preferiti di rock senza basso: non ce la fai, vero?
Senza basso, non vi è rock band!

Insomma, è il bassista a creare il legame tra la parte armonica (gli accordi), determinando il ritmo e lo stile musicale del brano.

L’accompagnamento sarà più o meno facile da eseguire per il bassista. Se tutti gli accordi sono semplici, il bassista sarà più tranquillo; rischierà solo di annoiarsi. Ma nella maggior parte dei brani, gli accordi evolvono mano a mano che la canzone avanza. Il bassista dovrà far risuonare le armonie, mantenendo il ritmo.

Il suo ruolo è di dare della propulsione alla musica per tutto il brano. Crea una sorta di tappeto armonico per gli altri musicisti. Ma la sua funzione principale è di mantenere un ritmo regolare e di mantenere la pulsazione del brano e della serata!

È per questo motivo che il batterista è il miglior amico del bassista: lavorano in stretta collaborazione, per dare la pulsazione e il ritmo ai brani musicali.

Vuoi suonare il basso perché è più originale che suonare la chitarra

Fai una piccola indagine tra chi ti sta attorno: quanti di loro suonano la chitarra, anche solo un po’? E quanti invece suonano il basso?

Se dovessi rifarmi alla mia personale esperienza, potrei rispondere che la proporzione chitarristi –bassisti, tra i miei conoscenti è di 8 a 2, forse anche più: ogni 10 persone in grado di tenere in mano uno strumento a corde e suonarvi anche solo qualche accordo, almeno otto suonano la chitarra, ma sconoscono completamente il basso.

Essere bassista significa avere la certezza di trovare facilmente un gruppo in cui suonare, dato che questi musicisti sono molto meno numerosi. Fatti un giro fuori dalle scuole di musica o nei negozi di musica: spesso vi sono annunci di gruppi alla ricerca di un componente. Ti accorgerai, allora, di quanto bassisti e batteristi sino i più richiesti.

Hai già tutti gli accessori necessari per suonare il basso?

Vuoi imparare a suonare il basso per lavorare il tuo orecchio musicale

Un chitarrista ha delle difficoltà ad acquisire la ritmica e tralascia questo aspetto della musica, ponendolo in secondo piano: in realtà, però, la musica è costituita al 50% di ritmo e al 50% di note.

Il bassista deve pensare quasi solo al ritmo e, per questo, sarà obbligato a lavorare il proprio orecchio musicale, se vuole progredire rapidamente con il proprio strumento.

Ma assimilare il ritmo non si fa in modo così semplice, come imparare le note. Dovrai, invece, ascoltare in modo molto attento le parti della chitarra, del basso e della batteria, per diventare un vero maestro nell’arte di decifrare il ritmo e il modo di suonare dei musicisti.

Un brano dei Led Zeppelin, dal punto di vista del ritmo, sarà suonato in modo diverso da un brano di Eric Clapton.

Se vuoi diventare un bassista migliore, impara tutte le sfumature e tutte le possibilità a disposizione con il basso.

Suonare il basso elettrico … uno strumento polivalente

Anche se il basso è più facile da imparare rispetto alla chitarra e alla batteria, questo non significa che questo strumento non consenta di variare il proprio suono.

Esistono numerose tecniche da imparare al corso di basso o da autodidatta:

  • Armonici
  • Double Thumb
  • Ghost notes
  • Mano della tastiera
  • Pizzicato
  • Slap
  • Tapping
  • Glissato della mano destra
  • Varie tecniche della mano destra
  • Suonare con il plettro
  • Accentuazione
  • Tecnica della pennata alternata
  • Estensione delle dita
  • Indipendenza delle dita
  • Suonare con tre dita
  • Smanicamento
  • Pollice flottante
  • Colpo appoggiato
  • Barré
  • Legatura (hammer-on & pull-off)
  • Slide e glissando

A questi puoi aggiungere, l’assolo, l’improvvisazione o, ancora, l’arpeggio. Imparare a suonare il basso permette di essere polivalenti e di non annoiarsi mai, imparando a conoscere e usare il ritmo come nessun altro.

Per diventare un bravo bassista, ti devi allenare di frequente!

Suonare il basso elettrico è … veramente cool!

Il basso è veramente divertente! A condizione di conoscere e praticare perfettamente la linea di basso e di suonare in simbiosi con il batterista.

Nonostante ciò, la sua presenza sul palco e nello studio di registrazione è fondamentale.
La solitudine del bassista!

Devi entrare in osmosi con il batterista, per poter proporre un groove incredibile, che lasci gli altri musicisti appoggiarsi a voi come meglio credono.

Per raggiungere questo obiettivo, non vi sono molte possibilità: devi privilegiare l’ascolto di te stesso e degli altri strumentisti della band, lavorare sul ritmo e ripetere il più possibile con gli altri del gruppo.

I principianti, coloro che stanno per iniziare con il basso, dovranno entrare in un negozio di strumenti musicali e scegliere un buon prodotto; dovranno studiare e provare con il proprio basso per mesi o per anni, prima di raggiungere un buon livello e suonare bene; potranno magari andare a seguire delle lezioni di basso, per apprendere le basi o per migliorare la propria tecnica o potranno imparare il basso da autodidatti. Ma, poi, saranno la colonna portante del gruppo e si divertiranno come non mai.

Allora, il basso ti ha convinto?

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura