Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Un corso di disegno e acquarelli

Di Igor, pubblicato il 19/10/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > A Lezioni di Disegno per Apprendere le Specificità dell’Acquerello!

“La pittura è una poesia muta e la poesia è una pittura parlante”

Marie-Philippe Commetti

Dipingere un albero, imparare a disegnare, sviluppare la tua creatività: perché non diventi un artista?

Imparare la tecnica dell’acquerello, trovare i corsi di disegno ad acquerello, imparare a dipingere, scegliere il materiale di pittura… Ecco le informazioni importanti da conoscere, prima di lanciarti in quanto acquarellista.

Un corso disegno per conoscere la pittura ad acquerello!

L’acquerello è una tecnica di pittura utilizzata da numerosi artisti. È considerata facile da utilizzare, ma richiede comunque la conoscenza di tecniche di base e del suo funzionamento.

Cos’è l’acquerello?

L’acquerello è una pittura realizzata a partire da pigmenti macinati finemente e mescolati ad acqua gommata, che serva da legante. Si tratta di una pittura all’acqua.

Le opere, spesso realizzate su carta, sono chiamate esse stesse acquerelli.

I colori sono molto leggeri sulla carta, perché l’acqua è presente in proporzioni importanti. Ma questo fattore può variare da un artista all’altro. Alcuni pittori scelgono di mettere poca acqua, nel loro mix, per dare un aspetto più pigmentato ai colori.

Il suo utilizzo si addice molto bene per soggetti esposti alla luce e particolarmente ricchi di luminosità. La pittura all’acqua è più chiara e luminosa!

L’acquerello è una delle tecniche su supporto cartaceo più vecchie e si contrappone a tecniche differenti in cui viene invece utilizzata molta meno acqua.

La tecnica esiste praticamente da quasi sempre, poiché esistono numerose civiltà che hanno fatto ricorso ai pigmenti all’acqua per dipingere elementi della propria cultura.

Tuttavia, l’acquerello è stato a lungo considerato come una tecnica di studio, una tecnica che consente di riflettere alle prime tappe della propria opera. È solo nel XVII secolo che l’acquerello sarà riconosciuto come tecnica vera e propria.

La pittura ad acquerello è una pittura su cui è facile rilavorare. Effettivamente, anche una volta asciutta, la pittura può essere ritoccata applicandovi un po’ d’acqua.

Ma questo è anche ciò che ne fa tutta la sua complessità, dato che bisogna saper dosare le dosi per non cancellare i primi strati sul foglio.

I colori si asciugano in tempi relativamente rapidi: basterà attendere che l’acqua evapori.

Corsi disegno per utilizzare l’acquerello

Hai desiderio di metterti a disegnare e di dipingere ad acquerello?

La cosa migliore sarà quella di seguire dei corsi di disegno o degli stage di pittura; ma eccoti alcune informazioni base, che ti consentiranno di imparare questa tecnica di pittura.

Devi prima di tutto sapere che la pittura ad acquerello si utilizza su di un supporto cartaceo. Realizzare un acquerello su di una tela, non avrà nessun senso, poiché la tela di lino, così come la tela di cotone assorbiranno la pittura, prima che tu abbia avuto il tempo di utilizzarla.

Dovrai quindi acquistare della carta adeguata. Ne esistono di tutti i tipi, con diverse grammature. Questo dipenderà dalle tue preferenze e dai tuoi obiettivi. La carta per acquerello è spessa, per evitare che il foglio si rovini o si strappi per l’abbondanza di acqua.

Per iniziare, l’artista ha due soluzioni: o dipinge direttamente sul foglio di carta secco, oppure bagna il foglio con il proprio pennello, prima di posare il colore.

A seconda del soggetto che stai per dipingere e degli effetti che vuoi dare, potrai lasciare più o meno “denso” il tuo colore, Puoi adattare la pittura prima di iniziare ad usarla!

Quest’ultima tecnica permette di mescolare i colori direttamente sul foglio. Ma se non sei sicuro dei risultati, sarà preferibile mescolare i colori sulla tavolozza.

La pittura ad acquerello, al contrario della pittura ad olio, si realizza in pochi strati, perché più strati porrai e più il risultato sarà scuro, buio. Dovrai quindi iniziare sempre dai colori più chiari e passare solo in un secondo momento a quelli più scuri.

La percentuale di acqua deve diminuire con l’avanzare degli strati, se vorrai per esempio accentuare una zona d’ombra. Il colore sarà allora meno pallido.

La carta bianca è molto consigliata per dipingere all’acquerello. Questo ti consente di rivelare tutti i colori, cosa impossibile su di una carta blu chiaro, per esempio.

Inoltre, il bianco consente di lasciare qualche spazio per giocare sui colori.

Quando avrai concluso la tua opera, dovrai conservarla!

Effettivamente, le opere dipinte su di un supporto di carta sono piuttosto fragili. Quando uscirai dai corsi pittura, dovrai utilizzare un cartoncino per disegno, al fine di proteggere i tuoi fogli. Se le tue pitture non sono protette ed inizia a piovere, il rischio è che il colore coli e sparisca.

Se invece vorrai esporre la tua pittura, l’opera dovrà essere collocata sotto vetro.

Esistono anche dei prodotti per fissare le pitture all’acquerello: potrebbero assicurarti una protezione supplementare.

Un altro aspetto fondamentale è che la pittura ad acquerello può essere utilizzata anche assieme ad altre tecniche (la china, ad esempio).

Pittura dal vivo con l’acquerello: dei corsi disegno

L’acquerello è utilizzato da molti artisti.

Fa parte integrante dei corsi di disegno, assieme a molte altre tecniche (pittura acrilica, matita di grafite, inchiostro di china, pastelli secchi, carboncino, colori a matita, pittura all’olio, …).

Ma perché dovresti preferire questa tecnica alle altre?

Corsi di disegno ad acquerello: la tecnica dei viaggiatori

L’acquerello è ritenuto essere la tecnica preferita dai viaggiatori. I quaderni e gli album da viaggio sono il supporto ideale per l’acquerello.

I viaggiatori solitamente utilizzano questa pittura per dipingere dei ritratti, dei paesaggi, ricreare un’atmosfera.

L’acquerello è la tecnica preferita dai viaggiatori, proprio per la semplicità di utilizzo. Stéphanie Ledoux è una delle acquarelliste viaggiatrici più note!

Il bello di questa pittura è che può essere utilizzata con poco materiale. Contrariamente alla pittura all’olio, dove è necessario portare con sé tutta una serie di materiali, l’acquerello richiede solamente un foglio, la pittura e un pennello.

Esistono poi oggi dei pennelli concepiti appositamente per l’acquerello. Questi dispongono di un piccolo serbatoio d’acqua, per poter adottare questa tecnica anche in pieno deserto.

Naturalisti, viaggiatori, scienziati, molti avventurieri portano nel proprio sacco una selezione di colori, per poter dipingere mentre osservano il mondo.

Corsi di disegno ad acquerello: una tecnica all’aria aperta

Non vi sono solo i viaggiatori, che approfittano di questa facilità di trasporto del materiale. Non è infatti raro vedere nei giardini, nei parchi e, più in generale, in mezzo alla natura, degli artisti che ricopiano il paesaggio che hanno di fronte ai loro occhi.

L’acquerello, anche se possa praticarsi per fare una natura morta all’interno dello studio, richiama più ad un utilizzo all’esterno (a meno che non piova, ovvio!). I maestri disegno spesso portano i loro studenti all’esterno, per degli esercizi di bozze, schizzi, paesaggi o altro.

Corsi di disegno ad acquerello: lo studio preliminare

L’acquerello è utilizzato anche come primo schizzo per la realizzazione di un’opera con un’altra tecnica. Gli artisti disegnano allora quello che hanno in testa e poi dipingo all’acquerello, per avere una prima idea di quello che saranno o potranno essere i colori.

Può servire anche per esercizi di riproduzione di grandi artisti nei musei. Gli studenti non possono sempre restare delle ore davanti al quadro. L’acquerello, grazie alla sua rapidità, rappresenta dunque una soluzione adeguata.

Rembrandt, Braque, Van Gogh, Picasso, Monet, Courbet, Delacroix, Da Vinci e tutti gli altri che trovi nei principali musei, come il Maxxi, il Louvre o il Museo d’Orsay, non avranno più segreti per voi.

L’insegnante disegno e il materiale necessario per dipingere all’acquerello

Cavalletto, pittura, pennelli, gomma arabica, porta mine, matite per acquerello, gomma pane, straccio, imparare a dipingere e diventare acquarellista richiedono solo pochi accessori.

Ma rassicurati: l’acquerello consuma poca materia prima, soprattutto se confrontato con la pittura all’olio. Gli accessori come il cavalletto o la tela non sono indispensabili.

Tuttavia, dovrai avere poi tutto il materiale necessario per proteggere le tue creazioni.

Trovi i colori ad acquerello in tubetto e in pratiche vaschette L’acquerello non è disponibile solo in tubetto!

Un insegnante disegno per scegliere la carta ideale

La carta per acquerello è speciale. Deve essere abbastanza spessa per non strapparsi. Ma come puoi scegliere quella gusta?

I fogli si suddividono per grammatura. I fogli destinati a questa particolare tecnica dovranno essere di circa 300 grammi, perché non si imbarchino sotto l’effetto dell’acqua.

Questo genere di fogli si trova nella maggior parte dei negozi di prodotti per artisti, ma anche nelle cartolerie più fornite.

Dovrai anche fare attenzione al tipo di grana della carta. Alcuni fogli sono più lisci e altri più rugosi. Sarai tu a scegliere in base alle tue preferenze.

Lezioni di disegno e pennelli di qualità

Utilizzare dei pennelli di qualità è importante, per imparare correttamente la pittura ad acquerello. Se acquisterai al risparmio, ti accorgerai di come perdano i loro peli piuttosto in fretta. E dipingere su un foglio con peli di pennello non sarà facile!

Meglio quindi investire in materiale di qualità sin dall’inizio.

I pennelli per acquerello devono avere il manico corto, perché possano essere utilizzati il più facilmente possibile. L’acquerello è una tecnica che richiede molta minuzia: più il pennello sarà corto e più sarà facile gestire i più piccoli dettagli.

Dovrai anche pensare ad una buona manutenzione, per non doverli cambiare troppo spesso. Puliscili bene dopo ogni seduta di pittura e conservali in una busta o una scatola.

Hai già usato i colori a pastello secchi?

Un corso di disegno ad acquerello: come scegliere la pittura

La pittura ad acquerello è venduta sia in tubetti, sia in vaschette. Nelle vaschette, il colore si scioglie a contatto con l’acqua. Il loro trasporto è piuttosto semplice.

Come per la pittura all’olio, la pittura ad acquerello extra fine è più ricca in pigmenti rispetto a quella fine. È quindi di qualità superiore.

Dovrai trovare tu stesso il miglior rapporto qualità prezzo.

Un corso di disegno ad acquerello: come scegliere la carta su cui dipingere

Indispensabile per proteggere le tue opere ad acquerello, il cartoncino da disegno può essere acquistato in nelle cartolerie: è disponibile in diverse taglie e in diversi colori, non esitare a comprarne uno, il loro prezzo è relativamente basso (tra i 5€ e i 20€).

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 4,50 su 5 per 2 voti)
Loading...
avatar