Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di arabo a Palermo

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di arabo a Palermo è di 5,0 con più di 6 commenti.

16 €/ora

Le migliori tariffe: il 96% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di arabo a Palermo costano 16€.

1 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 1h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di arabo a Palermo

Parla con l'insegnante di arabo per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di arabo e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare l'arabo a Palermo non è mai stato così facile!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Arabo a Palermo, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

✒️ Come sono valutati/e i/le tutor di arabo a Palermo ?

Su 6 valutazioni, gli/le studenti/esse esprimono un punteggio medio di 5,0 su cinque.

 

La nostra équipe è a tua disposizione per offrirti un veloce supporto (per telefono o mail dal lunedì al venerdì) se dovessi riscontrare qualsiasi difficoltà, o in caso di dubbi per un corso privato.

 

Scopri le FAQ!

💡 Per quale motivo optare per un corso privato di lingua araba a Palermo?

L'arabo è la quinta lingua più parlata al mondo: saperlo parlare rappresenta un enorme vantaggio nel mercato del lavoro, nonché una competenza preziosa a livello personale. Le lezioni di arabo con un/una professore/essa ti permetteranno di migliorare in un arco di tempo breve.

Potrai scegliere il/la prof privato/a che meglio risponde alle tue esigenze e concordare di persona o a distanza le lezioni di arabo in totale autonomia!

 

La messaggeria permette di parlare con il/la professore/essa per organizzare le lezioni di arabo con tranquillità.

Il nostro motore di ricerca ti permetterà di trovare la perla rara tra 25 prof di arabo a Palermo.

 

Fai click e lancia la ricerca!

💻 È possibile imparare la lingua araba via webcam con un/una prof di Superprof?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi online.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di arabo via webcam sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare da casa.

👨‍🏫 Quanti/e sono i/le insegnanti privati/e a disposizione per dare corsi a domicilio di arabo a Palermo e dintorni?

25 professori/esse di lingua araba impartiscono lezioni di lingua araba a Palermo e nei dintorni.

 

Puoi visitare gli annunci dei/delle prof e scegliere l'insegnante che più si adatta alle tue richieste a Palermo.

 

Per poter fare la scelta giusta, visita i loro cv.

💸 Qual è il costo medio di una lezione a domicilio di lingua araba a Palermo?

A Palermo il costo medio di un corso di arabo è di 16 €.

 

L’esperienza dei/delle maestri/e, il luogo dove avverranno i corsi (online o a domicilio dell'alunno/a) e l'offerta della zona o ancora la frequenza della lezioni e la durata sono fattori che possono influire sul prezzo delle lezioni.

 

Il 97% dei/delle professori/esse offrono la prima ora di lezione.

 

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Lezioni di arabo per diventare bilingue

Palermo: una città araba, dagli influssi normanni

Isola è questa lunga sette giornate (di cammino), larga quattro giornate; montuosa, irta di rocche e di castella, abitata e coltivata per ogni luogo. Essa non ha altra città famosa e popolosa che quella che addimandano Palermo, ed è capitale dell’isola. – Ibn Hawqal (anno 973)

Non un’invasione, ma un'integrazione

Secondo i più titolati esperti in materia, come lo scrittore, letterato e medico, ma soprattutto etnologo, Giuseppe Pitrè (Palermo, 1841 – 1916), quella degli arabi a Palermo e in tutta la Sicilia non fu mero dominio, ma una vera e propria integrazione con la popolazione autoctona.

La prova? Basta guardare a quanto sia rimasto dei sedici secoli di ellenismo nell’isola, reperti archeologici a parte: poco o niente! E ora, basta guardare a quanto di soli due secoli di presenza araba da Palermo a Messina, passando per Agrigento, Siracusa, Enna e Catania, sia invece ancora vivamente presente nella vita e nella cultura della Sicilia: tanto! Dai nomi delle città, italianizzazione dei termini dati oltre mille anni fa dagli arabi, ad alcune tradizioni culinarie, passando per credenze popolari, e tanto altro.

Tutti elementi che, nei dieci secoli successivi, né i Normanni, né gli Svevi, né gli Spagnoli, né i Francesi, né tantomeno i piemontesi sono riusciti a cancellare, ad affievolire, ad annullare.

Dai Normanni agli Aragonesi

Palermo è stata la capitale del Sud durante il dominio arabo in Sicilia e i segni che la città porta sono inequivocabili. Allo stesso tempo, però, va detto che Angioini e Aragonesi, la cui presenza sull’isola si sostituì a quella di Normanni e Svevi, vollero spezzare ogni legame con i saraceni, distruggendo le moschee, per sostituirle con le chiese, e demistificando la realtà: al punto che gli arabi vennero dipinti come feroci razziatori e predatori di donne e fanciulle. E questa è una verità cui a molti fece comodo credere.

Balarm – questo il nome della Palermo araba – dalla metà del IX secolo era tale e quale ad una fastosa città araba, ricca di palazzi e moschee, di cui se ne contavano oltre 300 (secondo quanto repertoriato dal viaggiatore arabo Ibn Hawqal nel 973). Lusso e fasti si accompagnavano ad una numerosità di abitanti notevole: si pensi che, quando, nello stesso periodo, Roma e Milano potevano contare tra 20.000 e 30.000 cittadini, la sola Palermo era abitata da oltre 250.000 persone.

Ma era tutta la Sicilia, grazie alla posizione centrale nel Mediterraneo, ad essere un vero e proprio giardino per viaggiatori, commercianti e artigiani, oltre che rappresentare un centro di interesse per tutti coloro che anelavano a cultura, scienze e letteratura.

La Palermo araba e i suoi quartieri

Secondo quanto riportato da Ibn Hawqal, che, come detto, visitava Palermo nell’anno 973, la città sta proprio sulla spiaggia, nella costiera settentrionale. Palermo è suddivisa, all’epoca araba, in cinque quartieri, i quali, pur non distando troppo l’uno dall’altro avevano confini nettamente delineati.

  • Il principale di questi quartieri è quello centrale ed è con questo che viene definita in maniera propria la città di Palermo. Delle mura la cingono per proteggere i mercanti che vi vivono e la moschea principale ivi situata;
  • Un secondo quartiere è quello che all’epoca veniva chiamato ‘Al Halisah (la città eletta): nonostante qui le mura siano più basse, vi soggiorna il Sultano, protetto e accompagnato dai suoi seguaci; vi si trovano anche due bagni, una moschea, una prigione e l’arsenale;
  • Vi è poi Harat ‘as Saqalibah (il Quartiere degli Schiavoni): più grande e più popoloso dei precedenti, ospita il porto e tanti corsi d’acqua, utilissimi alla vita dei cittadini;
  • Harat ‘al Masgit (il Quartiere della Moschea), anche questo molto ampio, ma senza corsi d’acqua come il precedente;
  • ‘Al Harat ‘al gadidah (il Quartiere Nuovo), adiacente al Quartiere della Moschea, ma senza mura, come quello degli Schiavoni.

Palermo e l’architettura arabo normanna

Come già detto, le moschee di Palermo vennero tutte distrutte e trasformate in luoghi di culto per la fede cristiana.

La moschea principale sembra fosse Alkazar, su cui ora sorge il Palazzo dei Normanni, sede oggi dell’Assemblea Regionale Siciliana; ma nemmeno qui è possibile distinguere, se non con occhi veramente esperti, le tracce di quanto era stato costruito dagli arabi. Resta qualcosa come le cupole rosse nella attuale chiesa di S. Giovanni degli Eremiti (a due passi da Palazzo dei Normanni), una parte di un castello incorporato in quello della Zisa o in quello della Favara; si può notare anche la struttura del vecchio quartiere arabo di Mazara o si possono visitare le terme di Cefalà Diana (ma in questi ultimi due casi siamo fuori dal capoluogo siciliano).

Poca cosa rispetto a quello che potevano ammirare i palermitani e i visitatori prima della cacciata dei Mori.

C’è da dire che oggi, quando si parla di architettura siciliana dell’epoca, ci si rifà ad un termine preciso: arabo normanno. Questo perché, effettivamente, circolando per le strade della città di Palermo, non si può non notare una commistione, unica nel suo genere e dovuta proprio al fatto che, prima che Angioini e Aragonesi distruggessero tutto quello che di puramente arabo era rimasto, i Normanni integrarono le proprie costruzioni a quelle preesistenti.

Degli esempi?

La Zisa e la Cuba, ma anche, poco lontano, la chiesa di San Nicolò Regale a Mazara, dove si notano le forme che fanno riferimento al blocco, concetto importato dall’Africa e in particolare dall’Egitto fatimide: sobrietà e finestre che si inquadrano in negativo.

Nei palazzi normanni si può notare il modello iconografico islamico, che influenza strutture figurative, planimetrie, decorazioni e ambienti simmetrici: le si possono notare alla Reggia dei Normanni, in particolare nella Torre Pisana e nella Gioiaria, alla Zisa (Guglielmo I e Guglielmo II si occuparono della sua realizzazione), alla Cuba e al Palazzo dell’Uscibene (ancora una volta Guglielmo II).

Che cosa vuoi imparare?