Pagina iniziale
Dare lezioni

Lezioni di pianoforte a Palermo

🥇 I/Le migliori insegnanti di Palermo
💻 59 prof
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di piano a Palermo

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di piano a Palermo è di 5,0 con più di 14 commenti.

20 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di piano a Palermo costano 20€.

3 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 3h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di piano a Palermo

Dai un'occhiata ai profili di Palermo e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di piano a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni private di piano a Palermo

Parla con l'insegnante di piano per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di piano e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a suonare il piano a Palermo non è mai stato così facile.

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Piano a Palermo, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

I/le nostri/e allievi/e di Palermo
esprimono un giudizio sui/sulle loro insegnanti di piano

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di piano a Palermo

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti di Palermo per un corso di pianoforte

Esaltare la sensibilità attraverso il piano a Palermo

Il pianoforte è uno degli strumenti più amati da grandi e piccini.

Soprattutto, si tratta dello strumento più completo, che consente di essere autonomi nella esecuzione di moltissimi brani.

Nell’immaginario nella maggior parte di noi, essere musicista, andare a lezioni di musica, corrisponde a prendere lezioni di pianoforte, seduti al fianco di un maestro diplomato al Conservatorio che sia anche un abilissimo pianista.

In effetti, a differenza di altri strumenti, come ad esempio i fiati ed anche gli altri cordofoni, il pianoforte consente di suonare al contempo più voci, più parti, più temi, dando vita ad armonie complete, fatte di accompagnamento e melodia. E ciò può avvenire unicamente ad opera del medesimo esecutore - il pianista per l’appunto. Chi suona il piano, insomma, basta a se stesso. Egli può non aver bisogno di nessun’altro, a differenza di un flautista e di un violoncellista, che sempre cercheranno almeno un compagno (con cui formare un duo), quando non addirittura un’orchestra.

Ed è ugualmente vero che lo strumento con cui la maggior parte dei musicisti si affaccia per la prima volta al mondo musicale è quasi sempre un piano. Ciò vale sicuramente per i violinisti, ad esempio.

Il pianoforte consente un approccio facile e facilitato; è d’aiuto quando ancora si è del tutto a digiuno di competenze musicali. Questo strumento invita di per sé all’improvvisazione e alla sperimentazione, poiché le sue note escono già “corrette” e “rifinite”.

Evidentemente, il violino o l’arpa non consentono a chiunque, al primo tentativo, di trovare le sonorità di base con giustezza immediata. Meno che meno, consentono ad un bambino di provare piacere alla prima esperienza – fatto salvo il caso di enfants prodige dall’orecchio assoluto!

Il piano ed il sollievo psico-sociale: una via promettente

Fra le grossissime potenzialità del pianoforte, strumento completo, abbiamo innanzitutto il fatto che esso può incoraggiare l’autonomia dei piccoli e far maturare, in loro, la capacità di stare da soli costruttivamente, in pace con se stessi.

Non si tratta di un risultato da poco, evidentemente.

Oggi, molti bambini e adolescenti mostrano segni di inattenzione, iperattività, incapacità di restare concentrati. Ebbene, la pratica di uno strumento musicale come il pianoforte pare apportare gran “sollievo” a coloro che si preoccupano di tutto ciò (genitori, insegnanti e studiosi).

Il pianoforte rappresenta un’esperienza al contempo intellettuale e sensoriale; relazionale (ci si confronta con un insegnante e con chiunque ascolti) e normativa (si apprende a rispettare tempo, ritmo, chiavi, alterazioni, diteggiatura). Ecco perché suonare il piano può essere considerato un primo successo “sociale”. Lo spartito rappresenta un po’ il codice di comportamento in una data situazione.

In quanto strumento che consente l’espressione e la scoperta della sensibilità individuale, il piano non smentisce il suo potenziale comunicativo, qualora si lavori per ottimizzare la relazione con ragazzini autistici.

Alcuni programmi sperimentati già dagli anni Ottanta, hanno continuato a mostrare grande efficacia nell’incremento del benessere e della serenità famigliare, grazie al contatto incoraggiato ed implementato tra bambini autistici e mondo musicale.

In particolare, i primi studi a carattere sperimentale – come le ricerche di J. Alvin – portarono alla luce risultati entusiasmanti. Alcuni bambini e ragazzi autistici venivano gradualmente esposti all’esperienza musicale, in un crescendo di novità e complessità della perlustrazione sensoriale:

  • dapprima il piatto, strumento a percussione
  • in secondo luogo, la scoperta della voce, passando per l’ascolto della musica e per l’improvvisazione
  • infine, il piano, in un programma fatto di musica e movimento.

Siamo di fronte ad un approccio decisamente globale e, per l’epoca, già avveniristico, poiché olistico. Il soggetto, infatti, è preso in considerazione in modo completo, per quanto riguarda i sensi che rilevano nella musica e nella relazione verbale: udito, tatto, ascolto fisico del ritmo e della musica, tentativo di riproduzione tramite il proprio corpo.

Analizzato oggi, tutto ciò appare assai banale e, soprattutto, corrisponde semplicemente al modo in cui conviene che qualsiasi bambino venga accompagnato nel mondo musicale. E, infatti, non è raro che per giungere a conclusioni di una semplicità estrema - ad esempio per comprendere a fondo quanto sia importante che ogni uomo si riavvicini il più possibile alle condizioni naturali e basilari della sua esistenza – si debbano dapprima percorrere vie tortuose, iper-specifiche e, soprattutto, avere la fortuna di entrare a contatto con individui più sensibili – spesso ipersensibili – fonte inesauribile di osservazione e scoperta altrimenti insperabili.

Indirizzi palermitani per scoprire il piano

A Palermo, in via Squarcialupo 45, trovi il Conservatorio di Musica Alessandro Scarlatti (già Vincenzo Bellini), ove l’offerta formativa è davvero ricca, tanto per il triennio del Corso di I Livello, quanto per il biennio del Corso di II Livello. Sono inoltre dispensati corsi propedeutici, corsi di formazione di base, corsi di abilitazione, per chiunque intenda suonare il piano a livello professionistico e diventare magari, un giorno, insegnante di piano a Palermo.

I Dipartimenti del Conservatorio di Palermo sono ben sette:

  • Teoria, Analisi, Composizione e Direzione
  • Didattica della Musica
  • Strumenti a Tastiera e Percussione
  • Strumenti ad Arco e a Corda
  • Strumenti a Fiato
  • Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali
  • Canto e Teatro Musicale

Naturalmente, il piano a Palermo può essere appreso anche altrimenti:

  • presso il Centro Musicale, in viale Campania (corsi per bambini, adulti e laboratori musicali)
  • presso l’Ateneo Musicale, in via Alessio Narbone (scuola di vari strumenti, oltre al piano, dotata anche di un Caffè musicale e di una sala registrazione)
  • presso la Scuola di Musica Man (istituto regionale e privato che rilascia anche Diplomi e Lauree riconosciuti a livello europeo, dove si tengono i Corsi PreKidz, Kidz, Teens, Propedeutico, Preaccademico, Degree, Open nonché quelli legati a diversi certificati europei in pianoforte ed altri strumenti).

Oppure, specie se si tratta di bambini piccoli, si può optare per una scoperta graduale del pianoforte, che passi dapprima per lezioni di piano a domicilio (presso l’abitazione del professore di musica o dell’allievo), poi per la frequenza di stage e corsi intensivi sponsorizzati da associazioni senza scopo di lucro, infine per la scelta di un liceo musicale come scuola superiore o per l’esame di accesso a al conservatorio.

Le lezioni private consentono un primo ingresso graduale nel mondo della musica e del piano: l’insegnante dovrà essere accuratamente selezionato, sulla base dei suoi titoli di studio e specializzazione, della sua esperienza, delle sue tariffe. D’altro canto, prima di effettuare la scelta, è consigliato fare il punto sui propri obiettivi e desiderata: scoperta, approfondimento, apprendimento di qualcosa di specifico, passione, studio, professione, miglioramento delle esecuzioni di alcuni brani da concerto. Questi elementi collegheranno un profilo specifico dell’insegnante di piano al profilo del futuro allievo e la giusta corrispondenza tra essi farà sì che la relazione pedagogica si instauri correttamente fin dall’inizio. L’insegnante di piano a Palermo città sarà il primo amico del futuro pianista, che in seguito potrà scegliere se proseguire altrove la sua preparazione, anche varcando confini regionali e nazionali.

La piattaforma di Superprof consente di analizzare con estrema cautela i profili e le proposte degli insegnanti di piano in tutta Palermo e dintorni.

Le domande più frequenti:

💶 Qual è il prezzo medio di un/un'insegnante privato/a di pianoforte a Palermo?

A Palermo, il prezzo medio per imparare a suonare il piano è di 20€ /ora. Il costo cambia a seconda dell'insegnante, poiché è l'insegnate stesso/a a fissarlo.

Gli/le insegnanti tengono in conto l'esperienza e i titoli, il luogo dove le lezioni avvengono (a domicilio dell'allievo/a, a domicilio del/della maestro/a, oppure online), la regolarità, la durata delle lezioni,  o ancora competenza degli/delle insegnanti di pianoforte in città.

La maggior parte dei/delle nostri/e professori/esse di pianoforte offre la prima ora

 

Scopri il prezzo dei/delle insegnanti di pianonella tua città facendo una semplice ricerca su Superprof.

⏰ Quanti/e docenti sono disposti/e a impartire corsi privati di piano a Palermo?

L'offerta di insegnanti di pianoforte a Palermo è importante. Si contano più di 59 insegnanti disponibili per impartire lezioni private di piano.

 

Se desideri trovare il profilo di un/una insegnante privato/a che corrisponde a quello che cerchi, non esitare a confrontare gli annunci dei/delle professori/resse di piano di Palermo ed entra in contatto con quello/a che più attira l'attenzione.

 

Prima di fare la tua scelta puoi leggere le informazioni del suo annuncio, le raccomandazioni dei/delle ex alunni/e e trovare precisazioni sui prezzi.

 

Vedrai che trovare un/ua maestro/a privato/a di pianoforte è un gioco da ragazzi!

💻 Se trovo un/una maestro/a di pianoforte che mi interessa ma siamo lontani, possiamo fare le lezioni a distanza?

Assolutamente sì! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via webcam.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

Le lezioni di pianoforte online sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare senza uscire di casa.

 

🎹 Perché contattare un/una professore/essa di piano a Palermo può essere una buona idea?

Sapevi che, quando impari a suonare il pianoforte, rafforzi abilità che ti aiutano ad avere un metodo che puoi applicare ad altri ambiti, negli studi o nel lavoro? Infatti, molti studi hanno provato che esiste una connessione diretta tra la pratica musicale e la vita quotidiana, e che lo studio del pianoforte è fonte molti aspetti positivi, come ad esempio un miglioramento della capacità di concentrazione .

Suonando il pianoforte, devi prestare attenzione a tanti aspetti diversi, come il ritmo, il tono, il tempo, il valore delle note, ecc. Quando ti eserciti, stai facendo un esercizio di concentrazione mentre suoni le canzoni che ti piacciono. Questo ha un effetto molto importante sul tuo cervello e il suo sviluppo.

 

Come praticare con regolarità?
Imparare un nuovo pezzo richiede tempo e molto lavoro. Prima che tu possa suonare un brano a memoria e con fluidità, devi lavorare per diversi giorni. L'idea di poter un giorno suonare il brano che stai praticando rafforza la tua motivazione. Ciò insegna a essere paziente e aumenta la tua tenacia. Questa abilità è particolarmente utile quando ci si trova davanti a compiti complessi all'università o al lavoro.

 

Imparare a suonare il pianoforte è una vera sfida. La pratica costantee lo studio quotidiano non solo aumentano la tua tenacia, ma ti consentiranno anche di avere una maggior disciplina. Per saper suonare il piano, non ci sono trucchi... Bisogna allenarsi molto. Con pazienza, ti abituerai a una pratica regolare e non ti sembrerà impossibile rispettare gli orari di lavoro.

 

Come migliorare la tua intelligenza emotiva?
Suonare il piano sviluppa le tue capacità auditive. Si tratta di qualità molto importanti quando si interagisce con altri/e. Trasmetti i tuoi sentimenti non solamente attraverso il tuo linguaggio corporeo, ma anche attraverso l'intonazione, la melodia e il ritmo della tua voce. Qualcuno che sa suonare il pianoforte può anche ascoltare con attenzione.

✍🏻 Su Superprof, qual è stato il voto medio attribuito ai/alle nostri/e insegnanti di pianoforte a Palermo?

I/le maestri/e di pianoforte a Palermo hanno ricevuto un voto totale di 14 opinioni e la media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'équipe disponibile dal lunedì al venerdì per aiutarti con qualsiasi problema. Puoi contattarci per telefono o via e-mail, oppure consultare questa sezione dove rispondiamo alle domande più frequenti.