Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di scacchi a Palermo

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di scacchi a Palermo è di 5,0 con più di 3 commenti.

19 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di scacchi a Palermo costano 19€.

2 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 2h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di scacchi a Palermo

Parla con l'insegnante di scacchi per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di scacchi e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a giocare a scacchi a Palermo non è mai stato così divertente!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Scacchi a Palermo, o in altre cittĂ , oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande piĂą frequenti:

đź’¸ Quanto viene in media un/un'insegnante privato/a di scacchi a Palermo?

A Palermo, il costo medio di un/una maestro/a di scacchi è di 19€ all'ora. I costi variano a seconda di ogni insegnante, poiché è l'insegnante stesso a scegliere la propria tariffa.

I fattori che gli/le insegnanti prendono in considerazione per fissare il prezzo delle lezioni sono la propria esperienza e formazione, il luogo di svolgimento delle lezioni: (a casa dello/a studente/tessa, a casa dell'insegnante, oppure via webcam), la frequenza delle lezioni e la il ritmo, e  la concorrenza dei/delle maestri/e di scacchi in quella zona.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e maestri/e di fotografia offre gratuitamente la prima ora.

 

Confronta i costi dei/delle professori/esse privati/e nella tua zona con una semplice ricerca su Superprof.

✍🏻 A Palermo, qual è il voto globale che hanno ricevuto esperti/e di scacchi?

Gli/le insegnanti di scacchi di Palermo hanno ricevuto un totale di 3 opinioni e il voto sulla media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible tutta la settimana per rispondere ai tuoi dubbi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Hai qualche dubbio ulteriore? Visita la sezione delle FAQ, oppure contatta il nostro servizio clienti, disponibile dal lunedì al venerdì, troverai delle persone disponibili e pronte a rispondere alle tue domande.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

💻 Se trovo un/una maestro/a di scacchi che mi interessa ma nessuno di noi può spostarsi, è possibile fare le lezioni a distanza?

Assolutamente sì! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni online sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

Le lezioni di scacchi a distanza sono un'ottima opportunitĂ  per coltivare il proprio talento. Ti basterĂ  avere un computer, una connessione a internet e la tua scacchiera fisica o virtuale a portata di mano!

🧑‍🏫Quanti/e maestri/e di scacchi sono disposti/e a impartire lezioni private di scacchi a Palermo?

Puoi scegliere tra i/le 5 insegnanti di fotografia disponibili a Palermo e dintorni.

 

Valuta i/le insegnanti di fotografia a Palermo ed entra in contatto con quello/a che piĂą ti interessa.

Prima scegliere puoi leggere il percorso dell'insegnante sul suo annuncio, la sua metodologia e le sue esperienze, i commenti degli/delle ex allievi/e e i dettagli riguardo il costo delle singole lezioni o gli eventuali pacchetti di ore.

 

Vedrai che trovare un/un'insegnante di scacchi sarĂ  facilissimo!

♟ Per quale motivo scegliere un corso di scacchi a Palermo?

Gli scacchi sono un gioco amato e apprezzato in tutto il mondo, e grazie all'avvento del digitale sono ormai alla portata di tutti/e.

 

In tanti sono però erroneamente convinti che per giocare a scacchi basti conoscere le regole di base ed essere baciati dalla fortuna. In realtà le cose sono molto più complesse: gli scacchi richiedono una serie di conoscenze, oltre che una grande rapidità di calcolo e di pensiero. Se sei sempre stato/a affascinato/a dal mondo della logica, prendere qualche lezione di scacchi potrebbe davvero aiutarti a sviluppare strategie per gareggiare a livello agonistico.

 

Contrariamente a quello che pensano in molti, le lezioni private di scacchi non si rivolgono solo agli/le aspiranti campioni e che giĂ  possiedono un bel bagaglio di esperienza, ma anche a chi non conosce nemmeno le regole di base.

 

Che cosa aspetti a metterti in contatto con i/le nostri/e insegnanti di scacchi a Palermo?

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza piĂą insegnanti Inizia subito

Trovare un corso scacchi per diventare un/a vero/a esperto/a

Giocare a Scacchi a Palermo: l’associazione Palermo Scacchi

Se abiti nel bel capoluogo siciliano o intendi soggiornarvi a lungo per ragioni di studio – ad esempio iscrivendoti all’Università – o per scoprirne la società, sappi che da oggi potrai aggiungere un punto al tuo elenco di svaghi per il tempo libero: gli scacchi.

Eh già, perché Palermo non è solo turismo, visita a monumenti e strade, come la bellissima sede dell’Assemblea Regionale o la suggestiva camminata tra i quattro canti e il mercato della Vucciria. Palermo – come del resto Milano – non è nemmeno solo studio o solo cibo!

Moltissimi sono gli amanti degli scacchi, in questa città che, non a caso, vanta ancora retaggi nobiliari, pure negli atteggiamenti di certi autoctoni…

In via Leonardo da Vinci 17, non lontano da Piazza Malaspina, dalle Poste e dal viale Notarbartolo, potrai incontrare gli amici della Palermo Scacchi, un’associazione sportiva dilettantistica (ASD Palermo) affiliata alla Federazione Scacchistica Italiana ed anche al CONI. Essa propone corsi ed esperienze come gare e tornei per tutte le età e per tutti i livelli.

Per i minori di sedici anni, ad esempio, esistono diverse proposte formative e ludiche, già a partire dai sei anni di età: alfabetizzazione, principianti, intermedio ed avanzato. Il tutto è gratis, per coloro che si iscrivono all’associazione. Altrimenti, è possibile seguire due lezioni di prova, per poi scegliere cosa fare.

Le lezioni hanno, generalmente, la durata di un’ora e mezzo circa. Si tengono una volta a settimana.

L’associazione propone, poi, corsi intermedi ed avanzati per gli adulti che intendano migliorare il proprio modo di giocare o scoprire nuove tecniche specifiche. Si tratta di un’ottima possibilità per tenersi attivi cerebralmente, oltre che per rilassarsi e trascorrere costruttivamente qualche ora di tempo libero.

L’associazione ha un ottimo sito, decisamente chiaro per chi voglia saperne di più delle possibilità scacchistiche a Palermo.

Far parte di un circolo o frequentare un centro scacchi, poi, agevola la partecipazione ad un torneo, ad un campionato in Sicilia come in altre regioni.

Polisportiva e scacchi a Palermo

Se il game of chess è stato inserito nelle discipline sportive, naturalmente, i motivi sono diversi.

Innanzitutto, il gioco degli scacchi allena corpo e mente.

Infatti, non solo il cervello è altamente impegnato durante una partita, ma anche l’intero corpo di ogni giocatore lo è. Questi dovrà mantenersi composto, in posizione eretta, stirando bene la colonna, per consentire il corretto afflusso di sangue al cervello e le funzioni midollari, come la corretta circolazione di linfa entro tutto il sistema corporeo. Vene, arterie, ossa risultano avvantaggiate dal gioco degli scacchi, dato che il lavoro respiratorio calmo e costante richiesto dal gioco consente una vera e propria rigenerazione per l’organismo tutto intero.

Apprendere a mantenere la postura diritta, lottando cosi con scoliosi, lordosi e cifosi è senz’altro un’ottima pratica, in età infantile, giovanile ed anche avanzata.

E che dire, poi, della ginnastica cerebrale? Un vero toccasana, che aiuta a lottare contro lo stress, l’ansia, la fiacchezza fisica e morale…

Restare concentrati davanti ai pezzi sulla scacchiera aiuta a lottare contro la depressione negli adulti, contro l’iperattività nei più giovani.

Se per sport intendiamo una disciplina che, appunto, imponga ordine e regole al corpo ed alla mente, il game of chess è a tutti i titoli uno sport altamente benefico per chiunque!

Gli scacchi degli adulti… per i bambini

Oggi, in ogni cittĂ  si cerca di promuovere la migliore delle attivitĂ  per i piĂą piccoli. La scuola, ad esempio, lancia spesso progetti complementari rispetto alla didattica di base, istituendo laboratori matematici, di robotica, di coding, di tinkering elettronico...

Ebbene: alfieri, torri, cavalli, re, regine, pedoni, … i famigerati pezzi bianchi e neri fanno parte, a pieno titolo, dello stesso genere di proposte. Accrescere le esperienze conoscitive, creative, ingegneristiche, matematiche e di problem solving fin dalla più tenera età è l’obiettivo sotteso a queste innovative proposte.

Il gioco degli scacchi, non a caso, è addirittura tra le materie di base di molte scuole all’estero. Da noi, in Italia, a Roma, Milano, Catania e Palermo, l’esperienza scacchistica è stata recentemente inserita nelle iniziative formative di molti presidi lungimiranti, che anticipano i tempi e ascoltano le indicazioni europee ancora non strettamente vincolanti.

Strategia, memoria, presa rapida di decisioni (decision making), concentrazione e resistenza alla pressione ed allo stress: ecco cosa gli scacchi possono dare ai nostri piccoli.

Ogni partita a scacchi è diversa da tutte le altre. Il bambino applica sempre le stesse regole, certo, ma le situazioni che apprende a valutare sono infinite.

La partita a scacchi non serve solo per tenere buono e calmo un bambino. Si tratta di fornirgli un bagaglio esperenziale generalmente vincente, che gli infonderĂ  autostima, sicurezza, oltre che materiale da richiamare in memoria per affrontare altre situazioni della vita.

Il bambino che gioca incrementa l’autostima non solo se, e poiché, vince delle partite. Muovendo con raziocinio alfieri e torri sulla scacchiera, il giocatore acquisisce padronanza di sé, fiducia nel proprio “funzionamento” e nel proprio potenziale. Egli si sente via via più intelligente, sereno di fronte alle sfide e alle incertezze. Ecco perché insegnare il gioco degli scacchi è come spalancare le porte dell’universo tutto intero ai bambini.

Il pensiero matematico ed il pensiero computazionale risultano facilitati, invogliati, nei bambini che scoprono come si gioca a scacchi e ne fanno il loro passatempo.

L’apprendimento non si arresta mai. Infatti, non è solo la memorizzazione delle regole che aiuta il cervello nel controllo di sé e nella gestione funzionale delle emozioni. Ogni nuova sfida porta il cervello a lavorare sviluppando nuove connessioni neurali. Insomma, ogni volta che si maneggiano gli scacchi sui quadrati di  una scacchiera si accresce il proprio potenziale. Non conta poi molto chi vinca e chi perda la partita.  Passione, interesse e attenzione: ecco cosa rileva maggiormente di una sfida a scacchi, ai fini della salute cerebrale e di un corretto sviluppo della gestione motiva.

Scacchi per i “diversamente bambini”

Il decadimento cognitivo, oggi, è una delle cause nazionali fatta propria dai sistemi di cura pubblici dei maggiori paesi occidentali. A Roma come a Madrid, a Palermo come a Milano, in tutta la Sicilia come in tutta la Lombardia, si tenta di prevenire, arginare diverse forme di demenza senile.

E quale miglior modo per scongiurare il sopraggiungere della consunzione cerebrale, che non quello di promuovere ovunque una pratica come quella scacchistica?

I neurobiologi sostengono che entrambi gli emisferi sono attivati da una partita a scacchi. Il che significa che con pochi minuti di gioco si fa davvero un grosso favore al nostro funzionamento globale, dato che la salute del cervello governa quella dell’organismo tutto intero.

Già nei lontani anni Ottanta, del resto, l’Associazione Nazionale degli Psicologi Americani si era preoccupata di diffondere una definizione chiara e generale di disturbo neurocognitivo lieve, che è quello dovuto al passare degli anni, alle specifiche caratteristiche iscritte nel DNA, da tenere sott’occhio ed anche arginare, tramite pratiche adeguate, affinché gli individui giungano nel migliore stato cerebrale possibile all’età avanzata (quarta e quinta!). Un disturbo neuro-cognitivo che evolve inarrestato, infatti, può compromettere la vita autonoma. Alterazione della personalità, del comportamento abituale e delle funzionalità più diverse ne sono il corollario. Non solo gli psicologi, ma soprattutto i neurologi, gli specialisti in geriatria, anche con l’aiuto di strumenti diagnostici come tac e risonanza magnetica, possono oggi effettuare una valutazione dello stato neuro-cognitivo degli individui.

Il decadimento cognitivo induce inizialmente occasionali dimenticanze, diminuzione della manualitĂ  fine, assenza di concentrazione

Ecco: gli scacchi sono al contempo una ginnastica per rallentare i processi responsabili di tali situazioni, ma anche una possibilità diagnostica. Naturalmente, in questo secondo caso parliamo di soggetti che già praticavano il gioco. Gli scacchi richiedono manualità, concentrazione, pazienza, calma, postura eretta da seduti…Tutti aspetti che sono manchevoli in chi sia affetto da un decadimento accelerato.

Allora, convinto ad avere sempre con te una portable chess per giocare a scacchi con tuo figlio anche durante un viaggio in treno? Perché non formare due squadre, in famiglia, per darvi a fondo a questo gioco educativo e salutare e sfidarvi in un campionato ristretto o in un torneo allargato a famiglia e vicinato?

Che cosa vuoi imparare?