Pagina iniziale
Dare lezioni

Lezioni di violino a Palermo

🥇 I/le migliori insegnanti di Palermo
💻 18 insegnanti disponibili
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di violino a Palermo

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di violino a Palermo è di 5,0 con più di 5 commenti.

20 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di violino a Palermo costano 20€.

0 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 0h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di violino a Palermo

Dai un'occhiata ai profili di Palermo e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di violino a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni private di violino a Palermo

Parla con l'insegnante di violino per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di violino e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a suonare il violino a Palermo non è mai stato così facile.

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Violino a Palermo, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

I/le nostri/e allievi/e di Palermo
esprimono un giudizio sui/sulle loro insegnanti di violino

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di violino a Palermo

Lezioni violino: i nostri consigli imparare a suonare il violino

Paganini, il violino di Palermo!

Tra i fatti interessanti e ricchi di mistero che possono avvicinare al mondo del violino, probabilmente la vita di Nicolò Paganini rappresenta quello più raccontato.

Tuttavia, non tutti i dettagli di essa sono noti al grande pubblico. Pettegolezzi e ricami, del resto, concernettero Paganini già durante la sua esistenza in vita.

E molti, oltretutto, lo aiutarono ad accrescere l’interesse del pubblico, nonché a tracciare un’aura di mistero attorno alla sua persona.

Nel 1825, a Palermo, viene alla luce Achille Ciro Alessandro Paganini, figlio amatissimo dell’impareggiabile violinista Niccolò Paganini. Senza Achille, bambino affettuoso e figlio devoto, probabilmente non ci sarebbero pervenute tutte le composizioni del maestro, né le sue spoglie, originariamente relegate in un lazzaretto di Villefranche-sur-Mer, proprio a causa di credenze mal gradite alla Chiesa Cattolica (che gli negò finanche i funerali).

In seguito all’abbandono di Achille da parte della madre, Niccolò Paganini si dedicò anima e corpo non solo al violino, bensì a questa unica fonte di luce di una vita appassionata quanto dolente.

Negli ultimi giorni di vita il grande musicista, ormai totalmente afono a seguito delle complicazioni legate alla tubercolosi, a danni mascellari e, probabilmente, alla sindrome di Marfan che comportava danni e sofferenze al livello dei connettivi ossei, parlava attraverso il figlio quindicenne, il solo a saper leggere il suo labiale. E quando Niccolò non comunicava ormai che tramite bigliettini, Achille, che già da piccolissimo aveva avuto l’onore di fungergli da interprete in lingue come il tedesco, era il suo canale comunicativo coi medici, col mondo e con gli amanti della musica.

Dure furono le lotte per far sì che diverse opere di Niccolò fossero poi autenticate. E l’amore che il violinista aveva generosamente elargito al figlio valse proprio gli innumerevoli sforzi di Achille per ottenere il massimo dei riconoscimenti possibili per il padre anche dopo la morte.

Purtroppo Achille, pur padre di cinque figli, morì poi senza che ci si prendesse troppa cura della sua sepoltura … ad oggi nodo irrisolto.

Violino a Palermo e passione per gli intrighi

Se vivi a Palermo e studi musica, probabilmente hai già avuto modo di appassionarti alle vicende del figlio di Paganini. Se, poi, suoni proprio il violino a Palermo, magari ti sembra di sentire echeggiare i primi vagiti di Achille, che proprio nella tua città ha visto la luce.

Paganini padre, ossia il notissimo e maledetto Niccolò, viaggiò moltissimo, come molti musicisti del suo tempo.

E Palermo non poté mancare tra le sue tappe, non solo per motivi di cuore (egli vi sposò la Bianchi, per l’appunto, madre di Achille,poi separatasi bruscamente da loro durante una tournée estera).

Naturalmente, sono innumerevoli gli aspetti affascinanti della vita di Paganini. E, a volte, è davvero sconcertante quanti dettagli meno diffusi tra il grande pubblico siano giunti a noi a proposito del maledetto ed ineguagliabile artista del violino, autore dei 24 Capricci per Violino e dei Sei Concerti per Violino e Orchestra.

Paganini, un divo assai magro e sensibile

Paganini era estremamente magro ed emaciato, con una fronte alta tipica delle menti di genio. Portava capelli lunghi, scomposti, di colore nero, che tuttavia non consentivano al suo volto di recuperare in simmetria.

A molti, come a L. Grimm, che lo ritrasse, Paganini poteva apparire molto stanco, sfatto, quasi alla fine della vita… In realtà, pur sprovvisto di parecchi denti, era dotato di un’energia vitale che lo rendeva addirittura un Casanova. Egli, infatti, giocava sulla sua immagine di affascinante uomo non bello. Esaltava la magrezza con la scelta di abiti neri, ad esempio… il che, pare, abbia irretito addirittura le sorelle di Napoleone Bonaparte. La componente divistica, insomma, non mancò nella vita di Paganini, soprattutto prima che le sue multiple patologie si aggravassero.

E, a proposito di misteri e dubbi tra verità e dicerie, Paganini non negò mai di aver stretto un patto col diavolo per essere a tal punto un valido violinista.

Naturalmente, ciò significa, leggendo con profondità la sua dichiarazione, che Paganini fece delle sue sofferenze un’occasione di grandezza. La sofferenza, la sindrome osseo-connettiva, la sifilide e la tubercolosi, furono sì tormenti, ma probabilmente, anche alla base della sua riuscita violinistica. Da un lato, perché ogni dolore è fonte di ispirazione. Dall’altro, perché la sindrome di Manfren da cui era affetto gli consentì sempre di assumere posture corporee d’eccezione, degne dei migliori yogi…. (e non certo dei violinisti comuni, soprattutto all’epoca!). Oltre a possedere dita lunghissime (poteva infatti avvolgere il mignolo attorno al pollice, Paganini muoveva in maniera iperflessa l’intero suo corpo mentre suonava. Il tutto, oltre a consentirgli di giungere dove nessun altro violinista si era mai spinto con il suono, affascinava visivamente ogni spettatore ai suoi concerti.

Nel giorno successivo alla sua morte, le mani di Paganini, prima che egli venisse imbalsamato (per imposizione ufficiale, volta ad evitare che si facesse uso improprio ed idolatrante delle sue spoglie), furono “fotografate” in un calco di gesso che consentì agli studiosi di confermare assai facilmente la sindrome connettiva e scheletrica.

Il patto col diavolo è insomma da leggersi come l’accettazione della malattia… nel bene e nel male: estrema elasticità e flessibilità degli arti per suonare, ma anche immenso dolore e sofferenza, a partire da anni non verdi.

Come molte persone ipersensibili, Paganini sviluppò una certa ipocondria, nonché la tendenza a seguire dei rituali di autocura specifici: purghe frequenti, salassi tramite sanguisughe e ricorso probabilmente eccessivo e tossico al mercurio.

Perché Paganini non ripeteva

Naturalmente, sappiamo che Paganini è spesso associato, nell’immaginario collettivo, ad una personalità forte, divistica e… di brutto carattere.

E spesso, a sostegno di questo ritratto, si cita la notissima vicenda del concerto alla presenza del Carlo Felice di Savoia. Quest’ultimo aveva mandato a chiedere un bis. Ma Paganini, che in realtà era solitissimo improvvisare seduta stante, non avrebbe mai potuto ripetere alla stessa identica maniera. Dunque rifiutò.

Come conseguenza, le successive due serate previste in programma furono perentoriamente annullate.

Si trattò, insomma, di un ovvio inconveniente…tecnico-mnemonico, che oggi potremmo serenamente comprendere, ad esempio, da parte di un musicista jazz…

Paganini fu un classico, romantico innovatore, che compose tantissime opere fino all’anno della sua morte, il 1840.

L’Aneddoto con Rolla

Una delle doti più invidiabili, soprattutto per te che suoni il violino a Palermo e prendi lezioni impegnandoti al massimo per decifrare gli spartiti inediti, era la capacità di lettura a prima vista di qualsiasi tipo di partitura.

Paganini non passava attraverso la fase iniziale e tentennante di “lettura”, la scoperta di un brano, prima di riuscire ad eseguirlo interpretando correttamente le indicazioni dell’autore. Paganini, a quindici anni, eseguì a prima vista un Concerto scritto da Rolla, per di più con lo spartito capovolto!!

Di questa dote si vantava, anche troppo, ed esagerava anche nel ricorso a tutte le sue capacità. Estremo nelle iniziative, esagerate, di certo visse al momento giusto: l’Ottocento. In epoca del tutto classica ed anche Barocca sarebbe stato ignorato ed allontanato dagli ambienti musicali.

Ed invece, a Paganini, al suo tempo, fu concesso tutto: anche di eseguire dei brani dopo aver volutamente rotto ed eliminato una o due corde dal violino, per impressionare alcuni (e soprattutto alcune) fan.

Il violino che egli ricevette in dono da Giuseppe Guarneri del Gesù a Cremona nel 1743 fu battezzato dallo stesso Paganini “il cannone”, proprio in virtu’ della sua potenza sonora. Paganini si impegnò, nel ricevere il regalo, a non lasciare mai che altri lo suonassero.

Le domande più frequenti:

💰 Quanto si paga per assistere a una lezione privata di violino a Palermo?

A Palermo, il prezzo medio di un corso privato di violino è di 20 e può variare per tre motivi.

  • L'esperienza e la formazione del/della maestro/a.
  • Il luogo delle lezioni: si faranno a domicilio dell'alunno/a, a casa dell'insegnante, via webcam o altrove?
  • La frequenza e la durata dei corsi.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e docenti di violino offre la prima lezione

 

Scopri il prezzo dei/delle insegnanti di violino vicino a casa tua facendo una semplice ricerca su Superprof.

✒️Su Superprof, qual è il voto medio attribuito ai/alle nostri/e insegnanti di violino a Palermo?

Il voto ricevuto dai/dalle prof di violino a Palermo è di 5,0 su cinque. In totale, i/le nostri/e prof hanno ricevuto  5 commenti da parte degli/delle utenti della piattaforma.

 

Dietro Superprof c'è un'équipe disponibile durante la settimana per risolvere qualsiasi dubbio. Puoi contattarci per telefono o per e-mail, oppure consultare questa sezione dove rispondiamo alle domande più frequenti.

💻 Se trovo un/una prof di violino che che è perfetto/a per quello che cerco ma nessuno di noi può spostarsi, possiamo fare le lezioni a distanza?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni online sono più economiche rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

Le lezioni di violino online sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare da casa.

🎻Perché entrare in contatto con un/una professore/essa di violino a Palermo può essere una buona idea?

La violino è uno degli strumenti più amati. Se sogni di poter suonare il tuo brano di musica classica del cuore su un palco, o se sei ipnotizzato/a dalla grazia di questo strumento, un corso di violino è quel che fa per te!

 

Questo strumento offre diversi vantaggi rispetto ad altri. Per iniziare, è uno strumento economico, se lo paragoniamo ad esempio a un pianoforte, e si può facilmente trovare un buon modello per meno di 200 euro.

 

Secondariamente, il violino è molto facile da trasportare, a differenza del contrabbasso! Puoi portarlo dappertutto, per strada, in vacanza, alle serate con gli amici, e in qualsiasi momento puoi improvvisare un piccolo concerto quando ti senti ispirato/a.

 

Terzo, per l'unicità del suono. Il violino non è lo strumento più facile da suonare, e richiede una certa conoscenza del solfeggio, ma ha un suono unico che da secoli affascina gli appassionati di musica. Con un po' di regolarità, in poche settimane sarai capace di eseguire i brani più semplici. Inoltre, il violino non è solo adatto alla musica classica: puoi avanzare anche imparando poco a poco brani pop di gruppi che ti piacciono. Su internet potrai trovare moltissimo materiale: spartiti, video e consigli per perfezionarti.

 

Quarto, suonare il violino ti aiuta a favorire la tua creatività e concentrazione, riduce lo stress e aumenta la la tua autostima. La immaginazione è una qualità molto importante nella vita personale e lavorativa; stimolare questa parte del cervello ti aiuterà infatti a trovare nuove soluzioni ai problemi quotidiani.

 

Cosa aspetti a diventare il/la violinista più famoso/a della nostra epoca?

⏰ Quanti/e insegnanti sono disposti/e a impartire lezioni private di violino a Palermo?

Puoi scegliere tra i/le 18 docenti di violino iscritti/e alla piattaforma a Palermo e dintorni.

 

Si desideri trovare un maestro/a che corrisponde alle tue esigenze, non esitare a confrontare gli annunci dei/delle maestri/e di violino di Palermo ed entra in contatto con quello/a che più attira la tua attenzione.

 

I criteri che ti possono guidare per selezionare un/un'insegnante privato/a di violino sono:

  • Il prezzo. Ricordati di controllare con precisione le tariffe e verificare se vengono proposte formule speciali per un pacchetto di lezioni, o per i corsi in piccoli gruppi.
  • Il luogo. Dove si svolgeranno le lezioni? L'insegnante deve spostarsi o sei tu a doverti muovere?
  • L'esperienza dell'insegnante. Sia come professore/essa di violino, sia come violinista.
  • I commenti degli/delle ex alunni/e.

Seguendo questi criteri, trovare il/la tua/a insegnante ideale sarà semplicissimo!