La cucina è un’arte che, per non imbastardirsi, ha bisogno di un briciolo di fantasia, di follia

Yves Courrière

Gli studenti sono, tra gli attori della cucina, quelli più limitati. Ovvio: manca loro il tempo, mancano loro gli strumenti, vivono in piccoli appartamenti, mal forniti, … altrettanti elementi che impediscono di cucinare come si deve. A meno che … non ci si ingegni, trovando ricette semplici, ricette facili, da preparare in quattro e quattr’otto!

Tra peperoni, lasagne, spaghetti, spinaci, omelette, frittate o ancora lenticchie, tutto è possibile, a patto di avere idee per le ricette e desiderio di sfruttarle. Secondo diverse indagini, gli studenti valuterebbero la propria capacità di cucinare ad un livello di 3,25/5.

Questa constatazione non deve allarmare, anzi: mostra semplicemente che gli studenti avrebbero il desiderio di cucinare; solamente, non hanno mezzi e tempo a disposizione, altrimenti …

Certo, tra una lezione e l’altra, prima di un esame, è difficile trovare il desiderio e il tempo di cucinare, ma non impossibile.

Ma quali sono le ricette più facili da preparare quando si è studenti? Nessun bisogno di vincere la Prova del Cuoco: basta leggere qui sotto!

Chiara
Chiara
Insegnante di Cucina
25€/h
Prima lezione offerta!
Laura
Laura
Insegnante di Cucina
18€/h
Prima lezione offerta!
Salvatore
Salvatore
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (6) 20€/h
Prima lezione offerta!
Francesca
Francesca
Insegnante di Cucina
20€/h
Prima lezione offerta!
Maria luisa
Maria luisa
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (3) 8€/h
Prima lezione offerta!
Alessandro
Alessandro
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (3) 25€/h
Prima lezione offerta!
Houda
Houda
Insegnante di Cucina
10€/h
Prima lezione offerta!
Simone
Simone
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (1) 20€/h
Prima lezione offerta!

Il toast di avocado, un classico della cucina rapida degli studenti

Il vantaggio di questo piatto è quello di non dover essere cucinato e di necessitare di soli 10 minuti di preparazione. Inoltre, l’avocado è un frutto molto di tendenza oggi: lo si trova in molti bar in, nei centro città, durante gli aperi-cena e viene proposto sempre più spesso, nonostante non sia proprio un cibo eco compatibile!

Per chi riesce a passare al di sopra dell’aspetto poco etico di un cibo non a km zero, ecco la ricetta, che potrà poi essere completata, a piacere, con fette di rapanello, un uovo sodo o, ancora, del cipollotto o del formaggio feta. Per 4 toast di avocado, avrai bisogno di:

  • 2 avocado,
  • 4 fette di pane morbido (quello per toast, per l’appunto),
  • Olio d’oliva extravergine,
  • Succo di limone.

Mai pensato di seguire un corso di cucina?

Un ingrediente tropicale in un piatto tipicamente occidentale: il panino.

Frantuma finemente l’avocado o taglialo in sottili fettine (a seconda dei tuoi gusti e delle tue preferenze) e ponilo su di una fetta di pane. Cospargi di olio d’oliva e del succo di un limone; se preferisci aggiungi del sale. Ecco un vero pasto consistente, senza mancare di essere un vero toccasana per la salute, pronto in solo pochi minuti.

Mai pensato di seguire corsi di cucina milano?

Un prestito dalla cucina francese: il croque-monsieur, ma in padella

Cucinare è un’attività che richiede di essere creativi ed immaginativi proprio come il disegno, la scultura su legno o la musica

Julia Child

Il croque-monsieur: un nome altisonante per … un toast. Insomma, chiamalo come vuoi, alla parigina o all’italiana, poco importa: si tratta di un piatto rapido da preparare e sufficientemente gustoso per variare in modo soddisfacente la dieta dello studente, di tanto in tanto.

Lo si può mangiare cucinato al forno o in padella: nella versione in padella, si guadagna molto più tempo, in quanto non è necessario attendere che il forno si riscaldi; in soli due minuti, a fuoco vivo, la padella è già calda e pronta per cucinare il croque-monsieur!

Ecco quello che serve, per prepararne due (nel caso dovessi avere tanta fame o invitare qualcuno a pranzo da te). Procurati, prima di tutto, 4 fette di pan carré: sulla dimensione e la forma, la scelta ricade completamente su di te; puoi optare per la fetta quadrata o per quella rettangolare, per quella più piccola o per quella più grande. Ti serviranno poi dalle due alle quattro fette di prosciutto e una bella mozzarella, possibilmente di bufala, che taglierai a fette di circa un cm di spessore.

Mai pensato di seguire corsi di cucina roma?

Su di una fetta di pane, disponi una fetta di prosciutto, una fetta di mozzarella e un’altra di prosciutto; richiudi il tutto con una seconda fetta di pane. Ripeti la stessa operazione per l’altro panino e scalda in padella per un paio di minuti per lato.

I tempi di cottura possono variare a seconda dei gusti, così come, a seconda dei gusti, è possibile sostituire la mozzarella con un altro tipo di formaggio. I francesi, ad onor del vero, vi spolverano sopra del formaggio grattugiato … De gustibus …

Le mug cake marbré, la gourmandise en trois minutes

Conosci il mug cake? Arriva direttamente dagli Stati Uniti ed è una ricetta che ti consente di realizzare un dolce in meno di 5 minuti, grazie ad un forno a microonde. In pratica, grazie a questa tecnica, puoi realizzare qualsiasi tipo di dolce. Qui di seguito, ti proponiamo una ricetta per un dolce cioccolato vaniglia. Le dosi sono per una persona; regolati a seconda del numero di invitati:

  • 5 cucchiai di farina
  • Un cucchiaio di cacao amaro
  • 2 cucchiai di polvere di noccioline
  • 30 grammi di burro,
  • 2 cucchiai di latte
  • 3 cucchiai di zucchero
  • Un uovo
  • Mezzo cucchiaino di lievito.

Ecco come realizzare il dolce: fai fondere il burro in microonde per 30 secondi. Poi, aggiungi tutti gli ingredienti rimanenti, ad eccezione del cacao e mescola bene, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Separa la pasta così ottenuta in due parti e aggiungi il cacao solamente nel secondo.

Colloca i due impasti nella tazza in modo alternato, così da creare un effetto “marmo”. Fai cuocere al microonde per un minuto e mezzo e il tuo piatto è pronto!

Chiara
Chiara
Insegnante di Cucina
25€/h
Prima lezione offerta!
Laura
Laura
Insegnante di Cucina
18€/h
Prima lezione offerta!
Salvatore
Salvatore
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (6) 20€/h
Prima lezione offerta!
Francesca
Francesca
Insegnante di Cucina
20€/h
Prima lezione offerta!
Maria luisa
Maria luisa
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (3) 8€/h
Prima lezione offerta!
Alessandro
Alessandro
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (3) 25€/h
Prima lezione offerta!
Houda
Houda
Insegnante di Cucina
10€/h
Prima lezione offerta!
Simone
Simone
Insegnante di Cucina
5.00 5.00 (1) 20€/h
Prima lezione offerta!

Insalata di arance e finocchio: ecco come mangiare sano e leggero in poco tempo

Qualsiasi studente, anche alle prime armi in cucina, sarà in grado di realizzare questo piatto a casa, da solo. E in pochissimo tempo, per giunta.

L'arancia e il finocchio raggiungono il top della bontà in pieno inverno.
Basta poco: un finocchio e un'arancia e la cena è pronta!

Quello che ti serve sono dei finocchi (per una persona potrebbero bastarne uno o due, a seconda delle dimensioni e a seconda della fame dello studente in questione!) e qualche arancia. Chi non ha problemi a digerire la cipolla, ve ne potrà aggiungere una: non farà che rendere ancora più gustosa la ricetta.

Su di un tagliere, con un grosso coltello da cucina, taglia il finocchio a pezzi di dimensioni variabili, secondo i tuoi gusti. Sbuccia poi le arance, avendo cura di levare le parti bianche che si trovano all’interno, in quanto sono di difficile digestione. Separa gli spicchi uno a uno e, nel caso di arance particolarmente grosse, provvedi a tagliare in due ogni spicchio.

Metti i pezzi di finocchio e gli spicchi di arancia in una terrina: ora non devi fare altro che condire, con olio, sale, pepe e zenzero. Mescola e lascia riposare qualche minuto, in modo che il condimento si distribuisca ovunque.

Questo piatto estremamente semplice si prepara di preferenza durante i mesi più freddi (il finocchio è una stagione invernale), nonostante sia un piatto freddo.

Riesce a sfamare parecchio, senza appesantire la digestione: l’ideale per chi debba, poi, mettersi a studiare!

Chi fosse alla ricerca di apporti proteici, potrà aggiungervi gherigli di noce e mandorle: successo garantito!

Le quinoa au roquefort, un vrai plat prêt en 15 minutes

Ecco un piatto molto goloso, da realizzare in pochissimi minuti, grazie al potere assorbente della quinoa. Per due persone, avrai bisogno di:

  • Un bicchiere e mezzo di quinoa
  • Un pezzo di gorgonzola
  • 25 cl di panna (di latte o di soia, a tuo gusto)
  • Una decina di gherigli di noce.

 

Fai cucinare la quinoa in tre bicchieri d’acqua e poi lasciala riposare per 5 minuti, in modo che assorba tutta l’acqua. Dopo di che non ti resterà che aggiungere tutti gli ingredienti e mescolare, prima di sederti a tavola a mangiare.

La frittata

L'uovo è un ingrediente naturale, sano e ricco di proteine; si adatta ai piccoli e ai grandi.
Quanti impieghi conosci dell'uovo in cucina?

I cugini transalpini propongono crepes in tutte le salse, dolci e salate e a tutte le ore. Ma del resto, non c’è bisogno di prendere spunto dai francesi: basta farsi un uovo!

Cosa c’è di più semplice e rapido che cucinare un uovo? Cosa c’è di più proteico di un uovo?

Si parte dal mattino, con l’uovo sbattuto con lo zucchero e l’eventuale aggiunta di un goccio di caffè, se non riuscissi a svegliarti.

Si può continuare con l’uovo cucinato, che si adatta tanto al pranzo, quanto alla cena.

E le varianti sono veramente tante: dall’uovo alla coq, all’uovo all’occhio di bue, per arrivare, finalmente, alla intramontabile frittata.

E qui le varianti si sprecano. Chi prepara l’impasto solo con un goccio di latte, chi vi aggiunge della farina, chi preferisce inserire dei pezzetti di formaggio, che poi andranno a fondere assieme e a regalare alla frittata una consistenza unica.

Assicurati che le uova siano fresche e …buon appetito.

E poi ... la pasta, intramontabile!

Certo, qualsiasi studente italiano sa cucinare la pasta, anche se non lo ha mai fatto prima: è iscritto nei nostri geni oramai, sicuramente.

Dando quindi per scontato che si sappia già quanto sale mettere nell'acqua, che la pasta si butta solo una volta che l'acqua sia bollente e che la pasta (gli spaghetti in particolar modo) va mescolata di tanto in tanto, vediamo quali sono i sughi più rapidi da preparare.

Al primo posto, vi è l'olio e parmigiano. Non è un vero e proprio sugo, certo, ma quanto è veloce e quanto è buono non si può descrivere. Inoltre, consente di non sporcare pentole per il sugo e di conseguenza consente di velocizzare anche i tempi del dopo pranzo o dopo cena. E non è poco!

Al secondo posto, vi è la pasta con il tonno. Anche in questo caso, si massimizza la velocità e si minimizza l'utilizzo di pentole. Una volta scolata la pasta, la si rimette nella pentola, si aprono una o due scatolette di tonno (o di sgombro), si mescola e ci si siede a tavola.

Per quanto possa sembrare strano, vi sono studenti e non, prevalentemente stranieri, che non saprebbero come fare per cucinare un piatto di pasta.
Semplice come prepare un piatto di pasta con il pomodoro!

Per i più audaci, si può passare alla pasta con il pomodoro, nella doppia versione di salsa di pomodoro acquistata in lattine, bottiglie o vasetti (orrrore!) e in quella di: "taglio i pomodori e li passo in padella, con sale e pepe e poi vi condisco la pasta".

A proposito, esistono anche i vasetti di sugo già preparato: da quello all'amatriciana a quello al nero di seppia, ti puoi sbizzarrire, se non hai tempo, né voglia di cucinare!

 

Bisogno di un insegnante di Cucina?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura