Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quali studi intraprendere per diventare coach sportivo?

Di Catia, pubblicato il 08/01/2018 Blog > Sport > Personal Trainer > Come si Diventa Personal Trainer?

Hai sempre sognato di lavorare in ambito sportivo e miri a diventare un personal trainer?

Conosci il percorso formativo da seguire e i titoli di studio che ti permettono di diventare un coach sportivo?

Non attendere oltre, diamo subito una risposta alle tue domande.

Definire le tue priorità per diventare un personal trainer

Essere un personal trainer significa dare dei corsi di fitness, aerobica, rafforzamento muscolare ecc.

Se il tuo sogno è fare il personal trainer devi avere un'ottima preparazione atletica e teorica sullo sport e l'alimentazione. Diventa un esperto di personal training!

Significa anche essere un esperto in nutrizione per dare dei consigli nutrizionali adeguati ai propri allievi. Con un profilo completo è più facile trovare dei clienti per i propri corsi di sport.

Dare lezioni

Prima di diventare un personal trainer, devi sapere che ci sono 3 modi per poter dare lezioni: in palestra, in un club o un centro dimagrante, a domicilio o in azienda.

Per dare corsi di personal training a domicilio presso un privato è necessario avere abbastanza spazio per far fare al tuo allievi tutti i movimenti che servono per raggiungere gli obiettivi.

In caso contrario, perché non optare per un’attività all’aria aperta? Un parco, una piscina municipale, un lago ecc.

Per i corsi di sport in azienda, ci sono diverse imprese che offrono delle attività ai loro dipendenti, in genere durante la pausa pranzo.

Spesso in questo tipo di servizi c’è un grande turn-over, quindi ci sono molte possibilità di trovare un posto vacante.

Per i corsi in palestra o nei centri dimagranti, basta fare domanda ma c’è una concorrenza maggiore e i posti sono limitati.

Puoi anche cercare delle associazioni sportive che hanno sempre bisogno di professionisti per rendere i loro corsi più dinamici.

Rendere pubblica la tua missione

Per lavorare come personal trainer online e avere più allievi devi mettere in chiaro cosa offri come attività sportiva, precisare le tue specialità, e quindi dichiarare apertamente la tua mission per rassicurare i tuoi futuri allievi.

A seconda della formazione che hai scelto e delle tue inclinazioni personali, potresti offrire i tuoi servizi di personal training a degli atleti di alto livello o a sportivi doc, oppure potresti specializzarti nell’allenamento a casa o in palestra delle persone con ridotta mobilità.

Qualunque ambito tu scelga, devi:

  • Definire i tuoi obiettivi e i mezzi per raggiungerli con ogni cliente;
  • Avere un sito internet o un blog per far vedere le tue prestazioni e presentare il tuo percorso di personal training;
  • Riservare dei momenti per il relax in ogni lezione con esercizi di rilassamento e stretching;
  • Verificare costantemente la progressione dello sforzo perché sia ragionevole e regolare;
  • Farti un’assicurazione come personal trainer;
  • Mettere in chiaro le tue tariffe: è importante che la tariffa venga fissata in base al numero degli studenti.

Non dimenticare di offrire la tua prima ora di coaching gratuitamente in modo che lo studente possa farsi un’idea precisa delle tue prestazioni.

La formazione i titoli di studio per diventare personal trainer

Prima di offrire i tuoi servizi e di avere degli allievi devi avere delle qualifiche, una laurea e/o un diploma in ambito sportivo riconosciuto ufficialmente.

Per accedere alla professione di personal trainer ci sono diverse strade.

Un buon personal trainer sa come far lavorare i muscoli correttamente. Ti serve una formazione solida per diventare personal trainer!

I tuoi futuri allievi hanno bisogno di conoscere le tue qualità di personal trainer, le tue conoscenze e le tue competenze perché ne va della loro salute. Dal canto tuo, avere una solida base ti darà più credibilità.

Una formazione in scienze dello sport è già un buon punto di partenza, ma è solo l’inizio, visto che il personal training richiede una certa polivalenza nei tuoi saperi e nelle tue competenze.

Nel corso della tua carriera avrai sicuramente bisogno di seguire corsi di formazione complementari per tenerti al passo sui nuovi metodi di coaching sportivo.

La formazione universitaria

La facoltà più adatta a chi si vuole occupare di personal training è quella di Scienze motorie e sportive.

I corsi che ti danno una formazione specifica nel coaching sportivo sono però aperti anche ad altre figure:

  • chi viene da altre facoltà (biotecnologie, biologia, medicina, ingegneria biomedica ecc.)
  • chi ha un diploma ISEF, Istituto Superiore di Educazione Fisica Statale
  • massaggiatori e osteopati

I vecchi diplomi ISEF, sono infatti equiparati alla laurea in scienze motorie e sportive.

Il solo diploma universitario da solo non basta per diventare personal trainer. La laurea è infatti un primo passo che ti dà delle solide basi in fatto di salute e alimentazione e quella fondamentale conoscenza del corpo umano che è alla base del coaching sportivo.

Dopo l’università e titoli equiparati, dovrai frequentare una delle tante Scuole di Personal Training con cui imparare  non solo le conoscenze teoriche, ma anche quelle pratiche del mestiere.

I corsi di specializzazione per Personal Trainer

In Italia ci sono diverse scuole che offrono dei corsi per chi vuole ottenere un titolo come personal trainer.

Nello scegliere la tua scuola, dà la priorità a quelle riconosciute dal CONI e dal Miur così avrai più possibilità di trovare clienti ed essere assunto dalle strutture sportive.

Ecco alcune scuole di specializzazione post-laurea per diventare personal trainer:

  •  Scuola Nazionale Personal Trainer: è una scuola riconosciuta dal CONI e dal Ministero dell’Interno, nata nel 2009 per formare i professionisti dell’allenamento. Il percorso di formazione dà agli aspiranti personal trainer le competenze scientifiche e deontologiche per svolgere al meglio il proprio lavoro.
  • Federazione Italiana di Fitness: i corsi della FIF sono riconosciuti dal CONI e si rivolgono a istruttori e laureati in scienze motorie. Il Corso per Personal Trainer è molto pratico e insegna gli esercizi più adatti alle diverse parti del corpo e a diverse categorie di persone (atleti, donne in gravidanza, anziani ecc.). Il diploma si ottiene superando un esame che include domande su comunicazione, posturologia, nutrizione…
  • Accademia Italiana Personal Trainer: i corsi per personal trainer dell’AIPT sono riconosciuti in Italia e all’estero. I corsi sono suddivisi in 3 livelli, dal livello base per chi è all’inizio della carriera, al livello avanzato per personal trainer professionisti che intendono specializzarsi.

Ci sono molti altri corsi per personal trainer in tutta Italia. Alcuni sono aperti a tutti e puoi frequentare anche se non hai la laurea. Altri invece, sono riservati ai laureati o istruttori. In genere, hanno tutti un costo di circa 600€.

Tieni a mente che un titolo di studi adatto ti permette di massimizzare la tua tariffa per il personal training!

Si può diventare personal trainer senza diplomi?

Non hai una laurea o un diploma in ambito sportivo e vuoi comunque diventare personal trainer?

E’ davvero possibile?

Incontrerai maggiori difficoltà rispetto a un personal trainer laureato?

E’ assolutamente possibile diventare coach sportivo senza diplomi, soprattutto se vuoi esercitare in proprio. La legge non inquadra questo mestiere in un modo preciso.

Non è richiesta una laurea per diventare personal trainer. Ma come sono visti i coach sportivi senza diplomi?

Il personal trainer ti aiuta a raggiungere i tuoi obiettivi in tutta sicurezza. Un personal trainer si adatta a si suoi clienti e prepara esercizi in tutta sicurezza!

Niente t’impedisce di fare della tua passione per lo sport il tuo mestiere, ma devi essere cosciente dei freni e dei rischi che avrai di fronte:

  • Potresti avere più difficoltà a trovare dei clienti
  • Confrontandoti con personal trainer esperto e diplomato, potresti essere costretto ad abbassare le tue tariffe per lavorare
  • I clienti ti chiederanno più garanzie sulle tue competenze

Basandoci sulle tariffe applicate dai personal trainer su Superprof, il prezzo medio di un’ora di coaching sportivo è di 21€. Tuttavia, si tratta di una media! Tra i coach sportivi ci possono essere degli scarti molto importanti, visto che il prezzo orario varia da 10€ a 60€ l’ora.

La differenza nelle tariffe è in parte legata alla posizione geografica e al tipo di corso offerto. L’esperienza e i titoli del personal trainer influiscono in un modo determinante sui prezzi applicati.

4 qualità indispensabili per diventare un buon personal trainer

Al di là delle attitudini sportive e dei titoli, per diventare coach è importante avere alcune qualità. Non basta avere delle conoscenze legate alla pratica sportiva. Dovrai essere in grado di trasmetterle e organizzare delle sedute di allenamento che tengano alta la motivazione dei tuoi clienti.

1. Essere empatico

Un personal trainer deve essere in grado di ascoltare. Non basta sentire ciò che i clienti hanno da dire, ma bisogna anche capire le loro ragioni, il loro stato d’animo, le loro emozioni, le loro difficoltà. E’ solo così che potrai dare loro l’accompagnamento necessario per rispondere alle loro aspettative. Per farla semplice, cerca di metterti nei panni dei tuoi allievi.

2. Essere sorridente

Fare sport è un piacere per molte persone, ma è anche molto difficile. Chi richiede un personal trainer ha bisogno di essere sostenuto e incoraggiato per poter raggiungere i propri obiettivi. Un coach sorridente sarà in grado di mettere il cliente a proprio agio malgrado le difficoltà e i dolori legati all’allenamento. Sei felice di esserci per il tuo allievo e lo fai vedere!

tra le qualità di un personal trainer c'è quella di sapersi mettere nei panni del proprio allievo. Un personal trainer si adatta al ritmo del suo allievo e non vice-versa!

3. Essere tollerante

Ti capiterà di assistere delle persone che hanno una condizione fisica ben peggiore della tua. Un personal trainer non giudica lo stile di vita dei propri clienti. Non li critica. Li aiuta a migliorare. Se il tuo cliente ha chiesto i tuoi servizi è perché vuole mettersi sulla strada giusta. Incoraggialo!

4. Essere positivo

C’è sempre un aspetto dei tuoi clienti che puoi valorizzare. Un discorso positivo è in grado di tirarci su mentre un’osservazione negativa può demotivarci. Impara a trovare le parole giuste. E’ meglio non dire “Non hai raggiunto i tuoi obiettivi” quanto “C’eri quasi, la prossima sarà la volta buona!”

Il personal training è una professione difficile che richiede molto investimento personale, passione per quello che si fa e una grande dote per le relazioni umane e la psicologia dello sport.

Per poter svolgere la meglio questa professione hai bisogno di:

  • una buona condizione fisica
  • una solida formazione come personal trianer
  • ottime capacità di comunicazione

Un buon personal trainer è un ottimo pedagogo aperto agli altri e all’innovazione.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar