Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quali titoli occorre possedere per lavorare nel campo del personal training?

Blog > Sport > Personal Trainer > Quale Formazione Serve per Diventare Personal Trainer?

Corso di formazione, diploma ISEF, brevetto, laurea… sono davvero molti i titoli di studio e diplomi professionali necessari per poter insegnare le diverse e innumerevoli discipline sportive amate nel nostro Paese.

Ma questi titoli di studio e questi corsi di formazione sono davvero sufficienti per poter diventare un buon allenatore, un personal trainer online o un istruttore sportivo a domicilio? I percorsi formativi sopracitati costituiscono davvero l’unico sistema per poter entrare nel mondo del lavoro in modo concorrenziale e con delle buone basi?

La disciplina del personal training è una pratica relativamente nuova nel panorama sportivo italiano: si tratta infatti di un’ambito del fitness e della salute ancora da esplorare e in merito alla quale vengono diffuse molte informazioni discordanti se non addirittura fuorvianti! Forse ti chiederai se questa nuova e interessante disciplina sportiva venga trattata nell’ambito di un corso di laurea specifico, o se esista per caso l’obbligo di seguire un percorso di formazione riconosciuto dal Ministero per potersi occupare di perdita di peso, di esercizi dedicati al rafforzamento muscolare o a corsi di fitness per i tuoi clienti. La domanda più importante è certamente questa, in ultima analisi: si può comunque offrire questo genere di servizi senza alcun tipo di titolo di studio?

Come si può diventare personal trainer? Come si può diventare personal trainer?

Sicuramente anche tu ti starai ponendo queste stesso domande sulla disciplina del personal training, magari perché sei interessato ad approfondire la conoscenza di questo nuovo ambito del fitness o magari perché ti interessa espandere il tuo raggio di azione all’interno del settore sportivo. Seguici allora, e proviamo a trovare insieme le risposte che ti servono per affrontare una nuova sfida, tenendo conto dei numerosi profili di personal trainer che puoi trovare sul nostro portale, Superprof.

Chi è un personal trainer?

Se ci pensi bene, sino a qualche decennio fa non avremmo certamente pensato di poterci rivolgere a un personal trainer a domicilio, disponibile a raggiungerci a casa per darci lezione e per fornirci i suoi consigli per stare in forma e per migliorare le nostre prestazioni fisiche! E invece ora non solo questa possibilità si è finalmente avverata, ma ha anche iniziato a diventare semptre più diffusa, anche grazie al mondo degli annunci online!

Forse un tempo non ci saremmo mai rivolti a una figura professionale il cui compito consistesse nel farci praticare ginnastica in casa. Il mondo del fitness per come lo intendiamo oggi è quell’insieme di discipline e di pratiche base pensate per tutte quelle persone che desiderino rimettersi in forma e migliorare le proprie condizioni fisiche, ispirati a quell’idea antica ma sempre attuale riassunta nel motto latino “mens sana in corpore sano”, “mente sana in un corpo sano”!

Tutte le discipline fisiche che ricadono sotto la definizione a ombrello di “fitness” esistono già da molti anni, anche se spesso molte di queste pratiche venissero praticate dalle persone in totale autonomia, quasi fossero pratiche da sperimentare in solitaria. Lo sportivo volenteroso e motivato poteva avere direttamente a che fare con le attrezzature sportive presenti nelle palestre oppure a casa, stabilendo in autonomia i propri obiettivi, magari basandosi sui suggerimenti iniziali forniti dall’istruttore di sala.

Al limite, nei casi più fortunati e felici, in palestra ci si poteva imbattere nei consigli preziosi di un fitness coach, presente in sala ed esperto, in possesso di quegli strumenti teorici necessari per poterti fornire i consigli giusti, corretti e soprattutto non dannosi per la tua salute! Va però sottolineato che una simile figura professionale non era purtroppo presente in tutti i club e le palestre, pertanto solo il caso e la fortuna avrebbero potuto metterti un buon coach sulla tua strada verso il benessere fisico e la forma smagliante!

Negli ultimi anni chi vuole allenarsi a casa contatta un personal trainer. Ben Stiller in Dodgeball è l’esilarante caricatura di un personal trainer!

Quando, nel corso degli ultimi decenni, molte persone hanno cominciato a manifestare una certa stanchezza e disamoramento nei confronti  dell’ambiente “collettivo” e “tutto muscoli” delle palestre, la professione di personal trainer a domicilio si è via via fatta strada, aprendo le porte del fitness a moltissime persone demotivate e poco adatte al contesto -spesso inutilmente competitivo e giudicante – delle palestre!

Si sa bene infatti che il contesto medio delle palestre, specialmente in passato e in particolar modo nel mondo maschile, sia stata la fucina di una certa competizione e di un certo modo di intendere il corpo, non necessariamente ispirato al benessere e all’armonia fisica, bensì a una visione ispirata all’ostentazione dei muscoli.

Il fenomeno del personal training a domicilio è comparso per la prima volta negli Stati Uniti, un paese dove convivono, in modo schizofrenico e dissonante, sia il culto ossessivo per la forma fisica che il grave problema dell’obesità, una patologia che colpisce 1/3 della popolazione, considerata un vero e proprio allarme nazionale, fonte di numerosissimi problemi di salute. Capirai quindi l’incredibile contraddizione che caratterizza gli USA quando si tratta di affrontare il tema della salute e del benessere!

Ma, volendo addentrarci un pò più in profondità nel mondo del personal training, proviamo a porci una domanda essenziale per comprenderne gli elementi principali: qual’è lo scopo di questa disciplina nuova e innovativa?

La risposta è davvero molto semplice: riprodurre, con l’aiuto di un professionista dello sport, a casa propria o all’aria aperta, tutti gli esercizi che si possono eseguire in una palestra attrezzata. Il tutto però senza essere disturbati dagli altri praticanti e potendo avere la totale attenzione del coach, il cui compito consiste nell’occuparsi esclusivamente di te! Niente male, vero? Scommettiamo che ti è già venuta voglia di provare!

Un personal trainer può anche seguire lezioni di gruppo. Un personal trainer può anche seguire lezioni di gruppo.

Un aspetto da non sottovalutare è certamente quello legato alla dimensione relazionale che si attua quando il personal trainer si sposta e si reca a casa di una/un cliente, assumendo un ruolo sicuramente più ampio e significativo del semplice istruttore sportivo. Cosa intendiamo, nello specifico?  Certamente l’aspetto sportivo e fisico non costituisce la parte più importante del lavoro di un buon coach privato, il quale, oltre ad occuparsi dei suoi clienti sul piano della forma fisica e del benessere generale, deve sapersi fare carico anche della dimensione emotiva delle persone con cui lavora.

Questo è un aspetto davvero importante che devi assolutamente tenere in considerazione. L’insegnante di sport, che un tempo doveva occuparsi unicamente della performance atletica dei suoi allievi, diventa ora anche un coach comportamentale, un esperto capace e sensibile, desideroso di sostenere anche psicologicamente i suoi clienti.  La psicologia è infatti molto più legata al personal training di quanto chiunque di noi potesse immaginare!

Il personal trainer infatti non solo deve confrontarsi con i diversi e complessi disturbi di salute delle persone, come i problemi di obesità, di sovrappeso o di tutte quelle difficoltà fisiche generate dallo stress quotidiano che i clienti possono vivere, ma deve anche saperne curare l’aspetto emozionale attraverso le sue pratiche sportive e i suoi esercizi mirati.

In molti casi il coach personale si può anche trovare di fronte a persone che hanno perso la motivazione nel corso del tempo e per loro diventa quindi essenziale un costante e vigoroso incoraggiamento, l’elemento chiave per poter riconquistare l’entusiasmo e il desiderio di allenarsi per stare meglio con se stessi, e non solo fisicamente. Il personal trainer deve infatti saper lavorare e agire con delle precise leve psicologiche, capaci di stimolare senza forzare il cliente più demotivato.

Sul personal training, quindi, si devono giocare numerose partite, tra le quali le due fondamentali sono senza alcun dubbio quella fisica e quella psicologica: se il trainer personale saprà prendersi cura in modo adeguato di questi due aspetti il cliente tornerà a star meglio, sia sul piano corporeo che su quello emotivo! Come ci insegnano tutte le discipline orientali, non è possibile occuparsi del benessere di una persona se non si tengono sempre in equilibrio e in armonia gli aspetti interiori con quelli esteriori/corporei.

Un personal trainer ti aiuta a superare i tuoi limiti! Un personal trainer ti aiuta a superare i tuoi limiti!

In tal senso risulta di grandissima importanza la dimensione alimentare: un buon personal trainer deve saper fornire i giusti consigli anche dal punto di vista dell’aspetto nutrizionale, ovviamente senza sostituirsi al dottore curante del suo paziente! E’ infatti questa completezza che lo rende tanto affascinante a un sempre crescente numero di persone desiderose di star bene con se stesse e migliorarsi.

Ed è anche la ragione per la quale un numero sempre crescente di persone sta scegliendo di intraprendere questa interessante professione e a cercare di diventare un eccellente personal trainer!

Ma proviamo ora a capire insieme quali studi deve fare un personal trainer per offrire entrambi gli aspetti ai propri clienti! Se infatti hai deciso di diventare un buon personal trainer devi saper affrontare tante sfide e acquisire un discreto numero di competenze e di nozioni fondamentali!

Come diventare personal trainer senza titoli di studio?

Questa è una domanda con la D maiuscola che molti appassionati di sport italiani si stanno ponendo da moltissimo tempo! Si tratta infatti  di una domanda assolutamente attuale, almeno da quando è nato e si è largamente diffuso il personal training online e in particolar modo l’assistenza a domicilio, l’ultimissima frontiera del wellness assistito!

Ci sono davvero numerose donne e uomini che, dopo aver svolto anni e anni di intensa pratica sportiva, hanno acquisito una buona quantità di conoscenze in materia di attività sportive come, per esempio, il sollevamento pesi, la boxe, il pilates, lo yoga, il cardio training, la bicicletta., etc. Lo stesso si può dire per gli esercizi fisici: allenamento muscolare per addominali, spalle, pettorali, gambe, cosce, dorso, etc.

Esistono molti modi per diventare personal trainer perché la legge ancora non ha inquadrato questa figura professionale. Ancora non esiste una legislazione specifica sullo status di personal trainer!

Molte di queste persone si chiedono con sempre maggiore frequenza: “Come faccio a diventare personal trainer?“. E’ una domanda piuttosto sensata per uno sportivo visto che non c’è niente di meglio che essere pagati per fare quello che si ama e insegnarlo! Ma prima di tuffarsi nel mondo della formazione legata all’allenamento sportivo, l’allenatore personale dovrebbe forse partire acquisendo una solida formazione universitaria? E se si è già in possesso di un diploma di laurea, è forse possibile riuscire a esercitare la professione di trainer senza un brevetto o un corso di formazione professionale?

Rombo di tamburi… suspense… la risposta a tutte queste importanti e imprescindibili domande è…! In effetti non esiste una legge che definisca in modo chiaro e definitivo la figura del personal trainer, anche se una forma di regolamentazione a livello di legislazione regionale cerca di distinguere questa figura da altri lavoratori ed esperti sportivi. Ma bisogna ammettere che il lavoro di questo professionista fa ormai parte del contesto professionale italiano, con un numero sempre crescente di allenatori che si buttano nel mercato del training individuale!

Il portale Superprof lo sa molto bene, e conosce questa realtà da tempo ormai: il nostro sito ospita infatti circa 150 coach, e si tratta di un numero destinato a crescere ancora, data la grande richiesta da parte del mercato.

Tutti questi professionisti di cui non ospitiamo il curriculum professionale e che  ogni giorno si occupano di clienti che vogliono perdere peso, bruciare calorie, avviare un potenziamento muscolare, avere una pancia piatta, iniziarsi al fitness e raggiungere il benessere sono in possesso o di una laurea specifica o comunque di una buona e solida formazione sportiva!

Sebbene sia possibile insegnare senza brevetti professionali, esistono tuttavia numerosi corsi di formazione in Italia che permettono di acquisire o di affinare le proprie competenze sportive e rafforzare in tal modo la propria credibilità professionale: tale credibilità sarà il passpartout per mezzo del quale è possibile farsi largo nel mondo del personal training!

Vi segnaliamo che il CONI, Comitato Olimpico Nazionale Italiano, riconosce alcuni corsi per diventare personal trainer attivati da associazioni sportive. Oltre a questi corsi di formazione specifici, esistono anche alcuni percorsi di formazione che sono trasversali al personal training, ma che sono comunque validi, seri e indubbiamente professionalizzanti.

Un personal trainer potrà anche prepararti per le gare più impegnative. Un personal trainer potrà anche prepararti per le gare più impegnative.

Chi sono i personal trainer certificati?

I titoli di cui parleremo sono parte di una formazione di diversi anni e sono riconosciuti dallo stato. L’obiettivo è quello di formare professionisti dello sport i quali, pur non avendo necessariamente  in progetto di diventare personal trainer, possono comunque svolgere un’attività secondaria come personal trainer a domicilio in modo serio e professionale.

Il percorso che può condurre all’accesso alla professione di personal trainer può risultare molto vario ed eclettico, pertanto può essere utile vedere insieme quali sono i sentieri più utili e che sono stati consigliati da alcune delle figure professionali affermatesi nel mondo delle attività sportive.

Insegnante di Educazione Fisica

Tra le figure professionali legate al mondo dello sport e dell’attività motoria il professore di educazione fisica è senza dubbio quello a noi più familiare! Alle scuole medie e alle scuole superiori abbiamo fatto tutti (o fatto finta di fare!) educazione fisica, con risultati raggiunti e impegno profuso davvero molto diversi tra loro a seconda dei casi! Sicuramente la grande esperienza didattica e pedagogica (ricorda il discorso fatto sull’importanza della relazione e della dimensione emotiva!) pone gli insegnanti di educazione fisica a un buon livello!

Tra i profili di personal trainer presenti sul nostro portale, Superprof, sono infatti molti quelli appartenenti a insegnanti di educazione fisica tuttora lavorano come insegnanti di scuola: questa alta professionalità, legata a un’indubbia esperienza, costituisce certamente un ottimo fattore di credibilità, il quale aiuta enormemente a trovare nuovi allievi.

Molti personal trainer sono anche insegnanti di educazione fisica nelle scuole. Un insegnante di educazione fisica può arrotondare lavorando come personal trainer!

Per ottenere questo status è pertanto assolutamente necessario completare un percorso di formazione che deve partire dal conseguimento di una laurea triennale in Scienze motorie e sportive e che continui con una laurea magistrale ed eventuali corsi di specializzazione. La formazione universitaria in questo caso è dirimente!

Tutto sta nel passare il concorso per l’insegnamento e, per coloro che diventeranno docenti di scuola a partire dal 2019, è obbligatorio svolgere un periodo di formazione iniziale, che in buona sostanza consiste in un tirocinio formativo svolto presso delle scuole. Questo è certamente un aspetto importantissimo, seppur non amato da molti!

Un professore di educazione fisica è certamente molto apprezzato dai clienti del personal training, per cui se ami studiare e desideri  insegnare anche a scuola potresti prendere in considerazione questa possibilità!

Animatori o educatori sportivi

Chi è un educatore o un animatore sportivo?

Si tratta di un professionista che può insegnare diverse discipline, a seconda delle sue specializzazioni: judo, basketball, atletica, bicicletta, calcio, tennis, etc. Si tratta quindi di un termine generico e un pò vago e che include innumerevoli professionalità.

Un educatore sportivo ha un pubblico di giovani che fanno attività ludiche o preparano competizioni, ma può anche rivolgersi ad adulti e anziani. Può tenere dei corsi collettivi e individuali, e in questo si avvicina alla figura del personal trainer a domicilio. L’educatore sportivo insegna fuori dalle aule di scuola, nelle strutture private come le palestre e le associazioni sportive.

Per diventare educatore sportivo si può seguire un corso di formazione specifico. Quelli riconosciuti dal CONI, per esempio, ammettono allievi con una buona e solida formazione di base:

  • tecnici federali
  • laureati in Scienze motorie
  • esperti nelle diverse discipline iscritti nelle federazioni sportive

Anche gli animatori sportivi, come gli altri professionisti dello sport, dovrebbero tutelarsi con un’assicurazione sull’attività sportiva.

Istruttore di fitness

Anche gli istruttori di fitness si situano in un’immaginaria pole position per i clienti del personal training. Molti infatti si affidano a questi coach per rafforzare i muscoli, per perdere peso, per acquisire massa muscolare o per mantenersi in forma e tonici.

Un istruttore di fitness ha ottime credenziali per diventare un personal trainer. Un istruttore di fitness ha la formazione ideale per farti fare attività sportiva a casa!

Per diventare istruttori di fitness non è richiesta una laurea, ma molti partono da quella in Scienze motorie e sportive e hanno seguito dei corsi post laurea riconosciuti. I punti di riferimento sono i corsi della Scuola dello Sport del CONI o della Federazione Italiana Fitness, FIF.

Allenatore o istruttore sportivo

L’allenatore sportivo è una persona che allena giovani, adulti o senior in una precisa disciplina sportiva. Possiede un titolo di studi riconosciuto che gli permette di esercitare la sua attività in seno al suo club sportivo. Nel frattempo, se lo desidera, l’istruttore sportivo può esercitare l’attività di personal trainer. Per poter diventare allenatore bisogna infatti seguire il percorso di formazione deciso dalla propria federazione sportiva.

Per esempio per diventare allenatore di calcio dilettantistico bisogna aver compiuto almeno 23 anni e bisogna superare un corso organizzato nella propria regione e riconosciuto dalla FIGC, Federazione Italiana Gioco del Calcio.

Per poter arrivare ad allenare una squadra di calcio di Serie A devi seguire una carriera che comporta corsi sempre più approfonditi in questo sport:

  • corso per allenatore base, per allenare le squadre giovanili escluse le Primavere
  • corso per allenatore di II categoria, a cui accedi se hai 30 anni  e che ti permette di allenare le giovanili e le  prime squadre, fino alle Lega Pro
  • corso per allenatore di I categoria, ti abilità ad allenare le squadre del campionato di Serie A dopo i 32 anni.

Ovviamente, allenare una categoria superiore significa avere un compenso più alto. A tal proposito, qual è il compenso di un personal trainer?

Preparatore Atletico

La preparazione atletica è una disciplina a parte nello sport. Si tratta di un aspetto fondamentale per gli atleti e le squadre che devono prepararsi per le competizioni sportive. È un allenamento intensivo che può durare diverse settimane e che necessita di una specifica conoscenza del corpo umano e del modo in cui acquisisce potenza, dinamicità e resistenza. Le competenze richieste sono quindi molto specifiche e approfondite, e richiedono uno studio serio.

È chiaro che questo è un lavoro che non può essere improvvisato, ma che al contrario di altre figure del mondo dello sport, richiede un titolo di studi specifico per condurre un programma di allenamento così intensivo. Tra l’altro, richiede anche molte qualità nel personal training.

Per diventare un preparatore atletico è quindi necessario conseguire una laurea in Scienze motorie o in Medicina dello sport, oppure conseguire un Diploma ISEF ed essere abilitati con un corso specifico organizzato dalla propria federazione sportiva. Il corso di Preparatore atletico e sportivo è riconosciuto dall’AICS.

Il percorso di formazione di un personal trainer può quindi essere molto varia e differenziato. Di base però le nuove figure professionali prevedono tutte la necessità di conseguire una laurea in discipline sportive e sono tutte parte delle federazioni sportive, con diverse qualifiche che vanno dall’istruttore di fitness al preparatore atletico.

Scopri allora qual è il profilo del tuo personal trainer su Superprof!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar