Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Personal training: quale compenso aspettarsi?

Di Catia, pubblicato il 18/04/2019 Blog > Sport > Personal Trainer > Quanto Può Guadagnare un Personal Trainer?

C’era una volta… il corpo…quest’oggetto di contese varie.

E c’è da sempre anche la mente, questa presuntuosa, che alla fine termina col farsi comunque condizionare dal corpo, pur pretendendo di poterlo governare lei!

Prima l’uovo o la gallina? Questo è il problema – avrebbe detto un caro amico, secoli addietro, in Inghilterra.

Oggi, in realtà, non v’è dubbio che il rapporto tra i due piani sia del tutto ciclico, interconnesso e inscindibile. Impossibile reperire un discrimine e stipulare addirittura una sorta di priorità. Non conta stabilire un primato, anche perché il dibattito sarebbe senza fine, considerando le posizioni più estreme: gli occidentali allopatici o gli orientali saggi e precursori?

Stai cercando un trainer?

Fatto sta che oggi, anche i più ferrei sostenitori della farmacologia spinta non dimenticano di insegnare e consigliare lo sport come prevenzione ed anche cura di molte patologie. Sarà per non sfigurare, sarà per esperienza personale… Molti medici si dedicano assiduamente allo sport, finalmente. Oltre a continuare a prescrivere farmaci, ovviamente.

Diciamo che Oriente ed Occidente, alla fine, si sono intravisti. In alcuni casi, addirittura incontrati. Ignorarsi era impossibile, per quanto molta prevenzione delle malattie resa possibile dalla pratica sportiva confligga, alla fin fine, con gli obiettivi finanziari delle grosse case farmaceutiche… Ma meglio non divagare e non addentrarci in sentieri spinosi.

È tuttavia interessante per chi, come i lettori di Superprof, ama la visione globale della realtà, prendere in considerazione davvero tutto quello che può caratterizzare il terreno sul quale inizierà a lavorare un corso personal training.

Come sanno i nostri lettori regolari, ci piace molto presentare gli aspetti legati all’insegnamento privato, a domicilio, o presso il domicilio degli allievi. E questo vale per ogni sorta di disciplina. A volte approfondiamo la questione dal punto di vista dell’allievo, altre dal punto di vista dell’insegnante con dei focus sulla professione dell’insegnamento. Sulla piattaforma di Superprof, è possibile reperire profili di diversi insegnanti, delle più svariate materie. E sono molto numerosi anche gli aspiranti alunni che si rivolgono al nostro sito per trovare delle lezioni private.

Ecco come trovare un trainer!

Dall’inglese, al russo, dalla geometria al disegno dei volti, passando per la zumba e il basket, non ci facciamo mancare nulla. E non facciamo mancare, ai nostri utenti, nemmeno la possibilità di prendersi cura del proprio fisico. Ad esempio contattando uno dei nostri personal trainer! Mens sana in corpore sano, infatti.

Portare a casa tua un personal trainer potrebbe essere un modo per avere una palestra sempre a disposizione. Una palestra tutta per te! Perché no?

Sappiamo che chi sta bene fisicamente avrà molta probabilità di interessarsi anche all’arricchimento culturale, avrà voglia di fare di più, di conoscere e…in termini di ritorno finanziario, potrà scegliere, ancora una volta, di scoprire una nuova disciplina tramite la nostra piattaforma. Insomma…consigliandovi di farvi dei muscoli investiamo nella probabilità che poi vi venga anche voglia di studiare qualcosa di ignoto: il russo, ad esempio! Tutto torna, no?

Ma andiamo ai fatti di oggi.

Quest’oggi, a Superprof, vogliamo affrontare la tematica inerente alla professione di personal trainer, coach o – per i veri puristi della lingua italiana – allenatore personale.

Il personal training attrae. Non v’è dubbio alcuno. La figura ha il suo fascino. Lo stesso vale per i compensi. Idem per quanto riguarda “la bella figura” che si fa ad avere un allenatore tutto per sé. Infine, non nascondiamo che la professione è incoraggiante sia per chi voglia progredire sul piano sportivo, sia per chi intenda svolgere un lavoro autonomo: come spunto, insomma! Spunto di evoluzione, autonomia e miglioramento finanziario della propria condizione.

Partiamo, allora, dagli elementi, per così dire, piuttosto frivoli – finanche sciocchi. Tanto per cominciare, è una professione che ha un lato sexy e affascinante.

Il personal trainer, generalmente, ha un fisico invidiabile. Inoltre, promette di raggiungere una certa forma fisica. Insomma, si frequenta un trainer perché lo si ammira e si punta ad approssimarlo, idealmente.

E vediamo, anche, cosa rappresenta, per chi svolge questa professione, il fatto di essere un trainer.

Ecco come trovare un trainer!

Cerchi corso personal trainer vicino casa?

Per alcuni modellare il corpo di un’altra persona, aiutarla a dimagrire, mantenersi in forma e ritrovare la forma è una sfida avvincente! I risultati concreti sono molto stimolanti! Si tratta di un lavoro in cui conti come un vero “faro”, nella vita del tuo discente. Sei un modello di riferimento, una guida, un’ancora di salvezza nei momenti di sconforto.

Passiamo, infine, all’aspetto “trend”, insito nel ruolo del personal trainer e nel fatto di rivolgersi ad esso.

Non si può non citare anche il fattore “tendenza” e “moda” che accompagna la professione di personal trainer online o a domicilio. Lo si vede nei report alla TV, nei reality legati alla perdita di peso come Fit to Fat to Fit, nei film, nelle pubblicità e nei video sui social.

Tutto pare più facile, con una guida forzuta, positiva ed energica al proprio fianco. Tanto più se questa mostra di possedere una certa esperienza.

Dal punto di vista di un’analisi delle professioni che non conoscono crisi, ed anzi sono destinate a diffondersi, assicurando introiti non da poco, la posizione dell’allenatore personale primeggia.

In una società sempre più preoccupata dell’immagine di sé e alla costante ricerca del benessere, il personal training ha un grande avvenire davanti! Basti dare un’occhiata ai numeri relativi a chi frequenta oggi un corso personal trainer nelle città. Non appena si apra un corso personal training per preparatori sportivi e coach di vita, le richieste di informazioni ed iscrizione impazzano. Molti vedono in tale possibilità l’occasione per intraprendere una bella carriera. Altri per cambiare decisamente vita e condizione economica!

Ma al di là del mondo rose e fiori che si vende, a quanto ammonta realmente il reddito di un insegnante di sport a domicilio? Quanto guadagna un personal trainer a fine mese?

Conviene lanciarsi nei servizi alla persona in ambito sportivo?

Quanto costa un corso personal trainer?

Sei pronto a scoprire regole, intoppi e vantaggi legati a questo tipo di professione (autonoma o come stipendiato)?

Comincia il tour nel business del personal training!

Memo: chi è un personal trainer?

Come sempre, guardare un po’ cosa succede in termini di dati economici e statistici, illumina il tragitto.

La professione di personal trainer a domicilio ha dei numeri da fare invidia!

Effettivamente, è per questo che molti sportivi si interessano alle tematiche del personal training per fare della loro passione una vera professione. Si trovano molte testimonianze di personal training che nascono da altri percorsi sportivi, ma la questione economica rimane sempre poco trattata.

Al di là dell’aspetto passionale che gira intorno a questa professione, innegabile e soprattutto indispensabile, il personal training presenta molti vantaggi come quelli di:

  • gestire i propri tempi autonomamente
  • fare sempre nuovi incontri
  • lavorare con persone diverse

È un mondo molto diverso dal classico ufficio dove s’incontrano sempre le stesse persone ogni giorno della settimana!

L'accompagnamento del personal trainer non è solo tecnico ma anche motivazionale. Un personal trainer supporta i suoi allievi dal punto di vista fisico e psicologico!

Ma l’aspetto più stimolante è senz’altro quello di seguire e portare avanti dei veri obiettivi sportivi:

  • ritrovare la forma
  • perdere peso
  • potenziare la muscolatura
  • recuperare o migliorare la resistenza o la condizione fisica in generale grazie a un programma d’allenamento adatto
  • mettere su massa muscolare
  • motivare i propri allievi

Il bello è essere pagati per fare tutto questo!

Ma chi è veramente un personal trainer o coach sportivo? Scopri subito quali sono le qualità necessarie per diventare un coach sportivo!

È un professionista dell’attività sportiva in grado di lavorare per il benessere fisico e la salute tramite esercizi come:

  • potenziamento muscolare
  • allenamento cardio
  • rafforzamento addominale
  • fitness

E non solo! Il personal trainer ha anche una conoscenza enciclopedica del corpo umano, dell’anatomia umana, con le sue potenzialità e i suoi limiti. Sa come evitare le lesioni e far progredire i clienti rapidamente!

Mai dare dei consigli, se non si conosce la storia individuale, la fisiologia, l’anatomia, di una persona!

Un altro fattore molto importante: spesso i clienti si attendono dai personal trainer consigli nutrizionali per dimagrire e bruciare calorie. Cercare di mangiare meno e meglio è un’altra delle tendenze della nostra epoca. Benefica, una volta tanto!

Anche se non arriva ai livelli di conoscenza di un nutrizionista, il personal trainer deve essere in grado di apportare degli elementi con cui rispondere alle attese dei propri clienti.

Naturalmente, come in tutti gli ambiti, le cose variano da un trainer all’altro. Il più coscienzioso ed appassionato, avrà anche conoscenze e titoli in ambito di nutrizione, complementazione e supplementazione. Gli altri si fermeranno ad una infarinatura generale. La passione fa la differenza anche qui, come in ogni mestiere. E la si scopre interloquendo col personal trainer, per verificare dove si spinga la sua “onniscienza”.

Un altro aspetto importante del lavoro del personal training è il coaching. Significa essere un mentore che va al di là dell’insegnamento sportivo, ma mira in generale alla crescita della persona! Ed è qui che il mestiere mostra tutta la sua profondità. Qui entra in gioco l’aspetto relazionale, davvero pedagogico, psicologico. È in questa sfera che può nascere una relazione di fiducia e stima, la quale porterà di certo a seguire bene la propria guida, al di là delle indicazioni relative agli esercizi sportivi.

Questo farà sicuramente parte degli esercizi che il tuo personal trainer ti proporrà. Un esercizio facile, ma dai sicuri effetti immediati!

Diciamo, insomma, che se tutto ciò non dovesse avvenire…allora sarebbe strano, dovrebbe fungere da campanello d’allarme!

Dal canto suo, dunque, il personal trainer deve tenere in conto tutto ciò: darsi al massimo, presentare la parte migliore di sé, lavorare con sincerità e passione. Durante il corso personal trainer il coach non può essere stanco o nervoso.

E’ infatti importante trasmettere la motivazione e l’energia ad ogni sessione d’allenamento:

  • Ritrovare l’energia là dove scarseggia, grazie a un discorso elettrizzante
  • Perseguire degli obiettivi e, soprattutto, fare in modo che l’allievo non li perda di vista
  • Gestire i momenti di calo di fiducia in se stessi
  • Far dimenticare lo stress quotidiano

Insomma, tenere conto dell’aspetto psicologico dello sport, dimostrare comprensione e fermezza, forza e dolcezza allo stesso tempo! Non è una passeggiata, ma è proprio questo che rende il personal training così affascinante! Naturalmente, da parte dell’“allenatore personale” (ogni tanto è bello riavvalerci anche della nostra bella lingua, seppur parlando di sport; dopotutto, “mens sana in corpore sano” è stato detto dai latini…non dagli anglosassoni) occorre forza, entusiasmo, passione sconfinata per lo sport e per le relazioni umane. Difficilmente un super timido potrà agevolmente darsi a questa professione. Ma possiamo tutti cambiare, evolvere. Dunque… che nessuno si precluda nulla. Basta lavorare su stessi. Dopo tutto, per qualsiasi professione occorre studiare. E dello studio fa parte anche il fatto di acquisire sicurezza, per mettere in opera le proprie conoscenze.

Quanto guadagna un personal trainer su Superprof?

Ora che abbiamo chiarito gli aspetti della professione, possiamo rispondere alla domanda: quanto guadagna un personal trainer?

La passione, ok, ma per mangiare occorrono i soldi, parlando brutalmente e schiettamente! Ed anche se non facciamo che ripetere che oggi si comprende la necessità di mangiare meno…diciamo che qualcosa ogni tanto vorremo pur permettercela. Non fosse altro che la qualità, seppur in quantità ridotta e saggiamente ridimensionata.

Partiamo dai dati rilevati da Superprof sui personal trainer che sono iscritti alla piattaforma e sui costi personal trainer.

Guardando ai profili dei personal trainer, gli insegnanti privati possono informarsi sull’evoluzione della loro professione e, insieme agli studenti, possono sapere qual è il costo medio di un’ora di lezione in base alla materia e alla posizione geografica.

Per quanto riguarda i personal trainer, sono tra gli insegnanti più pagati del sito. Il personal training a domicilio può costare a uno studente molto di più delle ripetizioni di matematica.

Su Superprof un personal trainer chiede in media 22€ l’ora agli studenti. Per l’Italia si tratta di una media di 118 professionisti. Tieni presente che si tratta di una media dove sono inclusi i 60€ l’ora richiesti dai professionisti e i 10€ l’ora di chi è alle prime armi.

Passare su una piattaforma come Superprof significa assicurarsi un contatto diretto con potenziali clienti ed evitare la parte di promozione che porta via molto tempo, soprattutto nei primi mesi di attività.

Iscriversi sulla piattaforma è il modo più facile per trovare degli studenti gratuitamente! Crei il tuo profilo, inserisci la descrizione dei tuoi servizi, la tua tariffa e il gioco è fatto!

Se lavori come personal trainer a domicilio sei libero di gestire la tua attività. Diventare coach sportivo significa anche lavorare in libertà!

Qual è il compenso mensile di un personal trainer?

Ovviamente, oltre a Superprof, ci sono diversi attori del personal training a domicilio in Italia. Molti insegnanti usano le piattaforme disponibili online per trovare degli studenti per i loro corsi sportivi.

Sarebbe interessante incrociare i dati dai diversi operatori del settore per trovare una risposta alla domanda: quanto guadagna un personal trainer?

Il personal training è davvero l’eldorado?

I programmi TV dagli Stati Uniti spesso mostrano un lavoro da sogno, ma le cose stanno davvero così?

In realtà ci sono grandi disparità salariali. 

Come abbiamo visto anche per la piattaforma di Superprof, ci sono dei criteri di differenziazione che spiegano le differenze tariffarie di un professionista che prende fino a 6 volte di più di un personal trainer con meno qualifiche.

  • Innanzitutto, le differenze salariali si possono spiegare con un fattore geografico. In effetti, i corsi di personal training di Milano sono più costosi rispetto a quelli di Napoli. Un personal trainer a Milano chiede in media 30€ l’ora, mentre a Napoli la tariffa oraria è di 17€.
  • I titoli di studio e l’esperienza costituiscono altri fattori di differenziazione e quindi un aumento potenziale delle tariffe. Anche se ancora non esiste un formale titolo di studio universitario per il personal training, ci sono dei corsi post laurea o riservati ai tecnici e agli istruttori delle federazioni sportive riconosciuti formalmente dal CONI, Comitato Olimpico Nazionale Italiano. I clienti del personal training sono molto sensibili alla formazione del proprio insegnante. Un titolo riconosciuto è un modo per acquisire credibilità. E’ più facile farsi strada nel personal training se hai una laurea in Scienze motorie, biologia, medicina dello sport o un diploma ISEF. Rimane comunque possibile lanciarsi nel personal training senza titoli di studio grazie a programmi di allenamento rodati e una reputazione che cresce sempre di più. Tieni a mente, però, che una conoscenza approfondita del corpo è un requisito essenziale per garantire la sicurezza dei tuoi studenti!

Le celebrità che alleni come personal trainer ti permettono di chiedere una tariffa molto alta. Se hai qualche vip tra i tuoi clienti puoi alzare la tariffa del tuo personal training!

Un titolo di studio e un corso di formazione per personal trainer ti permettono di avere un compenso più alto!

Grossomodo ecco cosa puoi fare per cominciare la tua carriera di personal trainer con un salario più alto:

  • Una laurea in Scienze motorie e sportive: una formazione classica per diventare personal trainer o insegnante di educazione fisica;
  • Un master in Scienze dello sport, che puoi ottenere dopo la laurea in Italia o all’estero;
  • Oltre ai titoli universitari puoi seguire dei corsi di formazione sportiva nelle discipline di tuo interesse: corsi per istruttori di fitness, corso per educatori sportivi, corsi per personal trainer;
  • Puoi seguire il percorso per diventare preparatore atletico: questi corsi ti abilitano a lavorare per preparare gli atleti e le squadre alle competizioni sportive. Per accedere a questa professione hai bisogno di una laurea in Scienze motorie o Medicina dello sport.

La formazione ti dà maggiore credibilità e competenze nella pratica del personal training.

Anche se questi percorsi di formazione non sono obbligatori per esercitare come personal trainer, rappresentano comunque un investimento per lo sviluppo della tua carriera.

Un personal trainer specializzato può guadagnare di più. Specializzarsi non è una cattiva idea!

Infine, un insegnante di sport a domicilio può far salire il suo compenso con l’esperienza e le referenze:

  • Referenze puramente sportive: una perdita di peso spettacolare ottenuta con molti clienti, delle tecniche efficaci per il rafforzamento muscolare, dei risultati provati con video e foto.
  • Referenze da parte di una personalità: se un VIP si affida a te ed è soddisfatto dei tuoi servizi, puoi tranquillamente procedere con un rialzo delle tue tariffe!

Con tutti i fattori che spiegano la differenza salariale tra due personal trainer è davvero difficile trovare una media realmente rappresentativa di quanto guadagni un allenatore personale.

Vuoi mettere un curriculum del personal trainer di Britney Spears con quello del coach di Mario Rossi, tuo vicino di casa?

Naturalmente, teniamo conto del fatto che tutti hanno iniziato, un giorno. E non è detto che ognuno possa poi incontrare lo star system. Ciò non di meno, molti personal trainer hanno esperienze formative e come sportivi da capogiro. E la maggior parte della gente, non è sciocca come le star, dunque valuterà questo, piuttosto che l’agenda coi nomi dei precedenti clienti. La cosa che ti consigliamo, in quanto comune mortale, dalle risorse sicuramente più modeste di quelle di Madonna, è di consultare, semmai, i commenti che i precedenti allievi di un coach che ti ispira hanno lasciato sul nostro sito!

Ecco un modo realistico per valutare competenze e prestazioni di un insegnante sportivo. Del resto, sul nostro sito la prassi è questa per qualsiasi disciplina. Finora la cosa ha sempre funzionato. Scorri il CV del tuo papabile allenatore, poi senti cosa ne pensano i precedenti allievi. Infine, prendi contatto e approfitta del primo incontro, gratis molte volte, per valutare se la cosa si possa fare tra voi! Del osto del corso personal trainer ne parlerete dopo!

Secondo alcune testimonianze su Fitnessway, un personal trainer agli inizi comincia con 1000€ al mese per poi raggiungere la cifra di 6000€ per 150 ore di lezione al mese.

E tu? Quanto vuoi guadagnare come personal trainer? Scopri subito anche quale assicurazione scegliere!

Tutti questi aspetti materiali, ovviamente potranno essere trattati da te assieme ad un commercialista o presso un centro di assistenza finanziaria. È opportuno, prima di intraprendere un percorso formativo anche costoso, mettersi tutto davanti. Costi della formazione, tempo richiesto, tempo da sottrarre ad altre attività remunerate. Possibilità di stabilizzazione, domanda da parte del mercato. In seguito, fiscalità, tassabilità, prestazioni da effettuare e spese da sostenere in termini di attrezzature, strutture, trasporti, aggiornamento continuo. Tutto va soppesato, magari con l’aiuto di un professionista, che ti spiegherà cosa sia opportuno fare per iniziare. Da solo o con un socio? In forma di start up o con una sorta di porta a porta e tramite il volantinaggio cartaceo selvaggio?

Tutto aiuta, quindi, come sempre, noi di Superprof ti consigliamo di sfruttare tutti i canali della comunicazione disponibili oggi a prezzo praticamente nullo. Annunci dal panettiere, passa-parola, Internet, con piattaforme tipo la nostra e tramite Facebook, Linkedin e, naturalmente, Whatsapp. Potrai così, tecnologicamente, raggiungere i tuoi futuri potenziali clienti, sfruttando delle liste di amici, che a loro volta con facilità gireranno le tue proposte ai loro amici. Una mano lava l’altra!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar