Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di disegno: come diventare caricaturista?

Di Martina, pubblicato il 18/09/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > Corso Disegno: Cos’È la Caricatura?

L’arte di esagerare, di forzare i tratti per ridicolizzare, denunciare, criticare o semplicemente far ridere… praticare la caricatura è da sempre un divertimento per gli uomini.

Il disegno è uno dei modi per dedicarsi alla caricatura, ma non è il solo.  

Molière è uno dei maestri del pastiche e della satira attraverso le sue numerose opere teatrali.  Tartufo, l’opera che denuncia l’ipocrisia della religione nel XVII secolo e ridicolizza il clero è stata censurata da Anna d’Asburgo, al tempo imperatrice.

La storia della caricatura, questa forma di disegno esagerata, è affascinante. Come ha affermato Frédéric Pajak, disegnatore e scrittore:

“La caricatura esiste fin dall’antichità e attraversa i secoli. Il disegno umoristico è più recente, è apparso all’inizio del XX secolo.”

Cos’è una caricatura?

Il dizionario Larousse definisce la caricatura come:

“Rappresentazione grottesca, in disegno, pittura, ecc., ottenuta dall’esagerazione e la deformazione dei tratti caratteristici del volto o delle parti del corpo, con un’intenzione satirica.”

 

È un buon riassunto di quello che approfondiremo qui!

La caricatura applicata al disegno. Se la caricatura può essere praticata in molti settori (disegno, pittura, letteratura, teatro…), un elemento comune permane: l’esagerazione!

La parola stessa di caricatura ha un significato profondo: “caricato in modo esagerato”. Una caricatura è questa. Osservare e trovare i dettagli che si possono sovradimensionare per screditare il soggetto.

Un’arte da imparare, perché no, in un corso di disegno…

La grande storia della caricatura

Grande storia che è quella della caricatura…Dall’antichità, gli uomini si sono dedicati a quest’arte, in particolare nelle società greche e romane.

La caricatura è un disegno di solito a carattere umoristico o satirico che rappresenta una persona Napoleone III rappresentato in un avvoltoio da Paul Hadol in “La ménagerie impériale”.

Nel Medioevo, la caricatura è soprattutto presente nelle sculture, specialmente nelle chiese e cattedrali che possiedono numerosi personaggi grotteschi e animali fantastici. All’epoca, bellezza e mostruosità sono paragonati al bene e al male.

Nel Rinascimento, i disegni satirici cominciano ad apparire, grazie allo sviluppo della stampa. Dal XVIII secolo, la litografia ha permesso una diffusione di massa. La Rivoluzione francese e il riconoscimento della libertà di espressione sono un punto di svolta per la caricatura. I giornali satirici appaiono e denunciano gli abusi grazie ai disegni. Fanno una satira della società e del mondo politico.

Le rappresentazioni caricaturali, della Rivoluzione, mettono in particolare in evidenzia il sistema dei tre ordini: il terzo stato, la nobiltà e il clero. Da questo momento, i disegni satirici sono un mezzo per prendere in giro e denunciare un sistema ingiusto.

Dal 1830, la stampa satirica si sviluppa intorno alle caricature. Aldilà del loro lato umoristico, sono essenzialmente disegni di opinione. Non si prende in giro solo per ridere, ma per ridicolizzare. Tra i giornali satirici caratteristici dell’epoca, ritroviamo le Charivari o la Caricature. I disegnatori famosi, Daumier, Gavarni, Granville, Cham o Doré erano dei maestri della caricatura politica.

Ciononostante, la censura, è sempre presente, a livelli più o meno forti, e i caricaturisti devono rispondere davanti alla giustizia dei loro disegni. Daumier è stato imprigionato per aver reso ridicolo Louis-Philippe. La salita al potere di Napoleone I ha reso impossibile la pubblicazione delle caricature politiche. La satira si orienta allora verso una caricatura sociale.

Paul Hadol, famoso caricaturista dell’epoca deve aspettare il 1870 e la fine del Secondo Impero per pubblicare la sua opera “La Ménagerie Impériale” in cui ridicolizza i membri della famiglia di Napoleone III e i dignitari dando loro la forma di animali. Napoleone III figura in un avvoltoio sanguinante, tenendo nei suoi artigli una Francia sventrata.

È solo nel 1881, che la legge sulla libertà di stampa permette una reale diffusione della caricatura. Il numero delle testate di stampa aumenta all’inizio del XX secolo (L’Assiette au beurre, le Crapouillot, la Baïonnette, le Canard Enchaîné…). Durante le guerre, la caricatura diventa uno strumento di propaganda. Un boom che non si manifesta fino alla Seconda guerra mondiale. Successivamente, la stampa satirica e il disegno umoristico, concorrenti della fotografia, la radio e la tv diminuiscono.

Ma la caricatura non scompare, si rinnova. Nasce un nuovo genere di caricatura. In televisione, le marionette appaiano per la prima volta con il Bébête Show, messo in ombra successivamente da les Guignols de l’Info. La caricatura è tuttavia sempre presente nella vita quotidiana, in particolare attraverso la vignetta, ma anche il fumetto.

Rileggete con attenzione i fumetti di Astérix: molti personaggi sono le caricature di personalità famose. Da Bernard Blier, Sean Connery, Raimu, Lino Ventura e Annie Cordy, sono molti ad essere stati rappresentati da Uderzo.

Solitamente il particolare esagerato ha già in sé un contenuto sarcastico, Nell’ ”Odissea di Astérix”, ritroviamo Bernard Blier e Sean Connery.

Come disegnare la caricatura di una persona?

Avete una buona mano, amate ridere e avete una passione per il disegno umoristico? Passiamo alla pratica…

Come imparare a disegnare una caricatura?

Quali tecniche di disegno utilizzare per realizzare una buona caricatura?

La prima cosa è saper disegnare. Senza alcun dubbio, ma tuttavia alcuni penseranno che è più facile disegnare una caricatura che un ritratto. È falso, al contrario. L’arte della caricatura è tutto tranne che semplice. Bisogna prima di tutto essere un bravo ritrattista.

I 3 passaggi per disegnare una caricatura

Prima di lanciarvi nella caricatura, verificate che siete capaci di:

  1. Disegnare un ritratto realistico: se non è il caso, sarà impossibile riconoscere il personaggio della caricatura. Disegnare un volto si impara e richiede una buona tecnica. Successivamente, si può incominciare a realizzare delle caricature,
  2. Osservare: ogni dettaglio conta nella caricatura. Il vostro senso di osservazione è il centro dell’approccio. È necessario un occhio esercitato per vedere a prima vista i tratti da marcare. Possiamo ritrovare tutto questo nel disegno di osservazione.
  3. Rispettare le caratteristiche del modello anche se i tratti sono esagerati, è importante rispettare il legame tra le diverse caratteristiche di un viso per conservare una certa armonia e soprattutto una somiglianza evidente.

La caricatura sembra facile, ma richiede molta tecnica! La caricatura si impara e richiede pratica!

È possibile divertirsi nel realizzare disegni umoristici anche come principiante. A partire da una fotografia o di fronte a un modello, la caricatura può essere realizzata in modi diversi.

Può essere realistica, come un vero ritratto giocando con le ombre o al contrario più stilizzata, alla maniera di un personaggio manga. E per incominciare, potete in un primo momento esercitarvi a disegnare dei profili.

In tutti i casi, prendetevi il tempo di riflettere e osservare gli elementi che desiderare mettere in caricatura. Come in ogni disegno, bisogna conoscere cosa si vuole ottenere prima di dare il primo colpo di matita. Che sia il naso, mento, fronte o orecchie…Dovrete esagerare i loro tratti per ottenere la vostra caricatura. Cominciate a realizzare un disegno generale prima di continuare disegnando i dettagli.

3 consigli per una caricatura di successo

Tra i punti su cui dovete lavorare per far passare un messaggio in una caricatura, ecco alcuni esempi che rafforzeranno il lato umoristico:

  1. Aggiungere un testo: far parlare il personaggio rafforza il messaggio della parodia (un tic verbale, un’espressione…),
  2. Aggiungere degli elementi significativi: un accessorio fa apparire la personalità della persona così messa in caricatura (il vostro modello indossa sempre una cravatta? Esageratela…)
  3. Creare una situazione: nelle satire, le persone messe in caricatura sono spesso inserite in un contesto umoristico (adora la bicicletta? Rappresentatelo su una bici minuscola…).

Per riassumere, mettete tutte le vostre conoscenze di base in disegno nella realizzazione di un ritratto marcando i tratti. Ma lasciate parlare la vostra immaginazione per esprimere il vostro senso umoristico!

Sviluppate una cultura generale, seguite dei corsi online di disegno e allenatevi a fare le caricature di uomini politici o di disegno d’attualità.

4 professioni da intraprendere con la caricatura

Seguire le orme di Wolinski, Plantu, Cabu, Charb, Pancho, Kiro… E diventare uno dei grandi nomi tra i vignettisti, ecco un bel obiettivo da prendere in considerazione durante le vostre lezioni di disegno!

Le prospettive delle professioni della caricatura vi sembrano troppo limitate?

La caricatura moderna, invece nasce come strumento polemico nei confronti di una persona reale o al massimo di una categoria sociale I caricaturisti di strada hanno un senso di osservazione sviluppato per trovare il dettaglio da accentuare!

Facciamo il punto sulle opportunità professionali che il vostro dono per la caricatura vi offrirà. La vostra predilezione per il disegno permette di prendere in considerazione divere carriere artistiche:

  1. Vignettista: è una professione in cui la caricatura è onnipresente. I giornali satirici essendo oggigiorno non numerosi, il giornalista disegnatore deve in generale essere polivalente e lavorare per diversi supporti,
  2. Caricaturista indipendente: è possibile lanciarsi per proporre dei servizi. I caricaturisti di strada sono numerosi nei luoghi turistici. È inoltre possibile lavorare diversamente offrendo i vostri servizi per degli eventi. Matrimoni, eventi professionali, compleanni…Le caricature sono molto apprezzate,
  3. Fumettista: con un’anima creativa, un senso di sceneggiatura e delle idee, è un’opzione da considerare,
  4. Illustratore: l’illustrazione è un campo vasto che offre ugualmente belle prospettive che sia nell’editoria, agenzia o stampa. Scoprite le testimonianze dei caricaturisti illustratori sulla professione.

Ovviamente, ogni professione richiede delle competenze specifiche, aldilà della padronanza delle basi di disegno e della caricatura. Esistono numerose formazioni. Imparare il disegno per esercitare una professione artistica è una scelta che vi permetterà di realizzarvi professionalmente attraverso la vostra passione per il disegno.

Scoprite anche cos’è il disegno industriale

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar