Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Imparare l’idioma dell’Antica Roma: perché è importante?

Di Igor, pubblicato il 23/03/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Latino > Il Latino: una Lingua Morta, ancora Viva!

Gli accesi sostenitori di riforme volte a rimodernare il sistema educativo, osano affermare che lo studio del latino e quello del greco sono ormai sempre più privi di senso. Questo avviene, in particolar modo, in Paesi altri dall’Italia, culla della romanità. Tuttavia, di tanto in tanto insorgono dei detrattori delle lingue antiche anche qui da noi. Costoro tentano di svilire anche gli ultimi baluardi della cultura italiana. Il Liceo Classico e il Liceo Scientifico sono ad oggi le scuole in cui ancora si riconoscono grande importanza e peso a queste nobili discipline.

Il latino ha funzionato come una “lingua veicolo” delle élite europee fino a tutto il diciassettesimo secolo. L’insegnamento di questa cosiddetta “lingua morta” iniziò a venir meno, gradualmente, in Paesi che pure molto hanno in comune con l’Italia. Ad esempio in Francia. Pur riconoscendo che la lingua francese deve molto al latino, e che per meglio parlarla e scriverla occorre conoscere i rudimenti della lingua antica, i francesi, nel tempo, hanno reso facoltativo lo studio di questa lingua. E pensare che il rinomato “quartiere latino” si chiama così proprio perché vi si parlava solo in latino, quando già il Francese esisteva e si era consolidato in quanto lingua nazionale.

In Italia, il vecchio “istituto magistrale”, rimpiazzato grazie alle riforme dal liceo psicopedagogico, vede ancora il latino fra le materie obbligatorie. Ma il numero di ore e l’importanza assegnata allo scritto sono andate nel tempo diminuendo, a favore di un semplice investimento nell’insegnamento della letteratura latina, a mo’ di cultura ed infarinatura generale.

Nel corso del tempo, l’insegnamento del latino fu associato ad un certo elitismo, ritenuto un simbolo di distinzione sociale, in grado di fornire la discriminazione rispetto ai membri dei ceti sprovvisti di capitale culturale.

E così, dopo gli anni d’oro del latino, che veniva insegnato alla scuola di avviamento e poi alla scuola media, si iniziò a confinarlo agli anni del ginnasio.

Una perdita, da una parte, una facilitazione, dall’altra…

Le lettere classiche contengono il segreto ed il fondamento delle attuali civiltà del sud e centro Europa…

Ecco perché oggi abbiamo deciso di affrontare la questione dell’insegnamento e dell’apprendimento del latino.

Ma sapresti come prendere lezioni di latino online?

Non basta avere un dizionario di italiano latino sotto mano per tradurre qualsiasi frase in latino. La traduzione di un testo implica la contestualizzazione del momento in cui è stato scritto!

Perché il latino a scuola? Un’introduzione

Anche se molti studenti del liceo, scottati da ore e ore passate a studiare le declinazioni e a cercare di comprendere i passi più difficili degli scrittori e dei filosofi dell’Antica Roma, sosterranno il contrario, la lingua latina continua ad avere una grande importanza nel mondo contemporaneo.

Il latino fa da tramite tra noi e gli antichi: è grazie al latino che abbiamo ereditato i fondamenti delle culture greca ed ebraica, e gran parte del sapere dei secoli successivi. Nel passato infatti il latino era una lingua universale e consentiva agli studiosi di comunicare tra loro in tutta Europa, proprio come oggi viene utilizzato l’inglese.

Vi è poi il fatto, non trascurabile, che molti linguaggi specifici, come quello ecclesiastico e quello giuridico, contengono moltissime espressioni latine, come del resto l’italiano contemporaneo: anche chi pensa di non sapere nulla di latino, e chi non l’ha mai studiato a scuola, in realtà ne fa molto spesso un uso inconsapevole mentre parla o scrive.

Per questi motivi, lo studio del latino non equivale ad apprendere una lingua morta, ma ad imparare molto del nostro passato, fino a comprendere le ripercussioni che esso ha sul nostro presente.

A riprova ulteriore di quanto il latino sia presente nella vita di tutti i giorni, possiamo citare alcune situazioni apparentemente in conflitto tra loro.

Da una parte, a scuola il latino è odiatissimo, dall’altra, nella letteratura per ragazzi degli ultimi anni, soprattutto quella con una componente fantastica, misteriosa, paranormale, il latino la fa da padrone. Il paradosso poi si spinge al punto che molti ragazzi si tatuano sul braccio o sulla schiena un motto latino trovato in un romanzo americano, magari preso dallo stesso autore classico che a scuola odiano e di cui sconoscono la traduzione corretta.

E quanti, frequentatori assidui della rete e dei social, come Twitter e Facebook, tralasciano o odiano il latino e poi sono rimasti a bocca aperta davanti alle citazioni in latino che Mark Zuckenberg, in visita a Roma, ha fatto davanti al Colosseo! Quindi il latino è da apprezzare?

Si ritorna allora ad un punto nodale della questione: il latino è più che altro una questione di didattica. Lo studio “compulsivo” della grammatica, imposto dagli insegnanti e dal programma ministeriale, rende difficile appassionare gli studenti a quanto di bello c’è, ad esempio, nella letteratura e nella filosofia latine. Oltre la grammatica, bisogna saper comunicare il gusto della parola, l’uso del lessico e il suo significato.

Forse si dovrebbe partire, come suggerisce qualcuno, dall’etimologia delle parole italiane, per arrivare, solo in seconda battuta alla grammatica.

E anche questo è stato costruito dagli antichi romani, circa 2.000 anni fa. L’Arena di Verona è, dopo il Colosseo, l’anfiteatro romano piùnoto al mondo!

Perché il latino è importante ancora oggi?

Aiuta a comprendere la realtà

La conoscenza della lingua dell’Antica Roma consente di apprezzare maggiormente molti aspetti della realtà: ovviamente questi aspetti non saranno gli stessi per tutti gli studenti di latino. Solo lo studio e l’esperienza potranno determinare i vantaggi che l’antica lingua porterà a ciascuno. Per riuscire in questa impresa, però, sarà necessario dedicare del tempo e dell’energia a declinazioni, dizionari e brani.

Hai fretta di imparare il latino? Prova delle soluzioni rapide!

Sviluppa la logica

Lo studio di una lingua antica e morta insegna a ragionare e quindi sviluppa il senso logico. Resta il fatto che si tratta di un metodo pesante per imparare a ragionare, e che gli studenti preferirebbero farlo con altre discipline, come la matematica.

Aiuta ad approfondire le proprie radici

Il Latino spalanca la comprensione del presente in quanto epoca figlia di un passato, non troppo remoto. La cultura e la tradizione occidentali hanno le loro radici nella cultura greca, in quella romana e in quella cristiana.

Abbiamo ereditato la filosofia, il ragionamento, il gusto per la bellezza dai Greci; il diritto, il senso dell’unità dello Stato dai Romani; nuove concezioni della persona, della civiltà, della società dal cristianesimo.

Quindi, studiare la civiltà, la letteratura e la lingua latine significa conoscere le proprie radici e consente di capire cosa avvicini l’uomo di oggi all’uomo di 2.000 anni fa, facendoci capire i cambiamenti avvenuti nei secoli.

Offre uno sguardo diverso sul linguaggio e le parole che utilizziamo tutti i giorni

La lingua latina e la parola latina rappresentano la storia di una civiltà, dell’evoluzione umana, della cultura italiana.

Il vocabolo “cultura”, ad esempio, deriva dal verbo latino colo. Questo sottolinea e descrive il passaggio dell’uomo dalla condizione nomade a quella sedentaria, in cui l’uomo è diventato agricoltore. Il verbo infatti significa «coltivare», «abitare», «venerare».

Un popolo nomade che poi diventa sedentario ha imparato a coltivare la terra, la abita e venera le divinità del luogo. Nel termine «cultura» risiede questo radicamento nelle proprie origini e nella propria terra, senza il quale non è possibile crescere e dare frutti. Dal radicamento alla terra deriva l’opportunità di trarre linfa vitale, di germogliare, di crescere nel fusto e di dare frutti buoni. Il termine “cultura” non ha a che fare con la conoscenza pura e semplice, ma deriva da un passato (il terreno in cui siamo cresciuti, la tradizione).

E se ti dovesse sembrare difficile, impara il latino giocando!

Qui siamo in Croazia, a Pula, dove si trova tutt'oggi un anfiteatro romano ben conservato. L’Impero Romano arrivò ben oltre i confini della penisola!

Consente di conoscere i grandi autori del passato

La lettura delle grandi opere della letteratura latina, di Virgilio, di Orazio, di Seneca, di Cicerone e di tanti altri permette di incontrare i “grandi del passato”, di confrontarci con loro (come scrive Machiavelli nella lettera a Francesco Vettori del 10 dicembre 1513), di scoprire il loro pensiero, i loro vertici artistici.

Il programma di latino al liceo classico

Come viene studiato oggi il latino nella scuola dedicata alla letteratura classica per eccellenza, ovvero il Liceo Classico?

Qual è il programma che Ministero dell’Istruzione? Vediamolo, suddiviso tra Ginnasio (primi due anni della scuola superiore) e Liceo (il triennio finale).

Scopri qui come imparare il latino!

Il programma di Latino al Ginnasio

IV Ginnasio

  • Studio della lingua: graduale conoscenza, anche mediante analisi di testi opportunamente scelti, delle strutture morfosintattiche, e loro sistemazione.
  • Lettura di testi adeguati all’esperienza degli alunni, soprattutto al fine dell’apprendimento linguistico.
  • Versioni dal latino ed esercitazioni dall’italiano.

V Ginnasio

  • Studio della lingua: completamento e sistemazione dello studio della morfologia e della sintassi, anche mediante analisi di testi opportunamente scelti;
  • Lettura di un’antologia di prosatori prevalentemente storici, adeguati all’esperienza che gli alunni hanno della lingua;
  • Versioni dal latino ed esercitazioni dall’italiano.

Gli alunni in entrambe le classi poi devono cimentarsi in versioni scritte dal e in latino e in brevi composizioni latine.

Va detto come, fino a pochi anni fa fossero esplicitamente previste le letture di passi di Cesare e Sallustio, oltre ad alcuni episodi delle Metamorfosi di Ovidio, in quarta Ginnasio; alcune lettere e orazioni di Cicerone e la quasi totalità di un libro dell’Eneide, in quinta Ginnasio.

Liceo

I Classe

I ragazzi affrontano il disegno storico della letteratura dalle origini all’età di Cesare, integrato dalla lettura di testi, di:

  • VIRGILIO (Eneide, un libro o buona parte di esso; qualcuna delle Egloghe; passi delle Georgiche).
  • CESARE (un libro o ampia antologia) oppure Sallustio (ampia antologia).
  • CICERONE (un’orazione oppure scelta da un’orazione maggiore oppure scelta dalle lettere).

Un'ottima occasione per riprendere in mano le Metamorfosi. Nel 2017 è ricorso il bimillenario della morte di Ovidio!

II Classe

Disegno storico della letteratura dall’età di Cesare a tutta l’età di Augusto, integrato dalla lettura dei testi:

  • LUCREZIO;
  • CATULLO;
  • ORAZIO;
  • CICERONE oppure Livio.

III Classe

Disegno storico della letteratura dall’età di Tiberio al V secolo d.C., integrato dalla lettura dei testi:

  • TACITO (Agricola o Germania o un libro di Historiae o uno degli Annales);
  • SENECA (antologia o un’opera minore) oppure AGOSTINO (antologia).
  • PLAUTO (buona parte di una commedia) oppure TERENZIO (buona parte di una commedia)
  • Oppure ripresa e approfondimento di un poeta letto nelle classi precedenti (I o II liceale), con riferimento al parallelo svolgimento della letteratura greca.

In tutti e tre gli anni del Liceo, lo studio della lingua è poi integrato e approfondito attraverso la lettura dei testi (con particolare riguardo alle fondamentali strutture sintattiche). Inoltre, agli studenti vengono proposte brani di latino da tradurre di tipo diverso.

Impara il latino in mobilità , con le migliori app!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar