Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Imparare il latino: l’origine delle lettere dell’antica Roma

Scritto da Igor, pubblicato il 27/03/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Latino > Alfabeto Latino: Storia ed Evoluzione!

«Tutti coloro che conoscono le lettere possono essere scrittori degni di riconoscimento» Louis-Ferdinand Cèline

L’alfabeto latino, base della lingua latina, si è sviluppato attorno al sesto secolo avanti Cristo nella penisola italica. Esso si è diffuso nella quasi totalità dei Paesi occidentali.

All’epoca, il senso della scrittura non era ancora ben definito. Su una fibula in oro ritrovata, figurano iscrizioni che vanno da destra verso sinistra, altri ritrovamenti mostrano invece scritte da sinistra verso destra, altri ancora riportano frasi alternate, in cui una riga parte da destra e va verso sinistra e la successiva parte da sinistra per andare verso destra.

All’inizio, i caratteri erano diciannove.

La grafia era piuttosto semplice, di origine ibrida: fenicia, greca ed etrusca.

  • Come si è evoluto l’alfabeto latino?

Superprof torna sulle origini dell’alfabeto latino, per poi arrivare all’utilizzo che oggi ne facciamo nelle attuali lingue neo-latine.

L’etrusco, antenato del nostro alfabeto latino

L’origine della civiltà moderna risale a quella romana; l’origine della civiltà latina risale a quella etrusca e quelle italiche precedenti. La spilla d’oro su cui sono state ritrovate le prime iscrizioni in lingua etrusca!

I sistemi di scrittura sono nati in luoghi diversi del globo e in epoche distinte: Mesopotamia, Egitto, Cina o America Centrale. Teniamo presente che il nostro alfabeto proviene, particolarmente, dalla regione di Canaan, il cosiddetto vicino Oriente attuale (Libano, Israele, Siria, Giordania, Sinai).

Il nostro alfabeto ha un’origine semita.  In origine, i geroglifici egizi sono serviti alla costruzione parziale dell’alfabeto che oggi conosciamo. Oggi ricorriamo ad un alfabeto pseudo-geroglifico-consonantico. Allo stesso tempo, e ben prima del moderno dizionario di latino, nasceva la scrittura cuneiforme dalla parte fenicia. Le consonanti erano anche lì predominanti.

Più tardi, i Greci hanno ripreso questo alfabeto fenicio, aggiungendovi vocali da adattare alla propria lingua.

L’alfabeto greco ha dato nascita all’alfabeto etrusco, in buona parte presente all’origine dell’alfabeto che oggi utilizziamo. Gli Etruschi, teoricamente, arrivavano dall’Asia Minore, stando ad Erodoto. Teoria attualmente ancora non confermata.

Gli Etruschi arrivarono in Toscana attorno al settimo secolo avanti Cristo e pare adottarono l’alfabeto greco per trascrivere una lingua che tutt’oggi è rimasta misteriosa. In effetti, gli esperti, ancora oggi, non sono in grado di capirla e di tradurla, pur sapendola leggere.

La civiltà etrusca si è espansa in tutta Italia ed imposta un po’ ovunque in Europa, al ritmo delle conquiste romane. Tutte le altre lingue e scritture locali, allora, hanno iniziato a sparire. Nel corso del terzo secolo avanti Cristo, esisteva un alfabeto di diciannove lettere. Le lettere X, Y e Z furono adottate successivamente, come eredità del greco.

L’alfabeto etrusco comportava l’uso di lettere inutili, secondo il sistema fonologico della lingua etrusca. In effetti, si sa che la vocale «O» non veniva utilizzata, ma fu poi rispolverata dai Romani.

Alfabeto latino: il sistema romano di scrittura

La comprensione dell’alfabeto latino oggi è data per scontata e da secoli studiosi di tutto il mondo occidentale vi si sono applicati. Non tutte le lettere dell’alfabeto erano utili!

La scrittura all’epoca dei Romani è riservata alla funzione di memoria dei grandi uomini. In effetti, ritroviamo spesso epitaffi che invitano il popolo a glorificare una persona seppellita.

E così, la democratizzazione della scrittura non avviene, ed il tasso di alfabetizzazione è del 30 % fra gli uomini adulti. Bambini, ragazzi e ragazzine, imparano a leggere e a scrivere a fianco di un magister. Ma questo tipo di istruzione è riservata alle famiglie privilegiate.

Spesso vi è un significato religioso del fatto di saper leggere e scrivere all’epoca romana. In effetti, si pensava che sviluppare l’intelletto potesse assicurare una vita migliore, per il defunto, dopo la morte, facendolo addirittura accedere all’immortalità.

Sono stai ritrovati numerosi supporti con iscrizioni latine, in cui sono presenti addirittura le declinazioni latine. Muri, tavolette in cera… I papiri ritrovati sono pochi, data la difficoltà, all’epoca, di procurarsi materiale cartaceo o in stoffa su cui scrivere.

Ed è solo tra il Primo ed il Quinto secolo che le strisce di papiro iniziano a diffondersi dando luogo ad una nuova forma di opera: i codici. La punteggiatura all’epoca non esiste ancora e per sostenere gli oratori nei loro discorsi, le pause erano indicate semplicemente andando a capo.

La scrittura dipende dalla parola. Essa serve solo a trascrivere l’orale

Nell’alfabeto latino esistono soltanto le lettere maiuscole. Questo è vero fino all’epoca carolingia (stiamo parlando quindi del IX secolo), in cui lo scritto si distacca gradualmente dall’orale e compaiono le minuscole.

Alfabeto latino: dal maiuscolo all’arrivo delle lettere minuscole

Carlo Magno impose l’uso delle minuscole per rinforzare la propria autorità, si parla dell’anno 771 d.C. La trascrizione delle opere e dei discorsi deve essere fatta secondo la tradizione di Carlo Magno!

Nel contesto della conquista romana, la scrittura si dispiega ed evolve. Si è molto lontani dall’alfabeto fenicio e dalla lingua semitica degli inizi. Cominciano ad esistere due tipi di lettere maiuscole:

  • La capitalis rustica (nel I secolo avanti Cristo), caratterizzata da una certa libertà e da un tratto slanciato,
  • La capitalis quadrata (nel IV secolo avanti Cristo), caratterizzata da maggiore disciplina e da una forma quadrata.

La scrittura serviva a ritrascrivere poesie come il poema di Virgilio e i racconti letterari, ma essa era anche usata per parlare dei meriti di un cittadino sui muri della Città ed immortalare i discorsi nel bronzo o nella pietra.

Fu però nella vita quotidiana che la scrittura conobbe la sua più grande evoluzione.

Usata per le lettere, i diplomi, i graffiti o i contratti di vendita, essa iniziò ad arrotondarsi, semplificandosi. Le lettere iniziarono ad arrotondarsi. Le altezze delle lettere divennero differenti, dando luogo alla scrittura che noi oggi chiamiamo corsivo romano. La minuscola apparve nel corso del terzo secolo attraverso la scrittura volgare (quella del popolo), in seno alle lingue latine.

Le lettere quadrate in origine divennero progressivamente rotonde e specialmente nei testi religiosi cristiani.

Fu Carlo Magno che stabilizzò l’uso delle minuscole per rinforzare la propria autorità, una volta al potere, nell’anno 771. L’intervento del Re diede luogo ad una vera e propria riforma della scrittura. Tutti i testi dovevano ormai essere ricopiati in minuscola carolingia. Ecco: la nostra attuale scrittura discende da questa uniformazione.

Alcune cose interessanti nell’alfabeto romano

Nel corso dei primi secoli dell’uso dell’alfabeto romano, ereditato dai fenici e quindi ben lontano dalla scrittura tramite geroglifici propria della tradizione egizia, emergono diversi fatti di interesse:

  • Non v’è distinzione tra la U e la V. Esiste solo la V, dato che all’epoca la scrittura si mantiene ancora piuttosto quadrata,
  • La lettera G non esisteva. La consonante C esprimeva al contempo fonemi /k/ e /g/. Fu ereditata direttamente dal greco,
  • La lettere K risultava ridondante data l’esistenza della C. Venne mantenuta solo davanti a qualche A in certe parole
  • La lettera Z poi non esisteva. Essa sarebbe stata inutile, date le modificazioni fonetiche,
  • La lettera Q infine era una variante della lettera K, usata solo davanti ad una U.

Nella sua versione arcaica, l’alfabeto latino contava 20 lettere:

A, B, C, D, E, F, H, I, K, L, M, N, O, P, Q, R, S, T, V, X. 

Mentre nella sua grafia classica, dopo il terzo secolo, esso ne contava 23:

A, B, C, D, E, F, G, H, I, K, L, M, N, O, P, Q, R, S, T, V, X, Y, Z. 

Noterai che mancano le lettere J, U e W. Queste lettere apparvero molto dopo, mano a mano che l’arrotondamento dei caratteri ebbe luogo e che l’uso portò ad aggiungerle.

La comparsa della stampa e l’evoluzione moderna del nostro alfabeto

Solo allora iniziarono a diffondersi in modo massiccio i libri, fino ad allora molto limitati numericamente. Gutenberg inventò la stampa nel 1450!

Dall’apparizione della scrittura in Mesopotamia e dall’evoluzione dell’alfabeto arabo al greco antico, passando dall’ebraico e dalle lingue slave, le lettere classiche dell’alfabeto hanno affrontato diverse evoluzioni.

Fu nel Rinascimento che ebbero luogo i maggiori cambiamenti nella forma della scrittura, grazie al sopraggiungere della stampa. Fino ad allora, gli scritti erano redatti a mano. Con la stamperia, i libri iniziarono a diffondersi più facilmente.

Lo sapevi? La Bibbia è stata il primo testo ad essere stampato grazie all’uso di caratteri mobili. 

Ma ciò non vuol dire che si smise di redigere documenti a mano. Al contrario: si svilupparono diversi stili di scrittura:

  • Lo stile gotico: caratteri civili (XV secolo),
  • La scrittura finanziaria (XV secolo),
  • La scrittura arrotondata (XVII secolo),
  • La scrittura bastarda (XVII secolo),
  • La colata (XVII secolo),
  • L’inglese: partendo dalla scrittura bastarda italiana, essa risultò più facile da tracciare e da scrivere (XVIII secolo).

Fino al XX secolo, quest’ultima servì da base dell’apprendimento della scrittura scolastica. Oggi giorno, le lettere si trasformano ancora. Basta guardare i tag attuali, per rendersene conto.

Fin dalla comparsa dell’informatica (strumento prezioso che ti consentirà di consultare gratuitamente citazioni latine online), il sistema alfabetico fu il primo ad essere riconosciuto. Per ogni glifo esiste un codice manipolato dalla macchina. Dalla norma ASCI alla ISO 8859, tutti gli alfabeti sono oggi manipolati dai computer:

  • Quello di lingue antiche come l’alfabeto aramaico e quello ebraico,
  • La lingua greca, il greco moderno,
  • La lingua araba, il turco,
  • L’armeno,
  • Il sanscrito,
  • I caratteri cinesi,
  • L’alfabeto cirillico, l’alfabeto russo,
  • Le lingue europee come le lingue germaniche, il francese (coi suoi accenti circonflessi, acuti e gravi), lo spagnolo, il romeno, il croato…

Il nostro alfabeto non subisce più cambiamenti da quando sono divenute stabili le 26 lettere. Ma può conoscere varianti, passando da una lingua all’altra. E così, ad esempio, l’alfabeto spagnolo comporta 28 lettere e l’accento circonflesso, ereditato direttamente dal greco, non è più presente in tutte le lingue, ma solo in alcune.

Questo articolo ha risvegliato la tua sete di sapere? Leggi la nostra guida completa sul latino!

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar