"La felicità è come una farfalla" dice il Maestro, "inseguila e ti sfuggirà. Siediti tranquillamente e si poserà sulla tua spalla" — Anthony de Mello 

Al giorno d'oggi, l'offerta formativa dei corsi di yoga si sta facendo sempre più importante. La maggior parte delle palestre e dei centri sportivi organizzano corsi, e diventano sempre più comuni i centri di yoga specializzati esclusivamente in questa disciplina. Tutto questo gioca a nostro favore! Anche nei paesi occidentali si inizia finalmente a scoprire i benefici di questa pratica millenaria nata in India.

Lo yoga viene festeggiato in tutto il mondo il 21 giugno. In questa occasione, è possibile scoprire tantissime iniziative dedicate a questa disciplina secolare. Chi già pratica, può aver voglia di migliorare le proprie posture o la propria respirazione grazie alle tecniche ancestrali e agli esercizi tradizionali. Hai voglia di approfondire la tua conoscenza dello yoga scoprendone le radici? L’India rimane e rimarrà sempre una meta fondamentale per chiunque voglia diventare un giorno un/una maestro/a di yoga.

I tipi di yoga proposti nei centri dei paesi occidentali sono sempre più numerosi, ma quali sono di preciso quelli più praticati in india? Superprof ti accompagna in un viaggio di scoperta delle principali tipologie di yoga e delle loro peculiarità!

L’hatha yoga, il tipo di yoga più praticato in India 

Lo yoga è una disciplina in continua evoluzione!
Conosci le differenze tra i diversi tipi di yoga? Scoprile con noi!

Mentre alcune tipologie di yoga si concentrano su aspetti ben precisi come la respirazione, il rinforzo muscolare o la meditazione, l’hatha yoga è una pratica completa, ed è alla base di tutte le altre tipologie di yoga.

Il nome di questo tipo di yoga significa letteralmente "forza" in sancrito. È stato ispirato da un filosofo e maestro indiano, morto nel 1989: Krishnamacharya. Questo maestro professore ha quindi formato i suoi successori nel mondo dello yoga, che hanno poco a poco affinato e democratizzato l’hatha yoga.

In occidente, questa democratizzazione è iniziata da alcuni decenni. L'hatha yoga è stato fin da subito molto apprezzato dagli italiani. Ma in cosa consiste esattamente? È molto semplice! 

L’hatha yoga è un mix di pose (asana), che richiedono di praticare la respirazione (pranayama), ma anche la forza e la resistenza fisica. Si tratta quindi di un tipo di yoga completo, e le cui lezioni durano in genere un'ora o un'ora e mezza. È proprio la sua completezza a farne uno dei tipi di yoga più praticati in Italia e nel resto d'Europa!

Tra meditazione, relax, concentrazione e posture, l’hatha yoga è accessibile a tutti poiché è possibile adattarlo a qualsiasi livello. Mano a mano che progredirai, potrai intensificare gli esercizi e farne di più complessi.

Il vero hatha yoga

Lo yoga praticato in occidente è abbastanza lontano da quello praticato in India. L’hatha yoga non si limita infatti a una successione di posture semplici. È una vera pratica verso la spiritualità. 

Hatha significa "forza, vigore". L'hatha yoga praticato in India non è sempre adatto ai principianti, perché può mettere a dura prova il corpo di un neofita. Se decidi di partire in India per uno stage di hatha yoga, assicurati prima che il livello sia adatto alle tue capacità!

Scopri con noi i luoghi più idonei per praticare yoga in India!

Il kundalini yoga, importato direttamente dall’India 

Lo yoga può rappresentare una pausa dalle difficoltà quotidiane!
Puoi praticare yoga da solo/a o in gruppo, a te la scelta!

Il Kundalini yoga fa parte degli stili di yoga tradizionali importati direttamente dall’India. In effetti, fu ispirato da Swami Vivekananda e messo a punto dal maestro indiano Bhajan negli anni '70. Il Kundalini è una delle forme di yoga più amate ed efficaci per il raggiungimento del benessere psicofisico. Ma in cosa differisce dall'hatha yoga?

L'obiettivo del kundalini è quello di padroneggiare a fondo le posture semplici, al fine di superare i propri limiti facendone di più complesse. Questo tipo di yoga indiano si rivolge quindi a praticanti con un po' di esperienza, che sanno già cosa significa l’armonia tra il corpo e lo spirito. 

Per alcuni il kundalini si basa sull'energia sessuale che circola nel corpo, per altri invece il fulcro di questa pratica è la colonna vertebrale, vero centro nevralgico del flusso energetico. Dal cranio all'osso sacro, il Kundalini ci consente di imparare a controllare questo flusso di energie, consentendoci di conoscere meglio il nostro corpo.  

Stato di piena coscienza, controllo della respirazione, forza muscolare... è associando tutti questi aspetti che il kundalini yoga ci permetterà di migliorare il nostro benessere psico-fisico. Il termine "kundalini" significa "circolare" in sanscrito, ed è stato scelto proprio perché questo tipo di yoga mira a regolare la circolazione dell'energia all'interno del nostro corpo.

Cos’è un ashram? 

Un ashram, nell’antica India, era un luogo isolato in cui un saggio (brahman) cercava la comunione con la natura e le divinità. Era lontano dalle distrazioni del mondo al fine di aiutare i brahman a trovare la pace interiore. Le prime testimonianze di ashram risalgono a più di 6000 anni fa!  

Oggi il termine ashram indica ogni luogo in cui è possibile ritirarsi dalla vita di tutti i giorni per praticare yoga, da soli o in gruppo.

Hai paura di non avere abbastanza informazioni? Leggi la nostra guida per partire in un ashram indiano!

Il sivananda yoga, una pratica che fa bene alla mente

Creato negli anni 1960 da Swami Vishnudevahanda, lui stesso allievo del medico Swami Sivananda (da cui deriva il nome della disciplina), questo tipo di yoga si focalizza principalmente sulla respirazione, il rilassamento e lo sviluppo del pensiero positivo. 

Sempre più richiesto, il sivananda yoga si basa su 5 pilastri principali: 

  • La pratica regolare a un ritmo moderato, 
  • La respirazione 
  • Il rilassamento, 
  • L’alimentazione sana e vegetariana, 
  • Il pensiero positivo, che si sviluppa in particolare grazie alla meditazione. 

Nel corso delle sedute di circa 90 minuti, si potrà lavorare sul corpo e, soprattutto, sulla mente!

Derivato principalmente dallo hatha Yoga, questa pratica di yoga associa quindi asana, respiro e pratica meditativa, fornendoci una buona dose di benessere se esercitato in maniera regolare. Come tutte le pratiche sportive infatti, lo yoga dà realmente dei risultati solo quando praticato con regolarità e sul lungo termine!

Il sivananda yoga va quindi preso seriamente, o rischierai di non beneficiare dei suoi effetti positivi sulla mente e sul corpo!

Non sai che ashram scegliere? Dai un'occhiata ai nostri consigli!

Il bikram yoga, una pratica di successo!

Lo yoga fa bene al corpo e alla mente!
Un viaggio in India non è nei tuoi programmi? Non preoccuparti, puoi praticare yoga anche da casa!

Ci sono forti probabilità che tu conosca, almeno di nome, lo yoga bikram. Qualche anno fa, faceva parte delle pratiche di yoga più diffuse nel mondo.

Concretamente, si tratta di una serie di posture spesso difficili in rapida successione. Fino a qui, non ci sono grandi differenze con l'hatha yoga. La particolarità del bikram è però che va praticato in una sala in cui la temperatura sia inclusa tra i 35 e i 42 °C e il tasso di umidità superi il 40%.

Questo clima indotto stimola la sudorazione e aiuta il corpo a eliminarne le tossine. 

Il bikram yoga è quindi consigliato soprattutto a chi di base ha già una buona condizione fisica: chi non è abituato alle alte temperature e allo sforzo fisico rischia infatti di sentirsi male rapidamente. Ideato a partire dall’hatha yoga da Bikram Choupdhury (da cui prende il nome), il bikram è una tipologia di yoga in cui ogni movimento è pensato nei dettagli e la respirazione ha un'importanza enorme. 

Celebre oggi per le cattive ragioni…

Il fondatore del bikram yoga, Bikram Choupdhury, è stato accusato di aggressioni sessuali e stupro da diverse donne. Le vittime lo accusano di aver instaurato un clima degradante per le donne, insultandole anche pubblicamente e chiedendo loro di eseguire compiti umilianti. 

Su Netflix puoi anche trovare un documentario sull’ascensione e la caduta folgorante di questo "guru". All'epoca del #metoo, è fondamentale informarsi per saper riconoscere fenomeni come la manipolazione fin da subito, dal momento che anche in un modo pacifico e rispettoso come quello dello yoga si possono incontrare certi personaggi.

Lo yoga nidra, il cuore della pratica indiana

Trova un corso di yoga con Superprof!
Con lo yoga imparerai a conoscere il tuo corpo e a controllare i tuoi movimenti!

Anche chiamato "yoga del sonno", il nidra yoga è un tipo di yoga sviluppato da Swami Sahyanandanegli anni '40 del Novecento. Come suggerisce il nome, questa tipologia di yoga ha come obiettivo il miglioramento della qualità del sonno: ne conseguiranno delle notti più riposanti e dei risvegli meno difficili!

Relativamente vicino alla sofrologia, si può associare la pratica dello yoga nidra allo stato sofroliminale (quando si è ancora svegli ma ormai pronti a dormire). Praticato da sdraiati o da seduti, con sessioni di circa un'ora e mezza, il nidra yoga richiede di servirsi delle tecniche di meditazione, di respirazione e di rilassamento per raggiungere uno stato in cui la coscienza è vigile, ma la mente è calma.

L'obiettivo? Che la nostra coscienza prenda il controllo sul nostro corpo e influenzi i nostri movimenti in maniera completamente rilassata. Combinare yoga e meditazione e imparare a conoscere meglio il proprio corpo è possibile e soprattutto benefico!

Una lezione di yoga nidra si svolge generalmente nella maniera seguente: una prima fase di rilassamento guidato, una fase di recitazione di mantra e infine le posture dello yoga. Laddove il silenzio ha il suo spazio, la mente può inserirsi e fare dello yoga nidra un mix di meditazione e piena coscienza!

Allora, qual è il tipo di yoga che ti attira di più?

Prima di partire, non dimenticare tutti gli aspetti pratici di un viaggio in un ashram!

Bisogno di un insegnante di Yoga?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Nicolò

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.