Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di arabo a Genova

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di arabo a Genova è di 5,0 con più di 2 commenti.

14 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di arabo a Genova costano 14€.

2 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 2h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di arabo a Genova

Parla con l'insegnante di arabo per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di arabo e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare l'arabo a Genova non è mai stato così facile!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Arabo a Genova, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

✒️ Come sono valutati/e i/le professori/esse di lingua araba a Genova ?

Gli/le allievi/e danno un punteggio medio di 5,0 su 5 su una selezione di 2 voti.

 

La nostra équipe è a tua disposizione per offrirti un veloce sostegno (per telefono o e-mail 5g/7) se dovessi riscontrare qualsiasi complicanza, o in caso di dubbi per un/un'insegnante.

 

Scopri le domande più frequenti!

💡 Per quale ragione prendere delle ripetizioni di lingua araba a Genova?

L'arabo è la quinta lingua più parlata al mondo: saperlo parlare rappresenta un enorme vantaggio nel mercato del lavoro, nonché una competenza preziosa a livello personale. Le lezioni di arabo con un/una maestro/a ti consentiranno di fare progressi sfruttando al meglio il tempo a disposizione.

Potrai orientarti verso il/la professore/essa che meglio risponde alle tue esigenze e organizzare di persona o a distanza i corsi di arabo in completa autonomia!

 

Un'interfaccia apposita è disponibile per comunicare con l'insegnante per pianificare i corsi di arabo con tranquillità.

Il nostro motore di ricerca ti permetterà di trovare la perla rara tra 12 maestri/e di arabo a Genova.

 

Fai click e lancia la ricerca!

💻 Se trovo un/una prof di arabo adatto/a alle mie esigenze ma nessuno di noi può spostarsi, possiamo fare le lezioni a distanza?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni via webcam sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

Le lezioni di arabo online sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare senza uscire di casa.

👨‍🏫 Quanti/e sono i/le tutor disposti/e a dare lezioni di lingua araba a Genova e dintorni?

Trova le lezioni di lingua e grammatica araba a Genova scegliendo tra più di 12 prof disponibili.

 

Non esitare e trova il/la prof che più ti ispira. Dove? A Genova!

 

Per poter fare la scelta giusta, leggi con attenzione i loro cv.

💸 Qual è il costo medio di una lezione di lingua e grammatica araba a Genova?

A Genova il prezzo medio di un corso privato di arabo è di 14 €.

 

L’esperienza dei/delle tutor, il luogo dove avverranno i corsi (online o a domicilio dell'insegnante) e l'offerta e la domanda locali o ancora la cadenza delle lezioni e la durata sono fattori che possono influire sul prezzo delle lezioni.

 

Il 97% dei/delle tutor offrono la prima ora di lezione.

 

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Corso arabo per diventare bilingue

Impara l’arabo con film e romanzi: da Genova a Baghdad

Sei un appassionato di gialli, noir e legal thriller, ma oramai hai letto tutto quello che hai trovato sull’argomento: non solo Camilleri, Carlotto, De Cataldo, Carofiglio, De Giovani, Lucarelli, ma anche gli autori della tua città, Genova: Marco Di Tillo e il suo ispettore Marco Canepa, Mario Paternostro e i suoi gialli genovesi, Rosa Cerrato e la sua Nelly Rosso, Bruno Morchio e il suo Bacci Pagano, Antonio Caron e il suo maresciallo Vitale,…

Se sei alla ricerca di un nuovo filone, che ti offra le certezze che solo i gialli sanno darti, regalandoti allo stesso tempo un approfondimento di una cultura diversa, con scenari che ancora non conosci, assieme a personaggi del tutto nuovi, allora i romanzi arabi potrebbero fare per te!

Abbandona i carruggi della Maddalena ed entra nei suq mediorientali: non te ne pentirai. Sarà anche l’occasione per conoscere (o per approfondire) la lingua araba. E, se dopo il primo libro, sentirai il desiderio di leggere la versione non tradotta, potrai cercare un professore di arabo, sulla piattaforma di Superprof.

I gialli arabi: il medioevo di Baghdad

C’è un libro in particolare da cui partire. Si tratta di una raccolta di 28 novelle poliziesche, ambientate a Baghdad tra il 750 e il 1258, ovvero in quella che gli storici chiamano epoca abbasside.

I motivi per cui scegliere Gialli d’Oriente – Racconti polizieschi dal medioevo arabo sono diversi.

Prima di tutto perché, trattandosi di racconti, il testo sarà di più facile lettura rispetto ad un lungo romanzo (soprattutto per chi scelga la versione originale): uno spaccato di vita quotidiana in quella che oggi è la capitale dell’Iraq, eventi e svolgimenti delle azioni più rapidi, ambientazione semplificata, il tutto senza perdere il senso generale del racconto e l’attenzione ai dettagli di ogni scena e di ogni personaggio.

In secondo luogo, ma non meno importante, è il fatto che la raccolta è pensata anche come un corso di arabo e di islamistica: oltre al testo nella traduzione italiana, trovi anche quello in arabo con relativa vocalizzazione, ma anche note grammaticali, lessicali e culturali. In calce al volume, l’editore ha posto addirittura un vocabolario riepilogativo italiano – arabo e arabo – italiano, oltre ad un apparato didattico specificamente collegato alle espressioni utilizzate nei 28 racconti.

Insomma, non solo racconti polizieschi, ma anche un arricchente corso di islamistica: le note storico culturali consentono una riflessione sull’esercizio della giustizia (sharīʻa) nell’Islam medievale: punizioni esemplari e pubbliche si alternano a riduzioni della pena o ad atteggiamenti tolleranti e comprensivi, il tutto a dimostrare come nella società abbasside di Baghdad si procedesse ad un tentativo di interpretazione della legge islamica attraverso l’intelligenza e il ragionamento, tipico di una società in movimento, dove fede e ragione tentano di andare a braccetto.

I khabar per entrare nei suq e nelle corti degli emiri

In Gialli d’Oriente, i khabar, termine tecnico che sta ad indicare proprio i racconti, sono geograficamente ambientati tra la città di Baghdad e la circostante regione dello Sham: ladri, briganti e truffatori di ogni genere tentano di intrufolarsi, per rubare in modo cinico e senza scrupoli, a volte camuffandosi nei modi più svariati. Il ruolo dell’investigatore, che nei gialli e nei noir ambientati a Milano, Genova o Vigata spetta al commissario o al maresciallo, nella Baghdad abbasside è interpretato da califfi e governatori. Dovranno seguire gli indizi, individuare i ladri e i criminali che si sono infiltrati nelle corti dove hanno rubato o commesso degli efferati delitti.

Per aiutare ulteriormente gli studiosi di arabo agli inizi, i racconti sono ordinati per difficoltà crescente.

Altri spunti di lettura in arabo

Vi sono tanti altri libri, che potrebbero interessare un arabofilo appassionato di romanzi, gialli; tra questi ne citiamo un paio:

  • Vedere adesso, di Montasser al-Qaffash (vi troverai la trattazione della modernità vista dall’Egitto);
  • La casa di pietra. Memorie di una casa, una famiglia e un Medio Oriente, di Anthony Shadid (ambientato in Libano).

Per chi ama invece la fantascienza e il genere distopico, possiamo citare:

  • Hayy ibn Yaqzan, del filosofo Ibn Tufayl
  • Le tre città, di Farah Antun
  • La quinta dimensione, di Ahmad Ra’if
  • Viaggio nel futuro, di Tawfiq al-Hakim.

Le serie tv arabe, per imparare l’arabo restando a Genova

I gialli e i noir dalle tinte arabe ti sono piaciuti? Sappi allora, che le piattaforme di streaming, da qualche anno, propongono anche delle produzioni arabe: le puoi guardare in lingua originale, con sottotitoli, per rinfrescare il tuo arabo. Ecco alcuni consigli di visione.

Justice/Qalb al-‘Adala

Si tratta della prima serie in ordine di tempo, prodotta negli Emirati Arabi, ad approdare sulla piattaforma Netflix. Il personaggio chiave è una giovane avvocatessa, che dopo aver studiato negli Stati Uniti torna a casa con le idee chiare: altro che lavorare nello studio del padre! Deve lanciarsi come professionista del foro, da avocato indipendente. Tra una scena e l’altra, alcune delle quali girate proprio al Dipartimento di Giustizia della metropoli di Abu Dhabi, oltre ad imparare l’arabo, potrai comprendere il sistema legale degli Emirati Arabi

Jinn

Dalla serie a sfondo legal, alla miniserie di sei puntate sulla vita di un gruppo di amici teenager, tra drammi tipici dell’età adolescenziale ed elementi soprannaturali. Si tratta della prima serie araba originale Netflix. È stata girata per lo più in Giordania.

Al Haybah

Il nome della serie riprende quello del paese immaginario, collocato al confine tra Libano e Siria. Anche se il paese Al Haybah in realtà non esiste, sembra sia stato collocato nella regione della Beqaa (Libano nord occidentale), anche perché i protagonisti parlano con l’accento di questa zona. E questo ha provocato più di qualche critica.

Nei diversi episodi (siamo già alla terza serie) si narrano le vicende di una famiglia di malavitosi: crimini, amori travagliati e scene di violenza domestica. Insomma, secondo i critici sembra si sia voluto mettere in cattiva luce proprio la zona della Beqaa.

In ogni caso, si tratta di una serie dinamica e che si fa guardare piacevolmente, l’ideale per imparare l’arabo.

Secret of the Nile

Hai mi visto la serie TV spagnola Grand Hotel? O forse hai visto l’adattamento italiano, girato sulle nostre Dolomiti?

Ecco, sappi che ne esiste anche una versione egiziana: gli eventi narrati durante gli episodi si svolgono al Grand Hotel di Aswan, dove una cameriera dell’albergo sparisce. Ad indagare sarà il fratello di lei, sotto mentite spoglie.

Si tratta della prima produzione egiziana a sbarcare su Netflix; la puoi guardare in arabo egiziano.

Altri spunti per le tue serate in arabo

Altri film e serie TV con cui approfondire la tua conoscenza dell’arabo sono:

  • Corvi neri, ambientato a Raqqa, Siria, parla delle donne sottomesse, plagiate e traumatizzate dall’Isis;
  • Fauda / Chaos, serie arabo israeliana con attori israeliani e arabo israeliani, parla di un militare di Israele, che parte alla ricerca di un presunto terrorista palestinese (ricorda molto da vicino la serie Homeland);
  • Abla Fahita;
  • Mosul;
  • Non conosci Papicha;
  • Baghdad Central;
  • Paranormal.

Buona lettura e buona visione!

Che cosa vuoi imparare?