Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati e private di chitarra a Bari

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai nostri e alle nostre insegnanti di chitarra a Bari è di 5,0 con più di 13 commenti.

16 €/ora

Le migliori tariffe: il 95% dei nostri e delle nostre insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di chitarra a Bari costano 16€.

1 h

Veloci come saette, i nostri e le nostre insegnanti ti rispondono in 1h.

Imparare Chitarra a Bari non è mai
stato così facile.

2. Organizza le tue lezioni private di chitarra a Bari

Parla con l'insegnante di chitarra per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di chitarra e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a suonare la chitarra a Bari non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti gli (o tutte le) insegnanti, coach, docenti, alle masterclass di Chitarra a Bari, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

💸 Quanto costa in media un professore o una professoressa di chitarra a Bari?

A Bari, il prezzo medio per una lezione di chitarra è di 16€ all'ora. Il costo cambia a seconda dell'insegnante, poiché è l'insegnante stesso/a a fissarlo.

Gli e le insegnanti tengono in conto l'esperienza e i titoli, il luogo dove le lezioni si realizzano (a domicilio, al domicilio dell'insegnante, oppure a casa del o della tutor); la regolarità, il tempo delle lezioni, o ancora competenza dei (e delle) prof di chitarra a Bari.

 

La maggior parte dei nostri (e delle nostre) docenti di chitarra offre il primo corso.

 

Dai un'occhiata il prezzo dei e delle insegnanti di chitarra nella tua zona facendo una semplice ricerca su Superprof.

⏰ Ci sono professori e professoresse disponibili per impartire lezioni private di chitarra a Bari?

Puoi scegliere tra i/le 22 maestri privati e maestre private di chitarra iscritti (e iscritte) alla piattaforma a Bari e dei dintorni.

 

Dai uno sguardo ai e alle docenti di chitarra presenti a Bari e contatta l'insegnante che si adatta alle tue esigenze.

 

I criteri che ti possono guidare per scegliere un’insegnante privata o un insegnante privato di chitarra sono:

  • Il prezzo. Ricordati di controllare con precisione i costi e verificare se vengono proposte formule speciali per un pacchetto di lezioni, o per i corsi in piccoli gruppi.
  • Il luogo. Dove si svolgeranno le lezioni? L'insegnante deve spostarsi o sei tu a doverti muovere?
  • L'esperienza dell'insegnante. Sia come prof di chitarra, sia come chitarrista.
  • Le valutazioni degli ex studenti e delle ex studentesse.

Seguendo questi criteri, trovare il tuo (o la tua) prof ideale sarà semplicissimo!

💻 Se trovo un o una docente di chitarra che mi interessa ma siamo lontani, possiamo fare le lezioni a distanza?

Certamente! La maggior parte dei nostri e delle nostre docenti oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via webcam.

 

Le lezioni su internet sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

I corsi di chitarra via webcam sono un'eccellente opzione per continuare a imparare a casa.

🎸Perché entrare in contatto con un (o una) docente di chitarra a Bari può essere una buona decisione?

Chi non ha sognato almeno una volta di diventare un chitarrista professionista? O almeno di sapere suonare le proprie canzoni preferite con gli amici, magari intorno a un falò sulla spiaggia? Non è un caso che la chitarra sia lo strumento più suonato al mondo, e ogni giorno sempre più persone iniziano a suonarla.

 

Non c'è da stupirsi se la chitarra ha raggiunto una tale popolarità, poiché i suoi vantaggi sono tanti. Per prima cosa, è uno strumento economicamente accessibile se paragonato alla fisarmonica o al sax. Per meno di 200 euro è possibile trovare una chitarra di buona qualità.

 

In seconda istanza, per la facilità nel trasportarla. Si tratta di uno strumento facilmente maneggiabile, al contrario di altri (batteria), che si può quindi trasportare facilmente in viaggio, alle feste con gli amici, o in famiglia, durante le gite...! L'atmosfera cambia radicalmente con il suono di una chitarra !

 

Terzo, per la facilità di apprendimento. Per imparare a suonare la chitarra, non è necessario conoscere per filo e per segno il solfeggio. Con un po' di costanza, in poche settimane sarai capace di eseguire alcuni accordi. Puoi avanzare anche imparando poco a poco canzoni di gruppi che ti piacciono. Inoltre, un altro vantaggio è che su internet potrai trovare moltissimo materiale: partiture video e consigli per continuare a imparare.

 

Quarto, una chitarra è un buon mezzo per aiutarti ad affermare la tua personalità. Suonare questo strumento ti permette di stimolare la tua creatività, liberare le emozioni e accrescere la tua autostima. Essere creativo può essere anche un bonus nell'ambito professionale e permetterti di trovare soluzioni inaspettate a problemi quotidiani.

 

Cosa aspetti a diventare la o il chitarrista più famosa o famoso della nostra epoca?

Vuoi imparare Chitarra a Bari?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Chitarra di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti di Bari per lezioni di chitarra

Musica e chitarra a Bari: dai grandi artisti al tuo strumento

Perché suonare la chitarra a Bari? Semplicemente perché il capoluogo pugliese ha dato i natali a talmente tanti interpreti, cantautori e musicisti, che l’orgoglio di essere barese dovrebbe spingere chiunque a prendere in mano una chitarra, in modo da poter riprodurre accompagnamento e melodia dei brani più famosi.

Poniamo che ti trovi una sera d’estate al mare, fuori regione (anche se in realtà, perché mai un pugliese dovrebbe cercare il mare fuori della propria regione?), o una serata in montagna; oppure, ancora, durante un Erasmus, in mezzo a francesi, olandesi, tedeschi, spagnoli e chi più ne ha ne metta: poniamo che qualcuno ti chieda chi sono i personaggi famosi della tua città e cosa hanno fatto per il mondo della musica.

Beh, diciamo che le risposte non ti mancheranno di certo, ma se tu sapessi suonare la chitarra, potresti in aggiunta far sentire quello di cui parli. E il successo, tuo e della tua città d’origine, sarebbe garantito.

Il Vecchio Scarpone di Gino Latilla

Anche perché una cosa è, fuori dai confini regionali, citare Gino Latilla, un’altra è intonare Vecchio Scarpone (del 1953) e Malinconica tarantella (1952) con la chitarra. Il cantante nacque a Bari nel 1924 e partecipò al terzo Festival di Sanremo, arrivando sul podio. Davanti a lui, si posizionò un altro nome noto della canzone italiana, Carla Boni, con la quale Latilla, nel 1957, duettò sempre a Sanremo, questa volta sulle note di Casetta in Canada e con la quale Carla si sposò l’anno successivo.

Ma, nel frattempo, Latilla aveva partecipato nuovamente a Sanremo, nel 1954, con Tutte le mamme, classificatasi prima e con La barca tornò sola (terza classificata).

Assieme alla moglie, duettò in altri successi, come Marietta monta in gondola e Serenatella sciue’ sciue’.

Le sue collaborazioni poi continuarono anche con il grande Fred Buscaglione e con Nilla Pizzi. Insomma, se non ti senti all’altezza di cantare i suoi pezzi, ti capiamo, ma almeno potresti suonare i suoi brani, proprio come faceva un altro pugliese doc Pino Rucher, sul palco assieme allo stesso Gino Latilla.

Volare con Domenico Modugno

Chi, invece, non ha proprio bisogno di presentazioni è Domenico Modugno, nato nel 1928 a Polignano a Mare (Bari, ovviamente).

Lui si definiva “pugliese di nascita, siciliano d’amore e napoletano d’adozione”. Non c’è persona, di qualsiasi generazione, che non abbia sentito almeno una volta Nel blu dipinto di blu (brano vincitore al festival di Sanremo, nel 1958), Piove (primo posto nel 1959), Addio … Addio (primo posto, nel 1962) e Dio come ti amo (ancora un primo posto, nel 1966). A Sanremo, non furono solo successi per Modugno, dato che Meraviglioso, nel 1968, non superò le selezioni, ma il cantautore barese partecipò al festival ben 12 volte.

Un mostro sacro della nostra musica degli anni Cinquanta – Settanta, ma dato che con francesi e inglesi non si può mai sapere, citare il nome di Domenico Modugno potrebbe non essere sufficiente: molto meglio, allora, imbracciare la chitarra.

Anna Oxa: dagli anni Settanta in poi

Facciamo un salto in avanti di qualche anno, ma restiamo tra le voci note della musica italiana: Anna Oxa, classe 1961.

Che si può dire di lei se non che ha partecipato a 14 edizioni del festival canoro più famoso della penisola, vincendolo ben due volte: in coppia con Fausto Leali, nel 1989 con Ti lascerò e, dieci anni dopo, con Senza pietà, da solista. Ma tutti sappiamo che la carriera di Anna Oxa non si limita a Sanremo, ma ci parla di dischi, collaborazioni (Ivano Fossati, Roberto Vecchioni, Franco Ciani) e duetti (Fausto Leali, Ron, Lucio Dalla, Fabio Concato) con altre celebrità della musica leggera del nostro Paese.

A proposito, se ti incuriosisce il suo cognome, sappi che all’originale sarebbe Hoxha, dato che il padre aveva origini albanesi.

L’hip hop sbarca in Puglia: Caparezza

Un ulteriore salto in avanti ed approdiamo ad un altro genere ancora, a dimostrazione della ricchezza della città pugliese, in quanto a fonte di ispirazione per grandi artisti. Michele Salvemini, alias Caparezza è nato a Molfetta (parte della città metropolitana barese), nel 1973.

Dal Duemila ad oggi, si è fatto conoscere al grande pubblico, per un genere di musica che mixa sapientemente hip hop, rock, metal, reggae, elettronica, senza rinunciare ad accompagnamenti strumentali notevoli. Alla parte musicale, si accompagna sempre una ricerca accuratissima dei testi, con rime, assonanze e rimandi culturalmente profondi ed estremamente ricercati.

Dall’inizio della sua carriera, gli album di successo si sono susseguiti l’uno dopo l’altro: Verità supposte (del 2003, dove spicca Fuori dal Tunnel), Habemus Capa (2006, con Torna Catalessi, tra le altre), Le dimensioni del mio caos (2008, Cacca nello spazio e Vieni a ballare in Puglia, con la partecipazione di un altro pugliese doc, Albano Carrisi), Il sogno eretico (2011, Il dito medio di Galileo, La fine di Gaia, Kevin Spacey), il monumentale Museica (2014, Mica Van Gogh, China Town e Teste di Modì) e l’ultimo in ordine di tempo Prisoner 709 (uscito nel 2017 e contenente Confusianesimo e Forever Jung).

Dove imparare la chitarra a Bari

Ora, si pone il vero nocciolo della questione: non sai suonare la chitarra o, almeno, non tanto da spingerti a riprodurre Volare, Vecchio scarpone o Vengo dalla luna, di fronte ad un pubblico, seppur limitato ed informale.

Fortunatamente per te, però, la città di Bari, oltre ad aver dato i natali ad artisti famosi, offre anche diverse opportunità per imparare la chitarra:

  • Accademia della musica, situata all’interno del business center Faraone, sulla strada che porta allo Stadio San Nicola, è suddivisa in un dipartimento classico, in uno moderno e nelle sezioni dedicate rispettivamente alla musicoterapia e ai bambini piccoli e piccolissimi;
  • Groove Up Bari - Scuola di musica ha la propria sede a Poggiofranco; propone corsi di chitarra rock, chitarra classica e basso elettrico, dedicati specialmente a bambini e ragazzi;
  • Ree Diesis – Scuola di musica, in via Pietro Nenni, a Poggiofranco, ha solo cinque anni di corsi all’attivo, ma è ben organizzata e frequentata dagli amanti della musica classica, del rock, del jazz e del pop moderno;
  • Il Coretto, associazione musicale attiva a Bari dal 1966, propone corsi per tutte le età di chitarra classica e chitarra elettrica (e anche di basso elettrico). Lo trovi a Bari Vecchia.

La chitarra a Bari con Superprof

Se, infine, sei alla ricerca di un corso di chitarra personalizzato, con un maestro che ti segua sulla base di un programma personalizzato e con un calendario che possa adattarsi perfettamente ai tuoi impegni di lavoro, allora, potresti cercare un insegnante privato.

E il posto migliore in cui trovare un professore di chitarra tutto per te è la piattaforma di Superprof: qui, hai la possibilità di esaminare con calma le decine di profili disponibili sul sito, verificando titoli di studio, esperienze di insegnamento e concertistiche, metodi di insegnamento, tariffe e feedback degli altri aspiranti chitarristi.

A proposito, la tariffa media a Bari per un’ora di chitarra è di 14€. Perché non testare uno dei superprof di chitarra della tua città?

Che cosa vuoi imparare?