Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati e private di chitarra a Trento

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai nostri e alle nostre insegnanti di chitarra a Trento è di 5,0 con più di 6 commenti.

19 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei nostri e delle nostre insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di chitarra a Trento costano 19€.

2 h

Veloci come saette, i nostri e le nostre insegnanti ti rispondono in 2h.

Imparare Chitarra a Trento non è mai
stato così facile.

2. Organizza le tue lezioni private di chitarra a Trento

Parla con l'insegnante di chitarra per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di chitarra e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a suonare la chitarra a Trento non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti gli (o tutte le) insegnanti, coach, docenti, alle masterclass di Chitarra a Trento, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

💰 Quanto costa in media un'ora di lezione di chitarra a Trento?

Il costo medio di un maestro privato o una maestra privata di chitarra a Trento è di 19. Questo prezzo cambia da insegnante a insegnante e dipende da tre fattori.

 

La maggior parte dei nostri (e delle nostre) professori e professoresse di chitarra offre la prima lezione

 

Vai a vedere le tariffe dei e delle insegnanti di chitarra nella tua città facendo una semplice ricerca su Superprof.

⏰ Quanti (e quante) maestri privati e maestre private sono disposti (e disposte) a impartire corsi privati di chitarra a Trento?

A Trento e nei dintorni ci sono 17 maestri privati e maestre private disponibili per impartire lezioni di chitarra.

 

Dai un'occhiata ai e alle insegnanti di chitarra presenti a Trento e contatta l'insegnante che si adatta alle tue esigenze.

 

I criteri che ti possono guidare per scegliere un maestro privato o una maestra privata di chitarra sono:

  • Il prezzo. Ricordati di controllare con precisione i costi e verificare se vengono proposte formule speciali per un pacchetto di lezioni, o per i corsi in piccoli gruppi.
  • Il luogo. Dove si svolgeranno le lezioni? L'insegnante deve spostarsi o sei tu a doverti muovere?
  • L'esperienza dell'insegnante. Sia come prof di chitarra, sia come chitarrista.
  • Le valutazioni degli ex alunni e delle ex alunne.

Seguendo questi criteri, trovare il tuo (o la tua) tutor ideale sarà facilissimo!

💻 Si può imparare a suonare la chitarra a distanza con un o una tutor di Superprof?

Assolutamente sì! La maggior parte dei nostri e delle nostre prof oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni su internet sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

Le lezioni di chitarra online sono un'eccellente opzione per continuare a imparare senza uscire di casa.

🎸Perché entrare in contatto con un maestro privato o una maestra privata di chitarra a Trento può essere una buona cosa?

La chitarra è uno strumento popolare. Chi non ha interpretato almeno una volta la propria rock star del cuore sotto la doccia, o non ha imitato il frenetico muoversi delle dita per simulare un riff di chitarra durante uno show? Ogni giorno, milioni di appassionati e appassionate iniziano a imparare a suonare la chitarra, e fanno bene!

 

La chitarra offre diversi vantaggi rispetto ad altri. Innanzitutto, è uno strumento economico, se lo paragoniamo ad esempio a un pianoforte, e si può facilmente trovare un valido modello per meno di 200 euro.

 

In seconda istanza, per la facilità nel trasportarla. Si tratta di uno strumento facilmente maneggiabile, al contrario di altri (batteria), che si può quindi trasportare facilmente in viaggio, alle feste con gli amici, o in famiglia, durante le gite...! L'atmosfera cambia radicalmente con il suono di una chitarra !

 

Terzo, per la facilità di apprendimento. Per imparare a suonare la chitarra, non è necessario conoscere per filo e per segno la teoria musicale. Con un po' di costanza, in poche settimane sarai capace di eseguire alcuni accordi. Puoi avanzare anche imparando poco a poco canzoni di artisti e artiste che ti piacciono. Inoltre, un altro vantaggio è che su internet potrai trovare moltissimo materiale: partiture tutorial e consigli per migliorarti.

 

Quarto, una chitarra è un buon mezzo per aiutarti ad affermare la tua personalità. Suonare questo strumento ti permette di sviluppare il tuo lato creativo, liberare le emozioni e accrescere la tua autostima. Essere creativo può essere anche un bonus nell'ambito professionale e permetterti di trovare soluzioni inaspettate a problemi quotidiani.

 

Cosa aspetti a prenotare il tuo primo corso di chitarra?

✒️Su Superprof, qual è stato il voto medio ricevuto dai nostri maestri privati e dalle nostre maestre private di chitarra a Trento?

Con un totale di 6 valutazioni ricevute, gli (e le) insegnanti di chitarra a Trento hanno conquistato un voto medio di 5,0 su cinque.

 

Per qualsiasi domanda riguardo Superprof, i corsi privati o i/le nostri/e insegnanti, puoi consultare le nostre domande frequenti, dove rispondiamo ai dubbi più frequenti. Se desideri parlare con noi, un'équipe di supporto clienti è disponibile 5 giorni su 7 per email o per telefono.

Vuoi imparare Chitarra a Trento?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Chitarra di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

I nostri consigli imparare a suonare la chitarra

Ascoltare e suonare la chitarra a Trento: il caso delle Dolomiti!

La chitarra a Trento è uno strumento molto apprezzato e molto praticato.

E non pensiamo solo al trentino Andrea Braido, chitarrista autodidatta con una lunghissima carriera alle spalle, anche con artisti estremamente prestigiosi della scena italiana: Patty Pravo, Mina, Francesco Baccini e, soprattutto, Vasco Rossi.

Pensiamo anche a tutti i concerti che da anni si tengono en plein air nella cornice dolomitica: un’esperienza unica, sia per il pubblico, sia per gli strumentisti e i cantanti che vi si esibiscono.

I Suoni delle Dolomiti

Ogni anno, arrivano sulle Dolomiti trentine artisti e virtuosi della chitarra da ogni parte d’Italia e del mondo, tanto questi concerti attirano l’interesse degli amanti della musica, suonata e ascoltata. E non c’è dubbio che entrambe le categorie (pubblico e musicisti) siano appassionati: per giungere al luogo del concerto è necessario prendere la seggiovia e camminare, nel migliore dei casi, un’oretta: non proprio come andare a teatro con l’abito elegante e le scarpe con il tacco!

Nell’agosto 2018, ad esempio, si sono esibiti sopra Passo San Pellegrino, in Val di Fassa artisti ungheresi che attingono al ricco patrimonio musicale dell’Europa centrale: il chitarrista Ferenc Snétberger era accompagnato al sax da Tony Lakatos. Le fonti di ispirazioni di Snétberger sono dei veri e propri mostri sacri della musica di tutti i tempi: da Bach a Django Reinhardt, passando per Egberto Gismonti.

Django Reinhardt è motore ispiratore anche della star dell’edizione 2019 dei Suoni delle Dolomiti, il tedesco Joscho Stephan. Dopo aver studiato la chitarra classica, a soli 14 anni scopre casualmente il re del gipsy jazz, se ne innamora e, ora, lo reinterpreta a modo suo. Ma lo fa in modo talmente brillante che la rivista americana Guitar Player ha dichiarato “CD del mese” Swinging Strings, il CD di debutto di Stephan.

Dopo di allora, il chitarrista tedesco, che si è esibito in Val di Fassa due anni fa, ha pubblicato almeno altri 4 CD, tutti degni di nota e con grande ritorno da parte del pubblico e dei fan.

Nel 2021, l’edizione dei Suoni delle Dolomiti continua con chitarristi e artisti di eccezione, come Domenico Mariorenzi, che in una tre giorni di camminate (dalle tre alle cinque ore di trekking ogni volta) tra San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi, accompagnerà il comico, imitatore, performer e cantante Neri Marcorè in concerti dedicati ai brani di un grande cantautore italiano da poco scomparso: il cuneese Gianmaria Testa.

Ma vi saranno anche: Daniele Silvestri con la sua chitarra, tra la Paganella e il Lago di Molveno; la Riot Jazz Brass Band, tra i Laghi di Bombasèl, Lagorai e la Val di Fiemme; Gidon Kremer e la Kremerata Baltica in un concerto dedicato ai 100 anni della nascita di Astor Piazzola, presso Malga Canvere, sempre in Val di Fiemme.

Il Guitar Campus in Trentino

Se la cornice dolomitica rappresenta uno scenario unico per dei concerti all’aria aperta memorabili, le stesse montagne trentine offrono anche un corso di chitarra eccezionale.

Si tratta dei Corsi di musica di UpDoo!, nello specifico del Guitar Campus.

Il Guitar Campus è un workshop della durata di tre giorni, che si tiene ogni anno all’inizio del mese di luglio. Ma, se workshop anche più lunghi di questo non sono di certo un’eccezione nel nostro Paese, quello organizzato dall’associazione UpDoo di Rovereto (cittadina ad un quarto d’ora da Trento) è veramente unico per la location: l’edizione 2021, ad esempio, si tiene a Luserna, piccolissima cittadina cimbra posta all’ingresso della Valsugana.

In condizioni normali vengono ospitatati 50 allievi, ma in questa fase pandemica, per motivi di sicurezza, il numero di posti è limitato a 20 (ma gli organizzatori e i maestri di chitarra di Trento aspettano con ansia di poter tornare ai regimi degli anni precedenti).

Il campus è aperto a tutti, dai principianti assoluti agli esperti chitarristi che non vogliono mai smettere di imparare: le lezioni sono suddivise, infatti, in sette livelli (raggruppati in base, intermedio e avanzato) e il numero di maestri di chitarra è tale che ogni ragazzo o adulto (non ci sono limiti di età per la partecipazione al Guitar Campus) sarà seguito in modo particolareggiato.

La personalizzazione delle lezioni in base alle esigenze del singolo è assicurata; ogni corso è suddiviso in tre sezioni:

  • Lezioni teoriche: per un approccio alla musica che non sia troppo ristretto, durante il quale approfondirai argomenti teorici in connessione con la tua chitarra;
  • Lezioni pratiche: l’applicazione della teoria, magari con le canzoni che tu ami di più e che potrai proporre al tuo maestro;
  • Musica dal vivo: è il momento in cui ogni allievo capirà l’importanza di una collaborazione sul palco e lo farà accompagnato da un bassista e da un batterista in una simulazione di concerto.

Insomma, in questi tre giorni di campus seguirai ben dodici lezioni teoriche e pratiche (che, per gli avanzati saranno incentrate su improvvisazione, armonizzazione e analisi armonica), riceverai dispense o libri su scale, accordi, arpeggi; un manuale di armonia; un CD con 1.000 tablature. Tutti, alla fine del Campus, avranno, ovviamente, il proprio attestato di partecipazione.

Oltre alle lezioni classiche, il Campus eserciterà tutto il suo fascino anche nei momenti di vita collettiva; per questo, l’organizzazione ti offre la possibilità di scegliere il tipo di alloggio per le tre notti: in hotel, secondo la formula pensione completa, o in campeggio.

Considerata la bellezza dei luoghi e la posizione della location (siamo ad oltre 1.300 mslm) il campus potrebbe rappresentare l’opportunità di una breve vacanza con partner o famiglia. Quindi, non ci sono proprio scuse: quest’anno imparerai a suonare la chitarra a Trento!

Che cosa vuoi imparare?