Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati e private di danza a Verona

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai nostri e alle nostre insegnanti di danza a Verona è di 5,0 con più di 2 commenti.

18 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei nostri e delle nostre insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di danza a Verona costano 18€.

9 h

Veloci come saette, le nostre e i nostri insegnanti ti rispondono in 9h.

Imparare Danza a Verona non è mai
stato così facile.

2. Organizza le tue lezioni private di danza a Verona

Parla con l'insegnante di danza per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di danza e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a cantare a Verona non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti gli e tutte le insegnanti, coach, maestri, maestre, alle masterclass di Danza a Verona, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

✍️ Qual è il voto medio que gli/le alunni/e hanno dato agli/alle insegnanti privati/e di danza a Verona?

Ai/alle professori/esse di Verona, gli/le alunni/e hanno attribuito un voto di 5,0 su cinque, media ottenuta su un totale di 2 voti ricevuti.

 

Se hai qualche dubbio, puoi contattare il nostro servizio clienti dal lunedì al venerdì per via telefonica o e-mail.

 

Visita anche la nostra sezione FAQ, dove rispondiamo alle domande più frequenti.

🙋🏼 Quanti/e maestri/e sono disponibili a Verona per impartire lezioni di danza?

A Verona ci sono un totale di 10 professori/esse privati/e di danza che accetteranno volentieri di averti come allievo/a.

 

Puoi vedere tutti i profili dei/delle insegnanti di danza su Superprof e scegliere quello/a che più si adatta ai tuoi gusti.

 

Nei loro profili potrai leggere tutte le informazioni importanti riguardo al/alla maestro/a come la sua esperienza, la formazione, gli stili di danza che insegna, se fa lezione a casa sua o se offre tariffe speciali per pacchetti di 5 o 10 ore. Tutto questo ti permetterà di scegliere tra i/le diversi/e insegnati.

 

Cosa aspetti a cercare l'insegnante di danza ideale per te?

💻 Si può imparare il danza via webcam con un insegnante incontrato/a su Superprof?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propone corsi a distanza.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di danza via webcam sono un'opzione eccellente per seguire l'apprendimento senza uscire di casa.

 

 

💸 Quanto si paga in media un/un'insegnante privato/a di danza a Verona?

18 € è la tariffa che si paga in media per una lezione di danza a Verona.

 

Ricorda che ogni maestro/a fissa liberamente le proprie tariffe: per questo i prezzi cambiano da un annuncio all'altro. I fattori che modificano il costo sono:

  • Il luogo in cui si svolgono le sessioni: dall'alunno, a casa dell'insegnante o a distanza.
  • La frequenza e la durata delle ore di lezione.
  • La formazione, l'esperienza e il percorso del/della professore/ssa di danza.

La maggioranza dei/delle nostre insegnanti/e di danza offrono la prima ora gratis. Molti propongono anche tariffe interessanti per l'acquisto di pacchetti di più ore.

 

Con una semplice ricerca su Superprof potrai comparare le tariffe di tutti/e i/le prof che si trovano nelle vicinanze. Di sicuro troverai l'insegnante di danza più adatto/a a te!

💃 Perché scoprire le basi della danza?

Muoversi a ritmo offre molti vantaggi per la salute, soprattutto considerando che tutti, dai bambini agli anziani, possono scatenarsi a ritmo di musica, senza limiti di età. Il ritmo di vita frenetico contemporaneo è la causa principale di stress per molte persone. Lo stress non colpisce solamente a livello psicologico, ma può anche generare problemi fisici. La danza aiuta a sfogarsi e a rilassarsi. Disciplina ibrida, a mezza via tra l'arte e lo sport, la danza è l'attività perfetta per chi vuole combinare l'esercizio e l'esplorazione artistica. Lavorando sia sul corpo che sulla mente, la danza aiuta a tenere sotto controllo lo stress, e una mente libera dallo stress rinforza il sistema immunitario.

 

La riduzione dello stress e dell'ansia, che si ottiene imparando a muoversi a ritmo aiuta a migliorare la qualità del sonno.

 

Se hai iniziato a seguire lezioni di danza recentemente, assisterai rapidamente a un miglioramento della flessibilità. La danza è uno sport adatto a tutti i livelli, in cui si avanza per gradi, senza chiedere troppo al proprio corpo d'un tratto, il che significa che il rischio di farsi male è inferiore rispetto ad altri altri sport. Con una pratica regolare, vedrai come acquisirai una maggiore flessibilità. Inoltre, poco a poco, vedrai che miglioreranno anche la tua forza e il tuo equilibrio.

 

Ballare previene i dolori posturali nella vita quotidiana, dal momento che ti insegna a mantenere una posizione corretta. In questi tempi in cui una buona parte della popolazione trascorre diverse ore seduta per studiare o lavorare, conoscere la buona posizione da tenere anche quando si è seduti è fondamentale. La danza ti servirà anche per alleviare certi dolori cronici.

 

Diversi studi hanno dimostrato che la danza aiuta all'equilibrio del sistema nervoso riducendo i livelli di cortisolo. La diminuzione del cortisolo è strettamente legata alla gestione dello stress, dal momento che si tratta di un ormone che si rigenera in risposta a quest'ultimo. Inoltre, in questo modo si riduce anche il livello di colesterolo nel sangue.

 

Allora, cosa aspetti a provare le lezioni di danza?

Vuoi imparare Danza a Verona?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Danza di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Corsi di danza per scoprire tutti i segreti del movimento

La longevità tramite la danza a Verona

Se vivi nella città degli innamorati più famosi del mondo – Romeo e Giulietta – e se hai la fortuna di risiedere proprio nel centro città a Verona, probabilmente cammini già tanto, girovagando tra via Mazzini e l’Arena, percorrendo i ponti più belli e soffermandoti in una delle principali piazze della città (come, ad esempio, l’intimissima Piazzetta Erbe).

A Verona centro, per chi detesti prendere la macchina, sono molte le associazioni e le scuole di danza.

Ogni genere di ballo può essere appreso e praticato, nella città di Catullo.

E questo vale per i più piccini – per i quali le occasioni di propedeutica e risveglio della motricità sono numerosissime – quanto per adulti e… “adulti avanzati” (o diversamente giovani!). La danza per la terza età è ormai una realtà consolidata, che in tutta Italia ha dato il via a diverse iniziative, a progetti, alla nascita di gruppi di ballo, scuole di danza specifiche e corsi ad hoc in seno ad accademie di ballo già esistenti da decenni.

Investire nella danza, dedicandovi tempo, interesse, energia, passione è un’ottima scelta sul lungo periodo: ballare rende felici, mantiene in forma e assicura benessere psicofisico. Inoltre, continuare a ballare – o anche iniziare a farlo – in età non più verde può far scoprire universi inimmaginabili, oltre a contribuire al mantenimento delle funzioni cerebrali e motorie essenziali ad un vivere sereno.

La salute neurologicamente intesa – ossia quella collegata al corretto funzionamento ormonale e circolatorio – insieme al mantenimento dell’equilibrio, della muscolatura e di una condizione fisica soddisfacente sono, poi, due condizioni che consentono il benessere psicologico, il senso di appagamento e la pienezza del vivere.

A Verona, fra i luoghi specifici in cui si può praticare danza ad hoc pensata per la terza età, segnaliamo:

  • l’Associazione Oltredanza in via Betteloni 43/c;
  • l’iniziativa del Comune di Verona, VI Circoscrizione – Presso la Sala Conferenze centro Tommasoli – ove si tengono corsi di danza dolce per la terza età ed anche corsi adattati di ballo per persone con disabilità.

Curiosità sul ballo e la longevità

Sapevi che, a paragone col tapis roulant e la cyclette, il ballo risulta molto più foriero di risultati inattesi nella lotta all’invecchiamento?

La componente che lo fa differire dalle altre due attività motorie, pur molto utili per stare in forma, è il divertimento. Il ballo, oltre a far muovere, a far respirare meglio, a coinvolgere cuore e circolazione in modo proficuo, chiama in causa il sistema limbico. Può far ridere (specie in caso di errore), far sorridere e chiama in causa la componente della socialità. Si svolge spesso in gruppo, a differenza delle attività alle macchine; comporta degli scambi sia a latere dell’ora di lezione, sia durante (se si si considerano i balli di coppia o quelli con coreografie di gruppo, appunto).

La terza età, oltre ad una nutrizione sana e al movimento, necessità soprattutto di svago e distrazione, che si rivelano dei veri antiossidanti.

Il ballo, però, svolge un’ulteriore funzione-chiave, per lottare contro la decadenza legata all’età che incede: allena la memoria! Ricordare i passi, le sequenze, concentrarsi per effettuare il gesto giusto al momento previsto, sono esercizi di estrema importanza ed efficacia.

La danza, dopo i quarant’anni, è un alleato quasi impareggiabile, per stare bene nel corpo e nella mente.

Combattere l’Alzheimer con la danza

Naturalmente, è evidente che non si tratta, ballando, solo di divertirsi, sudare e perdere peso, che pure sono effetti desideratissimi ed utili del ballare a Verona come a Napoli.

Il grossissimo impatto cerebrale di questo tipo di ginnastica assicura l’esorcizzazione di certi mali oggi molto presenti nelle popolazioni europee, le quali sono assai longeve.

Se tendere alla longevità è un obiettivo, ovviamente bisognerebbe anche fare in modo che questa longevità sia associata a benessere, a possesso delle piene facoltà, a dominio di sé.

E tenere allenata la mente con un ballo che coordini arti, faccia tenere il tempo, induca a ricordare a memoria la musica quanto le fasi di una coreografia è davvero un esercizio completissimo.

La corteccia è chiamata in causa! L’attivazione di aree neuronali altrimenti spesso lasciate al decadimento è assicurata tramite una costante pratica della danza, anche dolce, lentissima, ma strutturata e regolamentata.

Il movimento, di per sé, fa già in modo che l’irrorazione sanguigna dell’intero organismo avvenga correttamente, ri-stimolando anche le parti più periferiche e dando uno sprint al lavoro del cuore.

La componente di memorizzazione richiesta poi dalla natura del ballo, si aggiunge a completamento, rendendo la danza una cura (ed una prevenzione) a trecentosessanta gradi per il cervello.

Scongiurare la depressione

Naturalmente, il fatto di attivare come si deve la circolazione in tutto il corpo, fa già una buona parte, ai fini di una salute generale dell’organismo. La depressione, come è noto, è certamente ostacolata dal fatto di praticare un’attività costante, che imponga ordine e disciplina all’individuo.

Il ballo, però, dalla sua ha anche altre qualità che lottano specificamente contro la depressione:

  • regola la secrezione e la circolazione degli ormoni, svolgendo una funzione riequilibrante;
  • aiuta ad eliminare le tossine, spesso all’origine di stanchezza cronica, incapacità di agire e dunque cattivo umore;
  • comporta l’incontro e la relazione con altri da sé, può favorire gli incontri ed anche la nascita di relazioni durature.
  • L’isolamento – e soprattutto la sensazione di isolamento tipiche dell’età avanzata – è combattuto da una pratica costante della danza.

Gli anziani che si recano a ballare condividono un’attività con altri, si sentono uguali ai coetanei ed accettano così la loro condizione di non più giovanissimi.

La danza, insomma, fa maturare una coscienza di sé, che aiuta ad accettare e ben vivere il cosiddetto e temuto invecchiamento.

Questa maturazione è una condizione imprescindibile della serenità in terza età.

Ed essa è grandemente agevolata dal rafforzamento - o, più spesso, dalla rimodulazione – dello schema corporeo possibile grazie alla danza.

Accettare i cambiamenti del corpo passa anche per una rivisitazione delle strategie della mobilità, la cui acquisizione ridà fiducia ed ottimismo, dunque rasserena gli individui ultracinquantenni e i veri e propri anziani.

Che cosa vuoi imparare?