Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di nuoto a Bologna

18 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di nuoto a Bologna costano 18€.

5 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 5h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di nuoto a Bologna

Parla con l'insegnante di nuoto per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di nuoto e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Nuotare come un delfino non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti e maestri/e di Nuoto a Bologna, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

💸 Qual è la tariffa media di un corso di Nuoto a Bologna?

Il prezzo medio di un corso di Nuoto a Bologna è di 18 €.

Le tariffe variano in funzione di tre fattori:

  • L'esperienza dell'insegnante di nuoto
  • Il luogo delle lezioni (a domicilio o online) e la situazione geografica 
  • La durata e la frequenza dei corsi

97% degli/delle insegnanti offrono la prima lezione.

Scopri le tariffe degli/delle insegnanti vicino a casa tua (40121).

🥇 Perché seguire un corso di Nuoto a Bologna?

Dei corsi di Nuoto con un/un' insegnante specializzato/a sono l'occasione per imparare e progredire velocemente.

Scegli l'insegnante che preferisci e programma, in presenza o online, il corso in totale libertà!

Una chat ti consentirà di conversare direttamente con l'insegnante per scegliere e organizzare le lezioni in piena serenità.

Un motore di ricerca ti permette di trovare la perla rara tara centinaia di insegnanti privati/e a Bologna .

Lanciati nella ricerca, basta un click!.

💻 Gli/Le insegnanti di nuoto propongono lezioni a distanza?

La maggior parte degli/delle insegnanti di nuoto propongono

lezione di nuoto online.

Non esitare a consultare i loro annunci o utilizzare il motore di ricerca (puoi scegliere il filtro via webcam) per scoprire i corsi di Nuoto disponibili online

🥇 Quanti sono gli/le insegnanti disponibili per dare delle lezioni di Nuoto a Bologna?

5 insegnanti di nuoto propongono un aiuto nuoto.

Puoi cercare i lori profili e scegliere quello che corrisponderà di più alle tue necessità a Bologna.

Scegli il tuo corso tra più di5  profili.

✒️ Che voto medio è attribuito agli/alle insegnanti di Nuoto a Bologna?

Su un campione di  voti, gli/le allievi/e attribuiscono un voto medio di  su 5.

Per qualsiasi dubbio o difficoltà, un servizio clienti è disponibile per trovare rapidamente una soluzione (per telefono o via mail, dal lunedì al venerdì).

Conoscere di più sulle domande più frequenti.

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Corsi di nuoto per imparare tutti gli stili

Gli appassionati del nuoto a Bologna 

La passione per il nuoto a Bologna, come in tutte le altre città del nostro Paese, può declinarsi in tanti modi differenti.

Per qualcuno, nuotare è sinonimo di rilassarsi, al mare, in piscina o al lago: un semplice stare in ammollo a chiacchierare con gli amici, a giocare a frisbee o con un pallone. Qualcun altro si pone all’opposto: se entra in acqua è solo per nuotare almeno un’ora di fila, bracciata dopo bracciata, vasca dopo vasca (o onda dopo onda, se alla piscina preferisce il mare), magari con un monitoraggio continuo della prestazione fisica e dei parametri cardiovascolari del proprio corpo (oggi, sempre più facile, grazie all’utilizzo dei dispositivi indossabili, come gli smartwatch).

Tra i due estremi, si pongono tutti gli altri: quelli che si tuffano per nuotare, ma si accontentano di fare un paio di vasche; quelli che si iscrivono ad una delle piscine comunali o private di Bologna per praticare l’aquagym o l’hydrobike,…

Da qualche altra parte, nel gruppo di amanti del nuoto di Bologna, ci sono anche gli sportivi professionisti, i semi professionisti e i dilettanti: nuotatori che si allenano per le gare di stile libero, rana, dorso o delfino; pallanuotisti, che si preparano per il campionato, atlete del nuoto sincronizzato e tuffatori e tuffatrici dalle vertiginose altezze del trampolino.

La figura dell’assistente bagnante

C’è, infine, una categoria di appassionati del nuoto cui si pensa meno spesso, ma la cui rilevanza è fondamentale, tanto nelle piscine al chiuso e all’aperto, quanto nei lidi al mare o al lago: stiamo parlando dell’assistente bagnante.

Eh già, perché il bagnino (termine utilizzato per indicare appunto l’assistente bagnante), lo stesso che poi trascorre tutta l’estate (ma anche l’inverno, per chi lavori all’interno delle piscine), vestito in arancione, rosso o in un altro colore sgargiante, appollaiato sulla sua sedia in alto, in modo da avere una perfetta visione su tutti i bagnanti del lido o della piscina, sempre pronto a tuffarsi o a remare sul suo mezzo di salvataggio, per correre in aiuto di chi ne abbia bisogno, …beh costui è una persona come tutti noi: con la differenza – fondamentale – che si è preparato durante un corso di formazione e che ha superato – brillantemente, si spera – un esame di abilitazione alla professione.

E si tratta di una figura professionale di cui c’è assoluto bisogno nel nostro Paese, se si pensa che in Italia vi sono circa 8.000 km di coste e oltre 3.000 piscine riconosciute dalla FIN (la Federazione Italiana Nuoto).

L’accesso ai corsi di formazione

Ma come si accede ai corsi di formazione per assistente bagnante?

Prima di tutto, bisogna avere un’età compresa tra i 16 e i 66 anni; ma non è tutto. Chi vuole diventare bagnino deve sapere già nuotare e deve saperlo fare piuttosto bene. È, infatti, richiesto che chi si iscrive al corso conosca e applichi correttamente le tecniche dei tre stili principali: stile libero, dorso e rana.

Durante il corso, verranno affrontati argomenti di teoria e di pratica; ma prima di accedere, bisognerà dimostrare di avere una certa abilità in acqua. Ecco, allora, che sono previste delle prove di ammissione, anche piuttosto selettive. Pensa, infatti, che prima di ricevere l’ok e poter compilare il modulo di iscrizione, dovrai:

  • Eseguire un tuffo da un’altezza di almeno un metro dal livello dell’acqua;
  • Nuotare correttamente a stile libero (crawl) a testa alta per almeno 25 metri (una vasca, nelle piscine più lunghe);
  • Nuotare correttamente a dorso, per almeno 25 metri;
  • Nuotare correttamente a rana, per almeno 25 metri;
  • Percorrere almeno 12,5 metri in apnea subacquea (stile a scelta);
  • Mantenere con il solo utilizzo delle gambe (quindi con testa e mani al di fuori dell’acqua) una posizione verticale, per un tempo minimo di 20 secondi;
  • In alcune scuole, è richiesto di saper nuotare correttamente anche a rana dorsale, sempre per un percorso di almeno 25 metri;
  • Altre scuole, maggiormente selettive, possono richiedere anche di percorrere almeno 100 metri supplementari, in uno stile a scelta.

Il corso di formazione per assistente bagnante

Se la prova di accesso è così selettiva, è perché il corso e l’esame finale non sono meno duri.

Durante il periodo di formazione, che può durare, a seconda delle scuole dalle 40 alle 60 ore, si affrontano tematiche di ordine teorico e altre di ordine pratico, con esercitazioni in piscina e a bordo vasca.

Si studiano sin da subito la figura e il ruolo dell’Assistente Bagnanti, in piscina e al mare; si affrontano l’anatomia e la fisiologia del corpo umano e il Primo Soccorso; si approfondiscono la tutela ambientale e la meteorologia; si studiano il funzionamento di un impianto e il trattamento chimico dell’acqua in piscina. Infine, un ultimo capitolo di studio riguarda la responsabilità civile e penale dell’Assistente Bagnanti.

Terminata la teoria, si passa alla pratica: ecco, allora, che gli studenti del corso impareranno, con lezioni pratiche, il Basic Life Support, effettueranno delle simulazioni per imparare le nuotate di salvamento; le nuotate di avvicinamento, le prese e le nuotate di trasporto. Praticheranno, infine, apnea, tuffi e uscite dall’acqua.

L’esame per l’ottenimento del brevetto

Quando si frequenta il corso e si supera l’esame finale, non si ottiene un semplice patentino di bagnino; le certificazioni rilasciate sono più numerose e offrono un quadro completo di tutte le competenze raggiunte:

  • La Qualificazione di Assistente Bagnante FIN,
  • L’Abilitazione 388/03, per il Pronto Soccorso Aziendale,
  • L’Abilitazione all’uso del defibrillatore.

Insomma, un bagnino non è solo quel ragazzo (o ragazza) fortunato, perché già durante i primi giorni di giugno ha un’abbronzatura invidiabile: è soprattutto qualcuno che saprà farsi carico di una situazione di emergenza a bordo vasca, e non solo strettamente legata al rischio annegamento (potrebbe trattarsi anche di qualcuno che si soffoca mangiando un panino o un frutto,...).

Per ottenere il brevetto P (quello per piscine, che potrai utilizzare in tutte le strutture della città di Bologna), l’esame finale prevede una prova teorico pratica e una prova pratica.

La prova teorico pratica è suddivisa in:

  • 30 quiz a risposta multipla e uno a risposta aperta sui temi trattati durante il corso;
  • Un colloquio;
  • Delle manovre di primo soccorso sul manichino (il Basic Life Support).

La prova pratica, invece, prevede:

  • 100 metri a crawl in un tempo massimo di 1’40’’;
  • 50 metri misti, di cui 25 metri di andata a crawl a testa alta, recupero del manichino alla profondità di 1,5 metri e, infine, trasporto del manichino stesso con presa libera per altri 25 metri, in un tempo massimo di 1’25”;
  • 25 metri di tecniche di trasporto;
  • 25 metri in apnea.

Se preferisci espandere la tua pratica di assistenza bagnanti anche al di fuori delle piscine, potrai sempre aggiungere un ulteriore brevetto al primo:

  • brevetto IP per laghi (e piscina),
  • brevetto MIP (per mari, laghi e piscina, ma solo dopo aver sostenuto un esame di fronte ad un ufficiale della Capitaneria di Porto).

Nella tua città, il corso e l’esame per Assistente Bagnante possono essere frequentati e sostenuti presso il CUS Bologna e alla Società Nazionale di Salvamento (corsi in via del Pilastro, a Bologna e presso la piscina di San Giovanni in Persiceto).

Che cosa vuoi imparare?