Pagina iniziale
Dare lezioni

Corsi di nuoto

🥇 I/Le migliori insegnanti
💻 184 prof
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Dove cerchi le lezioni?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti
di nuoto

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Insegnanti livello star con un punteggio medio di 5,0 stelle e più di 35 commenti positivi.

21 €/ora

Le migliori tariffe: il 96% degli/delle insegnanti offre la prima lezione. e un'ora di lezione costa in media 21€.

6 h

Rapidi/e come saette, gli/le insegnanti ti rispondono in media in 6h.

01

Trova il/la tuo/a
insegnante perfetto/a di Nuoto

Consulta liberamente i profili e contatta il/la tuo/a insegnante secondo i criteri che sono importanti per te (tariffe, diplomi, commenti, corsi a domicilio o via webcam) per un corso di Nuoto.

02

Organizza i tuoi corsi di Nuoto

Dialoga con il/la tuo/a insegnante privato/a di nuoto per spiegargli/le tuoi bisogni e le tue disponibilità. Programma le lezioni e procedi al pagamento in totale sicurezza utilizzando la chat di Superprof.

03

Vivi nuove esperienze

Il Pass Alunno ti dà un accesso illimitato ai profili di tutti/e i/le nostri insegnanti, prof, coach, maestri/e e alle Masterclass per un mese (rinnovabile). Un mese per scoprire nuove passioni con insegnanti in gamba di Nuoto.

I/Le nostri/e allievi/e
valutano i/le loro insegnanti di nuoto

Scopri tutte le nostre lezioni di nuoto

Essere seguiti/e dai/dalle migliori insegnanti per lezioni di nuoto: un aiuto spesso indispensabile

La passione del nuoto in Italia: dalle Olimpiadi di Tokyo alla piscina comunale

Anche se, ad un’analisi superficiale, potrebbe sembrare che il nuoto sia qualcosa di fattibile limitatamente al periodo che va da giugno ad agosto, in realtà non è proprio così; estate o inverno che sia, il nuoto è una disciplina sportiva che si può sempre praticare: all’aperto durante i mesi più caldi, nelle piscine al chiuso nelle stagioni fredde e dal clima ancora incerto.

Ma la passione del nuoto, oggi, non è dovuta solo al fatto che si tratta di una disciplina che si può praticare tutto l’anno. Vi sono, infatti, altri due elementi che vengono a dar man forte a questa tendenza: da un lato, la riapertura, dopo un lungo periodo di chiusura forzata causa Coronavirus, delle piscine al chiuso; dall’altro, il recente svolgersi delle Olimpiadi e dei Giochi Paralimpici di Tokyo. I successi degli atleti e dei paratleti azzurri in acqua hanno fatto – e certamente faranno anche per i prossimi mesi – da volano per bambini, ragazzi, giovani e meno giovani.

Come capita spesso, gli eventi internazionali rappresentano un’occasione per tantissimi di avvicinarsi o riavvicinarsi ad uno sport. Ogni disciplina sportiva esercita un fascino: su alcuni di più, su altri di meno; ma quando questo accade, il fenomeno può facilmente diventare virale, di massa. Al punto che, nel caso del nuoto, il rischio potrebbe essere, già a partire dai mesi di settembre e ottobre, di trovare un gran traffico di nuotatori e nuotatrici nelle corsie delle piscine olimpioniche!

I più coraggiosi – nonché i refrattari alle folle – potranno acquistare una muta invernale e tuffarsi nelle fredde acque autunnali dei laghi o dei mari; ma, certamente, si tratterà di una esigua minoranza, dato che quasi tutti gli appassionati, i neofiti, i dilettanti e i professionisti del nuoto preferiranno le tiepide acque delle piscine di città.

I benefici del nuoto, di tutti i nuoti!

Poco male, dato che il nuoto, se praticato con costanza, è ricco, ricchissimo di benefici per tutto il corpo dell’atleta: non solo il rassodamento o il rafforzamento della massa muscolare (di tutto il corpo), ma anche il dimagrimento, così come il recupero dopo un infortunio. Nuotare (mettendo in pratica uno dei quattro stili sistematizzati e insegnanti ai corsi di nuoto: libero, rana, dorso e farfalla) mette in movimento quasi tutti i muscoli del corpo e mantiene in salute il sistema cardiocircolatorio.

Non tutti gli stili, ovviamente, sollecitano gli stessi gruppi muscolari. E non tutti gli stili hanno lo stesso livello di difficoltà. Dovrai scegliere, quindi, quello che fa per te, in base alle necessità del tuo corpo, a quello che vuoi ottenere e alla tua esperienza in acqua.

Nuotare a stile libero

Lo stile libero, che nel nostro Paese è noto anche con il corrispettivo termine inglese crawl, è, a detta di molti, lo stile più semplice da praticare: non a caso, è il primo ad essere insegnato ai bambini e in tutti i corsi di nuoto, anche quelli per adulti.

Si pratica alternando le bracciate (destra e sinistra) e battendo i piedi in modo continuo. La parte che presenta più difficoltà è la respirazione: non è raro vedere persone al mare che nuotano in un sedicente stile libero, tenendo sempre la testa sollevata verso l’alto: ma si tratta di un errore! Mentre il braccio destro (o il sinistro) esce dall’acqua per affrontare la bracciata successiva, si ruota leggermente la testa dallo stesso lato, per prendere, il più rapidamente possibile, una boccata di ossigeno; negli altri momenti e quando la testa rimane sotto l’acqua, si espira gradualmente dalla bocca e dal naso. La frequenza delle inspirate viene decisa dal nuotatore stesso: ogni bracciata, ogni due, ogni tre, …

Per le sue caratteristiche (continuità nelle bracciate e posizione idrodinamica), lo stile libero è quello che consente di nuotare più rapidamente di tutti gli altri; è anche quello che consente di rinforzare ogni parte del corpo: glutei, gambe, braccia, spalle e pettorali, oltre alla capacità polmonare (proprio grazie alla respirazione particolare).

Nuotare a dorso

Se lo stile libero è il primo ad essere insegnato (e imparato), il dorso è il secondo. Ma è anche più facile del crawl: rispetto al libero, infatti, il dorso non presenta la difficoltà della respirazione, dato che naso e bocca sono sempre al di fuori dell’acqua.

Le bracciate del dorso sono meno profonde del libero e quindi lo stile, di per sé, risulta più lento; nonostante questo, consente di sviluppare e potenziare la stessa muscolatura: spalle, addominali, dorsali, glutei e cosce.

Nuotare a rana

Quasi tutti sono concordi nell’affermare che lo stile che più di ogni altro tonifica il corpo è la rana: i muscoli coinvolti sono gli stessi dei primi due stili, ma lo sono in modo diverso (i movimenti sono completamente differenti). I glutei sono tonificati, così come le gambe, i cui muscoli beneficiano di un allungamento soprattutto all’interno, mentre dorsali, mani e polsi sono sottoposti ad un lavoro continuo.

Per nuotare a rana, ci si mette di petto e si procede in due fasi alterne e continue:

  • Le braccia si muovono in modo simultaneo; le mani si congiungono al centro del petto e vanno in avanti assieme, per separarsi una volta le braccia completamente tese e ritornare all’indietro, lungo il corpo;
  • Le gambe si ritraggono verso il centro del corpo, per procedere ad un movimento dei piedi che spingono verso l’esterno e verso dietro, contemporaneamente.

Per respirare, la testa esce dall’acqua durante la fase di spinta, proprio mentre le braccia remano tornando al petto.

Nuotare a farfalla o a delfino?

Prima di tutto diciamo che ancora non vi è chiarezza sul nome corretto da utilizzare per indicare il quarto stile di nuoto; e, quindi, entrambi sono altrettanto validi.

Poi, diciamo che lo stile delfino/farfalla è senza dubbio il più faticoso, anche se senza dubbio il più bello da vedere, proprio grazie al continuo sali e scendi dall’acqua che il corpo del nuotatore disegna.

Nemmeno le gambe sono risparmiate in questo stile, ma è soprattutto il busto a beneficiare dell’esercizio: schiena, petto, braccia e spalle sono sollecitati parecchio.

Le bracciate sono continue e simultanee (destra e sinistra, contemporaneamente), così come i colpi di gamba (il battere delle gambe ricorda proprio la pinna del delfino che si sposta sulla superficie del mare).

Perché conviene avere un maestro di nuoto in alcuni casi

Prima di concludere questo articolo, vorremmo portare l’attenzione su un aspetto spesso trascurato dai nuotatori non professionisti: la necessità di una tecnica pulita. Nuotare a casaccio, magari tenendo la testa fuori dall’acqua durante il crawling o senza coordinare correttamente il movimento di braccia e gambe nella rana, non solo non ti porterà lontano (il dispendio di energia sarà elevato, a fronte di bracciate poco energiche), ma ti causerà dolori, nel medio – lungo periodo: la testa non allineata al resto del corpo durante lo stile libero costringe il collo ad una posizione non anatomica e, quindi, dolorosa.

Ecco, allora, il nostro consiglio: se decidi di sottoscrivere un abbonamento in piscina, per andare a nuotare due, tre o quattro volte a settimana, ma non hai ancora perfezionato lo stile che vorresti praticare, la cosa migliore da fare è quella di richiedere l’aiuto e i consigli di un maestro di nuoto. Questi saprà darti, nello spazio di poche ore di lezione, le correzioni di cui hai bisogno per nuotare correttamente e trarre, così, ogni beneficio possibile dalle singole bracciate e dalle singole vasche che farai.

Se, invece, non sai nuotare, ma, sull’onda dell’entusiasmo scatenato in te dai nostri atleti medagliati a Tokyo, vuoi iniziare questa nuova avventura, allora, a maggior ragione, visita il sito di Superprof: digitando “nuoto” e il nome della tua città, troverai l’elenco di tutti i maestri di nuoto vicino a casa tua. Scegli quello che preferisci e… tuffati!

Le domande più frequenti:

💸 Qual è la tariffa media di un corso di Nuoto?

Il prezzo medio di una lezione di Nuoto è di 21 €.

Le tariffe variano in funzione di tre fattori:

  • L'esperienza dell'insegnante di nuoto
  • Il luogo delle lezioni (a domicilio o online) e la situazione geografica 
  • La durata e la frequenza dei corsi

Il 97% degli/delle insegnanti offre la prima lezione.

Scopri le tariffe degli/delle insegnanti vicino a casa tua.

💡 Perché seguire un corso di Nuoto?

Dei corsi di Nuoto con un/un' insegnante specializzato/a sono l'occasione per imparare e progredire velocemente.

Scegli l'insegnante che preferisci e programma, in presenza o online, il corso in totale libertà!

Una chat ti consentirà di conversare direttamente con l'insegnante per scegliere e organizzare le lezioni in piena serenità.

Un motore di ricerca ti permette di trovare la perla rara tra centinaia di insegnanti privati/e.

Lanciati nella ricerca, basta un click!

💻 Gli/Le insegnanti di nuoto propongono lezioni a distanza?

La maggior parte degli/delle insegnanti di nuoto propongono corsi di

Nuoto online.

Non esitare a consultare i loro annunci o utilizzare il motore di ricerca (puoi scegliere il filtro via webcam) per scoprire i corsi di Nuoto disponibili online.

🎓 Quanti sono gli/le insegnanti disponibili per dare dei corsi di Nuoto?

184 insegnanti di nuoto propongono un aiuto nuoto.

Puoi cercare i lori profili e scegliere quello che corrisponderà di più alle tue necessità.

Scegli il tuo corso tra più di 184 profili.

✒️ Che voto medio è attribuito agli/alle insegnanti di Nuoto?

Su un campione di 35 voti, gli/le allievi/e attribuiscono un voto medio di 5,0 su 5.

Per qualsiasi dubbio o difficoltà, un servizio clienti è disponibile per trovare rapidamente una soluzione (per telefono o via mail, dal lunedì al venerdì).

Conoscere di più sulle domande più frequenti.