Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di scacchi a Milano

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di scacchi a Milano è di 5,0 con più di 4 commenti.

17 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di scacchi a Milano costano 17€.

1 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 1h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di scacchi a Milano

Parla con l'insegnante di scacchi per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di scacchi e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a giocare a scacchi a Milano non è mai stato così divertente!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Scacchi a Milano, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

💸 Qual è la tariffa media di un/una professore/essa di scacchi a Milano?

La tariffa media di un/un'insegnante privato/a di scacchi a Milano varia a seconda dell'insegnante e dipende da tre fattori:

  • Dell'esperienza del/della professore/essa di scacchi.
  • Il luogo in cui avranno luogo le lezioni: a domicilio, a casa dell'insegnante, via webcam o in un altro luogo, come un'associazione o uno spazio all'aperto?
  • La cadenza e la continuità delle lezioni.

 

Confronta i costi degli/delle insegnanti vicino a te con una semplice ricerca su Superprof.

✍🏻 Su Superprof, qual è stato il voto medio attribuito ai/alle nostri/e insegnanti di scacchi a Milano?

i/le maestri/e di scacchi di Milano hanno ricevuto un totale di 4 opinioni e il voto sulla media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible tutta la settimana per rispondere ai tuoi dubbi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Hai qualche domanda ulteriore? Visita la sezione delle domande frequenti, oppure contatta il nostro servizio clienti, disponibile dal lunedì al venerdì, troverai delle persone disponibili e pronte a rispondere alle tue domande.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

💻 Se trovo un/una insegnante di scacchi che corrisponde a quello che sto cercando ma siamo lontani, possiamo fare le lezioni a distanza?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via internet.

 

Le lezioni via webcam sono più economiche rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

Le lezioni di scacchi a distanza sono un'ottima opportunità per coltivare il proprio talento. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e la tua scacchiera fisica o virtuale a portata di mano!

🧑‍🏫Ci sono esperti/e di scacchi disponibili per impartire lezioni private di scacchi a Milano?

Puoi scegliere tra i/le 7 insegnanti di fotografia disponibili a Milano e dintorni.

 

I criteri che dovresti tenere in conto per scegliere l'insegnante più adatto/a a te sono:

  • La tariffa. Oltre al costo orario, puoi verificare se l'insegnante propone un pacchetto di più ore, o altre tariffe speciali.
  • La distanza dal tuo domicilio.
  • L'esperienza dell'insegnante e la sua formazione in relazione al livello ricercato; per ogni allievo/a esiste l'insegnante adatto/a!
  • Le opinioni degli/delle ex allievi/e.

Vedrai che seguendo questi criteri, trovare l'insegnante ideale sarà una passeggiata!

♟ Per quale ragione scegliere lezioni a domicilio di scacchi a Milano?

Gli scacchi sono tra le attività ricreative più antiche del mondo. Si stima che siano nati in India intorno al VI secolo d.C., e che siano diventati popolari in Europa intorno all'anno 1000.

 

Tante sono le persone che non colgono la difficoltà degli scacchi, convinte che basti conoscere qualche regola e avere un po' di fortuna per ritenersi dei giocatori esperti. Ovviamente le cose non stanno così: gli scacchi richiedono un buon numero di competenze tecniche e una grande capacità di ragionamento logico.

 

Contrariamente a quello che pensano in molti, le lezioni individuali di scacchi non si rivolgono solo agli/le aspiranti campioni e che già possiedono un bel bagaglio di esperienza, ma anche a chi ancora non distingue la torre dall'alfiere.

 

Che cosa aspetti a entrare in contatto con i/le nostri/e insegnanti di scacchi a Milano?

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Trovare un corso scacchi: tutti i nostri consigli

Scacchi a Milano: giganti o mignon?

Verso la fine del famigerato e vendutissimo libro di J. K. Rowling “Harry Potter e la pietra filosofale”, Harry Potter, Ron Weasley ed Hermione Granger - i tre protagonisti della saga - cercano di superare gli ostacoli per raggiungere la pietra filosofale. Per attraversare le innumerevoli stanze che separano la pietra dai tre giovani maghi, questi ultimi dovranno giocare e vincere una partita a scacchi su una scacchiera gigantesca, a dimensione naturale. Le regole sono le stesse degli scacchi normali, ad eccezione del fatto che le pedine si comandano con la voce. Per fortuna, Ron è un vero esperto negli scacchi magici, e sarà solo grazie a lui se i tre eroi riusciranno a vincere la partita, potendo così passare alla stanza successiva.

E se una sfida del genere toccasse a te? Saresti pronto a raccoglierla? O dovresti prima correre ai ripari, prendendo qualche lezione di scacchi “condensata”?

Il culto degli scacchi a Milano inizia nel bosco

Il Parco Nord di Milano, ad accesso libero, sempre aperto, ospita qualcosa di sensazionale, che può davvero rigenerare, ma anche educare e far crescere green i nuovi cittadini, tramite l’escamotage delle partite a scacchi di dimensione quasi naturale.

Presso la Cascina Centro Parco sono a disposizione gli scacchi, che possono essere ritirati su semplice esibizione del documento di identità, tra le 9.30 e le 17.00 (con pausa pranzo tra le 12.00 e le 14.30, purtroppo!). Soprattutto in primavera, fervono le iniziative ad opera delle associazioni scacchistiche della zona.

Le scacchiere, o meglio le “pedane” di gioco sono ben due: delimitate da una staccionata e contornate da comode panchine per chi ami seguire le partite da seduto. Ma la cosa sensazionale sono i numerosi peschi e meli che circondano e quasi nascondono alla vista degli ignari le due scacchiere.

Petali bianchi e rosa sono innumerevoli in Primavera, il che traspone davvero in una atmosfera incantata.

Il gioco, insomma, si svolge in mezzo alla natura boschiva, lontano dai rumori cittadini o stradali.

Non a caso, tra le associazioni che usufruiscono di questa struttura, ne annoveriamo una dal nome che è tutto dire: “Scacchi Verdi di Bresso”!

Se sei un milanese doc, probabilmente, conosci già il Parco e sai, ad esempio, che al suo centro si situa l’Aula verde: ecco! È proprio lì, che, vicino al Cannocchiale degli Ippocastani, si trovano le scacchiere, a circa mezzo chilometro dalla Passerella ciclopedonale in cemento, cui si accede dall’ingresso di Viale Fulvio Testi.

Scoprire gli scacchi a Milano

A Milano città, nel suo cuore pulsante, non poteva mancare, poi, una vera e propria Accademia degli scacchi.

Questa scuola di scacchi riconosciuta FSI, ha sede presso il Circolo Culturale “I Navigli”, in via De Amicis 17, in prossimità della fermata di metropolitana M2 Sant’Ambrogio. Bar, ristorante, aria condizionata, eleganza della sala: cosa cercare di meglio, per una gradevolissima lezione di scacchi a Milano o per giocare una partita?

L’Accademia di Scacchi di Milano propone sempre un’attività ricca, un calendario ben riempito: per adulti, ragazzi, esperti e principianti. Gioco libero, tornei, full immersion, scuole della domenica, scacchiere giganti in piazza…

È evidente che l’obiettivo è di appassionare tutti, a prescindere dal loro livello.

La didattica per adulti ed anche il progetto ASUT che riguarda i giovanissimi, riprendono ogni autunno, in tutta sicurezza.  Tra i corsi specifici, segnaliamo in particolare:

  • Scacchi e controscacchi, sui principi base delle aperture;
  • I progetti in collaborazione con scuole primarie di primo e secondo grado.

A che età iniziare a giocare a scacchi?

Naturalmente, parlando di scacchi e lezioni di scacchi, viene in mente un quesito classico: quale sarà mai l’età migliore per apprendere a giocare?

Alcune persone, oggi, situano questo incipit attorno ai cinque anni, perché l’incontro avvenga in maniera opportuna.

Il nobil gioco, insomma, non è per forza di cose difficile, lungo o tedioso. Al contrario: si tratta di un’attività ludica che può davvero appassionare ed entusiasmare i piccoli, sfruttando al meglio la loro intelligenza ed anche allenandola.

Se ogni piccolo, già dai tre anni, può apprezzare il fatto di manipolare dei pezzi, di muoverli sulla scacchiera, di far compiere loro dei tragitti e delle mangiate, diciamo che attorno ai cinque anni è praticamente certo che le regole possano rapidamente venire assimilate e messe in atto.

Parliamo, chiaramente, delle regole specifiche che guidano le possibilità di movimento ed azione dei diversi pezzi.

Il bello della scoperta e della assimilazione delle regole degli scacchi è che esso si svolge in parallelo con l’apprendimento di abilità sociali e culturali adatte all’età. Il bambino non scopre solo la strategia, ma anche i limiti, gli obblighi, i rischi, giocando a scacchi.

Per non parlare delle differenze nella distribuzione del potere: una lezione di educazione civica, una blanda iniziazione alla politica, una leggera introduzione ai concetti di democrazia, gerarchia sociale, ineguaglianza, …

Un bambino che apprende il gioco degli scacchi scopre mano a mano la società

Al contempo, dai cinque anni, i bambini si accostano all’obiettività, alla giustizia. Gli scacchi li aiutano anche a perdere, oltre che a non imbrogliare; ad analizzare i problemi con logica e pazienza. Un bambino che gioca a scacchi sarà presumibilmente un bambino che tenderà poco o niente a barare in tutti gli altri giochi e nelle relazioni sociali ed amicali.

Il gioco degli scacchi è fatto di eventi concatenati decisi dai giocatori. Non esiste la fortuna, dato che non si “pescano” carte…

Dall’apertura allo scacco matto, tutto dipende dall’astuzia dei giocatori, dalla prontezza, dalla capacità di prendere decisioni, soppesando vantaggi e perdite inevitabili.

Ecco perché cinque anni rappresentano l’età migliore per mettere adeguatamente un bambino davanti ad una scacchiera. A questa età è possibile pretendere da lui una postura corretta, una permanenza seduto, la pazienza, la tranquillità corporea, la concentrazione adeguata.

Il gioco degli scacchi, dai cinque anni di età, non fa che compenetrarsi con il regolare sviluppo nervoso, muscolare, motorio, oculare, logico e razionale.

Inoltre, l’attività di gioco, con la calma che richiede, è in sé produttrice di tranquillità della mente e del corpo, dunque di benessere, di ricarica energetica. E tutto questo torna utile nelle successive fasi della giornata, quelle in cui il piccolo correrà, farà una gara in bici, giocherà a palla, imparerà a scrivere.

La tenuta a scuola dei bambini che imparano a giocare a scacchi a cinque anni è decisamente migliore di quella dei loro coetanei che non hanno questa fortuna.

In Paesi come la Russia, ciò è banalmente noto da sempre: non a caso il gioco degli scacchi fa parte delle materie obbligatorie a scuola.

Anche l’Unione Europa, in anni recenti, ha recepito la centralità questo gioco, proponendo che esso faccia parte delle direttive didattiche ministeriali.

Purtroppo, non tutte le scuole italiane sono rapide nel recepire gli orientamenti europei, aggiornando, ad esempio, l’orario interno di materie come la matematica, lo sport, per aggiungervi un toccasana educativo come gli scacchi.

Che cosa vuoi imparare?