"La curiosità della vita in tutti i suoi aspetti è, credo, il segreto di grandi creativi." Leo Burnett

Oggi, ci sono più di 550.000 blog dedicati al fai-da-te (Do It Yourself) secondo la rivista Burda. Spesso gestiti da trentenni in cerca di attività "fatte in casa" o manuali, questi blog sono un ottimo modo per condividere la tua passione e piccoli consigli sul ricamo.

Proprio come un insegnante, il blog consente ai principianti di scoprire (in anteprima se c'è una newsletter) le basi di questa attività. Ma quali sono gli altri modi per imparare a fare ricami senza prendere l'iniziativa? Ti riveliamo tutto in questo articolo!

Il punto croce: questo sconosciuto

Il punto croce è semplicemente un tipo di punto utilizzato nell'ambito dell'embroidery. Infatti, nei ricami vengono utilizzati molti punti diversi, incluso il punto Caterina de’Medici o il punto Beauvais.

Pertanto, il punto croce utilizza solo una tecnica per ottenere la forma desiderata.

Il punto croce è universale. È utilizzato nel mondo da tutti gli appassionati di ricamo ed è riconosciuto per la sua semplicità in quanto è sufficiente formare una "x" con il filo!

Tra i principianti di embroidery è prassi comune usare un modello di cui il ricamatore deve seguire i colori e la forma. Spesso, il motivo è direttamente stampato sulla tela e questo facilita notevolmente l'attività.

Altrimenti, basta guardare il modello e contare il numero di punti necessari e riprodurli sul tessuto giusto.

Questo entro certi limiti è molto simile al lavoro su tela.

Come si fa a cercare online della stoffa per fare ricami (se ad esempio voglio regalare un bavaglino a un neonato)?

Quale materiale scegliere nel punto croce?

Se vuoi iniziare un lavoro personale è necessario un'intero set di accessori. Oltre ai fili e agli aghi, nel kit perfetto dovrai far rientrare il tipo di stoffa che desideri.

Oltre ai fili e agli aghi dovrai scegliere il tipo di tessuto che desideri.
Oltre ai fili e agli aghi dovrai scegliere il tipo di stoffa che desideri. Entro i limiti del budget in eur!

In termini di filati di cotone, puoi scegliere fili DMC se cerchi una migliore qualità. Sul fronte dell'ago del tuo set, è possibile scegliere aghi rotondi se si vuole lavorare su tessuti speciali. Se poi vuoi passare a vestiti ricamati, dovrai investire in un ago più sottile. Fai anche attenzione che la cruna sia abbastanza grande da consentire il passaggio di più fili, se necessario.

Quando si tratta di stoffa, ci sono diversi materiali adatti al punto croce.

Se si è principianti, è meglio iniziare con una tela Aida, la quale offre una sorta di griglia di punti. E quindi è più facile mantenere una regolarità nei punti da realizzare grazie alla tela Aida. Si tratta di una tela molto popolare e permettendoti di realizzare i tuoi primi ricami facilmente; puoi inoltre trovare colori diversi (adesempio il rosa in tutte le sfumature).

La cosa positiva è poi che su un telaio ben teso (entro poco tempo e comunque con una spesa di pochi eur) vedrai mano a mano in anteprima il tuo lavoro di embroidery emergere!

Tra i ricamatori più esperti, è abbastanza comune usare tessuti di lino. Tuttavia, la stoffa è molto irregolare e il filo si muove facilmente. Se vuoi lavorare correttamente, è necessario contare i fili per avere una forma ricamata abbastanza regolare. Il vantaggio sta nella facilità con la quale è possibile rendere piccolo o grande una decorazione a seconda dell'aspetto finale che si desidera dare.

Se prima o poi si desidera realizzare un punto croce su un indumento, una tela speciale ti aiuta a realizzare il tuo motivo con regolarità. Questa è la tela "wire puller". Intanto devi fissare la tela sul capo che desideri personalizzare, quindi una volta terminato il lavoro, basta tirare ciascun filo (da cui il suo nome) in modo che solamente il motivo rimanga attaccato al capo. Se ti senti sicuro, puoi lavorare direttamente sul capo per eseguire la tua personalizzazione.

Potresti poi chiederti cose tipo... Ma che cos’è invece il punto croce? Va è adatto a un classico bavaglino da regalare a un neonato? Entro quando iniziare se si vuole completare un lavoro?

Impara a ricamare con i manuali e online

Va detto che il mondo del web pullula di video, ma anche l’editoria può dare una grande mano a coloro che desiderano muovere i primi passi all'interno del mondo artistico, e in particolare negli hobby creativi e in questo, nello specifico. L'offerta di libri e manuali su cucito, patchwork, uncinetto è davvero grande, e facendo un giro tra le varie edicole della tua città senza dubbio ti permetterà entro poco tempo di trovare le pubblicazioni adatte a te!

Imparare a ricamare online è possibile! Così come con i manuali.
Imparare a lavorare online è possibile! Così come con i manuali e le newsletter in anteprima.

Ovviamente anche le librerie hanno una vasta offerta di materiali, schemi, manuali e libri dedicati al cucito e al ricamo. In questo genere di pubblicazioni vengono presentati tutti i materiali e set da cucito, modelli, schemi in anteprima di ogni livello e difficoltà… insomma, ciò che serve ad accostarsi al mondo del ricamo.

Nell'era digitale, i video (su YouTube o altrove) stanno aumentando. Molte persone decidono di condividere le loro conoscenze con tutti gli utenti di Internet. Ma ci sono altri modi utili a insegnare il ricamo. Esistono infatti altri tutorial, oltre a quelli in video, che possono aiutarti a imparare le basi.

Questo è particolarmente vero con i blog. Alcuni appassionati condividono tutti i loro piccoli consigli tramite un blog dedicato agli hobby creativi o, ad esempio, al punto croce.

E anche se un'immagine di solito vale più delle parole, questi blog possono essere molto utili se si desidera ottenere alcuni chiarimenti. Inoltre, alcuni tutorial sono accompagnati da foto così da comprendere meglio la tecnica illustrata.

È anche possibile, come abbiamo anticipato in anteprima poco sopra, trovare ottimi tutorial tra i libri di testo dedicati a hobby. Li puoi trovare in merceria (un negozio specializzato in strumenti di maglieria, cucito, filati e nastri rosa, rossi, bianchi etc.). Se conosci poco del ricamo, i kit possono aiutarti a iniziare passo dopo passo.

Ma come si fa a fare ricami? Entro quando si può imparare a creare un bavaglino o un cuscino seguendo magari un corso online? Ci va pazienza, ovviamente, ma facciamo un passo alla volta.

Imparare online: un'attività senza segreti!

Se le lezioni di gruppo o le lezioni a casa sono poco adatte a te, puoi anche decidere di imparare online.

L'apprendimento del ricamo è un'attività creativa che deve essere seguita con passione.
L'apprendimento del ricamo è un'attività che deve essere seguita con passione.

Ma imparare online significa imparare senza un insegnante disponibile? È abbastanza possibile prendere lezioni di ricamo online tramite webcam. In questo caso, l'insegnante ti mostra un set di tecniche da usare con il ricamo in video!

Hai solo bisogno di impostare un programma e voilà! In particolare, puoi trovare insegnanti online con Superprof.

Una volta trovato l'insegnante di cui hai bisogno, ciò che devi fare è impostare il programma di lezioni di ricamo. Perché il vantaggio con gli insegnanti privati ​​è che puoi decidere cosa vuoi imparare in base alle tue capacità e alle tue difficoltà.

Frequentare corsi online a volte è persino più semplice dei corsi di casa. Connettiti a Internet e avrai un insegnante personalizzato che ti risponderà. Il vantaggio è che se hai poco spazio dentro al tuo alloggio, eviterai di sistemare tutto prima che arrivi l'insegnante. Basta sistemarsi sulla scrivania, sul letto, sul tavolo della cucina, etc.

Molte persone imparano anche da autodidatta... cosa che non ha prezzo! Oggi tutte le conoscenze sono disponibili online, quindi approfittane!

Su Youtube, ad esempio, è molto facile trovare tutorial che spiegano come realizzare un punto catenella, come iniziare un ricamo, come sistemare i tamburi, etc. Se vuoi rendere l'apprendimento il più semplice possibile, ovviamente fai una scelta di tutorial del tuo livello. Quindi ricorda di indicare "principiante" nella tua richiesta.

Si consiglia di seguire un singolo canale YouTube. In effetti, i ricamatori hanno ciascuno i loro piccoli consigli e tecniche. Seguire un singolo ricamatore semplifica la comprensione: sarai abituato alla formula dei video pubblicati e avrai familiarità con la tecnica del ricamatore.

Tuttavia, ciò ti permette di guardare altri tutorial, se necessario.

Patchwork, maglieria, cucito, nastri, macchina, telaio, set DMC di cotone... tutti i prodotti sono disponibili sul web! Persino un bavaglino rosa!

Potresti combinare tutte le tue capacità creative! Se vuoi cucire calcola il prezzo della spedizione del materiale e con pochi eur potrai avere tutti gli articoli che sogni!

Anche perché per imparare potrai seguire i molti tutorial gratuiti, che si trovano su molti siti oltre a Youtube. Molti blog forniscono anche accesso a tutorial, schemi e suggerimenti di ogni tipo per imparare facilmente il ricamo. Alcuni anche in anteprima se si è magari iscritti alla mailing list!

Altrimenti puoi usare un tutorial per ricamare! E potrai far vedere in anteprima i tuoi lavori di embroidery(per esempio un bavaglino)

Dove trovare i materiali per fare ricami

Non entro eccessivamente nel dettaglio delle marche (e delle spese di spedizione, prezzo in eur, tempi entro il quale ottenere i materiali... insomma le informazioni che puoi ricavare su internet)... ma quali materiali devi procurarti per iniziare a dedicarti a questa attività creativa? Sai che puoi anche acquistarli online? Eccone alcuni:

  • Il filo da ricamo è venduto in matassine che costituiranno un bel kit: l'ideale sarà avere un set di filati di cotone (e non) di ciascun colore (verde, rosso, rosa...). Ogni ricamatore sceglie quindi il numero di fili che desidera utilizzare in base allo spessore che desidera ottenere. Puoi comprare una matassa da sola o prendere una scatola intera con colori diversi. Sta a te scegliere quale disegno vuoi realizzare ricami. Il filo da ricamo DMC è particolarmente apprezzato per la sua qualità. Chiedigli consigli alle commesse della merceria! Ne troverai più d'una una disponibile a risponderti!
  • La scelta dell'ago è molto importante per ciò che fai. Devi trovare l'ago giusto in base a ciò che vuoi fare. Ad esempio, per un filo spesso, l'ago dovrà avere una cruna abbastanza grande da far passare più fili attraverso di essa. Dovresti anche fare attenzione ad acquistare un ago abbastanza affilato e sottile in modo da evitare buchi troppo grandi nei vestiti o nei tessuti. Perciò anche qui, un bel kit è utile.
Il tamburo: hai mai provato a ricamare un tessuto non teso?
Hai mai provato a ricamare un tessuto teso male? Ti do un anteprima: non ce la farai!
  • Il tamburo: hai mai provato a ricamare un tessuto teso poco? News in anteprima: è una missione quasi impossibile. Nel punto croce o ricamo è essenziale tendere la stoffa per facilitare il lavoro. Qui entra in gioco il tamburo. Quest'ultimo consente di stendere il tessuto allungandolo sui bordi del tamburo. La superficie tesa è quindi abbastanza piatta da permettere di fare ricami correttamente. Immancabile in un kit del ricamatore!
  • A meno che ti manchi un talento innato per disegnare e fare ricami allo stesso tempo, è più facile usare un pennarello lavabile. Il tratto di questi pennarelli è cancellabile quindi  è sufficiente disegnare il motivo sul tessuto (magari tela Aida, oppure lino, se devi fare un bavaglino rosa o azzurro per una nascita o di qualunque colore o con dei nastri), fare ricami seguendo le linee, quindi lavare la stoffa alla fine. E se pensi di non essere capace a disegnare, puoi tracciare un motivo in trasparenza posizionando il disegno sulla stoffa contro una finestra. La luce naturale farà il resto!
  • Una macchina per cucire. Può essere superflua, ma se ti dedichi all'embroidery, fra tutti gli articoli, gli accessori e i prodotti prima o poi può essere molto utile. Sarà disponibile in negozio fisico o online e oltre al prezzo della macchina con pochi eur di spedizione potrai averla entro pochi giorni.
Bisogno di un insegnante di Cucito?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Igor

Traduttore e insegnante, mi occupo anche di montaggio video e recitazione. Amo la musica, dal pop italiano alla classica. Curiosità è l'anagramma del mio nome.