Il gioco non si oppone al lavoro, come si è invece soliti credere; il gioco è superiore al lavoro. È un’attività assolutamente libera, che conosce le condizioni della propria esistenza e che non crea illusioni relativamente al proprio valore – Abel Bonnard (1883 - 1968)

Imparare una lingua straniera, per alcuni ragazzi, può anche non essere semplice.

L’inserimento dei giochi durante le lezioni di lingue straniere sembra essere un’eccellente strategia pedagogica e didattica, per portare gli studenti ad assimilare nuove conoscenze linguistiche senza sforzi apparenti.

Prima però bisogna sapere come utilizzare saggiamente questo strumento educativo, facendo aumentare il livello delle conoscenze di ogni bambino che frequenti le lezioni di lingue.

Superprof ti spiega come utilizzare i giochi da tavola durante le ore di lingua e ti parla dei loro benefici.

I migliori insegnanti disponibili
Barbara
5
5 (2 Commenti)
Barbara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Maurizio
5
5 (2 Commenti)
Maurizio
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (23 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Serena
4,9
4,9 (14 Commenti)
Serena
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rina clece
5
5 (3 Commenti)
Rina clece
16€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Cristiana
5
5 (21 Commenti)
Cristiana
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (5 Commenti)
Paolo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Laura
5
5 (5 Commenti)
Laura
18€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Bruno
5
5 (13 Commenti)
Bruno
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (119 Commenti)
Nath
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Arianna
5
5 (5 Commenti)
Arianna
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (14 Commenti)
Giuseppe
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Antonino
5
5 (18 Commenti)
Antonino
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (11 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (6 Commenti)
Andrea
28€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Barbara
5
5 (2 Commenti)
Barbara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Maurizio
5
5 (2 Commenti)
Maurizio
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (23 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Serena
4,9
4,9 (14 Commenti)
Serena
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rina clece
5
5 (3 Commenti)
Rina clece
16€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Cristiana
5
5 (21 Commenti)
Cristiana
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (5 Commenti)
Paolo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Laura
5
5 (5 Commenti)
Laura
18€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Bruno
5
5 (13 Commenti)
Bruno
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (119 Commenti)
Nath
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Arianna
5
5 (5 Commenti)
Arianna
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (14 Commenti)
Giuseppe
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Antonino
5
5 (18 Commenti)
Antonino
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (11 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (6 Commenti)
Andrea
28€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Come insegnare una lingua ai bambini con il gioco?

L’insegnamento delle lingue straniere richiede spesso di fare prova di inventiva, per captare l’attenzione di tutti gli studenti.

I giochi sono un eccellente supporto pedagogico per inculcare delle conoscenze linguistiche rapidamente. Che le tue lezioni siano rivolte a studenti madrelingua italiani o a studenti stranieri che hanno bisogno di imparare rapidamente la nostra lingua, dovrai comunque rispettare alcuni parametri.

Giocando i bambini imparano senza percepire nessuno sforzo.
Portare il gioco a lezione, soprattutto all'asilo e alle elementari, facilita lo studio delle lingue straniere!

Prima di tutto, adatta le tue lezioni all’età e al livello scolastico dei bambini/ragazzi.

Le scuole materne approcciano una prima lingua straniera mediante i giochi tattili, le fiabe e le storie, per abituare i piccoli alla pronuncia e agli accenti (principalmente in lingua inglese). Tu potresti utilizzare dei podcast realizzati da dei madre lingua e adatti ai piccoli e ai piccolissimi.

Alla scuola elementare, invece, i bambini apprezzeranno tantissimo i giochi di carte e i giochi di società, in cui i partecipanti stessi possano interagire gli uni con gli altri. In questo modo, infatti, si punterà molto sull’acquisizione di nuove parole di vocabolario nella lingua oggetto di studio per favorire le interazioni orali. Il trucco consiste nell’insistere sulla ripetizione, per lavorare sulla fonetica e per perfezionare l’espressione orale, ma anche per memorizzare un massimo di vocabolario.

A partire dalle scuole medie, gli strumenti digitali diventano praticamente indispensabili per accendere l’attenzione dei preadolescenti. Tablet, giochi on line, realtà aumentata per un’immersione che sia totale, … numerosi supporti aiutano ad insegnare le lingue straniere, soprattutto ora che i bambini e i ragazzi studiano più di una lingua straniera.

Molti siti e applicazioni possono esserti utili per aggiungere un’identità digitale al tuo programma di lingua. Il processo per integrare un gioco in un corso di lingua deve essere rispettato scrupolosamente, se si vuole preservare l’obiettivo educativo di questa attività.

Ecco, allora, che la ludificazione delle tue ore di lezioni si divide in cinque tappe:

  • Scegliere il gioco a cui far giocare i bambini / ragazzi
  • Iniziare dalla fine: è importante che ogni studente comprenda sin da subito l’obiettivo finale da raggiungere
  • Spiegare molto bene le regole del gioco
  • Iniziare la partita e osservare i giocatori dall’esterno (senza partecipare)
  • Intervenire arbitrariamente, se necessario, per animare la partita.

Al di là dell’aspetto puramente pedagogico, la gamification si fa vettore dell’accrescimento linguistico, permette di imparare la lingua scelta senza uno sforzo reale, offrendo allo stesso tempo un momento ricreativo a dei bambini che hanno un impiego del tempo sovraccarico già dalle prime classi della scuola elementare.

Quali lingue si possono insegnare giocando?

I giochi da tavola si integrano ad ogni tipo di formazione linguistica!

Che le tue lezioni siano dedicate ai bambini, agli adolescenti o siano dei corsi di italiano per stranieri adulti, i sarà sempre un supporto ludico adatto all’apprendimento della tua lingua.

Gli studenti che desiderano imparare l’inglese come prima lingua straniera rappresentano all’incirca il 90% contro un 10% che si divide tutte le altre lingue, come francese, spagnolo, tedesco, una volta arrivato alla scuola secondaria di primo grado.

I video giochi e i giochi in rete si adattano in particolare per i ragazzini un po' più grandi.
L'insegnante di inglese, grazie al gioco a lezione, migliora sensibilmente il livello complessivo della classe!

A giusto titolo, oggi la lingua inglese è considerata la lingua universale, in tutti gli scambi internazionali. È quindi normale trovare ogni tipo di gioco di carte, gioco da tavola e video gioco, in versione inglese.

Puoi, infatti, trovare senza difficoltà e provare:

  • Scarabeo
  • Monopoli
  • Time’s Up
  • Pictionnary
  • … e molto altro ancora.

Questi giochi hanno trovato il proprio posto in gran parte delle case degli italiani e oggi possono essere impiegati per l’insegnamento dell’inglese durante le ore di lezione a scuola e nei centri linguistici.

Esistono, ovviamente, anche le versioni spagnole, portoghesi, danesi, tedesche, russe e molte altre ancora: gli studenti principianti di queste e altre lingue straniere possono familiarizzare con vocabolario e sintassi, se opportunamente seguiti.

Non solo: anche i bambini che stiano imparando l’italiano possono utilizzare questi giochi (nella versione della lingua di Dante), per accelerare l’apprendimento e per renderlo senza sforzo. Tra i grandi classici a disposizione dei piccoli scolari italiani, vi sono le parole crociate, le parole da cancellare, … e tanto altro materiale utile per perfezionare l’ortografia e imparare nuove parole, divertendosi.

Non solo lingue occidentali, ovviamente, ma tutte le lingue del mondo: i piccoli possono imparare giocando, anche il cinese, l’arabo, il giapponese, …

I vantaggi dei giochi da tavola a scuola

Ogni gioco va visto secondo le sue molteplici potenzialità pedagogiche e didattiche per l’apprendimento delle lingue:

  • Motiva l’allievo, facilita la sua concentrazione e stimola la sua memoria
  • Attiva il bambino o il ragazzo, laddove solitamente passivo: collabora e condivide con i suoi compagni ogni momento, moltiplicando le interazioni sociali all’interno della classe e la presa di parola nella lingua oggetto di studio
  • Modifica e democratizza il rapporto all’apprendimento: l’allievo è meno soggetto allo stress, alla paura di sbagliare, perché ogni gioco è basato su delle regole conosciute da tutti, a volte anche sul caso
  • Il gioco incita l’allievo a verbalizzare il proprio pensiero, ad argomentare le proprie scelte e, quindi, a perfezionare il proprio linguaggio
Non solo inglese, ma anche tutte le altre lingue stranire.
Con il gioco a lezione, lo studio dell'inglese è più semplice!
  • Permette allo studente di sviluppare dei metodi di lavoro, di seguire una logica e un ragionamento
  • Permette di stimolare diverse competenze allo stesso tempo: verbali, mentali, logiche, di calcolo, …
  • Dà all’allievo un obiettivo preciso da raggiungere e l’incita ad impegnarsi per questo.

Il gioco a lezione, poi, permette soprattutto agli allievi di perfezionare una lingua divertendosi, dando l’illusione di non fare uno sforzo reale, se non quello di impegnarsi nel gioco in corso.

Integrare un momento ricreativo in una giornata di lezioni permette ad ognuno di non sentirsi appesantito dal carico di studio della lingua.

Questo crea un’atmosfera di lavoro propizia all’integrazione di nuove competenze linguistiche e invita i ragazzi a superare se stessi.

I giochi da tavola si esportano molto facilmente in seno all’ambiente familiare. La lezione di grammatica del giorno può essere ripassata con la partecipazione dei genitori, approfittando di un momento felice in famiglia. Questo modo nuovo di imparare è allo stesso tempo vettore di condivisione di momenti di complicità nel quotidiano.

Una partita a Monopoli, in versione inglese, il sabato sera in famiglia svolgerà due funzioni: migliorerà la pratica linguistica dei partecipanti e fare divertire tutti quanti!

Le lezioni di lingua rappresentano un soggiorno linguistico in immersione, alla scoperta di una nuova cultura e alla memorizzazione di nuovi termini.

Uno dei modi per integrare l’aspetto culturale nell’apprendimento di una lingua è proprio l’utilizzo del gioco. È possibile, ad esempio, insegnare le regole della buona educazione, i saluti, le abitudini alimentari o le credenze religiose di un popolo, proponendo ai bambini un gioco di ruolo.

Vorresti insegnare ai tuoi ragazzi a contare durante le lezioni di portoghese? Un semplice gioco di carte sarà più che sufficiente.

Quali sono i migliori giochi da tavola a lezione di lingua straniera?

Ecco qui alcune idee per delle attività e dei giochi educativi da realizzare con i tuoi allievi, per incoraggiare l’apprendimento delle lingue straniere, senza tuttavia limitarsi al quadro meramente ludico – ricreativo.

Un corso di lingua può accogliere degli insegnamenti creativi: alcuni giochi da usare per studiare le lingue possono essere realizzati dai bambini o dai ragazzi.

La partecipazione attiva è più semplice con il gioco rispetto allo studio tradizionale.studio tradizionale.
Quando si gioca a lezione, tutti vogliono intervenire attivamente!

È il caso, ad esempio, dl Memory, per il quale basterà dare delle forbici e dei fogli agli allievi per far loro ritagliare le carte, con cui giocare. Anche la fase di preparazione delle carte può rappresentare un momento educativo: se ne può approfittare per far memorizzare i termini relativi all’arte plastica (forbici, colori, colla, …). Inoltre, i bambini miglioreranno in motricità, precisione e creatività.

Un altro gioco di riferimento per chi voglia imparare una lingua straniera senza troppi sforzi è Tabù: ogni fase del gioco va eseguita rigorosamente nella lingua oggetto di studio, ovviamente! Ogni giocatore scrive una parola su una carta e cerca di farla indovinare al resto della classe, con perifrasi, spiegazioni o quant’altro. non possono essere impiegati sinonimi e nemmeno parole strettamente legate a quella da indovinare.

Se la parola misteriosa è “casa”, si dovranno evitare “domicilio”, “camera”, “appartamento”, “villa”, “residenza principale”, …

Sforzandosi di usare e di capire parole diverse, i ragazzi impareranno nuovi termini e nuove formule verbali: efficace e divertente.

Chi invece abbia una conoscenza della lingua più avanzata potrà giocare a Scarabeo, ma anche a:

  • Pictionnary,
  • Sky my husband,
  • Assimemor,
  • Chi è chi
  • Monopoli con tutte le sue varianti tematiche.

Insomma, il gioco in quanto supporto educativo dovrebbe trovare quanto prima il proprio posto all’interno del sistema educativo nazionale, oggi e domani.

In una società sempre più digitalizzata, con un legame sociale rarefatto, ritrovarsi attorno ad un gioco di carte o ad un gioco da tavola diventa un momento di condivisione autentica.

Non solo gli allievi, ma anche gli insegnanti apprezzano e apprezzeranno il gioco durante le lezioni di lingua straniera: le ore di complicità tra allievi e maestri, le risate e il divertimento gioveranno senz’altro all’avanzamento della classe intera nell’apprendimento della lingua.

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 2 vote(s)
Loading...

Charlotte

Lettrice plurilingue, appassionata di entomologia e robotica.