Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

10 grandi artisti francesi, riferimenti linguistici e culturali!

Di Igor, pubblicato il 30/08/2017 Blog > Lingue straniere > Francese > La Top Ten delle Personalità Storiche, Ambasciatrici della Lingua Francese!

La cultura francese è ricca e varia, da cui la sua diffusione in giro per il mondo.

Ogni dominio artistico (dal cinema alla letteratura, passando per la canzone), conta almeno una personalità di spicco!

Al talento innato, ognuna di queste figure unisce un ottimo uso del francese dando luogo ad opere e prestazioni significative che danno voglia di imparare e parlare la bella lingua di Molière!

Ecco le dieci personalità francesi che hanno agevolato l’esportazione del francese!

Molière

È la personalità che ha lasciato il segno maggiore nella cultura francese.

Non per nulla!

I francesi parlano di langue de Molière”.

Drammaturgo, attore, egli fu riferimento teatrale per antonomasia del XVII secolo!

Nella troupe ufficiale di Luigi XIV, si produceva in scena davanti alle maggiori borghesie europee.

Fu forse il primo ad usare il francese oggi noto: fu figura di spicco del rimaneggiamento della linguistica francese!

Il suo approccio al lessico e al vocabolario francesi era punto di forza delle pièces.

Era il commediografo di corte all'epoca del Re Sole e le sue commedie venivano interpretate prima di tutto a Versailles. Anche chi non abbia letto le sue commedie, ne conosce alcune: come non ricordare l’interpretazione del nostro Sordi nell’Avaro di Molière?

Molière giocava col francese: parole, figure stilistiche. I discorsi dei personaggi erano magniloquenti e umoristici.

 Monologo di Arpagone nell’Avaro:

« Mon pauvre argent, mon pauvre argent, mon cher ami, on m’a privé de toi! Et puisque tu m’es enlevé, j’ai perdu mon support, ma consolation, ma joie ; tout est fini pour moi, et je n’ai plus que faire en ce monde ! Sans toi, il m’est impossible de vivre. C’en est fait, je n’en puis plus, je meurs, je suis mort, je suis enterrè ! »

Con la sua padronanza terminologica in francese, Molière contribuì a promuovere il francese al di là delle frontiere!

Dopo il grande drammaturgo francese, la lingua francese ha conosciuto numerose riforme ortografiche.

Victor Hugo

Celebre nel mondo, Victor Hugo è una delle principali figure letterarie.

Romanziere, drammaturgo, pittore, politico … Victor Hugo svolse più ruoli e divenne celebre per la notevole letteratura!

È ancora lo scrittore preferito dai francesi!

Opere più note:

  • Les Misèrables
  • Ruy Blas
  • Lucrèce Borgia
  • Notre-Dame de Paris
  • Le Roi S’amuse
  • Les Contemplations
  • Le Dernier Jour d’un Condamnè

Hugo amava viaggiare, serviva ai suoi romanzi: non limitandosi alla Francia, Hugo ha raggiunto ogni pubblico.

Victor Hugo era anche attore impegnato politicamente, avverso alla pena di morte!

I romanzi di Hugo rappresentano passione e malinconia francesi.

Non solo I miserabili, di cui diversi adattamenti sono stati fatti anche dalla Rai, ma anche Notre Dame de Paris: dal film al musical di Cocciante. Il grande romanziere dell’Ottocento Victor Hugo ha lasciato in eredità grandi opere anche al di fuori della Francia!

Produttori televisivi e cinematografici hanno riadattato varie opere!

Le commedie musicali Les Misèrables e Notre-Dame de Paris sono state successi mondiali (in lingua originale), pubblicizzando il francese.

Volto della contestazione francese nel Romanticismo, Hugo evidenzia l’influsso della lingua francese nel mondo!

Egli contribuisce poi alla reputazione del francese: lingua d’amore, passione e sentimenti.

Jean-Paul Sartre

Scrittore e filosofo, Sartre ha segnato la corrente esistenzialista della metà del XX secolo.

Per esprimere i suoi pensieri umanisti e proporre una riflessione filosofica sul senso della vita, Sartre è passato dalla filosofia al romanzo e viceversa: l’esistenzialismo è la corrente filosofica cui lui ha dato un impulso fondamentale!

Molti conoscono, nel mondo, la celebre frase di Huit-Clos « L’enfer, c’est les autres », ma anche la prospettiva non manichea dell’autore:

« Est-ce que c’est possible qu’on soit lâche quand on a choisi les chemins les plus dangereux? Peut-on juger une vie sur un seul acte ? ».

Sartre entra nel novero degli autori francesi ribelli!

Rifiutando il premio Nobel della letteratura nel 1964, Sartre ha fatto parlare di sé il mondo intero!

Quest’atto inedito ha attirato l’attenzione del mondo sul francese, evidenziando il carattere insubordinato della cultura francese.

Il francese è diventato definitivamente una lingua di cultura, grazie a determinate personalità.

Charles Baudelaire

Simbolo ultimo della poesia francese, Charles Baudelaire visse il “mal-du-siècle” attraverso la propria scrittura.

Baudelaire è il secondo poeta preferito dai francesi.

Abile coi simboli, i verbi, gli avverbi e gli aggettivi particolarmente espressivi, lo scrittore regalò al mondo una lirica unica.

E il poeta francese non si faceva scrupoli a parlarne e a criticarle nelle sue opere e dal vivo. Baudelaire detestava le innovazioni haussmanniane di Parigi!

Ecco una lista con alcuni dei suoi poemi più noti nel mondo:

  • L’Albatros
  • L’Homme et la Mer
  • Spleen IV
  • L’Invitation au Voyage
  • Correspondances
  • Le Chat
  • Le Parfum

Baudelaire, in Francia, è sfruttato alle elementari e alle medie. Il suo uso forte delle figure stilistiche facilita l’apprendimento della lingua! Egli è presente nei programmi di francese universitari anche in Italia.

Per imparare l’ortografia francese, dominare la grammatica d’Oltralpe e arricchire la propria cultura, un simile maestro della poesia non può essere ignorato in un buon corso di francese.

I suoi poemi sono noti ovunque nel mondo ed hanno permesso al francese di risplendere fra le lingue del mondo.

Èdith Piaf

Non, rien de rien, non, je ne regrette rien …

Chi non ha mai sentito questa canzone?!

Anche noi italiani la canticchiamo, data la diffusione che ne è stata agevolata da una celebre pubblicità di automobili!

La cantante viene preferita dai francesi alle stesse Barbara e Cèline Dion! 

Quella di Edith Piaf, dopo il trionfo a New York, fu una carriera internazionale.

Il film “La Môme” che ripercorre la sua vita è stato un grande successo cinematografico per la Francia all’estero!

Un buon insegnante di francese passerà sempre almeno tramite una canzone di E. Piaf, ispirazione per una trasmissione pedagogica di sicuro successo.

Ogni insegnante di francese sarà facilitato da simili iniziative nell’insegnamento di nozioni di fonetica e pronuncia! Dimostrerà che il francese è una lingua viva!

Scopri anche l’eredità più antica, l’impatto del latino e del greco sulla lingua francese!

Jacques Brel

Per conoscere bene la Francia non si può ignorarne il contesto culturale e le interconnessioni culturali!

Pensiamo al fatto che il Belgio e la Francia sono due Paesi molti legati culturalmente: Jacques Brel lo dimostra!

Cantante belga, madrelingua francese, l’artista è andato in scena in tutto il mondo, pubblicizzando la bella lingua francese.

Ne me quitte pas ha fatto il giro del mondo e ha aiutato il francese a diventare una lingua ancora più nota. Ancora oggi, il timbro particolare di Jacques Brel risuona nello spirito dei francesi … e forse anche di qualche italiano!

Quasi noto come Edith Piaf, Jacques Brel è il secondo cantante uomo preferito dei Francesi. Viene subito dopo Jean-Jacques Goldman (fonte BVA, 2015).

Le sue più celebri canzoni sono:

  • Amsterdam
  • Quand on n’a que l’Amour
  • Le Plat Pays
  • Ne Me Quitte Pas
  • La Valse à Mille Temps
  • Les Vieux
  • Au Suivant

Anch’egli cantautore, ha sempre adoperato una scrittura efficace, accessibile a tutti i non francofoni.

A livello europeo, Brel assurge a simbolo della canzone in lingua francese sull’amore e la passione, temi associati all’immagine della Francia.

Per insegnare a parlare francese, un buon insegnante privato prenderà esempio da simili cantautori di spessore!

Pur essendo belga, il cantautore Brel è parte della storia della lingua francese, con le sue canzoni senza tempo.

Charles Aznavour

La carriera di Charles Aznavour è notevole: con oltre 1200 titoli all’attivo, il cantante francese di origine armena è divenuto icona mondiale della canzone francese.

Aznavour parla spesso della splendida capitale Parigi!

Il suo primo successo Je m’voyais dèjà descrive il sogno parigino: un uomo spera di diventare famoso nella Ville Lumière.

Charles Aznavour cerca anche di contestualizzare le sue canzoni parlando dell’architettura francese, citando i nomi delle strade ed evocando particolarità culturali della Francia.

Per il cantante poi è d’obbligo rifarsi ai cosiddetti valori della repubblica francese!

Aznavour evoca uguaglianza tra gli uomini (testo di Comme ils disent) affinché chi ascolta si riconosca nei testi.

Per chi impara il francese, Aznavour illustra valori e diversità del paese simboleggiato da “le coq”!

François Truffaut

Figura di spicco della Nouvelle Vague, Truffaut era cineasta specializzato nell’analisi dell’uomo, della donna e dell’infanzia.

Ed anche Truffaut si occupava di mille cose!

Oltre a fare il regista, recitava e scriveva.

Le relazioni sociali tra i francesi interessavano particolarmente Truffaut, che creava poi storie tragiche e pessimiste.

Con un’estetica simile a quella del film noir americano, Truffaut presentava film tetri ma pieni di passione, amatissimi in USA!

I suoi film non sono forse molto semplici, ma tutti i volti noti della Francia hanno lavorato con lui: Belmondo, Deneuve, Depardieu, ... L’immagine glamour del cinema francese piace molto, in Europa e anche Oltreoceano!

I film principali di Truffaut sono:

  • Le Dernier Mètro
  • La Femme d’à Côtè
  • La Nuit Amèricaine
  • L’Enfant Sauvage
  • Jules et Jim
  • L’Homme qui Aimait les Femmes
  • Domicile Conjugal

Spesso studiato nelle università italiane, Truffaut è una fonte inesauribile di nozioni: dal cinema alla pedagogia. La sua arte non ha età!

Vuoi apparire esperto di cultura francese? interessati ai film di Truffaut, comunicherai meglio in francese e coi francesi!

Èmile Zola

Comunque tu decida di studiare francese (università, scuola, lezioni private nella tua città, cercando ad esempio dei corsi francese milano) i tuoi insegnanti ti presenteranno Zola!

A capo della corrente naturalista, Zola è il riferimento letterario immancabile in un buon piano didattico per insegnare francese.

Romanziere, Zola è stato uno scrittore molto impegnato! Nel 1898 ha pubblicato l’arcinoto “J’accuse” nel giornale L’Aurore , dando luogo ad una scossa politica!

L’autore vi attaccava direttamente la giustizia francese senza alcun timore.

Impegnato politicamente e scrittore senza eguali sul piano letterario: Zola propose nuovi approcci alla scrittura.

Recandosi “sul terreno”, Zola osservava i modi di vivere delle classi sociali.

Con l’approccio naturalista, i suoi libri erano fedelissimi alla realtà fisica e sociale.

Questa penna francese eccezionale era risaputamente audace e tagliente: Zola si scontrò con la censura!

Malgrado ciò, egli rimane uno degli scrittori prediletti dai francesi: il suo Germinal è quarto tra i romanzi preferiti in Francia.

Il più noto è il J'accuse di Emile Zola, che tanto scalpore suscitò all'epoca. Ma il romanzo sociale e d'opinione ha continuato a dare i suoi frutti anche nel xx secolo: Sartre, Camus, ... Con solo una penna come “arma”, gli scrittori francesi potevano provocare sconvolgimenti!

Chi studia francese potrà cogliere le sfide sociali dell’epoca nei romanzi di realtà e finzione!

Voltaire

Voltaire, alla nascita François-Marie Arouet, non fu solo un romanziere, ma risaputamente un noto filosofo.

E definì “contes philosophiques” molte sue opere!

La sua opera è universalmente nota. Un assaggio:

  • Candide ou l’Optimisme
  • Zadig ou la Destinèe
  • Lettres philosophiques
  • L’Ingènu
  • Dictionnaire Philosophique
  • Micromègas
  • Le Songe de Platon
  • Œdipe

L’eclettismo l’ha reso uno scrittore di successo: capace di redigere romanzi con brio, nonché pièces di teatro, poesia ed opere storiche. Storiografo ufficiale del re, Voltaire fu un vero prodigio nell’uso del francese.

Uno dei certificati linguistici che attestano la conoscenza della lingua francese porta proprio il suo nome (esiste anche il projet Voltaire, dedicato all’ortografia)!

Voltaire fu sepolto al Panthèon de Paris, di cui resta attualmente l’ospite più prestigioso!

Letteratura, cinema, musica … la cultura francese è fonte d’ispirazione per dei buoni corsi di francese!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar